Pagina 6/1255: [] [1] [2] [3] [4] [5] (6) [7] [8] [9] [10] [11] [] [»] LASCIA UN MESSAGGIO
Autore Messaggio
Cose da PAZZI!
Messaggio 93706 del 21.01.2019, 18:47
Provenienza: Isola D'Elba
Il sindaco “La toppa”
Dopo le toppe sulle grotte e sul rettilineo di San Giovanni, pensavo di averle viste tutte. Invece il sindaco di Portoferraio si è superato è ha ordinato una toppa anche a Carpani. Vedere la toppa al parcheggio davanti al panificio Zallo è veramente deprimente. Una toppa circondata da buche. Ora qualcuno dirà che San Giovanni e le Grotte sono strade provinciali e il comune non c’entra nulla. Vero ma dopo l’attacco alla Cosimo dei Medici (unica realtà comunale che ha funzionato) il nostro sindaco poteva mostrare almeno di essere in grado di far asfaltare un parcheggio di 200 metri quadri come cristo comanda. Ricordando che Mario Ferrari è un Architetto la depressione aumenta. Nei racconti per bambini c’è un simpatico personaggio il comandante Mutanda, noi a Portoferraio abbiamo il Sindaco “TOPPA” e vuole essere rieletto. “Sono pazzi questi Elbani”
marco
Messaggio 93705 del 21.01.2019, 18:37
domani neve sulle nostre montagne fino a 200/300 mt
sconcertato
Messaggio 93704 del 21.01.2019, 18:23
Provenienza: mola
Guarda come è strano il mondo.
Per l'ampliamento della cava della Crocetta per il quale gli ambientalisti protestano sono previste misure di mitigazione e ripristino ambientale; per il dissalatore di Mola per il quale gli ambientalisti non hanno nulla da obiettare non è prevista nessuna misura di mitigazione per lo scarico dei sali che trasformeranno il golfo Stella nel mar Morto
Invece il DISSALATORE non fà danno
Messaggio 93703 del 21.01.2019, 18:08
Provenienza: rio
Eurit, Barbetti:“Un danno incredibile per l'isola"
Ampliamento Eurit visto dall'alto

Il sindaco di Capoliveri commenta l'autorizzazione a procedere all'ampliamento della cava che prevede anche lo sbancamento di una collina.
I lavori da parte dell'EURIT alla montagna creeranno danni all'ambiente,secondo quanto dichiarato e letto dal Barbetti,mentre il DISSALATORE portera solo benefici e produrrà solo "caramelle per BAMBINI"...Anzi questo Dissalatore produrrà davvero tanti danni sia in terra e gran parte nel mare e a tutti quelli che ci vivono.....basta leggere importanti e specializzate riviste in merito.......
Speriamo che la gente capisca tutto questo.......
Il Barista riguardo la decisione del Sindaco di Porto Azzurro
Messaggio 93702 del 21.01.2019, 11:50
Provenienza: fra giocare i bambini nel campo sportivo.
Al tempo delle elezioni il Barista, intervistando il Dottor Papi, aveva avanzato la proposta...state a sentire...di consentire ai bambini di andare a giocare nel parcheggio della scuola, non pensando che giocando sull' asfalto cadendo si sarebbero potuti far seriamente male. Ora che il sindaco sembra aver trovato una soluzione radicale al problema, dice che "i contenuti dell' ordinanza vanno rivisti"!
Il Papi per fortuna è uno che quando crede di aver imboccato la strada giusta, tira diritto e difficilmente ritorna sulle sue decisioni.
AMMINISTRAZIONE PORTOFERRAIO
Messaggio 93701 del 21.01.2019, 11:21
BONUS ASILO NIDO ANNO 2019




L'Inps ha reso noto che dalle 10 di lunedì 28 gennaio sarà attivo il servizio online per richiedere il bonus asilo nido per il 2019. In merito, l’Ufficio Scuola del Comune di Portoferraio ricorda che: • il contributo, fino a un importo massimo di 1.500 euro su base annua, può essere corrisposto, previa presentazione della domanda da parte del genitore, a beneficio di bambini nati, adottati o affidati dal 1° gennaio 2016 per contribuire al pagamento delle rette degli asili nido pubblici e privati autorizzati (cosiddetto contributo asilo nido) e in favore dei bambini di età inferiore a tre anni, impossibilitati a frequentare gli asili nido in quanto affetti da gravi patologie croniche, per i quali le famiglie si avvalgono di servizi assistenziali domiciliari; • per la presentazione della domanda, il richiedente il contributo asilo nido dovrà allegare la documentazione comprovante il pagamento almeno della retta relativa al primo mese di frequenza per cui si richiede il beneficio oppure, nel caso di asili nido pubblici che prevedono il pagamento delle rette posticipato rispetto al periodo di frequenza, la documentazione da cui risulti l’iscrizione; • per i bambini di età inferiore ai tre anni impossibilitati a frequentare gli asili nido, per la presentazione della domanda, il richiedente dovrà allegare l'attestazione, rilasciata dal pediatra di libera scelta, che attesti l'impossibilità del bambino di frequentare l'asilo nido per l'intero anno solare di riferimento, a causa di una grave patologia cronica.
CENTRO BAUHAUS
Messaggio 93700 del 21.01.2019, 10:22
GLI OSPITI DEL CENTRO BAUHAUS ESPONGONO ALLA GRAN GUARDIA




Mercoledì 23 Gennaio 2019 alle ore 15, nella Sala Gran Guardia di Portoferraio, sarà inaugurata la mostra di pittura “EmozionArte “ degli ospiti del centro Bauhaus, curata dall’arteterapeuta Stefania Lanzani.
L’esposizione è il frutto del laboratorio di Arteterapia realizzato, dallo scorso anno, al Centro Diurno Bauhaus di Portoferraio, gestito dalla Cooperativa Altamareas.c.s. onlus e rivolto alle persone con disagio mentale.
L’arteterapia è una disciplina che utilizza le attività artistiche come mezzo terapeutico, riabilitativo e di mantenimento del benessere psicofisico, attraverso l’espressione artistica di vissuti, pensieri ed emozioni. Nell’atelier di arteterapia del Centro di Altamarea è possibile per l’individuo esprimere il proprio vissuto,riscoprendo potenzialità che si pensavano perse, in realtà solo offuscate.
Molte le opere in mostra, ricche di colore che esprimono emozioni, personalità e messaggi da trasmettere, a volte senza porsi un reale obiettivo, mescolando semplicemente e piacevolmente i colori.
L’esposizione nella saletta della Gran Guardia resterà aperta nei giorni 24-25 e 26 Gennaio 2019 dalle ore 15 alle ore18.
Il Centro Bauhaus e tutta la cooperativa Altamarea ringraziano l’Associazione Tip Tap One dei maestri di ballo Antonella Colli e Franco Ascione e Bricofer Portoferraio che, con il loro contributo, hanno reso possibile la realizzazione di questo evento.
FILASTROCCHE PER BAMBINI
Messaggio 93699 del 21.01.2019, 09:19
L’ALFABETO DELLE EMOZIONI


