Lascia un messaggio

 
 
 
 
 
 
 
I campi con * sono obbligatori.
Il tuo messaggio sarà online dopo l'approvazione della Redazione di Camminando.
Ci riserviamo il diritto di cancellare o non pubblicare il tuo messaggio.
Per presidente centro storico Per presidente centro storico da Portoferraio pubblicato il 9 Luglio 2020 alle 15:58:
Hai ragione è una faida sì, ma tra clawn e prima o poi questo grande circo con a capo il comune Orfei,si perderà tutti gli spettatori-elettori,perché i cittadini sono veramente stanchi di vedere queste buffonate che non fanno più ridere nessuno. Se questi ristoratori tornassero a casa propria,durerebbero
quanto un raglio d'asino,invece qui si sentono pure autorizzati a fare i gradassi
... Toggle this metabox.
Andrea Debunker Andrea Debunker pubblicato il 9 Luglio 2020 alle 15:38:
Un anonimo (post 135510) segnala l'interessante studio del Dipartimento di Biologia dell'Università di Napoli Federico II, intitolato “Impatto ambientale dello scarico del Dissalatore di Lipari nel corpo idrico recettore”. Lo studio è spesso citato dai contrari al dissalatore dell'Elba, come possibile scenario (catastrofico) di quello che potrebbe succedere, ma pochissimi evidentemente lo hanno letto.
Lo trovate qui: https://www.docenti.unina.it/webdocenti-be/allegati/contenuti/28188
Vediamo i punti salienti. Nella premessa i contrari si fermano alla frase “Non si possono trascurare, di contro, alcuni potenziali impatti negativi sull'ambiente”. Ma la frase precedente afferma: “La dissalazione di acqua di mare è un indubbio vantaggio per le popolazioni, considerando la scarsità di acque destinabili al consumo umano, e in alcuni territori è particolarmente sentita; offre inoltre una vasta gamma di benefici alla salute umana e al sistema socio-economico fornendo un apparentemente illimitato approvvigionamento di acqua potabile”.
Nello studio ci sono aspetti poco rimarcati dai contrari al dissalatore. Per esempio questo: “Nelle acque le cariche microbiche sono molto esigue dimostrando che non vi sono apporti di acque contaminate nello scenario indagato. In pratica dal punto di vista igienico sanitario, secondo la normativa vigente per la balneazione (116/08) rientrerebbero nel migliore dei giudizi possibili”. Concetto ribadito anche con l'analisi biologica: “il quadro delineato ricalca quanto già noto in bibliografia in uno scenario analitico con acque di elevata qualità e non ricche di nutrienti”.
La narrazione del disastro turistico delle spiagge del golfo Stella, tanto cara agli antidissalatore, quindi cade totalmente. Se le acque di alcune spiagge elbane sono inquinate quasi sempre lo dobbiamo a scarichi fognari non conformi alle leggi o depuratori malfunzionanti, non all'alibi dissalatore.
La nota dolente è l'analisi delle specie di alghe del fondale in prossimità dello scarico: “In pratica un'area che va desertificando dal punto di vista biologico con avanzamento di Cymodocea nodosa a sostituire la regressione della Posidonia oceanica”. Ma segue l'importante precisazione: “Ovviamente il dinamismo dell'evoluzione regressiva va confermato, per la correttezza scientifica, nel tempo”.
Le considerazioni conclusive sono quelle che ovviamente fanno più colpo tra i contrari: “Infatti i numerosi studi scientifici del settore sono sostanzialmente concordi nel rilevare ed affermare che i reflui degli impianti di dissalazione (salamoia) hanno un impatto negativo ed un'apprezzabile alterazione del corpo idrico recettore; alterazioni significative e strettamente correlate all'incremento di salinità. La regressione del Posidonia marina (tra i più validi descrittori della stabilità degli ecosistemi marini) […] è indicativa dell'impoverimento dell'ecosistema interessato dallo scarico, laddove le concentrazioni saline o superano la soglia di tossicità o comunque generano stress, che nel tempo si concretizza con una regressione delle praterie.”
Tuttavia, anche qui, si trova un'importante precisazione: “Ovviamente, come per tutte le tipologie di scarico, l'impatto è funzione delle scelte ingegneristiche e delle opere di mitigazione sia nel processo sia nello scarico”.
Premesso quindi che l'aspetto salamoia non vada trascurato, occorre fare qualche distinguo del caso. Nel caso elbano, la salamoia viene scaricata a 500 metri dalla battigia (molto più lontano del caso di Lipari), e lo scarico è dotato di diffusori. Secondo la relazione tecnica la concentrazione salina è inferiore a 1 g/l, ed è già quasi totalmente diluita alla distanza di 10-20 metri dallo scarico. Inoltre comparando le tabelle della suddetta relazione con quelle dello studio di Lipari, i valori elbani risulterebbero tutti più bassi, “ben al di sotto dei limiti applicati in Italia (pseudolimite del 10%)”. Fonte: Relazione tecnica, pag. 17. http://oldait.euro.it:8080/plone_ait/documenti-e-normativa/approvazione-progetti/ct5-progetto-definitivo-impianto-di-dissalzione-in-loc-mola-da-80l-s/progetto-definitivo/elaborati-tecnici/a1a_relazione-tecnico-descrittiva-generale.pdf
Va anche ricordato che gli scarichi degli impianti di dissalazione di Capraia, Giglio e Gorgona non hanno dato problemi all'ecosistema marino. http://www.elbareport.it/scienza-ambiente/item/42797-l%E2%80%99arcipelago-toscano-nel-rapporto-isole-sostenibili-2020 . In questo articolo, tra l'altro, si suggerisce l'impiego di due prototipi di diffusori, che hanno garantito una riduzione del 99% degli impatti ambientali associati. Quindi potrebbe essere valutato un loro possibile utilizzo.
... Toggle this metabox.
dissalatore portatile dissalatore portatile da corriere.it pubblicato il 9 Luglio 2020 alle 14:56:
https://www.corriere.it/tecnologia/ecommerce-acquistare-online-guida/notizie/costa-meno-90-euro-dispositivo-portatile-che-si-acquista-online-rende-potabile-l-acqua-mare-e1f44a7c-bfd9-11ea-84bc-345fb2bcafbe.shtml
... Toggle this metabox.
LIONS CLUB ISOLA D'ELBA LIONS CLUB ISOLA D'ELBA pubblicato il 9 Luglio 2020 alle 14:24:
UN NOTEBOOK ALL’ITCG CERBONI CONSEGNATO DAL LIONS CLUB I. D’ELBA

