Page 5/1173: [] [1] [2] [3] [4] (5) [6] [7] [8] [9] [10] [] [»] LASCIA UN MESSAGGIO
Autore Messaggio
elbano
Messaggio 87673 del 21.11.2017, 17:22
Egr Dott. Campitelli, vorrei ringraziarLa a nome mio e di quanti hanno a cuore l'Elba, in tutte le sue specificità. La ringrazio anche a nome di coloro che pur amando l'Elba, sono trascinati innocentemente da quei marpioni disonesti, NON ELBANI, che utilizzando il potere politico ed economico (non loro), sovvertono tutte le leggi scientifiche e perfino morali per false buone finalità. Le Sue"riflessioni",sono un trattato tecnico ben circostanziato, pieno di NUMERI, di citazioni, riflessioni che poche persone avrebbero potuto donarci meglio di Lei. Per me il Suo intervento è pure oggetto di ammirazione, per il coraggio avuto nell'esporsi in prima persona a questa potente lobby di affaristi politici che fregandosene dei danni che potrebbero causare a tutti gli equilibri esistenti all'Elba, da quello naturalistico a quello biologico, portano avanti in modo insensato un progetto che non può che essere un danno per la nostra Isola.
GRAZIE Dott. Campitelli, l'Elba ha bisogno di persone come Lei.
DATI GAT 2017
Messaggio 87672 del 21.11.2017, 15:43
Provenienza: Capoliveri
IL 2017 E’ +7%, SUPERATO IL MILIONE DI BIGLIETTI VENDUTI PER UN INCASSO DI 2.938.000,00€. COSI’ LA GESTIONE ASSOCIATA CERTIFICA LA CRESCITA DELL’ISOLA SUI MERCATI TURISTICI. BARBETTI “ELBA VINCENTE”




“Non più solo dati positivi, ma una vera e propria certezza: l’Elba, con il suo + 7,03% rispetto agli anni precedenti, è in costante crescita ed è tornata a competere sul mercato turistico nazionale ed internazionale. Quest’anno l’incasso del Contributo di Sbarco è stato di 2.938.000,00 euro”.
Lo ha dichiarato Ruggero Barbetti, sindaco di Capoliveri, comune capofila della Gestione Associata per il Turismo dell’Isola d’Elba, dopo l’ultimo resoconto dei dati forniti dall’Ufficio Gestione Associata per il Turismo, che raccoglie i “numeri” trasmessi dalle compagnie di navigazione di linea relativi ai passaggi nave venduti - soggetti a contributo di sbarco - per raggiungere l’Elba durante il 2017.
“Parliamo di un dato quasi definitivo – spiega Barbetti - mancano meno di due mesi alla conclusione del 2017, ma già adesso possiamo dire che si è trattato di un anno ottimo, che ha portato grandi risultati per il comparto turistico elbano.
I dati più interessanti riguardano l’inizio della stagione turistica, soprattutto il mese di giugno che ha fatto registrare un incremento significativo rispetto al passato (181.504 biglietti venduti, contro i 156.809 del 2016 e i 139.081 del 2015).
Ma tutto il 2017 ha regalato grandi risultati, tanto da far raggiungere cifre molto interessanti che ci hanno portato a superare il milione di passaggi nave venduti in tutto il 2017. E stiamo parlando - è bene ribadirlo - di biglietti acquistati da non residenti e soggetti a contributo di sbarco”.
Sono, infatti, 1.023.813 i passaggi nave soggetti a contributo di sbarco e acquistati complessivamente – dati alla mano – dal 1 gennaio al 30 ottobre 2017 per raggiungere l’Isola d’Elba, contro i 981.048 passaggi nave venduti nel 2016 dal 1 gennaio al 31 dicembre 2016, anno giudicato ottimo anche dalle categorie economiche del territorio.
In termini percentuali questo si traduce in un + 7% rispetto agli anni passati e più precisamente di un 7,03% in piu’ rispetto al 2016 e di un 6,77 % in più rispetto al 2015.
“C’è ancora molto da lavorare e non possiamo più permetterci di abbassare la guardia, ma l’Elba è in crescita costante ormai da tempo. Le conferme arrivano sempre più insistenti. L’Elba è oggi una meta ambita e apprezzata da italiani e stranieri ed è tornata, dunque, ad accreditarsi sui mercati acquisendo quella visibilità che cercava da tempo.
La Gestione Associata per il Turismo, è indubbio, ha giocato un ruolo fondamentale in questa partita. Ora, con la convenzione della GAT oramai scaduta, i comuni sono chiamati a decidere se è ancora necessario far maturare questo percorso e insistere nel progettare un’idea vincente di Elba per tornare a pensare al futuro con la giusta positività, oppure se questo percorso debba terminare con la suddivisione dei proventi fra tutti i comuni in percentuale rispetto ad abitanti e presenze turistiche”.
Solidarietà a Susanna Ceccardi
Messaggio 87671 del 21.11.2017, 12:31
Provenienza: Amm. Portoferraio
ASSEMBLEA PROLOCO PORTOFERRAIO
Messaggio 87670 del 21.11.2017, 09:27
Per Riesi di sù
Messaggio 87669 del 21.11.2017, 09:08
Il comportamento di questo Sindaco Vi ricorda qualcuno?
ITALIA FATTA A MAGLIE - METTI UN SINDACO CHE NON SI RASSEGNA, NON PIAGNUCOLA, NON SI MUOVE PER SCHIERAMENTI POLITICI E PREGIUDIZI, NON ACCETTA MOLTI “NO” COME UNA RISPOSTA, E ALLA FINE SALVA IL SUO PAESE DAL FALLIMENTO E DA UN DEBITO DA 21 MILIONI DI EURO. LA STORIA DI GIOVANNI GUGLIOTTI E QUELLA PALAZZINA CROLLATA A CASTELLANETA, IN PROVINCIA DI TARANTO.
Quando si ha a cuore il "proprio paese" si agisce così..........
e non come ha fatto un ex ormai ....al comune di Rio Elba....facendolo addirittura sparire con la prossima fusione...
Carpanese
Messaggio 87668 del 21.11.2017, 08:42
Volevo ringraziare l'amministrazione comunale di Portoferraio per le modifiche apportate alla viabilità di Carpani.

Tralasciando i dissuasori di velocità volevo soffermarmi però sull'installazione dei paletti a bordo strada, i quali impediscono la sosta ai veicoli su parte del marciapiede ma gli autisti, non considerando ancora l'utilizzo del parcheggio adiacente ai giardini di Carpani, lasciano le proprie auto in sosta nel bel mezzo della carreggiata.
Questo ha difatti costituito questo benedetto senso unico (alternato) che alcuni commercianti chiedevano...

Chiedo io, bene i dissuasori, bene i paletti "salva marciapiede" ma un passaggio un p0' più continuo degli agenti della polizia municipale sarebbe quantomeno auspicabile. Grazie
franco
Messaggio 87667 del 21.11.2017, 08:15
Provenienza: roma
x paolino sponsor dei 5 stelle vivi a capoliveri splendido paese e lascia stare le cose che non conosci
Luciano Campitelli
Messaggio 87666 del 21.11.2017, 05:39
APPROVVIGIONAMENTO IDRICO ELBA … ( Riflessioni ) …


