Lascia un messaggio

 
 
 
 
 
 
 
I campi con * sono obbligatori.
Il tuo messaggio sarà online dopo l'approvazione della Redazione di Camminando.
Ci riserviamo il diritto di cancellare o non pubblicare il tuo messaggio.
CARO ELBANO, NON SONO ZINGONI NA PROVO A RISPONDERTI UGUALMENTE CARO ELBANO, NON SONO ZINGONI NA PROVO A RISPONDERTI UGUALMENTE da CARO ELBANO, NON SONO ZINGONI NA PROVO A RISPONDERTI UGUALMENTE pubblicato il 4 Novembre 2008 alle 13:12:
Caro Elbano, anch·io come te, sono d’accordo con Zingoni, e con la totalità dei cittadini elbani. Però non punterei tanto l’indice contro i consorzi in sé e per sé, quanto contro i lavori che hanno fatto e soprattutto contro l’assurda e illegittima pretesa di finanziarli con altre tasse. Una pretesa che contrasta con i principi costituzionali che escludono che un ente non elettivo possa applicare dei tributi, ma anche con il Codice Civile che restringe il pagamento dei contributi di miglioria ai soli fondi limitrofi che ne traggono un vantaggio reale e quantificabile.

Tu chiedi :”se non ci sarà più la Comunità montana, chi svolgerà il lavoro e con quali soldi”? E’ ovvio la Provincia, con i soldi dell’Iva e l’Irpef che già paghiamo profumatamente! Scusa, perché nessuno si domanda con quali soldi si costruiscono strade, ospedali, ferrovie e tribunali? Perché sono lavori di pubblica utilità e tutti sanno che in quanto tali, riguardano la fiscalità generale. Non si capisce, quindi, per quale motivo per il rischio idrogeologico non debba valere lo stesso principio!
... Toggle this metabox.
x fabrizio camminando x fabrizio camminando da x fabrizio camminando pubblicato il 4 Novembre 2008 alle 12:42:
caro fabrizo ti faccio le mie più sincere SCUSE e ti faccio i complimenti per il lavoro che fai per tutti noi.non sapevo come funzionava questo sito. scusami di cuore..

Non c· è bisogno di scusarsi, sali pure in barca con noi..... c·è sempre posto per chi ha voglia di vogare in questo mare 😎
... Toggle this metabox.
Yuri Yuri da Yuri pubblicato il 4 Novembre 2008 alle 11:58:
Finalmente ho trovato il tempo per dare una sistematina all·Altroparco... niente di che: un po· d·archivio... ho aperto un topic sull·acqua, e mi auguro che il Dott. Meneghin voglia iscriversi e postare le sue, sicuramente interessanti, proposte. Sui giornali passano, sull·Altroparco restano.... 🙂

naturalmente, un breve commento sulla pulizia dei fondali a Giannutri, notizia fresca fresca....

.... e come premio per i visitatori, un paio di vignettine inedite leggere leggere... 😀 😀 😀

[url]http://laltroparco.forumattivo.com/le-altre-sorelle-gorgona-capraia-giglio-e-giannutri-f8/giannutri-pulizia-dei-fondali-t153.htm#312[/url]

buona giornata a tutti...... diluvio permettendo.... :p :p
... Toggle this metabox.
federico federico da federico pubblicato il 4 Novembre 2008 alle 11:36:
PERCHE i messaggi ci mettono cosi tano andare in pagina? è FABRIZIO

Caro impaziente Federico

Ci mettono il tempo che ci vuole secondo le mie disponibilità o più semplicemente perchè non sono a tua disposizione, e visto la gratuità che offro, mi sembra molto fuori luogo un appunto di questo genere, ma ....il mare del web è immenso ti consiglio altri approdi più veloci e più condiscendenti ad accogliere la barca delle tue esternazioni.
Grazie di essere stato con noi.
. 😎
... Toggle this metabox.
GIULIO GIULIO da GIULIO pubblicato il 4 Novembre 2008 alle 11:31:
SEMPRE SUL BORO

D.P.R. 24 maggio 1988, n. 236
Attuazione della direttiva CEE numero 80/778 concernente la qualità delle acque destinate al consumo umano, ai sensi dell·art. 15 della L. 16 aprile 1987, n. 183

art. 21. Sanzioni.