Nell’era della digitalizzazione la necessità di disporre di strumenti informatici, oggi accentuata dalle disposizioni in materia di contenimento degli effetti del Covid19, è sempre più sentita in tutti i settori di attività.
Neppure l’ambito scolastico può sottrarsi a quest’onda innovativa, ed è in quest’ottica che il Lions Club Isola d’Elba ha stabilito di offrire all’ITCG Cerboni di Portoferraio un notebook professionale da poter essere utilizzato da uno studente meritevole dell’Istituto.
La consegna è avvenuta, direttamente al Dirigente Prof.sa Alessandra Rando, la mattina di giovedì 9 luglio ad opera del Presidente del Lions Club Avv. Alessandro Moretti accompagnato dal Presidente di Circoscrizione Marino Sartori e da una ristretta rappresentanza del sodalizio.
... Toggle this metabox.
COMUNE DI CAPOLIVERI COMUNE DI CAPOLIVERI pubblicato il 9 Luglio 2020 alle 14:19:
Il Sindaco di Capoliveri Andrea Gelsi, a seguito della nomina del nuovo Cda della società di servizi Esa spa intende esprimere al neoeletto Presidente Livio Giannotti ed in particolare a Patrizia Arduini, nominata su indicazione del Comune di Capoliveri, le proprie congratulazioni ed i migliori auguri per un proficuo lavoro nella gestione integrata dei rifiuti su tutto il territorio elbano.
“Auguri di buon lavoro a tutto il nuovo Consiglio d’Amministrazione di Esa spa ed in particolare a Patrizia Arduini, cittadina capoliverese da tutti stimata per le sue competenze e la sua professionalità, oltre che per la sue doti personali ed umane, con la quale voglio complimentarmi per questo nuovo incarico che saprà certamente svolgere al meglio nell’interesse di tutta l’Isola d’Elba.
Un grazie al cda uscente di Esa spa, per l’importante lavoro svolto sino ad oggi e alla sua Presidente Gabriella Solari, che con impegno, costanza, professionalità e grande disponibilità ha condotto la società apportando importanti risultati per la nostra isola nella gestione del ciclo integrato di rifiuti dell’isola d’Elba”.
... Toggle this metabox.
residente centro storico residente centro storico da portoferrajo pubblicato il 9 Luglio 2020 alle 13:25:
Il controllo della pizza/piazza…