Il gestore idrico integrato dell’Elba , come riportato su Elba Notizie del 10/04/2017 , ha indetto per quella data una conferenza stampa per comunicare agli Elbani che la stagione turistica 2017 avrebbe dovuto fronteggiare una grave crisi idrica. In conseguenza di ciò , veniva da ASA detto che (sic!) “ i comuni non devono più rilasciare concessioni edilizie per interventi che comportano nuova domanda di risorsa idropotabile e , inoltre , che l’incremento turistico dell’Elba dev’essere coordinato con lo sviluppo della rete idrica “ , cioè dev’essere fortemente disincoraggiato e diminuito . In definitiva ASA, nella sua veste di gestore idrico , mentre dice candidamente che abbiamo poca acqua , dice anche e soprattutto come dobbiamo amministrare l’ urbanistica , come orientare e programmare la stagione turistica 2017, cioè con il minor numero possibile di turisti .
Le sofferte criticità idriche estive sono state il vero biglietto da visita di un gestore idrico che non è riuscito affatto nell’adempiere ai propri fini gestionali . Nei suoi ormai 16 anni di gestione idrica dell’Elba , ASA avrebbe dovuto adempiere appieno al proprio compito istituzionale di rendere l’isola autonoma dal punto di vista idropotabile con palpabili concreti risultati , avrebbe dovuto compiere atti tecnico-tattici tesi ad aggiungere nuove sostanziali risorse idriche a quelle ereditate al suo ingresso gestionale nel 2002 , ma nulla di ciò si è visto né toccato con mano per essere l’Elba ancora oggi , nel 2017, in presenza di gravi criticità idrico-estive, di prolungati razionamenti idrici creanti costernazione negli stanziali e nei turisti che la frequentano , a far pressoché nulla in termini di nuove aggiuntive risorse a quelle già disponibili . Quanto di illogico attuato dal Gestore ( dalla incongrua gestione dei campi pozzi ; all’ esito fallimentare del cosiddetto invaso collinare del Condotto a Portoferraio ; all tentativo abortito di impiantare un dissalatore in quel di Marciana Marina) , testimonia oggettivamente le proprie negative performances nella governance idrica . ASA è irriducibilmente portata ad eccellere nel produrre megaprogetti illogici quanto destituiti di accettabile substrato tecnico-scientifico (si pensi al cosiddetto invaso collinare del Condotto che ne è un palese incontrovertibile esempio) non volendo capire che , con razionali e mirati passi verso la ricerca dell’acqua sull’Elba in unione ad indifferibili interventi tesi ad abbattere le ingenti perdite d’acqua della rete distributiva , già da tempo avrebbe risolto tanti di quei piccoli-grandi problemi ad oggi negativamente persistenti sulla nostra realtà socio-economica per carenza d’acqua . Il dissalatore di Mola è divenuto ormai per ASA un “must” cui non poter rinunciare le cui motivazioni sono per noi di inafferrabile comprensione . Di questo passo , ci ritroveremo senz’ acqua , senza scorte idriche anche per l’estate 2018 , e quindi con i razionamenti , in assenza di una valida guida nella gestione idrica che imporrà alla Comunità Elbana serie riflessioni sul da farsi sul piano dell’approvvigionamento idrico .
-- ( A ) Il dissalatore di Mola è quanto di più incongruo si potesse concepire rispetto all’ambiente su cui viene allocato per essere esso classificato “ zona umida di elevato interesse ambientale”. Il dissalatore proposto avrebbe quantomeno e comunque dovuto essere preceduto da un’approfondita e seria consulenza tecnico-scientifica articolata in differenziate branche specialistiche quali la geologia-idrogeologia , la biologia marina , l’agronomia , la chimica industriale , la pedologia , l’ ingegneria meteo-marina , l’ittiologia . Ma la Giunta Regionale Toscana ha approvato in data 12/04/2017 un Decreto di non assoggettabilità a procedura di VIA il progetto del dissalatore di Mola baipassando in tal modo ogni vincolo sovraimposto cui si sarebbe perentoriamente dovuto attenere (normative nazionali ed europee) . Ma chi ha fallito al Condotto può essere credibile e rassicurarci nel proporre un impianto industriale quale è il dissalatore di Mola ?
Anche al Lido , come ovunque , l’acqua marina contiene sali disciolti di differente natura la cui quantità varia a secondo della stagione e dell’attività antropica circostante , potendosi però sostenere sin d’ora che mediamente i parametri chimico-fisici dell’acqua di mare di oggi verranno certamente modificati in negativo dall’azione del dissalatore . Il dissalatore modificherà nel tempo anche le varietà ittiche oggi esistenti a causa anche della salamoia immessa in mare in ingenti tonnellate. L’analisi dell’acqua di mare nel punto di presa e di scarico della salamoia del dissalatore darà risultati molto diversi fra l’oggi ed il domani , la rimineralizzazione dell’acqua permeata avverrà sul livello freatico locale con indubbie possibilità di ingresso di cuneo marino irreversibile nelle attuali falde della Piana di Mola.
Chi ha già fallito al Condotto può essere credibile nel proporre il megaprogetto industriale di dissalazione a Mola ? Ma “cui prodest” il dissalatore di Mola ?
Il processo di desalinizzazione richiede l’uso di sostanze chimiche di sintesi per purificare l’acqua (sodio , cloro , piombo , acido solforico , manganese ) . La desalinizzazione produce quantità di gas-serra come sottoprodotto della lavorazione di acque marine. Queste sostanze finiscono poi col divenire rifiuti provenienti dal processo di desalinizzazione e sono in concentrazioni alquanto elevate non certo salubri . La vita marina comunque e non da poco sarà alterata .
L’assurdo incommensurabile è che il dissalatore , se dovesse essere realizzato , risolverà la propria azione solo nell’indurre gravi ed irreversibili pericoli all’ecosistema locale senza peraltro avere contribuito in nessun modo ad ottenere l’agognata autonomia idrica 360 giorni/360 e quindi neanche al superamento delle criticità idrico-estive (luglierin-agostane) ed ai conseguenti inauditi razionamenti idrici .
Abbiamo contestato l’invaso del Condotto : (a) avevamo , ed abbiamo avuto a malincuore piena totale ragione , senza alcuna pubblica scusa da chi ne ha generato il fallimento spendendo vanamente milioni di euro di danaro pubblico ; (b) avremo a malincuore ragione anche col dissalatore di Mola , se mai venisse realizzato .
C’ è chi mostra interesse spasmodico per il dissalatore non adducendo seri ed argomentati motivi che divengono di conseguente inafferrabile interpretazione, che preoccupa . Ignoranza tecnico-scientifica , assuefazione al “vuolsi così colà dove si puote ciò che si vuole e più non dimandare”, cioè assuefazione ai diktat di chi è al comando del potere e che non ammette alcuna posizione contraddittoria , sottomissione a volontà esterne ed estranee agli interessi elbani , interessi di parte politica di bassa lega , hanno indotto troppi paraculi ad un assordante silenzio che spiega perché l’Elba non evolve come vorremmo .
Valutazione Ambientale ex-ante , Valutazione di Incidenza , Valutzaione di impatto Ambientale , Valutazione Ambientale Strategica , nulla di tutto ciò che poteva garantirci dal punto di vista dell’ impatto ambientale ed igienico-sanitario è stato fatto , si sono voluti ostinatamente ed arrogantemente sorvolare e baipassare tutti i vincoli imprescindibili per un impianto industriale del tipo del dissalatore . La miopia idrico-gestionale ha impedito di attuare le mosse tecnico-tattiche per il fine strategico da perseguire che era di rendere l’Elba autonoma dal punto di vista idropotabile e dunque l’incidenza sul complessivo deficit idrico non potrà che essere del tutto marginale ed insignificante anche in presenza di uno o due dissalatori .
n ( B ) Almeno dal 2006 in poi , il cosiddetto invaso collinare del Condotto di Portoferraio è sempre stato definito un bacino idrico alimentato da acque meteoriche provenienti da un bacino idrogeologico di circa 7 ettari e che le sue acque avrebbero supplito in via definitiva alle note insopportabili criticità idrico-estive di Portoferraio e del resto dell’Elba .
E’ bene precisare subito che la realizzazione di un bacino idrico artificiale si riscontra sempre in territori di montagna o alto-collinari dove sussistono le condizioni naturali di reperibilità idrica in termini di portata idrometrica totale e di continuità della stessa .Tali ambiti devono essere caratterizzati da condizioni geomorfologiche che consentano la realizzazione di uno sbarramento e del relativo bacino artificiale , condizioni nella generalità dei casi individuabili in valli fluviali ampie e/o lunghe e terminanti con una stretta morfologica . Un invaso interessa dunque un ambito territoriale a cui sia associata un’elevata qualità ambientale per cui le acque che vi si immettano siano di elevato valore stante la sua remota collocazione in condizioni di bassa o del tutto assente pressione antropica ed ancor più di assenza di pressione industriale e/o similare . Si è andati a realizzare un invaso collinare (è improprio chiamarlo invaso, è solo un banale deposito d’acqua costato milioni di euro di danaro pubblico , danaro mal speso dai risultati idrici di nessuna valenza in rapporto al deficit idrico dell’Elba , particolarmente nell’estate , di cui ad oggi nessuno è stato chiamato a rispondere) . Si è andati a fare un invaso in una ex-cava dismessa da oltre un decennio in cui non vi era né vi è alcuna valle fluviale di qualche significatività idrica né dove poteva essere sbarrato un fiume o un fosso di notevole portata , in quanto inesistente , con ristretto bacino imbrifero , con conformazione morfologica stretta a monte e molto larga a valle dove doveva essere incassata la diga di sbarramento . Si era dunque in una situazione complessiva del tutto contrastante con i parametri tecnico-idrologico-idraulici di riferimento universalmente riconosciuti che devono presiedere alla realizzazione di un qualunque anche modesto bacino idrico artificiale . Nel caso poi dei piccoli invasi , la necessità di contenere i costi entro limiti i più ristretti possibili affinché l’opera risulti conveniente , la selezione delle aree operata in via preliminare per la ricerca del luogo adatto porta solitamente già ad escludere quelle soluzioni che presentino serie perplessità di fondo o evidenti carenze geologiche oltreché idrografico-idrologiche , oltre che ambientali , com’era il caso della ex-cava del Condotto .
Prima di partire col progetto del cosiddetto invaso del Condotto esistevano oggettivi motivi di particolare attenzione che avrebbero dovuti essere rigorosamente valutati prima di dargli il via , ma evidentemente da parte del Gestore non c’era tempo da dedicare e destinare a simili importanti valutazioni tecnico-geologico-ambientali di preliminare estrema rilevanza in rapporto a quanto di assurdo si andava realizzando .
n ( C ) Ci ha incuriosito leggere il Bilancio Socio Ambientale 2016 di ASA SpA . Da esso emerge che il centro nevralgico del Piano è caratterizzato dall’attenzione e dal rispetto verso la salvaguardia dell’ambiente . Dovrebbe trattarsi di uno strumento teso alla trasparenza ed alla lealtà di ASA verso l’utenza . Questo mi ha indotto a leggere con scrupolo la “carta del servizio idrico integrato : principi e standard “ allegata al Bilancio . La carta si articola in 7 paragrafi di rilevante interesse ; di essi mi ha incuriosito molto la lettura dei paragrafi 2-6-7 dal titolo “continuità (2) , efficacia ed efficienza (6) , sicurezza e rispetto dell’ambiente (7) .
Il paragrafo (2) recita sic! : “ viene garantito l’impegno ad erogare un servizio continuo regolare e senza interruzioni” .
Il paragrafo (6) recita sic! : “l’Azienda , in qualità di Gestore , persegue l’obiettivo del progressivo e continuo miglioramento dell’efficacia e dell’efficienza del servizio , adottando le soluzioni tecnologiche , organizzative e procedurali più funzionali allo scopo “ .
Il paragrafo (7) recita sic! : “ L’uso della risorsa idrica deve rispettare la Direttiva 2000/60/CE e deve essere effettuato nel rispetto della sicurezza ambientale e della tutela della salute umana . Questo implica per il Gestore l’impegno costante di sviluppare gli studi idrogeologici per la ricerca di nuove fonti di approvvigionamento “
Orbene , nessuno dei contenuti dei succitati paragrafi della “Carta del servizio idrico integrato : principi e standard” è stato ad oggi adempiuto dal Gestore idrico dell’Elba . Infatti :
-- ( 1 ) La mancata continuità e regolarità del servizio idrico ha comportato in pieno agosto 2017 , come nelle estati precedenti senza soluzione di continuità temporale ,
reiterate interruzioni del servizio con prolungati insopportabili razionamenti nell’erogazione dell’acqua e gravi ricadute negative sul piano socio-economico .
-- ( 2 ) Per il miglioramento dell’efficacia e dell’efficienza del servizio idrico elbano Il Gestore ASA ha adottato soluzioni tecnologiche e procedurali fuori da ogni serio ed oggettivo substrato tecnico-scientifico e normativo dal momento in cui : (a) per aggiungere risorse idriche a quelle già in essere per l’Elba tese all’ottenimento della propria reale autonomia idrica ha impiegato milioni di euro in modo fallimentare nell’assurdo progetto del cosiddetto invaso collinare del Condotto , essendo nulla più di una squallida pozzanghera d’acqua di ignota qualità e provenienza ; (b) per il dissalatore di Mola , ha baipassato ogni procedura normativa nazionale ed europea che obbligavano perentoriamente a che , prima di passare al progetto esecutivo del dissalatore , si doveva fare prima una VIA specifica dettagliata del lugo e dell’ambiente in cui si intendeva allocarlo .
-- ( 3 ) Il Gestore ASA avrebbe dovuto sviluppare costantemente gli “Studi Idrogeologici” per la ricerca di nuove fonti di approvvigionamento . ASA non ha mai adempiuto a questo basilare principio di ricerca delle potenziali riserve idriche sotterranee dell’Elba che avrebbero reso realmente possibile in questi 16 anni di gestione ASA di ottenere l’agognata autonomia idrica .