[1. Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque in violazione delle disposizioni del presente decreto fornisce al consumo umano acque che non presentano i requisiti di qualità previsti dall·allegato I è punito con l·ammenda da lire duecentocinquantamila a lire duemilioni o con l·arresto fino a tre anni

2. La stessa pena si applica a chi utilizza acque che non presentano i requisiti di qualità previsti dall·allegato I in imprese alimentari, mediante incorporazione o contatto per la fabbricazione, il trattamento, la conservazione, l·immissione sul mercato di prodotti e sostanze destinate al consumo umano, se le acque hanno conseguenze per la salubrità del prodotto alimentare finale.

3. L·inosservanza delle disposizioni dei piani di intervento di cui all·articolo 18 è punita con la sanzione amministrativa pecuniaria da lire un milione a lire dieci milioni

4. I contravventori alle disposizioni di cui all·articolo 15 sono puniti con la sanzione amministrativa pecuniaria da lire un milione a lire sei milioni
**********
Ma ·sto decreto è sempre valido??
Se sì, visto che, fra i tanti articoli, hanno scritto anche l·art. 21, sarebbe bene che venisse applicato...
🙂
... Toggle this metabox.
sen·acqua sen·acqua da sen·acqua pubblicato il 4 Novembre 2008 alle 11:22:
L·acqua all·elba che poveracci che siamo, ne buttiamo tanta in mare!!!!!!!! e bona !! basterebbe fare dei bacini o dighe di contenimento cè ne sarebbe da vende no da compra dalla val di cornia
... Toggle this metabox.
ELBANO ELBANO da ELBANO pubblicato il 4 Novembre 2008 alle 10:56:
Una domanda per il sig. Zingoni.
Premesso che io sono d·accordo con lui per la petizione contro il consorzio di bonifica, mi domandavo: Ma i fossi, chi li pulirà dopo che il suddetto consorzio cesserà di esistere, perchè se vi è una certezza, questa è che comunque i fossi vanno puliti.
non è che dobbiamo affidarci al destino
E chi li pulira·, chiunque esso sia, privato o ente pubblico, vorrà essere pagato.
vorrei avere delle risposte, perche solo a dire di no è troppo facile.
p.s. se questa domanda era già stata fatta, mi scuso ma io me la sono persa.
distinti saluti.
elbano. 🙁
... Toggle this metabox.
Guzzanti e i meriti Guzzanti e i meriti da Guzzanti e i meriti pubblicato il 4 Novembre 2008 alle 10:45:
il senatore Guzzanti di forza italia si scaglia contro berlusconi chiedendo lumi per quali meriti la Carfagna occupi quel posto,insinuando anche meriti personali verso berlusconi!!!!!e meno male che se lo dicono fra di loro!!io invece da ingnorante vorrei sapere i meriti della Gelmini alla pubblica istruzione,una che da Brescia(Profondo NORD) va a prendersi la laurea a REGGIO CALABRIA (profondo SUD)!!!! proprio nel momento che c·era lo scandalo delle lauree semplici che venivano prese nelle università del sud...
magari a pensare male si fa peccato,ma si sfiora la verità( diceva mio nonno)
... Toggle this metabox.
elba 2000 elba 2000 da elba 2000 pubblicato il 4 Novembre 2008 alle 10:09:
 ACQUA TRA BORO E BARI
 

Volevamo rispondere  all’incredibile  comunicato  dell’ASA, ma avremmo dovuto ripetere  cose  che abbiamo  già scritto. Per coloro che non le avessero lette,  ecco le accuse  che noi  facciano   a chi gestisce i servizi idrici   in una sintesi  pubblicata da  La Nazione  di lunedì  26 gennaio 2004, accuse che abbiano ripetuto, più volte,  negli anni successivi.
 