Più che un bisogno oggettivo di tavoli sembra una faida tra clan per il controllo della pizza/piazza..
Più tavoli ho e più sono “potente” … E’ arrivato il momento di prenderli per le orecchie invece di genuflettersi ad ogni loro richiesta…e se non gli sta bene che se ne tornino a casa loro vediamo quanto durano.. Perché un ristoratore della calata deve mettere i tavoli sul marciapiede alle 19:30 e quello di piazza della repubblica alle 18 !!?? Il Portoferrajese non dimentica e le pizze mi sa che questo inverno se le mangiano tra loro…
... Toggle this metabox.
Redazione Camminando Redazione Camminando pubblicato il 9 Luglio 2020 alle 12:38:
INTERVENTO SUI PROVVEDIMENTI DEL MINISTRO AZZOLINA VERSO LE SCUOLE

Voce comune sui social sono le critiche al Ministro Azzolina per il decreto scuola e provvedimenti per la riapertura delle scuole a settembre, purtroppo l'Italia ha diverse realtà e di conseguenza diverse esigenze. Non si può fare un decreto che omogeneo per tutta la penisola quando esistono situazioni diverse e complesse.L’ Isola d'Elba ha una realtà scolastica particolare con esigenze diversificate, e con i provvedimenti presi dal Ministero e dalla Regione Toscana, post Covid, certo non si possono facilmente trovare soluzioni a un mese o poco più dalla riapertura delle scuole.
Sulla nostra Isola mancano le strutture per le scuole dell'infanzia, le elementari e le superiori di primo grado nei vari paesi.
Meglio non toccare l’argomento delle nomine annuali del personale docente, ATA e di segreteria. Le modalità per garantire la riapertura delle scuole sono state delegate ai dirigenti scolastici utilizzando come pretesto l’autonomia scolastica.Di fatto i dirigenti sono stati abbandonati a loro stessi. Il tutto senza aggiungere le risorse necessarie per garantire adeguati spazi, molte scuole non potranno rispettare queste indicazioni. Risorse non presenti anche per aumentare l’organico del personale docente e ATA, che sarà insufficiente rispetto alla gestione dell’aumento delle classi, degli orari, per coprire i turni previsti dal decreto, e della sopravvenuta necessità di controllo, vigilanza e sanificazione. La riapertura delle scuole all'Elba sarà un grosso problema se la Regione, che fino ad oggi è stata assente, non adotta norme specifiche per l’Isola.
Le vere necessità sono la riduzione del numero degli alunni per classe, per evitare le classi pollaio, l’aumento dell’organico e gli investimenti nell’edilizia scolastica.Dobbiamo collaborare all'istituzione di un gruppo di lavoro Tecnico-politico per creare il mondo scuola post covid19 anche all’Elba. Le promesse e le critiche lasciamole da parte e rimbocchiamoci le maniche aprendo un tavolo di discussione fra i Dirigenti scolastici, Comuni, Provincia e Regione. Invito il Presidente della Conferenza dei Sindaci a convocare quanto prima un incontro fra tutti e 7 i Sindaci, la Provincia, la Regione, i dirigenti dei vari plessi e Istituti, e le Forze Politiche, unico obiettivo: una stretta collaborazione per il bene della nostra Isola e dei nostri ragazzi che sono il nostro FUTURO

ADALBERTO BERTUCCI
COORDINATORE FORZA ITALIA ISOLA D'ELBA
... Toggle this metabox.
x Luigi Lanera x Luigi Lanera da Lido pubblicato il 9 Luglio 2020 alle 12:22:
Sig. Lanera, visto che le sta molto a cuore la situazione idrica Elbana da proporre un'interrogazione parlamentare per bloccare la costruzione del dissalatore e studiare invece soluzioni alternative, perchè fra le soluzioni alternative non suggerisce anche quella di utilizzare i pozzi privati ad uso pubblico? Tenga presente che dai pozzi privati, dei quali i più importanti sono in mano a quattro-cinque soggetti privati, vengono consumati gratuitamente circa 4 milioni di mc d'acqua pari circa al 50% del totale disponibile nel sottosuolo elbano.
Non le parrebe una buona iniziativa? Chi ne ha bisogno per uso agricolo, l'acqua la paghi a prezzi ridotti, ma la paghi e non che i cittadidini, tutti, debbono pagare la stessa quantità che necessariamente viene importata dalla val di Cornia.
Alfonso
... Toggle this metabox.
elbana elbana da elba pubblicato il 9 Luglio 2020 alle 11:00:
facciamo lo smart working, non andiamo al bar, pizzeria ecc poi siamo costretti ad andare a far la spesa e ci ritroviamo assemblati in 100 alle casse. Poi invece di aprirne 4 tutte in fila per lo meno fatele altarnate visto che ce ne sono 9
poi alle signora dell'accoglienza direi di essere un pò più educata
... Toggle this metabox.
La pazienza è la virtù dei forti... La pazienza è la virtù dei forti... pubblicato il 9 Luglio 2020 alle 10:28:


Esercitiamo i nostri valori di tolleranza e pazienza caro amico Marcello nel frattempo inganneremo l’attesa sedendoci nelle comode e accoglienti panchine di fronte all'alto fondale meditando sulla nostra vicina “seduta” rossa contro la violenza sulle donne e tra una chiacchiera e una facezia ,mentre godremo la frescura del magnifico Ibisco delle Norfolk ci chiederemo:- chi difenderà la reiterata violenza al nostro ambiente, alla nostra storia, al voler essere accoglienti mostrando orgogliosamente il nostro paese….tutto questo è vero oppure siamo su “scherzi a parte”…
Un abbraccio
... Toggle this metabox.
MARCELLO CAMICI MARCELLO CAMICI pubblicato il 9 Luglio 2020 alle 10:01:
UN LUNGO CAHIERS DE DOLÉANCES


Buongiorno Fabrizio,
nel poster intitolato “ Ci vuole ben altro che mostrare i muscoli” scrivi “non credo che in altri paesi a totale vocazione turistica si trovino palazzi abbandonati e fatiscenti come il Coppedè, l’ex cinema Pietri, gli ex macelli , la ex GdF , l’ex sede della Polizia stradale, lex cantierino , ecc.”
Vorrei dare corpo all’eccetera. aggiungendo Ghiaie spiaggia transennata ,piscina e tendone alle ghiaie abbandonate ,forte stella ingresso con lapidi abbandonate illeggibili,palazzo ex Ospedale civile elbano abbandonato,chiesa dell’Assunta abbandonata,ingresso cimitero neri transennato,ridotta di s. rocco abbandonata,saliente nord ovest e fronte di attacco fortezze abbandonato,garitte cadenti,casaccia cava di caolino divenuta discarica,informagiovani sotto il piazzale de Laugier abbandonato,complesso de Laugier con lati nord ed ovest degradati,busto nei giardini delle ghiaie di mario foresi abbandonato,monumento ai caduti in piazza delle repubblica abbandonato.
Ma la lista non è esaustiva.
Ora affermare che sia tutta colpa di Zini e della sua giunta non è giusto però è giusto ricordare che lui amministra Portoferraio come vicesindaco per dieci anni con Peria ed oggi come sindaco da oltre un anno amministra la citta dove abito, :tempo per migliorare la situazione ne ha avuto più di altri e quindi più di altri è responsabile del degrado.
Dieci anni che ha amministrato Portoferraio come vicesindaco non sono stati sufficienti a far capire perché il personaggio è stato eletto sindaco: i prortoferraiesi che l’hanno votato se lo meritano.Io non l’ho votato
Allego foto del complesso culturale De Laugier che dovrebbe essere luogo prestigioso per la città in quanto sede di pinacoteca,biblioteca comunale ,archivio storico e foto di come è ridotto l’ascensore che porta all’informagiovani ma avrei da aggiungere molte altre foto relative ai palazzi e monumenti citati.
Ad maiora.
Marcello Camici
... Toggle this metabox.
Marcello Meneghin Marcello Meneghin da Mestre pubblicato il 9 Luglio 2020 alle 09:22:


Dopo aver tanto ossessionato gli elbani con i miei numerosi scritti su quel servizio che costituisce la mia passione e cioè il servizio idropotabile dell'Isola, propongo ora la breve e divertente lettura di un mio libro giallo intitolato “ IL GUARDIACACCIA” nel quale si descrivono, per inciso, le caratteristiche che avrebbe dovuto avere anche una diga, sia pur piccola, come quella costruita all’Isola d’Elba ma che non funziona affatto proprio per la mancanza di una di quelle strutture fondamentali come il diaframma di impermeabilizzazione delle spalle e del fondo che viene appunto citata nel mio giallo.
Il libro è acquistabile sia sotto forma di ebook e sia cartaceo. Se ordinato da amazon quello in carta arriva a casa gratuitamente entro pochi giorni mentre l’ebook è immediatamente disponibile nel vostro smartphone.
Per leggerne la presentazione : https://www.mondadoristore.it/Il-guardiacaccia-Marcello-Meneghin/eai978886949456/
... Toggle this metabox.
Portoferraiese Portoferraiese da Portoferraio pubblicato il 9 Luglio 2020 alle 07:26:
Portoferraio paese più bello non ce'.
Paese trascurato trasandato ma ora ce' Zini.
Zini che proverà a cambiarlo , proverà a curarlo, proverà con cambiamenti a cambiarlo. Così in questi giorni vendiamo in giro sempre meno parcheggi, vediamo in giro sempre più tavoli, tutto questo x il corona virus? Tutto questo x far si che i commercianti salvino la loro stagione, i commercianti da parte loro dovrebbero ringraziare e stare almeno aperti, e si cari signori commercianti avete voluto la bicicletta? E ora Perché non correte? In via Fucini solo i ristoratori sono aperti ma ci sono altri negozi che la sera non tengono neanche l'insegna accesa credo che così le cose non vadano bene il cambiamento se lo si vuole bisogna anche meritarselo
... Toggle this metabox.
"Zio Mauro" "Zio Mauro" da Piombino pubblicato il 9 Luglio 2020 alle 07:23:
IL POLPO.......ALCUNE SUE CARATTERISTICHE:

siano molto conosciute, il polpo, nelle sue più svariate forme che assume, possiede alcune caratteristiche che vengono associate a strutture, gruppi, atteggiamenti, facoltà, che lo rendono molto curioso.
Se è molto grande, viene chiamato PIOVRA, per la sua potenza tentacolare, con i noti accostamenti.
Se è piccolino, viene chiamato LUGLIERINO (vedi il famoso luglierino di Pomonte).
Il MOSCARDINO, molto piccolo, simile al polpo, ma meno pregiato appartiene alla famiglia Octopodidae, ed ha solo una fila di ventose.
Il POLPO classico.
Il suo aspetto è viscido, sfuggente, è tentacolare, che sono le caratteristiche di tutta la sua famiglia, prescindendo dalle dimensioni.
Ciò vuol dire che mette le sue "mani" in ogni dove, infiltrandosi in tutti i posti per fare i suoi interessi.
Non importa quanto grande sia, ma questa sua caratteristica è usata sia che sia grande, o ridotto di dimensioni.
Inoltre, anche quando è ridotto di dimensioni, tende sempre a voler prevalere sugli altri animali e si muove ondeggiando per accomodarsi sempre meglio dove si trova.
Quando viene disturbato nei suoi piani, o deve in qualche modo nascondersi, si irrita e spruzza il suo famoso nero, per intorbidare le acque (ed in questo è molto esperto), in modo da sfuggire all'avversario di turno o a chi vorrebbe acciuffarlo e ingabbiarlo.
E' discretamente intelligente , dotato quindi di capacità intellettive (potremmo definirlo un' intellettuale), e quindi molto razionale, che stende i suoi tentacoli in maniera opportuna, cercando di arraffare tutto quello che gli è possibile prendere.
Ci sono molti sistemi per catturarlo, e per stanarlo si usa il famoso verderame, colore che in qualche modo lo interessa e ci si accosta per affezione, ma che poi rifugge perchè troppo evidente.
Molte volte ama cambiare colore per mimetizzarsi meglio, ed a volte ci riesce, pur rimanendo sempre lo stesso nel suo DNA.
Comunque, dopo catturato, se ci si riesce, va preso, sbatacchiato su uno scoglio e gli va dato un bel morso in mezzo agli occhi (nel ceppicone), così ha chiuso per sempre.
Per analogia, a quale forma associativa lo accostereste ?........
😊
... Toggle this metabox.
ELBA SALUTE ELBA SALUTE pubblicato il 9 Luglio 2020 alle 04:03:
OCULISTA....UNA FIGURA IN VIA DI ESTINZIONE.