Luciano Campitelli
GESTIONE ASSOCIATA TURISMO
Messaggio 87665 del 21.11.2017, 05:35
Gestione Associata per il Turismo, il 23 novembre l’incontro dei Sindaci per deciderne il futuro. Sul tavolo turismo, promozione e il canile/gattile comprensoriale.


Si terrà alle ore 10.00 di giovedì 23 novembre, presso la Sala consiliare del Comune di Capoliveri, la prossima seduta della Consulta dei Sindaci della Gestione Associata per il Turismo dell’Isola d’Elba.
Un incontro fondamentale per le attività della Gat che servirà innanzitutto per portare all’attenzione dei sindaci dei comuni elbani quali potrebbero essere gli sviluppi e le opzioni future, dato che la convenzione è scaduta e si sta lavorando in regime di prorogatio.
Durante la seduta si discuterà anche del tema del canile comprensoriale. Secondo punto all’ordine del giorno, è infatti la presa d’atto da parte dei rappresentanti dei comuni dell’isola della bozza di convenzione per la gestione associata tra i comuni elbani per la realizzazione e gestione del canile/gattile comprensoriale per la lotta al randagismo e l’attivazione di un servizio di pronto soccorso veterinario h24 attivo su tutto il territorio dell’isola. In discussione anche la conseguente e necessaria presa d’atto dello schema di contratto di sponsorizzazione definitivo per la realizzazione e gestione del canile/gattile, contratto da stipularsi fra l’ente individuato quale capofila della nascente gestione associata per il canile (il Comune di Capoliveri, dove sorgerà la struttura), e la fondazione tedesca Bastet Stiftung, che donerà per la realizzazione del progetto 600.000 euro.
Altri temi importantissimi saranno affrontati nella prossima seduta: saranno, infatti, portati all’esame dei sindaci i dati turistici relativi alla stagione 2017 da poco conclusa nonchè il bilancio sull’attività promozionale svolta nei mesi appena trascorsi.
In discussione anche il programma delle attività 2018/2020 con le proposte promozionali per il territorio e il bilancio del prossimo biennio, nonché le indicazioni alla Camera di Commercio per la promocomercializzazione delle imprese dell’Isola d’Elba.
Infine sarà portato sul tavolo della Gat un altro tema sensibile per il futuro socio economico dell’isola quello dei trasporti aeroportuali da e per l’Elba, con particolare riferimento al prossimo biennio e la situazione dello scalo aeroportuale elbano di La Pila, dove sono appena stati avviati i lavori per l’allungamento della pista.
LA CITTADELLA ..
Messaggio 87664 del 20.11.2017, 17:24
Provenienza: Redazione
LA “CITTADELLA” (DIMENTICATA) DI PORTOFERRAIO

Per integrare la visita guidata di sabato scorso alla cittadella sotterranea ci piace ricordare alcuni cenni di storia