DEROGA PER L·ACQUA AL BORO PROTESTA DEL COMITATO AUTONOMISTA
 
"Gli amministratori regionali non tengono conto  dei diritti degli elbani   e per di più ignorano norme importanti  che  mettono in pericolo la loro salute. Elba 2000 denuncia  che la Regione Toscana ·non sta rispettando  una norma fondamentale" del decreto legislativo 31/2001 in materia  di acque  in vigore dal dicembre  20003·. La Regione - afferma  il movimento  autonomista - non ha
avvertito la popolazione, come espressamente  impone la legge (pena la nullità della deroga) del fatto che l·acqua che arriva nelle case  non è potabile  e che essa viene inviata solo in virtù  di una deroga ministeriale. L·accusa è chiarissima: Asa ci manda l·acqua  senza avere  avvertito la popolazione, non solo, sostiene pure che l’acqua   è potabile,  assumendosi la gravissima responsabilità  di  mettere  in  pericolo  la salute  dei cittadini”.
  Ecco  cosa impone la legge: Art. 13  del DL 2 feb2001,n.31
 "La regione  che si avvale  delle deroghe di cui al presente articolo  provvede affinché  la popolazione  interessata sia  tempestivamente informata  delle deroghe applicate e delle condizioni che le disciplinano. Ove occorra, la regione  provvede   a fornire  raccomandazioni a gruppi specifici di
popolazioni per i  quali la deroga  possa costituire un rischio particolare. Le  informazioni  e le raccomandazioni  fornite  alla popolazioni fanno parte integrante  del provvedimento di deroga."
Ma c·è di più:  il provvedimento di   deroga  impone anche  alla regione  di redigere un piano concreto per fare  rientrare  l·acqua nella norma. La regione  ignora anche questo. Noi ci siamo battuti  perché  si realizzasse, anche parzialmente,  il progetto  Marcello Meneghin  che avrebbe fornito  acqua  in abbondanza di ottima qualità, ma  il Piano d·Ambito    prevede per l·Elba il mantenimento del cordone ombelicale con la Val di Cornia, dove il problema del boro non potrà essere eliminato  perché di natura geologica. L’acqua   continuerà ad arrivare   dalla condotta   sottomarina  che potrebbe, secondo  una perizia della Comunità Montana, cedere  in qualsiasi momento.
Questo problema, però, non sembra interessare granché la classe politica locale, da sempre in tutt·altre faccende affaccendata. Nonostante all·Elba ci sia uno dei più alti tassi di partecipazione di medici all·attività amministrativa (in certi periodi, ben tre sindaci su otto erano medici) l·attenzione degli amministratori per la salute pubblica non pare certo essere mai stata tra le più elevate (vedi anche la vicenda dei blocchi Esaom).

Elba 2000
... Toggle this metabox.
AIGLONVIAGGI AIGLONVIAGGI da AIGLONVIAGGI pubblicato il 4 Novembre 2008 alle 09:19:
... Toggle this metabox.
m.m. m.m. da m.m. pubblicato il 4 Novembre 2008 alle 09:17:
x facciamodel male
Sei grande.
Sono daccordissimo con te, quello era il cotone che anch·io conoscevo.......bei tempi e pure bella santa chiara. Adesso però perfino l·illustre studioso Zecchini se ne accorge, ma la cosa che mi lascia perplesso è che il grande studioso non sappia come fare a venire a conoscenza del mandante di tale cementificazione..... aiutiamolo.................SD, lista civica, amministrazione..............svegliatevi............e il PD che fa dorme?
m.m.
... Toggle this metabox.
lanera luigi AN -PDL lanera luigi AN -PDL da lanera luigi AN -PDL pubblicato il 4 Novembre 2008 alle 08:30:
Dopo due anni di segnalazioni , da parte dei cittadini residenti in localita· la biodola, e dalla televisione locale che ne ha documentato lo stato nella sua rubrica "Vivere l·ambiente" il comune di portoferraio decide di posizionare delle transenne di segnalazione di pericolo in prossimita· di una curva del tratto stradale che conduce al mare poiche· rischia di franare .
Perche· si decide solo ora di far qualche cosa ? Se un autobus o una autovettura, a causa della stretta strada della Biodola fosse scivolata giu· nella scarpata a chi avremmo dovuto ringraziare? Come al solito questa amministrazione "vola alto " tanto alto che non si accorge delle cose urgenti di cui il paese necessita.
... Toggle this metabox.
MICHELANGELO ZECCHINI MICHELANGELO ZECCHINI da MICHELANGELO ZECCHINI pubblicato il 4 Novembre 2008 alle 08:12:
I LUMINI DI S.CHIARA ATTOII°