Il 10 gennaio 2019 è uscito nelle librerie di tutta Italia L'alfabeto delle emozioni di Rita Poggioli, pubblicato dalla casa editrice Gribaudo/Feltrinelli. E’ un bellissimo albo illustrato che contiene delle filastrocche, una per ogni lettera, dalla A alla Z, per bambini dai 4 anni in su. Il libro sta riscuotendo un grande successo – ci ha detto l’autrice – piace molto e credo che il merito vada condiviso con Elena Pensiero, l’illustratrice che ha lavorato su questo testo, come tesi d’uscita dalla scuola per illustratori editoriali Ars in Fabula di Macerata. La cosa incredibile è che essendo ordinabile già prima dell’uscita, sia già ai primi posti nella classifica Bestseller di IBS Libri - Bambini e ragazzi. Inoltre sono molto felice perché l’editrice mi ha comunicato che sarà sicuramente tradotto in altre lingue. Per il momento lo stanno traducendo in spagnolo. Dunque, per l’autrice più che una novità, una conferma. Giunta alla sua ottava pubblicazione l’insegnante Rita Poggioli può dirsi ormai un’apprezzata scrittrice di libri per bambini. Appassionata lettrice che vuole trasmettere ai ragazzi il suo amore per la lettura, ha pubblicato numerosi libri con diverse case Editrici. Le sue storie fanno divertire, ma soprattutto riflettere, ottenendo anche ottimi riconoscimenti, tra i quali, nel 2014 quello dalla giuria del Brignetti, per gli autori Elbani, con “Il mio Imperatore” per aver presentato ai bambini un Napoleone diverso ed umanissimo, come è scritto nella targa ricevuta. Grande successo poi col suo secondo libro, Passannante, il prigioniero della torre, Agemina edizioni, che ha raccontato a giovani e meno giovani la storia dell’anarchico lucano che fu prigioniero alla Linguella ed ha portato all’Elba gruppi di conterranei dell’attentatore al re Savoia, in visita alla torre. Nel 2016 è uscito il suo primo apprezzatissimo libro di filastrocche sulle emozioni intitolato “Nella pancia e nel cuore” edito da edizioni Paoline. Per Il mulino a vento/Raffaello ha pubblicato “Il mio amico Scarabò”, un racconto per aiutare i bambini a parlare di sé, delle proprie paure, di bullismo, ma anche di autostima. Da ottobre a dicembre 2018 si sono concentrate una serie di pubblicazioni come premio per la partecipazione a concorsi nazionali di racconti per bambini, tra i quali il prestigioso premio per la storia Bernardo ed il bambino del faro di LuccAutori, edizioni Castelvecchi, che l’autrice ha ritirato a Villa Bottini a Lucca. A seguire Colori nel buio edizioni Temperino rosso e i due titoli della Giovanelli edizioni, Carezze di becco e coccole d’ali e Il regalo più bello, tre storie delicate che parlano di diversità.
Auguriamo a Rita di continuare a coltivare la sua grande passione e…100 di questi libri!
https://www.ibs.it/alfabeto-delle-emozioni-ediz-a-libro-rita-poggioli-elena-pensiero/e/9788858023198?fbclid=IwAR0Y
AUTOSPURGHI ELBANI
Messaggio 93698 del 21.01.2019, 09:00
Osservatore Politico
Messaggio 93697 del 21.01.2019, 08:58
Provenienza: Portoferraio
Fibrillazioni politiche in prossimità della campagna elettorale
Alcuni dei tanti temi sui cui discutere
Il primo per esempio, il futuro della Cosimo de Medici attualmente nella tempesta alimentata dal Sindaco e da suoi fedeli che rassicurano. Ma giocano con il futuro di 20 e più famiglie.
Italia Nostra che pur di bacchettare l'attuale sindaco va contro alla tradizionale consorella soprintendenza
Candidati che si propongono: da Dal Mastro ad Alessi, da La Nera a De Vitturi, questi cercano facce note per comporre liste. Ma dove sta la proposta politica e di governo??? E’ come se gli elettori fossero solo massa da ammansire con promesse di reddito di cittadinanza o qualche prebenda
Apparato comunale in fibrillazione con fronti sempre più ampi di richieste di trasferimento pur di non stare in biscotteria.
Insomma molta confusione sotto il cielo, nessuna proposta, morte dei partiti, e questa è la vera notizia, almeno ad ora.
Osservatore molto attento
Messaggio 93696 del 21.01.2019, 08:52
Un paio di anni fa, l'Azienda Sanitaria ha emesso una delibera, un un contesto di riorganizzazione aziendale generale, in cui veniva trasformata l'Unità operativa di Chirurgia da complessa a semplice, scelta avallata dalla Conferenza dei Sindaci. Due conferenze dei Sindaci avevano avallato tale scelta. La prima, a guida Bulgaresi senza colpo ferire. La seconda, guidata da Ferrari, attuando una sorta di sostituzione con l'istituzione di una Unità operativa complessa di Anestesia e Rianimazione. Con la messa a riposo del Direttore Vezzosi, tale delibera diveniva esecutiva ed arrivava un Chirurgo molto valido da Pontedera, come responsabile di Unità semplice, che ha già effettuato interventi di un ottimo livello, soprattutto in ambito di Chirurgia di Urgenza. Dopo le proteste, anche legittime dei Comitati, l'Assessore Saccardi faceva un netto passo indietro e ripristinava la Unità Complessa (potenza dei periodi elettorali...) E qui viene il passaggio interessante, quasi grottesco. Il mantenimento di tale Unità, in un contesto sanitario elbano pieno di criticità, veniva salutato con giubilo, come una vittoria storica della Comunità elbana. Tanti, quasi tutti, si sono assunti la paternità di questa "grande" conquista. Il PD elbano, che ringrazia Anselmi, il Barbetti, lo stesso ex ViceSindaco Marini, che rende noto di aver contributo in maniera determinante a questo incredibile risultato, esiziale per la Sanità elbana.
Signori miei, vorrei sommessamente ricordarvi una cosa. Non è successo nulla di epocale, è rimasto tutto semplicemente come era. Semplicemente una piccola modifica organizzativa (passare a Unità semplice non voleva dire non operare più) che lascia le cose come erano. Quindi la vostra autoesaltazione è estremamente fuori luogo. Perché se tutti voi vi considerate cosi influenti nell'intervenire sulle questione sanitarie e vi prendete i meriti, dovete rendere conto anche delle gravi criticità legate alla Sanità isolana, che sono decisamente maggiori dell' aspetto organizzativo di un reparto. Ergo siete voi i primi responsabili delle carenze in tema di Sanità.
Il raggiungimento di un (piccolo) risultato ha molti padri.
Il fallimento della politica sanitaria non ha responsabili. No, così proprio non va bene. Troppo comodo.
www.edicolaelbanashow.it Scrivi a www.edicolaelbanashow.it
Messaggio 93695 del 21.01.2019, 01:19
Provenienza: Porto Azzurro
https://www.edicolaelbanashow.it/post/182158048370/edicola-elbana-show-del-19-gennaio-2019

Edicola Elbana Show del 19 Gennaio 2019

La Sindaca Allori vuole, e noi siamo pienamente d'accordo con lei, un Isola senza plastica. Purtroppo è sola a combattere questa battaglia.
A Porto Azzurro il Sindaco Maurizio Papi ha inserito nel nuovo regolamento comunale per la gestione del campo sportivo, ma i contenuti secondo molti e secondo Federico Il Barista Regini, che oggi ricopre la carica di Vice Presidente del Progetto Giovani, vanno un attimino rivisti.
Perdite idriche,alette di pollo e Madonne restaurate nell'Edicola più plasticata e ghettizzata del web.
Luigi Lanera FdI
Messaggio 93694 del 20.01.2019, 19:03
Fdi si dichiara assolutamente contraria all ampliamento della cava Eurit nel comune di Porto Azzurro . Non capiamo come si possa permettere che un isola, già di per se' un territorio limitato, possa essere deturpata da escavi di parte di colline che inevitabilmente andranno a deturpare l immagine turistica della nostra isola.
Riteniamo inconcepibile che si sia permesso tale ampliamento poiché queste realtà indistriali nulla hanno a che fare con uno sviluppo turistico di cui l Elba continuamente necessità. Sollecitiamo l'intervento di tutti i sindaci Elbani affinché in maniera unitaria esprimano il loro dissenso su questo problema e di far tutto ciò che è in loro potere affinché tutti gli enti preposti al rilascio di tali autorizzazioni sappiano di aver commesso un errore, a nostro giudizio, nel concedere tale ampliamento. Presenteremo una interrogazione regionale attraverso il nostro consigliere Donzelli per il caso specifico.



Luigi Lanera
dissalatore.
Messaggio 93693 del 20.01.2019, 15:18
Provenienza: CAPOLIVERI
Ma chiedere agli elbani con un referendum, in particolar modo a chi vive di turismo, no éé!!!! -
Meno male che Toninelli c'è...
Messaggio 93692 del 20.01.2019, 13:51
Provenienza: rio
Traghetti per la Sardegna, il futuro di Moby e Tirrenia dietro lo scontro Toninelli-Onorato sulla convenzione.
Speriamo che il Ministro si occupi anche della Convenzione TOREMAR....
BISOGNA solo aspettare......e tanto tonò che piovve.....
Per i potentati è finita
liste per capoliveri maggio 2019
Messaggio 93691 del 20.01.2019, 13:11
Provenienza: capoliveri
qualcuno potrebbe cortesemente pubblicare le 3 liste con i nomi riguardanti le prossime elezioni comunali di capoliveri? in giro i volantini inerenti alle varie fazioni politiche non si trovano più. grazie
Per Italo
Messaggio 93690 del 20.01.2019, 12:53
Provenienza: Portoferajo
Grazie Italo per le informazioni. si dovrebbe fare più campagne volte all'informazione del cittadino. Gravissimo pensare al prodotto finito senza considerare i costi della produzione sia in termini di moneta che di impatto ambientale.. se continueremo cosi' il nostro mare sarà un mare morto , supersalato e al posto dei pesci... plastica.
grazie.
Dante Leonardi
Messaggio 93689 del 20.01.2019, 12:05
UNA FORESTERIA PER I MEDICI CHE OPERANO ALL'ELBA



Ho letto nelle ultime settimane dell’idea di realizzare una foresteria per i medici che prestano servizio presso l’Ospedale Elbano. Bella idea, in questo modo potranno essere garantiti alcuni servizi medici, anche se periodicamente. Poi vedo la foto dell’edificio ove insiste l’appartamento oggetto del progetto e mi ricordo che quell’unità immobiliare che fu acquistata dall’allora Consorzio Acquedotti e poi per successione passata di proprietà della Comunità Montana e per ultimo dell’Unione di Comuni.
Oggi l’eredità di quegli Enti ha inguaiato i cittadini Elbani, con un carico debitorio milionario, specialmente, da quando l’Amministrazione Comunale di Portoferraio, ha ritirato il ricorso al TAR contro il piano di successione e ha cominciato a pagare come un “banco” fior di debiti fuori bilancio.
Adesso mi domando, non sarebbe il caso di mettere sul mercato immobiliare quell'appartamento di proprietà della collettività Elbana, per ripianare almeno in parte la grave situazione debitoria che è stata accollata ai cittadini e per la foresteria trovare altre soluzioni del tipo di spazi all’interno dell’Ospedale o ristrutturando l’ex Dispensario, poi Centro Diurno, posto tra via Mentana e Scalinata XX Settembre?

Dante Leonardi
CERAMICHE PASTORELLI
Messaggio 93688 del 20.01.2019, 11:00
Elbano DOC
Messaggio 93687 del 20.01.2019, 10:30
Provenienza: Isola d'Elba
Leggo che il sindaco di Capoliveri ha cambiato atteggiamento nei riguardi della nostra Regione “da qualche anno ho potuto constatare un diverso impegno, anche con importanti azioni, della Regione Toscana verso il nostro territorio insulare e oggi posso tranquillamente affermare che si comporta da madre premurosa verso i suoi figli elbani”
Le importanti azioni che ha trasformato una matrigna in mamma premurosa verso i suoi figli elbani, sarebbero forse:
L’aver creato un monopolio dei trasporti.
L’aver ridotto il nostro ospedale ad un pronto soccorso (per ora!)
Il volerci togliere l’acqua per darla alla Val di Cornia e imporci un’autonomia idrica con due dissalatori, uno a Mola e l’altro nel versante occidentale, Campo o Marciana. (leggete il decreto di esclusione della VIA della Regione a proposito del progetto “non significativo” del dissalatore di Mola).
Permettere lo sventramento di una collina e lo stupro del paesaggio elbano, dando la concessione all’ampliamento dell’Eurit.
Il dichiarare il cinghiale animale autoctono per il territorio elbano.
E potremmo continuare...
Italo Sapere Scrivi a Italo Sapere
Messaggio 93686 del 20.01.2019, 10:08
Provenienza: Porto Azzurro
A Napoli c’è stato un convegno interessante promosso dall’Associazione Marevivo: 'L'emergenza idrica e la dissalazione dell'acqua marina: impatti e normativa'
Sono emerse molte criticità per gli impatti ambientali che i dissalatori hanno sul mare sia, al contrario, su alcune variabili che l'ambiente può introdurre negli impianti, come ad esempio la presenza di alghe che possono rilasciare sostanze tossiche, che hanno dimostrato di poter permanere nell'acqua potabile prodotta dagli impianti ad osmosi inversa".