L'attuale ristrutturata “Gattaia” in origine era un ex deposito di carburanti della Regia Marina Militare realizzato nel 1921 in epoca fascista secondo un progetto sul quale intervenne in larga misura l'Ingegner Nervi; Il deposito occupa una vasta area sotterranea che dal promontorio di S.Fine giunge fino alla stazione di pompaggio in prossimità del Molo Gallo.
L'ingresso principale è situato all'altezza del tornante di Via Ninci e precisamente nel piazzale della "Casermetta" esterna alla struttura in oggetto, ma facente parte del complesso militare medesimo; un muro alto circa quattro metri su un tratto di un centinaio di metri delimita la gran parte del tratto superiore di Via Ninci e copre alla vista esterna anche la struttura della casermetta.
Al piazzale medesimo si accede tramite un vecchio cancello sopra il tornante di S.Fine e anche da una porta in ferro situata lungo il muro; all'interno del piazzale vi sono alcuni accessi ai vari livelli della struttura scavata nella roccia all'interno del monte sottostante al Forte Falcone, accessi che sono attualmente murati per motivi di sicurezza.
La struttura sotterranea, oltre all'importanza storico - militare, è anche un rimarchevole esempio di ingegneria industriale e architettura con ardite soluzioni strutturali ancora oggi difficilmente progettabili ; è per questo ancora più entusiasmante pensare che essa è stata realizzata quasi cento anni fa.
Essa era concepita come una struttura autosufficiente ed atta a garantire per lungo tempo ed in piena autonomia la sopravvivenza degli occupanti; oltre ai depositi di carburante, uno da tremila tonnellate, uno da mille tonnellate e due da trecento, vi sono realizzati dei dormitori, una cucina con sala mensa, un deposito d'acqua a doppia struttura di contenimento di oltre centomila litri, oltre a tutti gli altri servizi tipici di una vera e propria città fortezza.
Da qui il nome "Cittadella" coniato da alcuni vecchi del paese.
Gettiamo un sasso nello stagno delle possibilità ferrajesi mai sfruttate …. un percorso che se ripristinato sarebbe di grande interesse nazionale valorizzando un area almeno fino a sabato scorso sembrava ( colpevolmente) dimenticata……

F.P
Riccardo Nurra
Messaggio 87663 del 20.11.2017, 17:12
LA "CITTADELLA" DI PORTOFERRAIO




Sabato scorso, l'Amministrazione Comunale, in collaborazione con la società partecipata “Cosimo de' Medici”, ha organizzato una visita guidata alla “cittadella sotterranea”, posta sotto le Fortezze Medicee.
Tale visita è stata organizzata ed offerta ai volontari di Portoferraio per le loro svariate attività di collaborazione con il Comune, al fine di far conoscere a questo apprezzato gruppo un'ulteriore ricchezza del nostro territorio.
Si tratta di una serie di tunnel costruiti e in uso alla Marina Militare sin dal 1930 e fino al 1980 circa, utilizzati per stoccare il carburante che poi serviva a rifornire i serbatoi delle navi da guerra che, per tale operazione, attraccavano davanti alla “Gattaia”.
La visita è stata particolarmente interessante e gradita dai volontari di Portoferraio e, considerato l'interesse suscitato, non si esclude che la partecipata “Cosimo” ripeta l'esperienza con gruppi di residenti che desiderano visitare questo affascinante sito.
Nell'occasione l'Amministrazione Comunale ha voluto ringraziare e riconoscere l'azione dei volontari che, in collaborazione con l'Ufficio Tecnico, concordano operazioni di pronto intervento e bonifica di zone del paese, in modo particolare parchi giochi e giardini, al fine di rendere sempre più vivibile e dignitoso il nostro paese.
CINEMA TEATRO FLAMINGO
Messaggio 87662 del 20.11.2017, 16:02
Provenienza: Capoliveri



Cinema Teatro Flamingo – Capoliveri

Mercoledì 22 gennaio, ore 21.30
Dopo il successo di “Perfetti sconosciuti”, una nuova intrigante commedia firmata da Paolo Genovese
PINOCCHIO & LE BUGIE....
Messaggio 87661 del 20.11.2017, 13:48
Provenienza: CAPOLIVERI (PAOLINO L'ARROTINO)
Di solito prima o poi la verità viene a galla. Mi riferisco alle elezioni amministrative di nuova Ostia, vinte dalla candidata del M5S, lo stesso movimento che è alla guida della capitale nonostante molti sostengono ancora la incapacità della sindaca, per cui come sempre, prima o poi la verità viene fuori, altrimenti non si capirebbe la vittoria di nuova Ostia e del fatto che il M5S è abbondantemente avanti a tutti con le preferenze (sondaggi) di voto.

Paolino l'Arrotino-
Francesco Semeraro
Messaggio 87660 del 20.11.2017, 11:58
AL DISABILE INTERESSA TROVARE PARCHEGGIO CON O SENZA "NO FAR ACCESS"




Al disabile interessa solo trovare posto nel parcheggio a lui riservato che spesse volte è occupato da chi non ha diritto.
Un normale cittadino, anche se in precedenza ha lavorato per la pubblica Amministrazione, non può indignarsi per una difficoltà che ferisce una parte della popolazione con problemi di salute e timidi nel far valere i propri diritti che subito è attaccato mediaticamente da chi, forse, doveva provvedere a garantire la messa in opera e la piena funzionalità del "NO FAR ACCESS"
Non voglio entrare nel merito della discussione ma credo che questa diatriba abbia portato a conoscenza dei cittadini quali difficoltà incontra un disabile a parcheggiare nello spazio a lui riservato. Inoltre questo scambio di vedute piuttosto personali, ha dato modo all'Amministrazione locale e agli enti preposti al controllo sul territorio di prestare più attenzione a chi occupa i parcheggi riservati alle persone inabili. Molti parcheggiano nello spazio esibendo il cartellino senza avere il disabile a bordo o in accompagnamento anzi, molte volte il titolare di quel contrassegno da mesi non usa la vettura. Capita anche che i tagliandi esposti sono fotocopie.
Io avrei risposto con un "GRAZIE" al cittadino per la segnalazione e forse della mia stessa idea sono i disabili che hanno finalmente qualcuno che pone l'attenzione a una loro difficoltà.

Francesco Semeraro.
MARI&MONTI 2018
Messaggio 87659 del 20.11.2017, 11:09
Anche nel 2018 torna la Combinata Mari e Monti, Capoliveri e Cortina per due gare da forti emozioni


Dopo l’apertura iscrizioni di Capoliveri Legend Cup e Cortina Trophy, sono giunte tante richieste per la Combinata Mari e Monti, che negli scorsi anni ebbe tanto successo.
I due comitati hanno pertanto deciso di riproporla, mantenendo lo spirito che l’aveva fatta apprezzare:
Amate la mountainbike e vi piace correre su percorsi spettacolari?
Amate la mountainbike e i luoghi incantati offerti da alcune gare?
Amate “Mare e Monti” e vorreste sempre correre su percorsi da vera mtb?
Due gare incredibili, la Capoliveri Legend Cup, la gara elbana internazionale, prova dell’UCI World Marathon Series, e la Cortina Trophy, alla sua terza edizione e già tra le gare preferite per il calendario 2018, con i suoi luoghi incantati tra le Dolomiti ampezzane.
Due gare dal fascino unico, Capoliveri, con i suoi single track tra la macchia mediterranea a strapiombo sul mare, immersi nella magia del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, e Cortina, con i suoi sentieri avvolti dalle Dolomiti, riconosciute dall'Unesco patrimonio dell'umanità.
Ed ecco che il 20 novembre riaprono le iscrizioni alla Combinata Mari e Monti, che permette di correre le due gare, beneficiando della griglia privilegiata e le rende molto convenienti.
Dal 20 novembre, fino al 31 dicembre, ci si potrà iscrivere al costo di €60, mentre dal 1 gennaio al 30 aprile la quota sarà di €70, per poi passare a €80 fino al 10 maggio.
L’iscrizione potrà essere effettuata indistintamente tramite i siti delle due gare, ovviamente, per tempi tecnici, si risulterà iscritti alla seconda a distanza di qualche giorno dalla prima.
Anche la formula resterà invariata, basterà portare a termine entrambe le gare, sui percorsi marathon o granfondo, per entrare nell’elenco dal quale verranno estratti otto nominativi, che vinceranno:
- 1 soggiorno di una settimana per due persone a Capoliveri
- 1 soggiorno di una settimana per due persone a Cortina
- 3 cesti con prodotti tipici elbani
- 3 cesti con prodotti tipici ampezzani
Il 13 maggio e il 14 luglio vivi la vera MTB! Non lasciatevi sfuggire questa occasione! Iscrivetevi alla Combinata Mari e Monti, per due appuntamenti impedibili della vostra stagione 2018, che accontenteranno anche le vostre famiglie, portandole a trascorrere una vacanza in due tra i luoghi più affascinanti d’Italia.
Per info e iscrizioni:
Capoliveri Legend Cup: capoliverilegendcup.it
Cortina Trophy: cortinatrophy.com
battibecco
Messaggio 87658 del 20.11.2017, 09:44
Provenienza: Portoferraio
Ridicolo questo battibecco tra assessore e ex geometra comunale
La situazione viabilità portoferraiese è assurda, e le responsabilità sono molteplici.
Bertucci si concentri sui problemi reali e non sulle polemiche.
Le strisce sono invisibili, in alcune zone sono multicolore gialle blu o bianche, i vigili urbani verbalizzano in modalità casuale, inoltre siamo l'unico comune nel mondo in cui i posti disabili non sono in alcun modo a regola.
Sul dosso in via manganaro ce ne era uno, annientato dal dosso stesso.
Nel piazzale della linguella vi sono i cartelli in qua e là e le strisce in altre posizioni.
In alcuni posti del paese sono addirittura davanti ai bidoni della spazzatura (dove vi sarebbe il divieto per effettuare lo svuotamento).
Svegliatevi e cominciate a girare il paese e sentire cosa dice la gente.
COPIARE SI, MA BENE....
Messaggio 87657 del 20.11.2017, 09:22
Provenienza: CAPOLIVERI (PAOLINO L'ARROTINO)
Il sistema elettorale approvato a colpi di fiducia che ha visto una grande ammucchiata politica, è un sistema molto simile a quello tedesco, sistema che porterà a nuove elezioni in Germania a causa del mancato accordo tra i partiti. Tutto questo mi riporta indietro di qualche anno, quando a scuola i meno bravi copiavano sempre i compiti, e c'era sempre qualcuno che sbagliava anche a copiare.