Richiedere una visita oculistica all'Elba è come se si commettesse un reato o si chiedesse un aumento significativo di medici e infermieri per il nostro ospedale.
Eppure da una recente delibera dell'ASL nord ovest il nostro ospedale , da questo mese di luglio fino a giugno del 2021, avrà in servizio oculisti retribuiti con €. 60,00 per ogni ora di lavoro con l'aggiunta di €. 30,00 sempre per ogni ora di lavoro per il personale infermieristico di sala per l'abbattimento delle liste di attesa. A fronte di questa delibera abbiamo chiesto all'ambulatorio quando inizieranno a chiamare quei pazienti a cui è stato sospeso l'appuntamento oculistico per il Coronavirus.
Candidamente ci è stato risposto che i precedenti appuntamenti per visite oftalmiche sono stati cestinati (di contro la radiologia è da settimane che richiama i sospesi) e per i nuovi accessi come prime visite non è possibile prenotarsi perché le agende sono chiuse. ALLORA QUESTI OCULISTI PAGATI PROFUMATAMENTE, COMPRESO IL PERSONALE DI SALA, A CHI FANNO LE VISITE?
L' unico modo che ci può dare una speranza remota di essere visitati è recarsi tutte le mattine al CUP con la speranza di una rinuncia, allora può scattare la chiamata come si faceva anni fa nei porti per scaricare una nave sennò si torna a casa e il giorno dopo di buon'ora e armati di santa pazienza, si ritorna in ospedale con la speranza che si sia liberato un posto nei prossimi 15 giorni.
Oltre il 15°giorno c'è il muro.
POI CI INVITANO, PER LA NOSTRA SICUREZZA, A NON ANDARE IN OSPEDALE.
Questa pratica insensata e avvilente del "Non oltre i 15 giorni" l'abbiamo segnalata giorni fa (30.06.2020) con un articolo ma forse chi deve tutelare la salute della comunità ha altro da fare di più importante che non di preservare la vista delle persone.

Comitato Elba Salute.
(Francesco Semeraro)
... Toggle this metabox.
LUIGI LANERA Fdi LUIGI LANERA Fdi pubblicato il 9 Luglio 2020 alle 03:58:
Io sottoscritto Luigi Lanera , In qualità di membro della direzione nazionale di Fratelli d Italia e cittadino Elbano , ho chiesto ai nostri parlamentari di intervenire al governo per il problema del Dissalatore . Qui di seguito il testo .
"Ho presentato un'interrogazione al governo per sapere se esista una possibile soluzione alternativa rispetto all'installazione di un dissalatore per le necessità idriche dell'isola d'Elba.
Si tratta di un'opera la cui utilità non è unanimemente riconosciuta da tutti gli enti territoriali e locali coinvolti: se da una parte la Regione Toscana, insieme all'Autorità idrica toscana (AIT) e all' Azienda Servizi Ambientali (ASA) difende la necessità di questo dissalatore, dall'altra il Comune di Capoliveri lo contrasta, contestandone l'utilità presente e futura in ragione della supposta autosufficienza idrica del territorio, con la successiva emersione di un vero e proprio braccio di ferro tra le autorità coinvolte. Le disfunzioni gestionali dell’acquedotto elbano, la cui gestione è stata affidata alla società Asa, sono state ora invocate paradossalmente dei medesimi Enti responsabili al fine di ottenere il consenso della Regione Toscana alla installazione del dissalatore. Ho perciò chiesto se il governo non intenda valutare l'opportunità di promuovere delle iniziative di controllo della spesa pubblica per evidenziare in che modo sono state impiegate le ingenti risorse finanziarie pubbliche dedicate alle modifiche dell’acquedotto dell’Elba in questi anni in modo tale da tutelare l'erogazione di un servizio di vitale importanza come quello delle necessità idriche della popolazione, sospendendo i lavori volti alla realizzazione di un dissalatore la cui utilità non è condivisa unanimemente dalle istituzioni territoriali e anzi è considerato potenzialmente dannoso per l'economia dell’Elba".

E' quanto dichiara il senatore di Fratelli d'Italia, Patrizio La Pietra.
... Toggle this metabox.
LA DARSENA LA DARSENA pubblicato il 9 Luglio 2020 alle 03:46:

... Toggle this metabox.
PassionEspresso PassionEspresso pubblicato il 9 Luglio 2020 alle 03:45:
... Toggle this metabox.
ILVA la tua sicurezza ILVA la tua sicurezza pubblicato il 9 Luglio 2020 alle 03:44:
... Toggle this metabox.
elba elba da elba pubblicato il 8 Luglio 2020 alle 21:38:
Universita degli studi di Napoli Federico dipartimento di biologia...........Impatto ambientale dello scarico del dissalatore di Lipari ............andatevelo a leggere e piuttosto interessante
... Toggle this metabox.

Camminando.org Camminando Camminando online il Blog dell'Isola d'Elba a cura di Fabrizio Prianti - Realizzato da StudioCAD