Dallo studio presentato da Francesco Aliberti, Professore di Igiene generale e applicata del dipartimento di Biologia dell'Università Federico II, sull'impatto ambientale dello scarico della salamoia del dissalatore di Lipari in mare, è emersa un'alterazione dell'ecosistema. In particolare, nelle aree dove le concentrazioni saline superano la soglia di tossicità, è stata evidenziata una regressione della Posidonia marina, fondamentale per analizzare la stabilità dell'ambiente marino. Un impatto provocato anche dall'assenza di un'adeguata normativa ambientale sia a livello globale, che europeo e nazionale. Si pensava che scaricare acqua salata in mare non comportasse conseguenze, e quindi non esistono normative per questo tipo di smaltimento, un gap che andrà presto affrontato se la dissalazione, come sembra, si diffonderà ben oltre l’attuale 1% dell’acqua potabile mondiale che produce.
Ma c’è un altro grave aspetto ambientale legato alla desalinizzazione: quello dei suoi alti consumi energetici. In tempi in cui per ridurre le emissioni di CO2 si tenta di diminuire i consumi di energia mettersi a “fabbricare” acqua dolce a colpi di GigaWattore (GWh) non sembra proprio l’ideale.
«In effetti le migliori tecnologie esistenti oggi richiedono circa 4 kWh di elettricità per ogni metro cubo di acqua prodotta», dice il professor di ingegneria ambientale Alberto Tiraferri, del Politecnico di Torino.
Partito Unico
Messaggio 93685 del 20.01.2019, 09:43
Provenienza: Più Salute per Tutti Basta con i Tagli Chirurghici alla Sanità
"Non posso qui che ringraziare - ha aggiunto Barbetti - chi si è particolarmente attivato per il raggiungimento di questo obiettivo, dal Presidente Rossi all'Assessore Saccardi fino al Consigliere Anselmi. Altri traguardi ci attendono e io sarò al loro fianco per raggiungerli".
"In passato - ha proseguito il sindaco di Capoliveri - ho spesso parlato di Regione matrigna ma da qualche anno ho potuto constatare un diverso impegno, anche con importanti azioni, della Regione Toscana verso il nostro territorio insulare e oggi posso tranquillamente affermare che si comporta da madre premurosa verso i suoi figli elbani. Ad maiora".
LIONS CLUB ISOLA D'ELBA
Messaggio 93684 del 20.01.2019, 05:36
INCONTRI TOSCANI FABIO PICCHI E IL TEATRO DEL SALE

Cuoco e mangiatore, personalità eclettica, esuberante e piena di energia, appassionato di cose autentiche, di contadini, norcini e pescatori, di teatranti, di cantanti e musicisti.
Romantico e attento conoscitore degli “umani”.
Arriva dal cuore di Firenze, con il Ristorante e caffè e trattoria “Il Cibreo” e “Il Teatro del Sale”.
Ogni esperienza serve a renderlo “baluardo” di un certo modo antico di interpretare la cucina, di rendere attuali gusti perduti.
Il Teatro del Sale, ricavato in una porzione dell’antico convento delle Malmaritate, è una “locanda dell’accoglienza”, come è accogliente l’idea di cucina che “il Picchi” propone: musica, magia, atmosfere e i piatti che diventano esperienze dei sensi.
Storie trascritte sulla carta, molte, singolari, sempre stuzzicanti, i titoli parlano da soli, mai semplici prove di cucina ma sempre un insieme di emozioni, passioni, analogie : “Il segreto della mezzaluna. Con il ricettario delle sette stelle”, “Papale Papale. Ricette che salvano l’anima”, “Senza vizi e senza sprechi. La virtù in cucina e la passione degli avanzi”, “Ostriche rosse per Napoleone”.
Singolare anche il suo rapporto con l’Elba, quella autentica delle tradizioni, delle piccole osterie, di una cucina espressione del mare e della terra elbana, frutto di un amore nato all’improvviso in un lontano 1981 addentando, in un baracchino anni ‘50 alle Ghiaie, un panino con splendide acciughe che parlavano di mare di freschezza di un intrigante peperoncino che le rendeva uniche…
Il Picchi conoscitore di umani, che ha guardato curioso tra le acquoline in bocca, gli occhi attenti, gli amanti, i cantori di viaggi, di politica, di storia e filosofia, che sono passati tra i suoi tavoli nello snodarsi degli anni, mai uguali l’uno all’altro, mettendo in scena la vita tra le chiacchere da osteria.
Alla fine la cucina e i suoi gesti ne escono come un rivoluzionario piano culturale, capace di interpretare virtù, di allontanare solitudini e malinconie, come coinvolgente messa in scena di anime.
ELEZIONI COMUNALI CAPOLIVERI
Messaggio 93683 del 19.01.2019, 20:46
Provenienza: VIA INNISFAIL QUEESLAND AUSTRALIA-
Dopo un lungo silenzio, si incomincia a dipanare (pare) la matassa liste, listini e listoni. Era ora.
CROCIERE E TRAGHETTI - MARE
Messaggio 93682 del 19.01.2019, 19:24



BANCHINE ELETTRICHE E NAVI A GAS PER I PORTI ITALIANI
-

Anche il Portoferraiese doc, Cap. Lamberto Ferrini della SERVICE - TRADING - CONSULTING YACHT. PRIVAT JET, in questi giorni sta partecipando nelle sedi convenzionali alle riunioni rivolte al progetto innovativo sulla realizzazione di Banchine portuali elettrificate per alimentare dalla rete, le navi ormeggiate invece che con i tradizionali gruppi elettrogeni a gasolio.
Il progetto prevede l’installazione di depositi di gas naturale nei porti per incentivare la transizione delle navi verso i motori a gas, mezzi per la movimentazione elettrici o a basso consumo ed una migliore efficienza operativa energetica degli edifici portuali.
Sono queste le disposizioni più importanti delle Linee guida del ministero dell'Ambiente per le attività portuali, pubblicate in Gazzetta Ufficiale alla fine di dicembre ed interessano sedici Autorità portuali italiane indicando come muoversi sulla strada della decarbonizzazione.
A breve il Cap. Ferrini rilascerà alla stampa gli esiti degli incontri spiegando il progetto ed i benefici di una sua realizzazione.
Ci sarà ancora Moby all'Elba?
Messaggio 93681 del 19.01.2019, 19:03
Provenienza: Il successo della privatizzazione della regione toscana
Traghetti per la Sardegna, il futuro di Moby e Tirrenia dietro lo scontro Toninelli-Onorato sulla convenzione
Il ministro ha annunciato: "Porremmo fine al monopolio, la compagnia non può far schizzare i prezzi. Riscriveremo l'accordo sottoscritto con i governi precedenti". A dicembre la bad company di Tirrenia si è messa di traverso alla fusione con Moby, cruciale per il gruppo. Che conta sulla proroga del contratto con lo Stato tanto da metterlo tra i pilastri del progetto
infatti, la bad company, a dicembre, a tutela del suo credito si è messa di traverso al progetto di fusione Moby-Tirrenia.

Un’iniziativa pericolosissima per il gruppo Onorato, alle prese con una complicata situazione finanziaria. Lo scopo della fusione, infatti, è duplice. Da una parte convincere i creditori del suddetto rifinanziamento a dare ossigeno al gruppo. Dall’altra presentarsi alla scadenza della convenzione con lo Stato, non come una società solvibile ancorché posseduta da un gruppo pesantemente esposto, ma come un soggetto unico, indebitato per circa 700 milioni, per il quale il mancato rinnovo del contratto pubblico equivarrebbe a un quasi certo default. E ‘persuadere’ così lo Stato, per evitare rischi sul suo credito (i succitati 180 milioni), a concedere una proroga almeno triennale del contratto. La fiducia su tale scenario è tale che la proroga figura fra i pilastri del progetto sottoposto ai creditori.
VOLONTARI CAMPESI
Messaggio 93680 del 19.01.2019, 18:22
Provenienza: Campo nell'Elba
UNA GIORNATA DI PULIZIA PER SECCHETO




Continua l’iniziativa di sensibilizzazione ambientale nelle spiagge del comune di Campo nell’Elba. Nella mattinata di sabato 19 gennaio i volontari hanno ripulito la spiaggia di Seccheto. Dopo il maltempo che ha colpito l’Elba a fine ottobre scorso, il vicesindaco campese, Valentina Petrocchi ha chiamato a raccolta chiunque volesse dare una mano a ripristinare gli arenili ed il primo intervento di pulizia è stato a novembre 2018 sulla spiaggia di Marina di Campo. Qualche settimana dopo i volontari si sono spostati a Cavoli e ieri è stata la volta di Seccheto. Sono stati raccolti circa 10 sacchi di rifiuti, principalmente plastica, polistirolo e altro materiale dello stesso tipo dai volontari, in tutto un quindicina di adulti ed una decina di bambini. Il prossimo appuntamento per la pulizia degli arenili campesi sarà sabato 2 febbraio nella spiaggia di Fetovaia. “Proseguiremo poi con altre giornate di pulizia – annuncia il vicesindaco - sulle spiagge di Colle Palombaia e di Galenzana”. Il materiale necessario all’intervento sugli arenili è fornito ai partecipanti dall’amministrazione comunale.
Piero Tomassini
Messaggio 93679 del 19.01.2019, 12:41
Provenienza: Bologna
Vorrei anch’io esternare al nostro parroco, don Emanuele Cavallo, tutta l’ammirazione e la gratitudine che gli dobbiamo.

Sono un “parrocchiano estivo”, un parrocchiano che da oltre cinquant’anni frequenta, con piacere e soddisfazione, il paese di Capoliveri ed i suoi abitanti, un parrocchiano che ha potuto constatare quanto grande siano la generosità, la sensibilità e la disponibilità che don Emanuele riserva a chiunque a lui si rivolga per qualsiasi necessità, sia essa spirituale o materiale. Un parroco che ha saputo creare intorno a sé un gruppo parrocchiale ben amalgamato, con una significativa presenza di giovani, e anche di bambini che con lui si fermano a giocare e a raccogliere i primi insegnamenti di vita. Un parroco che in pochi anni ha saputo dedicarsi, anche col proprio personale lavoro, alla sapiente e completa ristrutturazione sia della Chiesa patronale sia del Santuario della Madonna delle Grazie, riconsegnati poi ai fedeli nel loro iniziale splendore. Un parroco al quale abbiamo TUTTI il dovere di dire “grazie”!