Paolino l'arrotino-
AUTOSPURGHI-ELBANI
Messaggio 87656 del 20.11.2017, 05:57
X x sig. Elio
Messaggio 87655 del 19.11.2017, 20:14
Provenienza: Campo
Mi spiace doverla correggere, si tratta di soldi già incassati dall’amministrazione che devono essere impegnati per essere spesi, la giunta Montauti ha ritenuto opportuno sistemare le strade ........se non ha alcuna conoscenza di come funziona la pubblica amministrazione non si sbilanci altrimenti rischia di fare cattive figure come in questo caso.
Saluti da Campo
LOTTERIA DI NATALE
Messaggio 87654 del 19.11.2017, 18:20
Provenienza: P.A Croce Verde


Come ogni anno la Pubblica Assistenza Croce Verde di Portoferraio otrganizza la "Lotteria di Natale". Nel ricordatre a tutti che i tagliandi sono già in vendita presso i negozi di Portoferraio e dell'Isola che hanno aderito alla iniziativa dell'associazione, la P.A. Croce Verde vi ricorda quali sono i premi messi in palio quest'anno: 1° Premio LANCIA YPSILON 5 porte, 2° premio Orologio LOCMAN, 3° premio Set ACQUA DELL'ELBA, 4° Premio Televisore LCD, 5° Premio Netbook Asus. 6° Premio Tablet, 7° Premio Macchina caffe espresso, 8° Premio Cellulare.
I tagliandi sono in vendita anche presso l'Associazione e in Piazza Cavour nel box allestito appositamente dove sono esposti anche tutti i premi in palio.
L'estrazione avverrà Sabato 6 gennaio 2018 in Piazza Cavour durante il tradizionale spettacolo organizzato dall'Associazione stessa in collaborazione con il Comune di Portoferraio.
La P.A. Croce Verde nel ringraziare i maggiori Sponsor della Lotteria di Natale: Banca dell'Elba, Locman, Acqua dell'Elba e Nocentini Group, nonchè tutti i negozi aderenti all'iniziativa, confida in tutti i cittadini elbani nell'acquisto dei tagliandi, (€ 5,00) perchè il ricavato servirà all'acquisto di attrezzature sanitarie per l'emergenza/urgenza sulle proprie ambulanze.
Il Presidente
Paolo Magagnini
X il messaggio di risposta a bike park
Messaggio 87653 del 19.11.2017, 17:25
Provenienza: Capoliveri
Altri avrebbero fatto meglio, dice lei, ma in giro, finora, ho visto solo peggio. A Rio hanno il territorio e hanno avuto anche fior di milioni, grazie ad Altero Matteoli, eppure che hanno fatto? Senza offesa per nessuno non direi che possa essere cosa buona una Jeep che porta in giro turisti, devastando sentieri, arbusti, funghi e animali autoctoni. Il Parco è un patrimonio se trattato nel modo giusto e Ruggero è stato unico pure in questo.
X Sig Elio
Messaggio 87652 del 19.11.2017, 15:11
Provenienza: Campo
Sig. Elio legga bene che la copertura economica sarà soddisfatta dalle multe ed oneri di urbanizzazione.....non si capisce su quale basi economiche possono fare questi computi! Garantendo tot multe e oneri? Quindi ci faranno a noi residenti ed ai turisti tante belle multe per pagare gli asfalti, di oneri vediamo il piano operativo quando sarà pronto e se lo sarà...non facevano prima a fare una colletta? Lasci perdere altrimenti ci salassano...
X Capoliveri bike park
Messaggio 87651 del 19.11.2017, 15:00
Non c'è bisogno di essere illuminati quando si hanno a disposizione soldi e territorio predisposto.., anzi ti dico che altri avrebbero fatto anche meglio.
DOV'E' LA DESTRA DOV'E' LA SINISTRA....
Messaggio 87650 del 19.11.2017, 13:35
Provenienza: CAPOLIVERI (PAOLINO L'ARROTINO)
Nella legge di stabilità del 2000, per l'anno finanziario 2001,
a gennaio di quell'anno entrò in vigore una legge del governo Berlusconi che prevedeva l'aumento delle pensioni ad un milione di lire. Oggi a distanza di sedici anni, lo stesso Berlusconi annuncia che qualora al governo, aumenterà tutte le pensioni minime a 1000€ mensili, e ha parlato del fatto che molti italiani non si possono più curare, ma questo accadeva anche prima, per cui aspettiamo a parlare di questo aspetto. Dall'altra, il governo attuale di centrosinistra, conferma l'aumento dell'età pensionabile a 67 anni dal 2019 per poi arrivare a 70 anni negli anni a venire, senza una parola su un eventuale aumento delle pensioni che io non definisco minime, ma da fame e di chi ha seri problemi economici per curarsi adeguatamente. Non sono mai stato un elettore di Forza Italia o del centro-destra, non lo sono e non lo sarò mai, ma quello che ho scritto corrisponde alla verità, verità che si rivela solo quando si rinuncia a tutte le idee preconcette.

Paolino l'Arrotino*****
Dante Leonardi
Messaggio 87649 del 19.11.2017, 11:22
DIRITTO DI REPLICA




Non capisco questa “presa di cappello”, quando No Far Access cominciò a muovere i primi passi nel 2011, data lontana e antecedente a quando Adalberto posò il suo fondoschiena sulla poltrona di Assessore e magari informato di questo finanziamento Europeo, oltretutto l’Ente titolato nel progetto era la Provincia di Livorno, che poi ha ceduto quale utilizzatore degli impianti l’Ufficio di Polizia Municipale.
Riguardo le paline abbattute, se permetti, erano elementi a me sconosciuti perché l’Ufficio Tecnico, settore OO.PP, manutenzioni e viabilità, non è mai stato coinvolto in nessuna fase della progettualità, per cui nessun aggravio di lavoro, come pure sai bene che non esiste corrispondenza in merito, come giusto che fosse.
Adalberto carissimo, le domande che mi posi anni fa, me le ha rinfrescate il Prianti con le foto del cartello abbattuto e quello che conosco è semplicemente per curiosità personale, visto che ritengo meritoria qualunque azione volta a ridurre la marginalità delle aree deboli e delle persone disabili, intervenendo sul tema dell’accessibilità ai servizi e della mobilità. Però se vi hanno consegnato un giochino che non funziona, ridatiglielo denunciandolo pubblicamente, perché le responsabilità a volte sono maggiori per chi tiene il sacco rispetto a chi non rispetta le regole.
Per concludere, piccola precisazione, il mio ultimo giorno di lavoro è stato il 31 Luglio, un mese in più da poter raccontare.