MARCIANA MARINA : IL COTONE DI CEMENTO E DI CERA

Erano anni che desideravo documentare quanto è stato deturpato quello che da molti - a buon diritto - viene definito un angolo di paradiso, cioè il borgo del Cotone a Marciana Marina. Ci sono riuscito nello scorso mese di ottobre, quando ho fatto una scappata all’Elba durante una breve pausa del mio lavoro sottoterra. Per inciso, faccio i debiti scongiuri per prevenire chi non sarebbe dispiaciuto ( le anime pie non mancano mai ) se nel mondo ctonio rimanessi molto più a lungo.
Ho scattato centinaia di fotografie, ho eseguito rilievi, ho raccolto ogni informazione utile per elaborare uno studio da pubblicare su una rivista scientifica. L’assunto, neanche troppo ostico, era quello di dimostrare quanto sia facile, per insensibilità o per i motivi più disparati, arrecare gravi danni a un tessuto paesaggistico di grande valenza.
Anche se non era mia intenzione diffondere i dati a livello locale, devo tuttavia riconoscere che Fabrizio Prianti mi ha preceduto, con le telecamere di ‘Vivere l·ambiente’ , mediante un ‘pezzo’ di notevole professionalità, sia per quanto attiene alle immagini sia per il commento, che è limpido, penetrante e incisivo.
L’intervento di Prianti è un pungolo a non tacere, anzi a levare alto un grido di protesta contro coloro - committenti e artefici - che hanno accumulato degrado in quel golfetto da eden. Uno dei principali elementi costitutivi dell’irripetibile scenario del Cotone è lo sperone granodioritico rosato, che l’azione erosiva millenaria di mare e vento ha di volta in volta modellato a mo’ di creste e di funghi vacuolati. Altre tipiche foggiature di madre natura sono verso sud – o piuttosto erano - gli affioramenti di scoglietti neri, in continuità cromatica con lo scalo/spiaggetta color marrone. La mano dell’uomo, a partire dalla seconda metà del XVI secolo, ha impreziosito quegli elementi naturali con edifici dalla struttura armonica, per niente in antitesi con l’ambiente circostante. Si tratta, insomma, di un autentico tesoro che tutti – amministratori in primis – dovrebbero rispettare, ammirare, proteggere.
Prianti ha dimostrato che così non è stato. L’intera formazione granodioritica è lordata da decine e decine di multiformi chiazze nere, composte di cera e di sporco stratificato, che ne rompono gradazione cromatica e fascino. Migliaia dei caratteristici vacuoli sono otturati da colate di cera, tanto coprente che alcuni pinnacoli a nido d’ape, una volta spettacolari, oggi si presentano come una massa amorfa, untuosa e liscia. E non è da trascurare il danno, irreversibile, causato dai falò ripetutamente accesi sia sulla ‘punta’ sia in prossimità della ‘pianata’ : per effetto termoclastico, infatti, gli storici ‘rochers de la Santé’ in alcune zone sono letteralmente ‘scoppiati’ e, con il distacco di scheggioni di varie dimensioni, si è modificato il profilo d’insieme.
E che dire del piccolo scalo, parzialmente scavato nella roccia dai nostri avi, in cui venivano tirati in secca gozzetti e ‘sciapichelli’ lignei ? Esso è stato completamente ‘modernizzato’, con efficienza degna di miglior causa: pavimento e pareti naturali sono stati sostituiti con una sconcertante, quanto inutile, platea di cemento industriale, che ingloba anche parte degli scogli neri e che, soprattutto sui margini meridionale e occidentale, è sottolineata da ripiani a forma di sarcofagi cementizi, forse costruiti inconsciamente per intonare il “De profundis” alla bellezza del sito.
La storia dei lumini di cera, per così dire ‘a perdere’, ha attraversato - com’ è noto - parecchi mandati amministrativi fino al provvidenziale stop imposto nel 2008, sua sponte, dal sindaco Ciumei. Non si sa, al contrario, a chi debba essere attribuita la cementificazione dello scalo del Cotone. Per curiosità, probabilmente non solo mia, sarebbe possibile venirne a conoscenza ? Lo chiedo - sperando che mi rispondano - all’Amministrazione attuale, a Legambiente, alla Lista Civica e a Sinistra Democratica, attente da sempre al destino dei beni culturali e paesaggistici del territorio.