E’ per questo motivo che voglio contestare le affermazioni, anche un po’ offensive, del signor Gennai, capoliverese ormai da una vita trapiantato in Australia, il quale, per il tramite di altra redazione, ha reso pubblica una sua lettera a Sua Eccellenza Monsignor Carlo Ciattini, con l’intento di riesumare un episodio che è stato, è vero, oggetto di divergenze di opinioni fra alcuni capoliveresi, ma che era ormai fortunatamente superato, chiuso e dimenticato.

Polemiche inutili alle quali Capoliveri ha ben risposto domenica scorsa, durante la celebrazione della Santa Messa quando, alla fine di essa, dopo la lettura di una lettera di partecipazione, l’intera comunità, fra lacrime di commozione, baci e applausi ha confermato al celebrante don Emanuele, visibilmente commosso, il proprio affetto e la propria devozione.

Questa è stata la vera risposta alla lettera: un chiaro modo per far capire ad alcuni che è giunta l’ora … di farla finita!


Piero Tomassini
Boh!
Messaggio 93678 del 19.01.2019, 11:21
Dissalatore, tunnel, riapertura delle miniere di Rio con 500 posti di lavoro disponibili...Ma che? Qualcuno o più d'uno hanno persa la testa?
Lavoratore
Messaggio 93677 del 19.01.2019, 10:03
Provenienza: Forza Elba
La Regione Toscana ha detto si al progetto di ampliamento del Buraccio. Posti di lavoro salvi. Grazie al buon senso della maggioranza politica regionale. Legambiente, ovviamente, storce il naso. A loro dei posti di lavoro importa il giusto. L'importante è far sapere che esistono. Questo dichiarano: "L’unica forza politica ad aver manifestato forti perplessità - dichiara Legambiente - sul nuovo progetto di ampliamento della miniera è stata Sinistra Italiana che ha condiviso le ragioni paesaggistiche, economiche ambientali di Legambiente"
Soltanto Sinistra Italiana è rispettosa dei valori di Legambiente. Già. Chissà perché raccolgono l'uno per cento di preferenze....
Radio News
Messaggio 93676 del 19.01.2019, 09:46
Provenienza: Rio
Ultim'ora: l'apertura del tunnel sottomarino consentirà l'abbattimento dei costi di trasporto del minerale dalle cave di estrazione fino alle acciaierie di Piombino. La Società inglese Liberty, neo proprietaria della Magona, ha già dato incarico per studiare la riapertura delle miniere di Rio. Prossimamente, presso l'anfiteatro delle miniere, sarà presentato il progetto della nuova attività in 5D. Sono previsti dai 300 a 500 posti di lavoro per operaio addetto alla coltivazione mineraria. Nei prossimi giorni pubblicheremo le dichiarazioni di alcuni elbani intervistati in merito alla nuova possibilità occupazionale. Al momento riportiamo la risposta che più ci è piaciuta: ma come, proprio ora che ci danno il reddito di cittadinanza?
Da Radio News per oggi è tutto. Buon fine settimana.
VERSO PRIMAVERA 2019
Messaggio 93675 del 19.01.2019, 09:08
LISTE, LISTONI, CORRENTI E CORRENTONI SI FANNO GUERRA ALLE SPALLE DEI COGLIONI



A parte le appartenenze politiche, gli attuali diktat degli inguaribili tromboni che urlano sguaiatamente “O con me o contro di me” ed il continuo inarrestabile prolificare di liste, listini, listoni correnti e correntoni , un fatto è certo e ti colpisce come un pugno nello stomaco….e se prestate orecchio sentirete di …..
Quanti salvatori della patria ,! Quanti si dichiarano “disponibili” ! Quanti si spintonano sulla strada della Biscotteria , insomma un immenso e deprimente casino… ma questa ….. È Portoferraio, è l’Elba è l'Italia, purtroppo.
In questo teatrino assistiamo come spettatori paganti ad un vergognoso scontro che si dipana tra vendette, velate epurazioni e altre inimmaginabili lotte intestine ma….. forse, sono tutti impazziti….
E noi? Questo popolo preso per il culo per tanto tempo che vorrebbe riappropriarsi dei suoi diritti e con intelligenza sembra non voler lasciarsi più affascinare da quelle facce da faccendieri che non compreremmo nemmeno con i saldi di fine stagione, cittadini che vorrebbero traghettare in politica gli uomini del fare( specie in estinzione), volti nuovi, giovani, amanti del proprio paese e non della propria immagine.
Guardatevi intorno e converrete che non è facile…...
Certo è che la carta vincente, per una qualsiasi aggregazione, lista o listone , sarà il personaggio da presentare agli elettori. I vecchi “tromboni trombati” ci hanno soffocato per troppo tempo ed anziché essere il supporto della democrazia si sono rivelati solo avidi distruttori con alle spalle misteriosi sponsor mascherati da uffici di collocamento per i propri assistiti.
La società cambia e ne dobbiamo accettare i mutamenti, a volte spontanei perché evolutivi, e soprattutto determinati dalle esperienze precedenti acquisite.
Il Fossombroni politico del granducato di Toscana del XVIII sec. (se non erro) diceva: il mondo va da se e noi diciamo che i fatti determinano l'orientamento..( traduzione maccheronica: "Ognuno ha il governo che merita")
Purtroppo….Oggi la scelta di un sindaco e dei suoi collaboratori è un terno al lotto . Rimane solo come ultima spes quella di guardarsi le terga per evitare che ritornino coloro che ancora si spacciano per Unti dal Signore , gentaglia senza vergogna che cerca solo di salvarsi sgomitando per salire o rimanere in cattedra…..
AUTOSPURGHI ELBANI
Messaggio 93674 del 19.01.2019, 09:00
per ASA
Messaggio 93673 del 19.01.2019, 08:30
Provenienza: Marciana Marina
L'acqua è poca..... Sono già 5/6 mesi che ho segnalato un guasto alla condotta..... Chi sa quanta acqua è andata persa..... Ma quando pensate di intervenire????
"Zio Mauro"
Messaggio 93672 del 18.01.2019, 19:26
Provenienza: Portoferraio
per ANSA ROMA.......e informazione ai naviganti


Forse è sfuggito che verrà riaperta la TONNARA dell' Enfola, che oltre al tonno tratterà:
aringhe, sardine, alici (acciughe), sgombri (acerti) merluzzo (per lo stoccafisso e il baccalà), e se avanza la salamoia, per i capperi e i prosciutti.
Inoltre, varrà fatto un deposito che servirà anche per il sale nelle zucche e la riapertura delle Antiche Saline a Portoferraio.


Presto per quota cento
Messaggio 93671 del 18.01.2019, 18:26
Provenienza: Campo
Il reddito di cittadinanza è realtà ed anche quota cento. Per il momento, a ridosso della campagna elettorale e per decreto (c.d. decretone). Il tutto dovrà poi trovare la quadra nella prossima legge di bilancio e a quel punto i nodi verranno al pettine. Una cosa è certa, quei pochi che riusciranno ad andare in pensione quest'anno avranno un beneficio, così come quelli che per quest'anno riusciranno a percepire il reddito di cittadinanza. Dal prossimo anno, tutti, dovremo pagarne le conseguenze. In bocca al lupo a tutti noi.
CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA
Messaggio 93670 del 18.01.2019, 17:35
Provenienza: Portoferraio
“SEQUESTRO DI BICICLETTE IN PORTO”



Nella giornata di oggi, venerdì 18 gennaio, gli uomini della Guardia Costiera di Portoferraio hanno effettuato una operazione destinata alla rimozione di numerose biciclette lasciate abbandonate in alcune aree del Porto di Portoferraio. Precisamente, sono state rimosse le biciclette che erano state legate alle catene e paletti ornamentali del porto, sul ciglio banchina dal Molo Gallo alla banchina Calata Depositi sino alla Calata Italia. In tutto sono state rimosse 11 biciclette di cui 7 classificate come rifiuto e consegnate al personale ESA (Elbana Servizi Ambientali), intervenuto in ausilio nel corso dell’operazione, per il successivo smaltimento. I cicli sono stati rimossi perché depositati abusivamente sul suolo demaniale portuale, ma anche perché pericolosi per i fruitori del porto a causa del loro cattivo stato (molti risultavano essere coperti da ruggine e con ferri sporgenti). Le restanti 4 biciclette, che si trovano in buono stato, sono state poste sotto sequestro amministrativo e depositate presso i locali giudiziari della Capitaneria di Porto di Portoferraio ove potranno essere ritirate, con le previste formalità dai proprietari. Nei giorni precedenti erano stati apposti degli avvisi di rimozione sulle bici , per informare i ciclisti del divieto. Con l’occasione la Capitaneria di Porto, favorevole all’utilizzo corretto di mezzi ecologici come le biciclette, invita, tuttavia, la cittadinanza a non depositare bici in prossimità delle banchine portuali, sia per motivi di decoro sia di sicurezza, ricordando in ogni caso che le norme del codice della navigazione prevedono per tale inosservanza sanzioni amministrative fino a cento euro.
CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA
Messaggio 93669 del 18.01.2019, 16:31
Provenienza: Viareggio
CAPITANERIA DI PORTO DI VIAREGGIO A TUTELA DELL’AMBIENTE