Fraternamente
Dante Leonardi
PARCHEGGI DISABILI E BARRIERE ARCHITETTONICHE-CAPOLIVERI-
Messaggio 87648 del 19.11.2017, 10:32
Provenienza: CAPOLIVERI
Leggo su questo blog e su alcune testate giornalistiche locali, la polemica a proposito del "sistema sperimentale di telecontrollo stalli riservati ai disabili" di Portoferraio. Ebbene, a CAPOLIVERI questo tipo di polemica non esiste, in quanto per i disabili è impossibile parcheggiare nelle due piazze del centro di CAPOLIVERI nei posti riservati agli stessi, perché non esistono i parcheggi specifici, figuriamoci gli stalli. Non solo, nella piazza Matteotti, nonostante la stessa non sia interdetta totalmente al traffico, per i disabili è impossibile transitare visto che non esiste nella cartellonistica all’altezza del teatro Flamingo, una autorizzazione specifica.
Elio
Messaggio 87647 del 19.11.2017, 09:38
Provenienza: Bonalaccia (forse una frazione del comune di Campo Nell'elba
Sig Sindaco del comune su citato,ha in programma di spendere tanti soldi per le strade del comune bene,visto che nell'elenco non ho trovato la strada di bonalaccia,super disastrata,si possono spendere qualche centinaio di euro per tappare quelle buche maledette.Grazie.
COMITATO CARPANI NUOVO
Messaggio 87646 del 19.11.2017, 06:27



BABBO NATALE E' IN VIAGGIO.
Sabato 23 dicembre arriverà ai Giardini di CARPANI con un sacco pieno di cose buone.
BAMBINI ANDATE A SALUTARLO.
Fate un disegnino o scrivete un pensierino di Natale e datelo a BABBO NATALE quando arriverà ai Giardini di CARPANI i più belli saranno premiati.
BAMBINI PREPARATEVI, BABBO NATALE ARRIVA DA LONTANO PER STARE CON VOI.
Adalberto Bertucci
Messaggio 87645 del 18.11.2017, 19:28
RISPOSTA A DANTE LEONARDI



"Dante Leonardi, che fino al 30 giugno scorso faceva parte dell'ufficio lavori pubblici del comune di Portoferraio, dovrebbe sapere meglio di altri come stanno le cose a proposito del progetto No Far Access, evitando facile retorica".
A parlare, a titolo personale, è Adalberto Bertucci, assessore alla viabilità del Comune di Portoferraio, con l'intento di rispondere alle perplessità sollevate dallo stesso Leonardi con una nota inviata alla stampa locale.
"Il progetto, che è iniziato nel 2016, non è ancora operativo, perchè alcuni comuni che inzialmente vi avevano aderito si sono tirati indietro. Per la cronaca, la Provincia di Livorno che è capofila del progetto No Far Access, proprio per questo motivo ha a disposizione altri 35 dispositivi per gli stalli riservati ai portatori di handicap: di questi 10 li prenderemo noi a Portoferraio, mentre il resto verrà diviso fra Cecina e Piombino. Abbiamo in programma ad inizio 2018 la sistemazione di tutti gli stalli danneggiati e l'installazione degli ultimi 10 dispositivi".
"Rispondere alle osservazioni del geometra Leonardi è molto semplice - ha aggiunto Adalberto Bertucci - certo, tre di queste paline purtroppo sono già state buttate giù, ma mi meraviglia che lui che lavorava in comune fino al 30 giugno non se ne fosse accorto, visto che in almeno due casi lui stesso era ancora in servizio. Una lettera del dirigente lo aveva reso noto prima che lui andasse in pensione, quindi avrebbe anche potuto denunciarlo prima. Ma forse è più comodo farlo ora, piuttosto che quando era in servizio, visto che in quel caso gli avrebbe provocato un aggravio di lavoro".
"Queste considerazioni le faccio a titolo personale - conclude Bertucci - sono deluso da questo facile modo di fare retorica, mentre per chi sta dentro la struttura pubblica sarebbe stato più giusto ed opportuno intervenire o comunque denunciare la cosa da addetto ai lavori, piuttosto che farlo adesso da semplice cittadino".
X disoccupato di rio
Messaggio 87644 del 18.11.2017, 19:03
Provenienza: Capoliveri
Telefona pure a tutti quei numeri ma preparati alla stessa risposta: con i mezzi a motore non si può circolare, né accedere, nelle aree parco. Non si capisce perché a Rio volete sempre qualcosa di diverso. Qui a Capoliveri, grazie ad un Sindaco Illuminato, nelle aree minerarie abbiamo fatto un bellissimo bike park perché voi non fate un walking o un running park? No, voi volete il safari e l'enduro e piangete se non ve li fanno fare. Già vi tollerano il trenino e dovreste ringraziare. Invece vi lamentate. Da non credere.
Informato
Messaggio 87643 del 18.11.2017, 17:25
Provenienza: minera di rio
Al disoccupato di Rio Marina, Duro più che En duro, dico che invece di lamentarsi può chiamare il Parco Minerario al numero 0565 962088 o il Comune di Rio Marina al numero 0565 925511. Se non vi convincono loro chiamate il Parco Nazionale 0565 919411 e sentite loro. Potete chiamare anche l'Agenzia del Demanio di Livorno al numero 055 200711. Se, alla fine, nessuno vi avesse convinti, invece di continuare a mandare messaggi anonimi qui, chiamate il Comandante dei Carabinieri Forestali al numero 0565 915067 e chiedete a lui.
x Enduro
Messaggio 87642 del 18.11.2017, 16:52
Provenienza: elba
A Rio siete bravi, criticate ma volete che siano gli altri ad andare avanti a mettersi in gioco e a lavorare per voi...
Ganzo anche quello della panoramica, anche lui dice a Simone pensaci te, sai io non mi espongo........
Simone se devi fare la guerra sarà meglio qualcun altro si metta in gioco e ci metta la faccia insieme a te, non solo messaggi di comodo, dalla poltrona o dal balcone.....
Ecco perché le cose non funzionano......
X L'enduro
Messaggio 87641 del 18.11.2017, 15:08
Provenienza: RII-
Enduro, ogni tanto nei tuoi ragionamenti metti qualche virgola, perché a leggere i tuoi interventi tutto di un fiato non sarebbe stato possibile neanche per Maiorca, il famoso apneista.
PescePalla
Messaggio 87640 del 18.11.2017, 14:51
Provenienza: Mar Tirreno Settentrionale
Gira voce che il sindaco Ferrari, zitto zitto, abbia chiesto al presidente della nuova Autorità portuale livorno/piombinese di gestire i porti elbani da Livorno e non più da Piombino...
PARCHEGGI DISABILI E BARRIERE ARCHITETTONICHE-CAPOLIVERI-
Messaggio 87639 del 18.11.2017, 13:42
Provenienza: CAPOLIVERI
Dopo numerosi appelli, l'amministrazione comunale di CAPOLIVERI (almeno per ora) non ha ancora individuato nella piazza Garibaldi un posto riservato ai disabili. Ribadisco che nelle vicinanze sono presenti i due studi dei medici condotti, l'unica farmacia di CAPOLIVERI, oltre che alcuni bar, due tabaccherie con altri servizi, due panifici, le due ferramenta, una estetista, l’unico supermercato presente nel centro storico ecc. A tal proposito faccio presente che sono poche le famiglie italiane che non hanno avuto, non hanno, o non avranno forse in futuro (mi auguro di no) tra i parenti una persona disabile o un anziano non autosufficiente, perciò non impegnarsi a costruire un habitat amico della disabilità, significa ignorare una grande questione di UMANITA' E CIVILTA'.
Enduro disoccupato
Messaggio 87638 del 18.11.2017, 11:39
Provenienza: Rio Marina
Ho visto che c'e' la signora direttrice del Parco Nazionale a Rio Marina speriamo che finalmente sia venuta per cancellare il Parco delle miniere e finalmente si puo' girare con la moto e anche andare a fare i funghi senza rischiare la denuncia oppure se il Parco deve restare allora dica che non si vada con le moto ma nemmeno con il fuoristrada. Basta che si fa finta di non sapere nulla e si chiuda gli occhi solo per chi si vuole perche' ci sono i biglietti con la pubblicita da per tutto per l'isola e allora il parco o c'e' o non c'e'. Vorrei sapere Simone che ne pensa perche' tra poco si vota e io voglio sapere le varie posizioni dei candidati.
x Lelio Giannoni
Messaggio 87637 del 18.11.2017, 11:32
Provenienza: Rio & Rio
Ciao Lelio, concedimi un'amichevole...... dissenteria: il ' Viaggio d' acqua', vecchia e cara metafora riese, attiene ad un'azione o un discorso inconcludente, che pur proponendosi di dare un contributo positivo, non è minimamente funzionale alla causa. Quella/e che tu, da buona persona quale sei, chiami provocazioni, sono in effetti delle vere e proprie carognate messe in atto con malvagità da quelle categorie di soggetti che, cattive di natura, non hanno né la capacità né la predisposizione a pensare in positivo e ad essere collaborative, non sono predisposti a condividere né idee né lavoro che abbiano come finalità il bene comune. Ecco che allora, giusto per sentirsi partecipi in qualche modo, impiegano le loro forze per buttare discredito sul lavoro degli altri con l'intento di far fallire qualsiasi iniziativa. Sono quelli contrari a prescindere.
Saluti
MISERICORDIA PORTOFERRAIO
Messaggio 87636 del 18.11.2017, 10:55

