Lascia un messaggio

 
 
 
 
 
 
 
I campi con * sono obbligatori.
Il tuo messaggio sarà online dopo l'approvazione della Redazione di Camminando.
Ci riserviamo il diritto di cancellare o non pubblicare il tuo messaggio.
isolaoinnamorato isolaoinnamorato da li pubblicato il 23 Febbraio 2021 alle 14:20:
Nello strano silenziamento del dibattito sul futuro:

Il nuovo presidente de Consiglio, nel presentarsi al parlamento ha sottolineato l’importanza dell’industria turistica per il futuro dell’Italia.
Anzi ha sottolineato la necessità di sostenere la rinascita, il rafforzamento delle aziende del settore.
Si deve pensare a queste cose avendo ben chiaro che Draghi pensa, come per altri settori a rimettere in carreggiata e farne protagonisti vincenti sul mercato, imprese e imprenditori veri che vogliono fare, investire, non già a foraggiare imprese decadenti.
Al di là della propensione imprenditoriale ad investire, che non solo all’Elba non sembra poi un patrimonio culturale diffuso, l’affermazione di Draghi interroga in prima istanza, almeno in Toscana, Regione e Comuni.
Cioè, cosa intendono fare questi per consentire adeguamento e rinnovamento delle strutture turistico-ricettive?
Intendono confermare le assurde, rozze, generaliste e ignoranti (nel senso che sono scritte da chi non sa niente di turismo) del PIT e di altri strumenti di pianificazione?
Intendono mantenere le tradizionali lente procedure di validazione dei progetti?
E poiché siamo in una isola dove c’è anche il Parco, questo intende mantenere la vaghezza e la insensatezza delle perimetrazioni e delle norme per le zone D?
Oppure questi soggetti i vogliono raccogliere la sfida, ragionare finalmente sui progetto concreti?
In altre parole, non si deve fare una normativa generalista che consente qualche ampliamento ovvero in ultima analisi non si deve regalare un po’ di rendita fondiaria.
Si deve consentire quello che è una coerente conseguenza di un progetto imprenditoriale di sviluppo, di destagionalizzazione, di crescita occupazionale, passando dalle norme astratte e generali e per questo rassicuranti, indifferentemente applicabili a tutti, ma irrimediabilmente astratte, a rigidi accordi, patti di sviluppo,veri e propri contratti di sviluppo, contenenti piani finanziari e programmi d’intervento verificabili.
Il punto è sono in grado di farlo?
Gli enti e chi li rappresenta e gestice hanno la volontà di farlo o sono rimasti alla vecchia politica?
Gli imprenditori hanno la volontà e la concretezza del fare?

qualcuno risponderà?
... Toggle this metabox.

Camminando.org Camminando Camminando online il Blog dell'Isola d'Elba a cura di Fabrizio Prianti - Realizzato da StudioCAD