Nell’ambito dell’espletamento dei compiti di tutela ambientale che la legge affida al Corpo, gli uomini della Capitaneria di Porto hanno effettuato nei giorni scorsi alcuni accertamenti su attività commerciali ed insediamenti produttivi di Viareggio, per verificare illeciti nella gestione e nello smaltimento dei rifiuti, con particolare attenzione alla tutela delle acque ed allo smaltimento dei reflui di natura industriale nel rispetto del Testo Unico Ambientale 152/2016.
Nel dettaglio, l’attenzione dei militari si è rivolta agli autolavaggi, sia manuali con operatore che self-service a gettoni, Per tali tipologie di attività, le norme prevedono che le acque provenienti dal lavaggio degli autoveicoli devono essere considerate quali “acque reflue industriali” e, pertanto, obbligatoriamente da convogliare in appositi impianti di trattamento e depurazione per la separazione della parte contenente i residui ed i fanghi di lavaggio, raccolta temporaneamente in apposite vasche a tenuta stagna, dalla parte così depurata che può così confluire direttamente nella rete fognaria. Gli scarichi degli impianti, devono pertanto essere preventivamente autorizzati dagli Enti competenti e periodicamente controllati.
Quanto sopra in relazione alla qualità potenzialmente inquinante delle acque reflue di lavaggio degli autoveicoli, sensibilmente maggiore rispetto a quella delle acque reflue urbane o domestiche per la presenza di oli minerali esausti e sostanze chimiche contenute nei detersivi.
Delle 6 attività finora ispezionate, solo una è risultata completamente in regola e un’altra ha ricevuto alcune prescrizioni che dovranno essere ottemperate entro breve termine.
In 3 diversi impianti sono stati, invece, rilevate irregolarità tali da portare all’elevazione di 3 verbali ammnistrativi di importo da 1.000 a 6.000 euro e contestualmente imposte alcune prescrizioni in materia di gestione dei reflui stoccati, che i gestori degli impianti dovranno soddisfare per evitare l’instaurarsi di un procedimento penale a loro carico da parte dell’Autorità Giudiziaria.
Le irregolarità amministrative hanno riguardato, in particolare, la mancata esibizione o la corretta tenuta dei registri di carico o scarico dei rifiuti, sui quali vanno annotate le avvenute operazioni di conferimento dei fanghi di lavaggio accumulati nelle apposite vasche di raccolta, operazioni da effettuare a cadenza periodica (almeno annuale) tramite ditte specializzate.
Il caso più grave è stato riscontrato, inoltre, in un autolavaggio self-service nel centro di Viareggio, laddove i militari hanno scoperto che, seppur in presenza di un regolare titolo autorizzativo ambientale, da oltre 15 anni non veniva effettuato il conferimento dei fanghi di lavaggio ed i pozzetti di raccolta sono risultati al limite della loro capienza massima, il che non esclude l’ipotesi di trafilamenti nel tempo nel sottosuolo circostante. Ciò ha portato al sequestro d’iniziativa dell’impianto e al deferimento all’Autorità Giudiziaria del gestore per deposito incontrollato di rifiuti e pericolo grave di inquinamento, così da interrompere il protrarsi dell’illecito ed il pericolo per l’ambiente.
I controlli della Guardia Costiera di Viareggio si inseriscono in un già avviato programma di sensibilizzazione e monitoraggio ambientale coordinato dalla Direzione Marittima della Toscana, a salvaguardia dell’ambiente marino e costiero, a garanzia della tutela dei corsi d’acqua che recapitano in mare, e, quindi, della balneabilità del nostro mare. L’attività proseguirà anche per tutelare quelle attività commerciali che, invece, operano nella legalità.
A il Reddito di cittadinanza è realtà
Messaggio 93668 del 18.01.2019, 16:27
Le osservazioni degli autorevoli giornalisti e politici che, documentatissimo, riporti dovrebbero togliere ogni illusione di stare risolvendo i propri problemi a tantissimi Italiani. Stento a crederlo, anche se sono convinto che una ridotta platea di connazionali potrà accedere a questa prebenda e forse sopratutto gli evasori fiscali che dichiarano redditi da fame. Finirà che a percepire questo reddito saranno quelli magari che guadagnano tanto, ma dichiarano poco o nulla?
Come farnno poi a proporre posti di lavoro ai percettori di questo reddito se di lavoro non ce n'è, anzi le aziende chiudono?
Fino a tre propste di lavoro? Ma siamo matti? E poi "congrui", cioé corrispondenti alle aspettative dei percettori?
Se viene offerto un posto di operatore ecologico a 100 Km di distanza, si potrà quindi rifiutare perché non ritenuto "congruo"?
Come si farà e con quali enormi costi si potranno realizzare i corsi di formazione e riqualificazione?
Quali risorse economiche dovrebbero essere messe in campo per riorganizzare e rinfoltire di impiegati i centri per l' impiego?
Un casino infinito che decreterà la fine di Di Maio e dei Cinque Stelle.
Stefano Carbonaro Scrivi a Stefano Carbonaro
Messaggio 93667 del 18.01.2019, 13:54
Provenienza: Portoferraio
Buongiorno a tutti ! con grande piacere e felicita' vi comunico ufficialmente che il progetto " Madonnina del Grigolo" "Stella Maris" e' arrivato ad una conclusione positiva. Il Progetto di Recupero della attuale Madonnina, la sua conservazione e sostituzione con un nuovo manufatto, da oggi il progetto e' ufficiale e partira' a breve. Presto verra ' comunicata alla popolazione la cerimonia e la data di installazione. Un ringraziamento doveroso mio personale al Rotary Club International sez Elba, per l ' appoggio e finanziamento per questa causa, segnalata da Giancarlo Amore e da Me personalmente portata avanti in solitaria ,con diverse difficolta' e con l' aiuto materiale di alcuni amici resi disponibili alla realizzazione di questo progetto. Un simbolo di Portoferraio sara' salvato! Grazie ancora a tutti e arrivederci a presto!!!
X RIO
Messaggio 93666 del 18.01.2019, 11:03
il tuo post mi ricorda tanto la scena di tre uomini e una gamba, dove si vede Aldo sbucare dalla sabbia, fare Gol, festeggiare con Giovanni e Giacomo e poi scoprire che la partita è finita 10 a 1... Se guardiamo il progetto prima, da finanziare con 30 miliardi di sprechi del governo con il topolino partorito nel decreto (finanziato a debito) capiresti che hai poco da festeggiare. Però siamo in italia, dove si tifa e non si fa politica, quindi va bene così.
Canottieri elbani campioni del mondo
Messaggio 93665 del 18.01.2019, 10:48
ANCHE QUATTRO ELBANI PER IL NUOVO RECORD DEL MONDO LARGE TEAM LIGHTWEIGHT MIX DI INDOOR ROWING




Ci sono anche quattro vogatori elbani tra i 30 atleti, 10 donne e 20 uomini, che il 12 e 13 gennaio scorsi, in una apposita postazione organizzata all’interno delle strutture sportive del Park Hotel Marinetta di Marina di Bibbona, hanno stabilito il nuovo record del mondo Large Team Lightweight mix di indoor rowing (canottaggio indoor con remoergometro) con 45.0434 metri in 24 ore, su remoergometri Concept 2. Nel team organizzato dall’esperto e pluridecorato vogatore livornese Mauro Martelli, erano infatti presenti Isabella Rossi e Maurizio Lupi dell’ASD Amici del Mare di Portoferraio e Beatrice Lori e Davide Mancini dell’ASD Canottieri Porto Azzurro. Il precedente record apparteneva al team francese del Lycée Notre-Dame de la Merci di Montpellier, che avevano realizzato 418003 metri. L’evento, organizzato da Sportlandia – GS VVF Tomei, aveva come in altri casi uno scopo benefico con la raccolta di fondi per “Oliver accende un sorriso”, una Onlus che opera nelle corsie dell’ospedale di Cecina a favore dei bambini. I quattro canottieri, tutti residenti a Portoferraio, saranno ricevuti a Palazzo della Biscotteria sabato 26 gennaio alle ore 12 dal sindaco Mario Ferrari, che ha intenzione di conferire loro un riconoscimento
Centro culturale De Laugier
Messaggio 93664 del 18.01.2019, 09:57
ALESSANDRO PUGI PRESENTA IL SUO ULTIMO LAVORO EDITORIALE



“L’Origine del Male”, la presentazione di scena a Portoferraio. A fianco dell’autore del libro Alessandro Pugi il Capitano Mazza dei Carabinieri e il commissario Pennetti della Polizia Penitenziaria Dopo la presentazione a Più libri più liberi, la Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria di Roma, il romanzo di Alessandro Pugi sbarca all’Isola d’Elba, anche se in verità la parentesi “presentazione”, era già stata avviata la scorsa estate a Mardilibri. Vincitore del premio “La Giuria” al premio letterario internazionale “Milano International” e premiato al premio letterario “Michelangelo Buonarroti” di Forte dei Marmi, il nuovo lavoro dello scrittore elbano, affronta temi importanti e lo fa, per la prima volta nei suoi romanzi, nella splendida cornice dell’Isola d’Elba, citata, sotto mentite spoglie con il nome di “Isola di Sant’Andrea”. Sabato 19 gennaio, presso il centro culturale De Laugier, alle ore 17:00, lo scrittore presenterà il proprio lavoro coadiuvato dal capitano dei carabinieri, Ezio Mazza e il commissario capo di polizia penitenziaria Vincenzo Pennetti. Le letture saranno eseguite da Alessandra Polverini. Nel romanzo, le pagine sbrogliano la trama lentamente, tra le bellezze di un’isola apparentemente dormiente ma che sa nascondere segreti cruenti. In un mix di adrenalina, tensione e scese d’amore, il magistrato Elena Banti, a capo del pool “NoStalking” istituito presso la procura di Roma, dovrà tornare, suo malgrado, sull’isola per affrontare demoni del passato e del presente, che seminano vittime tra gli abitanti della piccola perla in mezzo al Mediterraneo, così come la descrive lo scrittore Gordiano Lupi nella sua recensione: “Un romanzo in cui la parte dedicata alle descrizioni marine, alle montagne che degradano verso le onde, alle calette e scogliere che si aprono in faccia all’infinito, è un valore aggiunto e insolito in un thriller che a tratti ci riporta alle atmosfere cinematografiche de L’avventura di Antonioni. Tutto il resto è thriller, uno stalker e la sua vittima, la paura, la tensione, l’angoscia, un incubo assurdo che trascina il lettore in una spirale di violenza alla quale il magistrato incaricato dovrà trovare una soluzione per dare una risposta a una domanda impossibile: Qual è l’origine del male?” CITTA’ DI PORTOFERRAIO Provincia di Livorno “E’ doveroso ringraziare - dice infine Michela Tanfoglio, presentatrice della manifestazione - gli sponsor che ci hanno aiutato a mettere in piedi questo evento: la CTL edizioni di Livorno, la libreria MardiLibri, la pasticceria DulcisSimo, la SouL Sport abbigliamento sportivo, il Corriere Elbano, la EditReal, agenzia letteraria, l’assessore Marini e il comune di Portoferraio
Il Reddito di Cittadinanza è REALTA'
Messaggio 93663 del 18.01.2019, 09:50
Provenienza: RIO
Sotto vi riporto una piccola rassegna di chi voleva convincerci a non fare nulla. A futura memoria. Perchè chi non è capace di guardare al di là del proprio naso non ha alcuna chance contro chi non perde la capacità di sognare.