Martedi 28 Novembre alle ore 11.30 presso la Sede della Misericordia in Via Carducci 68 a Portoferraio Conferenza stampa per presentare il Progetto "Scale senza frontiere" realizzato grazie al bando "il Volontariato per la comunità 2017 del Cesvot.
"Scale senza frontiere" è il nuovo servizio offerto alla cittadinanza dalla Misericordia di Portoferraio, in collaborazione con Cesvot, Fratres, Diversamente Sani, Associazione Volontariato Tempo Amico, Elba no Limits a disposizione di tutte quelle persone che -a causa di una disabilità permanente o temporanea- trovano difficoltà ad uscire di casa poichè residenti in abitazioni prive di ascensore o montascale.
I volontari della Misericordia, gratuitamente, con l'ausilio della nuova sedia scendiscale motorizzata, si recheranno, previo appuntamento, presso le abitazioni di chi voglia usufruire di questo nuovo servizio che verrà meglio illustrato durante la conferenza.
Vi aspettiamo alla conferenza per maggiori dettagli.
Cordiali saluti

Misericordia Portoferraio
LELIO GIANNONI
Messaggio 87635 del 18.11.2017, 07:28
Provenienza: COMUNE DI RIO
Cari Elbivoro & Co.,

Una provocazione, per essere tale, deve basarsi almeno su un indizio, uno di numero, altrimenti come si dice da noi, diventa un puro e semplice viaggio d'acqua. Solo per rinfrescarvi la memoria: la prima mossa, la fece nel 2008 l'On. Bosi, presentando in Consiglio comunale una proposta di riunificazione, in alternativa al comune unico di cui si cominciava a ragionare all'epoca. La proposta passò con voto unanime. E quando fu il momento del referendum, nel 2013, molti sostenitori dell’Amministrazione Bosi si schierarono apertamente contro il comune unico e il sottoscritto fece parte del comitato del No, partecipando attivamente alla campagna referendaria. Ma già due giorni dopo il risultato (a Rio Marina 77% di no), inviai una lettera aperta al sindaco di Rio nell’Elba, Danilo Alessi, invitandolo a lavorare per la riunificazione riese. A pochi mesi di distanza, nel 2014 aprii il gruppo Facebook "Comune di Rio" per rilanciare la proposta e raccogliere adesioni tra i riesi di su e di giù. Poi, un anno fa, i sindaci Galli e De Santi, preso atto delle difficoltà dei piccoli comuni ad amministrare in modo efficace con la scarsità di mezzi a disposizione, proposero la riunificazione ai rispettivi consigli comunali. Come si vede, fino a quel momento i partiti, se pur legittimati a farlo, non hanno svolto alcun ruolo. Salvo poi, in Consiglio regionale, attraverso i rispettivi gruppi, votare all'unanimità la proposta di legge per la fusione e successivamente, durante la campagna referendaria, invitare i propri sostenitori a votare Sì. Tutto qui.
Dante Leonardi
Messaggio 87634 del 18.11.2017, 05:41
NO FAR ACCESS



Nei giorni scorsi è apparsa una foto postata dal sig. Prianti relativamente ad un cartello di stallo riservato ai disabili con alla sommità una scatola provvista di pannello solare sul Molo Gallo, forse per effetto del vento o di qualche urto, oggi il paletto e cartello stradale sono stati rialzati, ma la cassetta è scomparsa. Qualche anno fa, quelle cassette poste alla sommità dei pali mi incuriosirono, chiedendomi cosa fossero e a cosa servissero, poi un giorno passando da Calata Italia, all’inizio del porticato, un palo era ancora dotato di una piccola tabella che spiega di cosa si tratta.
Questi impianti fanno parte di un “ sistema sperimentale di telecontrollo stalli riservati ai disabili” e rientrano in un progetto finanziato dalla Comunità Europea dal titolo “ No Far Access – Toscana – Liguria – Sardegna - Corse “.
Ma cos’è questo No Far Access?
I Nofaraccess comprendono una serie di azioni volte a ridurre la marginalità delle aree deboli e delle persone disabili, intervenendo sul tema dell’accessibilità ai servizi e della mobilità. I partner coinvolti nel progetto sono: Provincia di Livorno (Capofila), Provincia della Spezia, Dipartimento della Corsica del SUD, Provincia di Massa Carrara, Provincia di Cagliari. Con un Budget complessivo di Euro 2.122.000,00.
Il progetto nell’ambito temporale 2014/2017, si è prefissato di realizzate nelle varie provincie coinvolte, interventi sulla pubblica mobilità (rotaia, gomma, navale e circolazione urbana). Per Portoferraio la Provincia ha previsto il controllo delle aree di sosta riservate ai disabili così strutturato: un sensore viene infisso a terra e quando un mezzo occupa quello stallo, si interrompe il dialogo con la centralina posta in testa palo, inviando un segnale alla sala operativa dei VV.UU di posto occupato, con conseguenti possibili controlli, anche se nelle relazioni del progetto si accennava all’integrazione di apparati con riconoscimento immediato del cartellino di autorizzazione.
Curiosando sul l’andamento del progetto si è parlato spesso di convegni per incontri tecnici sull’andamento dei lavori, facendo ritrovare i vari rappresentanti in sedi prestigiose, in fondo di soldi a disposizione ce n’erano. Io Spero che siano stati bene, come spero che di tutti quei progetti gran parte abbiano raggiunto i risultati prefissati, aiutando tante persone che hanno bisogno nell’ambito mobilità.
Purtroppo se prendo come punto di riferimento l’intervento a Portoferraio, credo che la delusione sarebbe grande. In questi anni ho avuto modo di vedere 2 cassettine distrutte, una in via del Carburo e una in via Cairoli in prossimità del parco delle Ghiaie. Una in piazza del Popolo è rimasta fagocitata dal banco di frutta e verdura, mentre una all’interno delle traverse di via Carducci fa bella vista di sè in mezzo ai tavoli di un ristorante e adesso l’abbattimento di quello sul Molo Gallo.
Una cosa però mi piace dirla, se l’impianto non funziona, denunciatelo, certe spese non possono passare in silenzio.

Un saluto, Dante Leonardi
Marcello Camici
Messaggio 87633 del 18.11.2017, 05:39
FINE DEL GRANDUCATO DI TOSCANA ASBURGO LORENA L’ALBA DELL’UNITA D’ITALIA ALL’ELBA (1859-1860) DISPACCIO DI BETTINO RICASOLI : PRESCRIZIONI SULL’ORDINE PUBBLICO E SULLA SICUREZZA PUBBLICA DEI CITTADINI


(SECONDA PARTE)