Michelangelo Zecchini
... Toggle this metabox.
umberto umberto da umberto pubblicato il 4 Novembre 2008 alle 04:26:
Tantissimi auguri a Barbara e Gabriele per l·arrivo di Michelangelo,ma tanti auguri anche ai nonni materni e paterni da me e da Luciano dal luogo del suo concepimento.Ciao Bella Italian Restaurant e Baia Baia resort in Phi phi island Thailandia.azzurro
... Toggle this metabox.
A Scuola 33466 A Scuola 33466 da A Scuola 33466 pubblicato il 4 Novembre 2008 alle 00:05:
Molto bene!
Era ora.
Non è sopportabile che quattro fannulloni, fuori di testa, impediscano alla maggioranza dei ragazzi di frequentare regolarmente le lezioni!
Non vadano a scuola,vadano a manifestare fuori, per le strade, nelle piazze. Innalzino manifesti, vessilli e bandiere, quello che vogliono, esprimano pure liberamente e democraticamente il loro dissenso, ma non impongano agli altri le loro idee e le loro scelte!
"Questa è la nostra lotta!" E· la risposta di uno di questi ad un genitore, che voleva suo figlia frequentasse la scuola!
Mi auguro che il Preside domattina, al primo accenno di tentativo di occupazione, chiami le Forze dell· ordine e sporga denuncia: se non lo fa,per difendere il diritto allo studio dei nostri figli, denunceremo lui per omissione di atti di ufficio!
... Toggle this metabox.
riccardo riccardo da riccardo pubblicato il 3 Novembre 2008 alle 23:51:
dice ASA:
"Del resto, l’Isola, è interessata come la Val di Cornia dalla deroga sul boro, che fissa il limite a 3 mg/lt: è, quindi, inesatto affermare che è stato superato di tre volte il limite di potabilità. E vale anche la pena segnalare che il limite del boro nelle acque minerali che comperiamo al supermercato, ad un costo decisamente superiore, è pari addirittura a 5 mg/lt"........
ci pigliano anche in giro!
ma in un supermercato SONO IO che scelgo cosa comprare!
E poi mi/vi chiedo: ma è possibile che si possa VENDERE UN ACQUA CHE NON E· POTABILE??
E ancora:analisi del 23 settembre comunicazione pubblica del 31 ottobre? HAI VOGLIA A MORI·!!
... Toggle this metabox.
Sportivo Sportivo da Sportivo pubblicato il 3 Novembre 2008 alle 23:44:
Ho letto meravigliato quello che ha scritto il Sig. Pugi, prima attaccando la Cosimo dè Medici e successivamente si scusa con il Presidente della Cosimo e sbarca la colpa al Comune. Vorrei ricordare al vaporino Pugi che la sua Società a differenza di tante altre nel territorio è nata circa da pochi anni, e non può far altro che ringraziare il suo Presidente se può avere quello che ha (ripeto) a differenza di società che hanno il quadruplo dei suoi iscritti e non sono considerate tali
... Toggle this metabox.
FIOCCO AZZURRO FIOCCO AZZURRO da FIOCCO AZZURRO pubblicato il 3 Novembre 2008 alle 19:25:
E· nato Michelangelo...auguri a Barbara e Gabriele Messina. 🙂
... Toggle this metabox.
facciamodel male facciamodel male da facciamodel male pubblicato il 3 Novembre 2008 alle 18:51:
Lasciamo in pace i Santi e scherziamo pure con i fanti.
Grazie Fabrizio per il bel servizio.
mi sembra, pero·, che il dito indichi la luna, e noi tutti, scioccamente guardiamo il dito.
Gli scogli del Cotone:
Il Crino Alto e il Crino Basso, La Pianata e La Buca, La Pozza e la Punta.
Lo Scalo e casa di Fagiolo, il razzaglio e li sciapichelli, Irio e i fochi di SanGiovanni. Antonio che salava l·acciughe e tritava il sale con la bottiglia. Ennio che "costruiva" totanaie meravigliose, fondendo il piombo nel tegamino.
La 10remi, rossa , con la striscia bianca e il numero 4!!!!!
e poi e poi.... questo era il Cotone.
Gli scogli so duri parecchio, come i Cotonesi.
Forse preferirebbero, gli scogli e i cotonesi , piu· sudicio da lumini, che il troiaio attuale.
... Toggle this metabox.
sbigottito sbigottito da sbigottito pubblicato il 3 Novembre 2008 alle 18:45:
questione docce: o che sarà mai ogni tanto fa bene fassi docce fredde, serve per stemperare animi e aiuta a riflettere (un si dice sempre pensare a mente fredda!!!!!)
Questione elisoccorso: è anni che se ne parla, li un va bene perchè l·elicottero un pole atterrà, di la va mele perchè c·è sempre vento a nord un si pole perchè a freddo a sud nemmeno perchè fa caldo.
Le passate amministrazioni hanno più volte affronato il problema ma unl·hanno mai risolto.
ORA qualcuno ha trovato la soluzione , facciamo l·elisoccorso nel posto più normale e logico: sopra l·ospedale! e dove si doveva fà sul Monte Perone? Li si che si deturpava l·ambiete mica dove lo vogliano fare ora!Così per sapere ma nella stragrande maggioranza delle città dell·universo, l·elisoccorso dove lo fanno?
... Toggle this metabox.

Camminando.org Camminando Camminando online il Blog dell'Isola d'Elba a cura di Fabrizio Prianti - Realizzato da StudioCAD