“Il reddito di cittadinanza è una barzelletta, è una bufala e una presa in giro degli italiani” Silvio Berlusconi
“‘Scherzi a parte’ potrebbe chiamarsi ‘reddito di cittadinanza’, ci avete creduto” Matteo Renzi
“Il reddito di cittadinanza è irrealizzabile” Graziano Delrio
“Il reddito di cittadinanza è la bufala” Vittorio Sgarbi
“Reddito di cittadinanza? È una truffa” Daniela Santanchè
“Il reddito di cittadinanza è irrealizzabile, Di Maio dica la verità” Elisabetta Gualmini
“Il reddito di cittadinanza è irrealizzabile” Tito Boeri, Presidente Inps
“Un reddito di cittadinanza in Italia è insostenibile” Ignazio Visco, Governatore della Banca d’Italia
“L’utopia del programma M5S: il reddito di cittadinanza è irrealizzabile” Democratica
“Reddito di cittadinanza, occorrono 29 miliardi. Gli esperti: irrealizzabile” Il Mattino
“Perché l’idea grillina del reddito di cittadinanza, numeri alla mano, è irrealizzabile” Il Foglio
“Il sogno irrealizzabile del reddito di cittadinanza versione 5 stelle” Business Insider
“Reddito di cittadinanza. Una missione impossibile” Affari Italiani
“Il reddito di cittadinanza è una bufala clamorosa (e ve la siete bevuta tutta)” Linkiesta
Topi, ratti e tarponi.
Messaggio 93662 del 18.01.2019, 09:15
Provenienza: Marina di Campo
Buongiorno Direttore,
volevo solo segnalare al Comune e al Parco che c'e' un'invasione di topi ratti e tarponi nell'immediata periferia di marina di Campo, hanno già attaccato ben quattro autoveicoli rovinando alcune cose nel vano motore, invece di sprecare soldi a destra e a manca riuscirete come nel caso dei ratti neri di Montecristo e Pianosa a eradicarli, o continueranno a proliferare indisturbati come i cinghiali?
D'altronde sia i topi che i cinghiali danno un incremento all'economia e al pil con tutti i danni che fanno, danno lavoro e fanno spendere soldi a quei coglioni che subiscono i danni, finchè non portano qualche grave malattia, ma del resto Volterra è chiuso.
POLIZIA DI STATO PORTOFERRAIO
Messaggio 93661 del 18.01.2019, 08:55


ANCORA UN FERMO PER POSSESSO DI STUPEFACENTI


Nell’ambito dell’attività delle Volanti per il controllo del territorio, nella mattinata di ieri sono stati effettuati diversi controlli ed identificazioni.
In quest’ambito la pattuglia del Commissariato, transitando in questa via Vittorio Emanuele II ha identificato alcuni giovani.
Ai controlli, inizialmente sommari, è seguita una perquisizione a carico di un 17enne particolarmente agitato.
Il ragazzo veniva trovato in possesso di una modica quantità di sostanza stupefacente e pertanto si procedeva al sequestro ed alla contestazione amministrativa.
Reddito di cittadinanza
Messaggio 93660 del 18.01.2019, 07:53
Chi me lo fa fare di lavorare 3,4 mesi in estate, sfruttato come meglio pare dal mio ristoratore, e poi prendere 2 mesi di disoccupazione, per un totale, se va bene di 6.000 euro, se senza far nulla per 12 mesi a 780 euro al mese guadagno 9.360 euro?
Poi mi faccio un po' di lavoretti in nero e sono così a posto!
Anche la mia compagna farà lo stesso e finalmente potremo vivere da benestanti, liberi di andare dove più ci piace...e dopo tre anni di fermo, ritornarcene in Thailandia!
Viva Di Maio!
marco galli
Messaggio 93659 del 17.01.2019, 21:22
pronto anche il progetto per l'autostrada cavo portoferraio
per ANSA Roma
Messaggio 93658 del 17.01.2019, 19:46
Provenienza: Portoferajo
Scusa ,dimmi se ho capito bene : per aggirare il problema dell'immissione in mare dell'acqua ipersalata , o salamoia , prodotta dal dissalatore, la stessa potrebbe essere usata per colture tolleranti il sale e per estrarre metalli vari..... fin qui tutto bene, sulla carta si sa i bilanci tornano sempre.. MA MI CHIEDO : se esistono colture che sopportano un certo grado di salinità non credo che ne esistano tali da sopportare un certo gradi di IPERsalinità , a meno di non diluire la salamoia con acqua dolce e allora il conto energetico inizia a non tornare ... E poi ? quali metalli si estraggono dalla salamoia ? elettricità
?si , forse sufficiente per alimentare una lucina led del cimitero o similare e quali costi di estrazione e ambientali per estrarre i famigerati metalli ????? con altri impianti industriali , energia elettrica a sfare , acidi , e altre schifezze del genere che poi vanno smaltite e si sa dove vanno a finire ... in mare !!!! oggiuù BASTA!!!!! smettetela di prendere il cittadini per il culo !!!!!!
x elba salute
Messaggio 93657 del 17.01.2019, 18:06
Provenienza: sghinghetta
Una domanda per Semeraro, lei ha descritto una situazione drammatica risolta, a suo dire, per pura fortuna.
Oggi la ASL comunica che invece non ci sono state criticità fuori della norma.
Cortesemente, lei conferma la situazione descritta?
ESA Servizi ambientali
Messaggio 93656 del 17.01.2019, 17:44
Speciale Elba Tunnel
Messaggio 93655 del 17.01.2019, 17:28
Non è che fra dissalatore e Tunnel si sono messi in capo di dare un bel colpo di grazia alla nostra isola?
Non è che dietro c'è gente che intende ricavare profitti enormi da queste proposte?
Dubbi di un miscredente!
Mario Ferrari sindaco
Messaggio 93654 del 17.01.2019, 16:10
LE PRECISAZIONI DEL SINDACO FERRARI SULLA COSIMO DE' MEDICI .





“I dipendenti della Cosimo de’ Medici e la cittadinanza devono sapere che il sindaco e i suoi collaboratori stanno lavorando per il bene della società partecipata, e quindi per salvaguardare le sue potenzialità e i posti di lavoro”. Il sindaco di Portoferraio Mario Ferrari ritiene opportuno fare questa precisazione, alla luce delle continue notizie fuorvianti che emergono dalla stampa e dai blog, a proposito della indispensabile revisione dell’attività della società di cui il comune di Portoferraio è socio unico. “Purtroppo – dice Ferrari – qualcuno sta già facendo campagna elettorale su questa vicenda, rischiando di far precipitare la situazione con conseguenze che si riverserebbero sul futuro della società e quindi sui dipendenti. Il mio scopo – aggiunge il sindaco di Portoferraio – è soltanto quello di salvaguardare la Cosimo de’ Medici e chiarire la situazione contabile al più presto, con la garanzia che, non appena il lavoro sarà correttamente avviato, avrò personalmente cura di comunicare alla cittadinanza come stanno esattamente le cose, individuando ogni singola responsabilità ed adottando gli atti conseguenti”
Per non tutto è da salvare
Messaggio 93653 del 17.01.2019, 15:33
Provenienza: Rio
Condivido in pieno il tuo post. Quell'area, posta allo sbarco dei traghetti, è orribilie e rappresenta il peggior biglietto da visita per il turista che sbarca all'Elba. Complimenti all'Amministrazione di Portoferraio se, finalmente, renderà più dignitosa la porta d'accesso alla nostra isola. Gli ambientalisti del giorno dopo e gli amanti del brutto se ne faranno una ragione.
www.edicolaelbanashow.it Scrivi a www.edicolaelbanashow.it
Messaggio 93652 del 17.01.2019, 15:00
Provenienza: Porto Azzurro
https://www.edicolaelbanashow.it/post/182084136785/edicola-elbana-show-del-17-gennaio-2019

SPECIALE ELBATUNNEL

L'Edicola Elbana Show si e' vista arrivare stamani un Architetto, un Geologo ed un Geometra, si dice chesiano all' Elba in missione per conto del Tunnel.
Questi ora anche al Bar ce li troviamo... ma allora fanno sul serio con questo Tunnel?
Servono soldi
Messaggio 93651 del 17.01.2019, 14:48
Provenienza: Pianosa Campo nell'Elba
Gentile Direttore,
leggo sul tirreno che il sindaco dice che servono duecentomila euro per riparare i danni di una mareggiata autunnale a Pianosa e che il comune non ha soldi, spero che i ricchi miliardari campesi facciano una colletta a tale scopo, altrimenti il sindaco dovrà mettere l'imu e le tasse comunali al massimo a tutti gli immobili di Pianosa, Hotel, Ristorante, spero non lo faccia per tutti gli immobili di Campo nell'Elba, già la tassa sui rifiuti è stata aumentata perchè non tutti la pagano, così è stato scritto, devono pagare sempre i soliti e pagare sempre di più, ci vorrebbe anche un aumento della tassa di sbarco per Pianosa per il Comune per la felicità dei turisti.
Grazie.
P.S.
Perchè nel comune di Campo è tutto bello e perfetto e non serve niente? Pianosa ha la precedenza?
NON TUTTO E' SALVARE
Messaggio 93650 del 17.01.2019, 10:35
ARCHEOLOGIA INDUSTRIALE .



Leggo gli interventi di Italia nostra ne condivido molti ma alcuni mi sembrano delle forzature quindi domando:

Cari amici , perdonate la mia ignoranza ma faccio fatica a capire... nel rispetto delle opinioni di tutti mi chiedo dove sta il valore storico culturale in una rovina destinata a scomparire nel degrado e nell'indifferenza. Ci si ricorda del valore delle cose solo quando diventano proprietà di altri. Io questa sindrome di voler decidere quello che gli altri debbono fare o non fare non la capisco, riguardo al nuovo Eurospin e progetto lato porto mi sembra che un intervento del genere, oltre a riqualificare un pezzo di territorio, ridare decoro al porto, interventi che poi pagano tasse a gogo, imposte di registro sull'acquisto, oneri al comune per la ristrutturazione, IVA su forniture e servizi, IMU e quant'altro, oltre a dare occupazione per la costruzione e la futura manutenzione.
Questo è bene o è male? Per quanto riguarda il valore storico culturale degli immobili, o si mettono tutti e subito sotto tutela e si stabiliscono regole per la riqualificazione (ormai quasi impossibili da attuare con le norme antisismiche , il ventilato impatto ambientale e tante altre cose ), oppure si lasci libertà dove è possibile , all'iniziativa privata prima che sparisca definitivamente ogni forma di iniziativa di investimento su questi territori e con esse ogni forma di sostentamento economico.
Il piccolo nuovo Napoleone
Messaggio 93649 del 16.01.2019, 16:21
Per il piccolo Napoleone elbano, il boia non è chi molla, ma chi molla in mare poveri disperati e ci fa campagna elettorale. Sia ben chiaro che Portoferraio è come la Lega, puoi lisciare il pelo quanto ti pare, ma non ti vogliamo.
Mario Ferrari sindaco
Messaggio 93648 del 16.01.2019, 16:07
IL SINDACO FERRARI REPLICA AGLI ARTICOLI DI STAMPA SULLA COSIMO DE MEDICI


“Ritengo gravi e fuorvianti le affermazioni apparse sulla stampa e riconducibili al Presidente della Cosimo de’ Medici Vittorio Campidoglio”. Così il Sindaco di Portoferraio Mario Ferrari interviene con una precisazione doverosa sull’argomento delle dimissioni del consiglio di amministrazione della società partecipata. “Quanto apparso oggi sulla stampa – dice Ferrari – è frutto di atteggiamenti pretestuosi e di cavillosi espedienti, in violazione dei doveri che il Codice Civile pone a carico degli amministratori di società partecipate, che confermano la volontà degli interessati di agire in contrapposizione dell’Amministrazione Comunale e del Sindaco stesso, che, in qualità di socio unico, ha il diritto – dovere di esercitare il controllo sulla società e di esercitare il proprio potere di nomina”. “E’ risultato palese - continua il Sindaco – non solo da quanto noto attraverso i giornali locali ma anche dalle affermazioni fatte dal Revisore Unico in assemblea, che i suddetti componenti del CdA erano ben a conoscenza della convocazione, al di là di pretestuosi riferimenti a possibili errori di battitura riguardanti la data della convocazione stessa. I membri del CdA si sono fatti scudo di questo per violare, ancora una volta, i criteri di responsabilità e di fiducia a cui sono sottoposti gli amministratori di una società partecipata di proprietà comunale che, ricordo, amministrano in qualità di mandatari del socio unico, in costante presenza di una comunione di intenti che, da tempo, come dimostra la corrispondenza agli atti, è venuta meno ”.
Pasquino
Messaggio 93647 del 16.01.2019, 15:46
Provenienza: rio marina
Gentilissimo amico. La parola fan mi fa un po’ schifo, comunque noto nel suo intervento una vena di ironia ma vede, Pasquino, che immagino Lei sappia chi era, non frequentava né papi né sacrestani come io non ho consiglieri e non do consigli. Pasquino è una voce nell’aria, ascolta, vede, e vola. Certo speravo, effettivamente, che nel caso specifico la mia voce sollecitasse qualche curiosità soprattutto da parte della signora Battaglia (interessata molto da vicino), ma ciò non è avvenuto. Ripeto comunque che la mia è solo una voce. Ma visto che è così attento potrebbe interessarsi, magari, anche dell’appalto per la gestione ed il controllo della rete Internet del comune, o del sistema di appalti per interventi di riparazione e manutenzione del territorio, sempre agli stessi, si potrà divertire. Io, più modestamente, continuerò a far volare la mia voce chissà, forse potrebbe interessare qualcuno. Sui poveracci di turno no comment. Un saluto alla redazione ed un grazie se vorrà pubblicare
marco
Messaggio 93646 del 16.01.2019, 15:44
affitto fondo di 15mt in centro a marina di campo affitto basso per contatti chiamare 3398265969
DARSENA MEDICEA
Messaggio 93645 del 16.01.2019, 15:20


LA COSIMO naviga a vista tra le alghe ...
GIULIANO LAVAGNINI RINUNCIA ALL'INCARICO
Lega o non lega
Messaggio 93644 del 16.01.2019, 12:13
Provenienza: Isola d'Elba
Poiché interessa il "mondo" politico elbano e non solo credo sia giusto che sappiate che c'è qualcuno che millanta credito oppure qualcun altro che sminuisce il lavoro dello pseudo rappresentante elbano.
o l'uno o l'altro, vi invito a fare una attenta riflessione cliccando su questo link che vi porterà a leggere un bell'intervento del luglio scorso supportato dall'allontanamento del soggetto da quel di Siena... nel successivo mese di ottobre

http://iltirreno.gelocal.it/regione/toscana/2018/07/14/news/lega-crepe-sinistre-in-toscana-infiltrati-da-renziani-e-verdiniani-1.17059281

credo sia giusto che le informazioni giungano corrette e non fuorviate da false denominazioni probabilmente mai autorizzate...
MESSAGGERI DEL MARE
Messaggio 93643 del 16.01.2019, 11:09
Provenienza: S.Bramanti
SABATO A "TG2 STORIE" I MESSAGGERI DEL MARE E GLI STUDENTI DEL CERBONI



Un servizio televisivo sui Messaggeri del Mare in onda sabato 19.1 a partire dalle 00,15, su Rai 2 nel programma "Tg2 Storie". Non solo, insieme ai Messaggeri Pierluigi Costa, Lionel Cardin, Elisa Negri e Eginio Galeazzi, saranno protagonisti anche gli studenti dell'Itcg Cerboni di Portoferraio, i ragazzi della quarta e quinta geometri e quelli della quarta agraria, con in testa la loro digerente scolastica Grazia Battaglini, nonché il docente Antonio Tucci e la responsabile dei servizi multimediali Chiara Esposito. “Il servizio è firmato dal giornalista del Tg2 Daniele Rotondo – informa Costa - che, insieme alla sua troupe, aveva assistito, settimane fa, alla nostra presentazione in quella scuola del nuovo progetto riguardante una maxi staffetta nazionale da Lampedusa al Monte Bianco. In aprile attueremo varie tappe via mare e via terra e sarà percorso lo Stivale da sud a nord, per portare alla ribalta il problema delle carenze di servizi negli ospedali periferici italiani, a partire da quello elbano. Molti sono colpiti da tagli di organici o reparti”. Il servizio quindi mostrerà anche gli studenti intenti a fare certe domande ai Messaggeri e sarà documentato pure il quotidiano tuffo in mare che i due nuotatori per missioni di solidarietà fanno ogni giorno nel mare elbano, spesso a Chiessi. “La staffetta infine- conclude Cardin- raggiungerà il ministero della salute a Roma, dove una delegazione porterà il messaggio pro piccoli ospedali,

messageridelmare.it
Michelangelo Zecchini
Messaggio 93642 del 16.01.2019, 11:03
È DELL’OTTOCENTO LA MATRICE ESPOSTA COME PREISTORICA NEL MUSEO DI RIO: ON LINE UNA RICERCA DI MICHELANGELO ZECCHINI



Nel museo del distretto minerario di Rio Alto è esposta una piccola matrice in arenaria macigno, multipla e frammentaria, per la produzione di strumenti di bronzo, di rame o di ferro. La trovò Raffaello Foresi nel 1865 a Colle Reciso/S. Lucia e ne inviò un modello a Igino Cocchi, professore di geologia all’Università di Firenze, affinché la esaminasse. Entrambi la ritennero autentica e la riferirono all’Età del Bronzo. In anni recenti studiosi di università e di soprintendenze hanno rianalizzato la matrice riferendola di volta in volta a tempi protostorici o al Medioevo, oppure etichettandola come probabile falsificazione.
Secondo Michelangelo Zecchini, che ha pubblicato i risultati della sua ricerca nel sito on line Academia.edu, aggiornando una precedente bozza, nessuna delle tre ipotesi è valida: la matrice non risale né all’Età del Bronzo né al Medioevo, e non è neppure una falsificazione. Si tratta, al contrario, di una forma da getto della prima metà dell’Ottocento adatta a produrre puntali e punte di lancia per cancelli o inferriate.
Per chi volesse leggere o scaricare lo studio di Zecchini questo è il link:

https://www.academia.edu/38161106/LA_MATRICE_LITICA_DI_COLLE_RECISO_NEL_MUSEO_DI_RIO_ELBA.pdf
CERAMICHE PASTORELLI
Messaggio 93641 del 16.01.2019, 11:00
ITALIA NOSTRA
Messaggio 93640 del 16.01.2019, 09:19
A PORTOFERRAIO PIACCIONO I MARCIAPIEDINI




A Portoferraio, all’isola d’Elba, vanno di moda i “marciapiedini”, magari stretti e corti, dove poter camminare in fila indiana, come quelli disegnati dall’Autorità Portuale, o divisi per segmenti come preferisce l’Amministrazione comunale. Abbiamo anche avuto un marciapiede atipico, la pista ciclabile più corta al mondo che, dopo essere stata dipinta di blu, è poi sparita.
Adesso, sono stati costruiti nuovi marciapiedi davanti alla Porta a Terra, uno dei due ingressi alla città fortificata di Cosmopoli. Italia Nostra li considera un nuovo attacco al patrimonio culturale dell’isola, sottolineandone anche l’inadeguatezza e secondi, come importanza e in ordine di tempo, alla demolizione, ricostruzione e ampliamento della Gattaia - entrambi gli interventi realizzati con l’approvazione della Soprintendenza.
È questa la soluzione scelta dal Comune di Portoferraio e dall'Ufficio di ElbaSharing Civitas Destinations per agevolare meglio il flusso di quei visitatori che, dalla zona portuale di attracco dei traghetti e delle navi crociera, si apprestano a visitare le fortificazioni medicee e una delle due residenze dell’esilio napoleonico elbano. Si è però sottovalutato un elemento chiave del transito pedonale: non si tratta di accogliere qualche visitatore occasionale, ma si tratta di veicolare decine di migliaia di persone ogni anno.
Si continua a sottovalutare l’evidenza di una realtà importante per l’accoglienza del turismo nazionale e internazionale: il necessario dialogo tra la zona moderna, il porto e il centro storico. Finché non si costruirà un vero collegamento con infrastrutture armoniche per collegare le varie componenti della città, l’ingresso alla parte medicea resterà un calvario, perché il flusso turistico pedonale sarà sempre considerato un'appendice e un problema, non un valore aggiunto: i lavori da poco conclusi negano il valore e il significato di una progettualità qualificata e di ampio respiro. Mancano, in tutto questo, l'amore e il rispetto per il nostro patrimonio. Assente è l’attenzione degli altri Comuni elbani e della GAT Gestione Associata per il Turismo per un bene comune e da condividere.
CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA
Messaggio 93639 del 16.01.2019, 09:13
RIMOZIONE DELLA CAPITANERIA DI UNA RETE DA PESCA DALLA SPIAGGIA DEL VITICCIO



Il 14 gennaio gli uomini della Capitaneria di Porto di Portoferraio, coadiuvati da personale dipendente del Comune di Portoferraio, hanno provveduto alla rimozione di una lunga rete da posta abbandonata sulla spiaggia del Viticcio.
L’intervento, che si inquadra nelle attività del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera di prevenzione e protezione dell’ambiente marino e di repressione dei comportamenti illeciti a danno dell’ambiente stesso e delle risorse biologiche in tutti gli ambiti spaziali marittimi e costieri di competenza, è avvenuto a seguito di una segnalazione di un privato cittadino che aveva rilevato la presenza del voluminoso attrezzo da pesca abbandonato ed ammassato sulle rocce della costa del Viticcio nel comune di Portoferraio.
La rete, priva di elementi identificativi, era di considerevoli dimensioni e questo ha creato qualche difficoltà nelle operazioni di recupero. Dopo attente valutazioni, grazie anche all’intervento ed alla collaborazione della locale associazione degli “Amici dell’Enfola”, intervenuta con un proprio mezzo nautico, l’operazione di recupero si è svolta con successo. Tutte le fasi dell’attività sono state supervisionate e coordinate dagli uomini della Guardia Costiera che hanno seguito il trasporto della rete presso la vicina spiaggia dell’Enfola dove gli operatori del Comune di Portoferraio hanno provveduto al recupero e allo smaltimento della stessa.
Grazie al buon esito dell’operazione, finalizzato alla salvaguardia e protezione dell’ambiente marino-costiero, è stato possibile ristabilire l’integrità della spiaggia del Viticcio e, inoltre, preservarne la bellezza
POLIZIA DI STATO PORTOFERRAIO
Messaggio 93638 del 16.01.2019, 09:01
CONTROLLI ANTIDROGA DELLA POLIZIA DI STATO.



All’esito di una mattinata di controlli del personale del Commissariato di P.S. di Portoferraio, coadiuvato dall’unità cinofila della Guardia di Finanza, due i giovani denunciati mentre sono stati sequestrati 30 grammi di hashish, 5 grammi di marijuana ed 1 grammo di cocaina. I servizi sono iniziati in un Istituto Superiore ove sono state eseguite 2 perquisizioni e controllati circa 50 ragazzi, tutti con esito negativo. Successivamente il personale ed il cane antidroga della Guardia di Finanza si sono spostati su altri obiettivi, eseguendo altre 3 perquisizioni domiciliari che hanno consentito il recupero dello stupefacente debitamente sequestrato. Due i giovani segnalati, entrambi maggiorenni, il primo per uso personale e l’altro denunciato in Procura per detenzione finalizzata allo spaccio.
Forza Brodo
Messaggio 93637 del 16.01.2019, 08:07
Provenienza: Pf
E tornato in navigazione il super traghetto Bastia auguri e buon navigazione a tutti gli elbani e non.
ANSA
Messaggio 93636 del 16.01.2019, 05:50
Provenienza: Roma
ONU. IN AUMENTO LA "SALAMOIA TOSSICA", FRUTTO DEI DISSALATORI.
ANSA. 14 gennaio 2019. Gli impianti di dissalazione nel mondo hanno la capacità di produrre ANSA. 95 milioni di metri cubici di acqua dolce al giorno, pari al 40% del flusso delle cascate del Niagara. Ogni litro prodotto, tuttavia, genera un litro e mezzo di acqua ipersalata, che contiene sostanze chimiche tossiche. Questa "salamoia tossica" viene reimmessa negli oceani, mettendo a rischio gli ecosistemi marini. A lanciare l'allarme è l'Istituto per l'acqua, l'ambiente e la salute dell'università delle Nazioni Unite.

Nel mondo esistono ad oggi 16mila dissalatori, concentrati in Medio Oriente e Nord Africa, che rispondono alla crescente domanda d'acqua potabile a producono uno scarto considerevole: 142 milioni di metri cubici di salamoia al giorno, il 50% in più rispetto a quanto stimato in precedenza. Si tratta di 51,8 miliardi di metri cubici d'acqua iper-salata all'anno, abbastanza per mettere l'Italia intera sotto 17 centimetri di salamoia.Queste acque di scarto, spiegano gli esperti nello studio pubblicato sulla rivista Science of the Total Environment, vengono spesso rigettate negli oceani dove minacciano gli ecosistemi, sia perché aumentano la salinità, sia perché contengono sostanze chimiche tossiche provenienti dagli antivegetativi e dagli antincrostanti usati negli impianti di dissalazione.

Tuttavia "questo problema ambientale può essere trasformato in una risorsa economica", evidenziano i ricercatori. L'acqua di scarto può infatti essere usata in acquacoltura, per irrigare le specie tolleranti al sale, per generare elettricità e per recuperare il sale e i metalli contenuti nella salamoia, tra cui magnesio, cloruro di sodio, calcio, potassio, cloro, bromo e litio.ANSA.
ELBA SALUTE
Messaggio 93635 del 16.01.2019, 04:56
Provenienza: Francesco Semeraro
TRAGEDIA SFIORATA ALL'OSPEDALE DI PORTOFERRAIO....UNA BAMBINA DI 18 MESI HA RISCHIATO DI SOFFOCARE.


Queste sono le tragedie che possono capitare quando il personale medico è scarso e a volte mal gestito.
Questa volta le responsabilità non sarebbero da attribuire all'Azienda Sanitaria ma pare a una cattiva gestione delle risorse umane del reparto anestesiologico.
Abbiamo appurato che la bambina, ospite di un asilo nido, mercoledì 9 c.m. durante l'ora di pranzo ha cominciato ad accusare problemi di respirazione ed in quel momento è partita la corsa verso il pronto soccorso dell'ospedale di Portoferraio. Costatato il gravissimo rischio di soffocamento i medici del pronto soccorso chiedevano l'immediato intervento degli anestesisti che in quel momento ne risultava uno in servizio anziché due come da norma e quell'unico specialista era già impegnato in sala operatorio in un delicato intervento chirurgico.
La tensione saliva alle stelle anche perché era inspiegabile l'assenza del secondo anestesista ma per salvare la bambina, molto provata e quasi cianotica, si è pensato di trasferirla nella sala operatoria accanto a quella dove si svolgeva l'operazione chirurgica per poter intervenire anche su lei perché il trascorrere dei minuti potevano essere drammatici.
In ascensore, con il personale medico saliva anche l'Angelo Custode della piccola che resosi conto della tragedia che si stava consumando, ha fatto sì che un forte colpo di tosse la liberasse del corpo estraneo che la stava soffocando.
Ora, noi del Comitato Elba Salute chiediamo che si faccia un'inchiesta per appurare le ragioni per le quali in quel momento e con un delicato intervento chirurgico in corso, in servizio ci fosse solo un anestesista.
La vita di una persona e in particolar modo di una bambina non valgono le spendig rewiev aziendali e dipartimentali.


Comitato Elba Salute.
(Francesco Semeraro)
Spigolature
Messaggio 93634 del 15.01.2019, 21:23
Provenienza: Elba

L'esempio dell'ipocrisia

Il nostro personale? E' tutto italiano! Peccato che lavora su navi straniere!
(e i cantieri italiani ringraziano )

Moby Niki: Varata nel 74, costruita dal cantiere Werft Nobiskrug GmbH (Germania)

Moby Ale: Varata nel 68, costruita dal cantiere Ålborg, (Danimarca)

Moby Baby Two: Varata nel 74, costruita dal cantiere Bremerhaven (Germania)

___________Fonti Wikipedia
Francesco Semeraro
Messaggio 93633 del 15.01.2019, 19:01
NON TAPPATELE PER FAVORE....SONO PATRIMONIO DELL'UNESCO.




Francesco Semeraro
Avvocato Scrivi a Avvocato
Messaggio 93632 del 15.01.2019, 17:45
Provenienza: Portoferraio
CARTELLI LEGITTIMI O ILLEGITTIMI?

Essendo Avvocato di professione mi permetto di scrivere qualche breve considerazione.
Bisogna distinguere tra insegna, cartello e impianto di pubblicità finalizzato alla pubblicità o alla propaganda di prodotti o attività commerciale.
Ma nel caso del Rotary non è pubblicizzato alcun prodotto o attività commerciale, pertanto i cartelli sulla rotatoria NON RICADONO nell'art. 23 C.d.S. non essendovi alcun intento pubblicitario.
Basta poi uno sguardo veloce alle recenti circolari ministeriali che chiariscono definitivamente che l’apposizione di un pannello riportante esclusivamente il nome di chi ha provveduto alla sistemazione è a norma di legge.
Semplicemente è venuta meno una situazione di degrado a spese di un privato che come al solito è intervenuto laddove non provvede il pubblico.
L'autore prima compiere un atto vandalico grave e reiterare il reato avrebbe dovuto informarsi meglio (non serve una laurea!).
Le denunce penali faranno il suo corso e l'autore oltre le spese legali dovrà risarcire anche il danno! Se credi di aver fatto una furbata rovinando tutta la città, dormi sonni poco tranquilli perchè è solo questione di tempo.
[Pagina precedente] [ Pagina successiva]

visita
MUCCHIO-SELVAGGIO.....
ISOLA D'ELBA