In questa seconda parte del dispaccio che il 17 settembre 1869 Ricasoli ha inviato al governatore di Livorno,Biscossi, si evidenzia una qualità della politica dello statista che è quella dell’annessione della Toscana al Piemonte attraverso il mantenimento dell’ordine pubblico,diversamente da Mazzini che intravede nella rivoluzione la via migliore. Ricasoli incita il governatore militare e civile di Livorno affinchè faccia comprendere a”tutti i suoi dipendenti depositari dell’Autorità e della Forza pubblica, che l’ordine politico potrebbe essere minacciato da coloro che “pongono in pericolo gli averi e la tranquillità dei pacifici cittadini” specie nelle campagne “….Le Campagne hanno lo stesso sacro diritto alla tutela Governativa che le Città;né può dirsi ben ordinata e tranquilla una Società Civile se i reati ordinari non vi si tengono in limiti quanto siano possibili ristretti. L’Agricoltura e l’Agricoltore domandano dal Governo una speciale tutela ; né tutela più efficace potrebbe dal Governo concedersi quanto lo assicurare il frutto dei sudori del Contadino dirimpetto ai vagabondi e ai predatori dei frutti campestri. D’altronde è debito precipuo dell’Autorità Governativa di eliminare l’ozio,frenando l’accattonerìa vagabonda,che fa strada al delitto,come di auspicare per ogni via il miglior indirizzo civile e morale del Paese.E’ urgente dunque che a questo stato di cose si ponga un pronto riparo,perché se al sopravvenire dell’inverno non sarà frenata questa baldanza i mali che oggi si deplorano si faranno ancor maggiori. L E.V. vedrà al pari di me a quali conseguenze potrebbe condurre una trascuratezza che pare tolleranza in questa materia, e non dubiterà della necessità di provvedere con i larghi mezzi che il Governo pone a disposizione della Autorità subalterne. Così non si tratta di sterili ammonizioni ma di azione pronta assidua ed intelligente e di cui il Governo vuol vedere prontamente gli effetti. I delegati,li Carabinieri, i Commessi di pubblica vigilanza ciascuno per la parte che lo riguarda uniscano i loro sforzi a rassicurare le popolazioni e mostrare che il Governo vuole e può tutelarle. La E.V. si valga di ogni mezzo ,ecciti,invigili e se alcuno mancherà al suo dovere saprò come punirlo. Si guardino i precettati,si rompano le fila segrete di quelle associazioni delittuose infiltrate quasi in ogni provincia ,si perlustrino le strade ,si rimandino al loro paese i vagabondi e gli sconosciuti che non danno conto di sé,si perquisiscano i sospetti possessori di prodotti campestri,si dia soccorso ai Contadini contro le invasioni dei ladri nei campi.La Polizia indaghi e spenda quanto occorra per essere informata e per prevenire quanto è possibile almeno per non lasciare nelle tenebre il delitto ed il suo autore. Si faccia insomma tutto quello che importa per frenare il male e per dimostrare al popolo che la libertà non vuol dire violazione impunita delle Leggi e che il Governo non patteggia coi ladri e coi facinorosi. Raccomando allo zelo della E.V. l’esecuzione precisa ed immediata di queste mie prescrizioni e mi pregio di professarmi all’E.V. Lì 15 settembre 1859 Dev.mo Servitore RICASOLI” (Affari generali del governo dell’isola d’Elba 1859-60.Doc 15-100.Circolari da 1 a 42.Circolare n 42.Archivio storico comune Portoferraio)


Marcello Camici mcamici@tiscali.it
SI - NO dissalatorre
Messaggio 87632 del 17.11.2017, 16:38
Provenienza: Elba
http://www.greenreport.it/news/acqua/le-polemiche-sul-dissalatore-allelba-documento-sulla-dissalazione-del-festival-dellacqua-2017/#prettyPhoto
La storia continua
Messaggio 87631 del 17.11.2017, 09:23
Pd Campania. Indagato Del Basso De Caro, sottosegretario alle Infrastrutture: “Tentata concussione e voto di scambio”


L'esponente dem è iscritto nel registro degli indagati dalla procura di Benevento. La vicenda risale al 2013 ed è relativa alle presunte pressioni dell'allora capogruppo Pd in Regione Campania sull’allora direttore generale dell’ospedale Rummo per rimuovere dirigenti ritenuti ostili. "Vicenda relativa a una sola intercettazione di 4 anni fa - si difende - oggi, a fine legislatura, la questione si ripropone come un fiume carsico"
...ogni giorno una puntata del PD ....da non perdere
MAURIZIO PAPI Sindaco
Messaggio 87630 del 16.11.2017, 17:16
Provenienza: Porto Azzurro
SEGRETERIA COMUNE DI POTOAZZURRO


A seguito del guasto verificatosi in data 20 ottobre u.s. sull’impianto fognario di Piazza Matteotti, io sottoscritto Dr. Maurizio PAPI Sindaco di Porto Azzurro, anche a nome di tutta l’Amministrazione Comunale e della cittadinanza, intendo esprimere apprezzamento e stima nei confronti del Settore Manutenzione Reti Fognarie e Impianti di ASA S.p.a per il lavoro eseguito con grande capacità professionale e con massima tempestività.

L’intervento in questione, che si è protratto per diversi giorni e che ha richiesto l’impiego di professionalità diverse, ha presentato molteplici problematiche che sono state affrontate in emergenza, ma comunque sempre con la massima dedizione da parte di tutti i tecnici, che si sono costantemente adoperati per risolvere al meglio le difficoltà tecnico/operative e logistiche che si sono presentate.

Le attività e i lavori in questione, sono stati, in sinergia con questa Amministazione, egregiamente realizzati e coordinati dalla struttura Tecnica di ASA S.p.a., che ha sempre profuso il suo impegno con la massima disponibilità ed efficienza e che ha saputo circoscrivere l’area interessata dall’intervento, limitando i disagi nella bella piazza del nostro Comune.

Questa Amministrazione Comunale confida che anche in futuro vengano programmati e concordati, in collaborazione con ASA, ulteriori interventi che potranno andare ad ottimizzare la funzionalità delle reti e degli impianti fognari comunali.

Si ringrazia quindi per la professionalità e la competetnza dimostrata, ASA S.p.a. nella persona del Dirigente, Ing. Michele Del Corso, del Responsabile Settore Reti Fognarie, Geom. Marco Bartolini e del Responsabile Settore Impianti e Depurazione, Ing. Giuseppe Colasanto.

Con stima e gratitudine
Il Sindaco
Dr. Maurizio PAPI
Per Elbivoro
Messaggio 87629 del 16.11.2017, 13:08
Provenienza: Cielo di Rio
A proposito di " INCIUCIO tra PD e Centrodestra" per la fusione delle due RIO...........concordo con te......quelli che hanno votato per il SI e quelli che non sono andati a votare si ricrederanno dello sbaglio.....ma che purtroppo non si potrà più correggere.......
I RIESI veri di sù ormai non ce ne sono più...e quei pochi rimasti hanno votato di fatto per lo" stato di SUDDITANZA" di se stessi e del "defunto Rio Castello".
Di solito prima dei Matrimoni si fanno i Fidanzamenti e che non sempre durano fino al giorno del "SI"...........
CINEMA TEATRO FLAMINGO
Messaggio 87628 del 16.11.2017, 11:22
Provenienza: Capoliveri
Viva l'Italia
Messaggio 87627 del 16.11.2017, 10:43
Provenienza: Forza Pianosa - Forza Asinara
I pm chiedono il processo, i consiglieri lo rivotano
Sardegna, Peru vicepresidente dopo l’arresto
L’esponente di Forza Italia rieletto come numero due del consiglio regionale. Anche coi voti della sinistra
Finito ai domiciliari nel 2016 per associazione a delinquere, per lui è stato chiesto il rinvio a giudizio
Arrestato il 5 aprile 2016 con l’accusa di associazione a delinquere, tornato in libertà (con obbligo di dimora a Sassari) quattro mesi dopo, reintegrato in Consiglio regionale a ottobre 2016, il forzista Antonello Peru è riuscito a riprendersi il posto di numero due nell’Assemblea regionale della Sardegna, che ricopriva al momento dell’arresto. E lo fa, tra l’altro, con il beneplacito di un pezzo della maggioranza di centrosinistra
I FALLIMENTI....
Messaggio 87626 del 16.11.2017, 10:03
Provenienza: CAPOLIVERI (PAOLINO L'ARROTINO)
A proposito della eliminazione dai mondiali, ora tutta la colpa si vuol fare ricadere solo sul c.t. Come sempre, nessuno in questo paese vuol prendere le responsabilità dei fallimenti, in questo caso "calcistico", che non è mai di una sola persona, ma sopratutto dei calciatori, gli stessi, con stipendi milionari che sono a mio parere una offesa verso chi oggi si trova in piena povertà.

Paolino l'arrotino-
Elbivoro
Messaggio 87625 del 16.11.2017, 09:43
Provenienza: Elba
La voglio buttare in provocazione; non sarà che la fusione delle due Rio sia stata concordata col PD a livello regionale dal finto centrodestra che abbiamo in Toscana per portare avanti ulteriormente l'idea del Comune unico. D'altra parte, se alle ultime regionali,FI e Lega fossero andate insieme,Rossi lo rifaceva col pensiero il Governatore.
mi farò carcerare
Messaggio 87624 del 16.11.2017, 09:06
Mi viene il voltastomaco... una raccolta per i doni natalizi ai figli dei carcerati.
ma una bella raccolta per i figli delle loro vittime non sarebbe meglio?
chissà con questo buonismo dove ci porterete...
Amico
Messaggio 87623 del 15.11.2017, 22:55
Provenienza: pf
Ciao Angelo, r.i.p.
populisti con poca immaginazione
Messaggio 87622 del 15.11.2017, 22:21
Premessa dovuta: solidarietà massima per i 420 licenziati e per le loro famiglie.
Detto questo voglio farvi ragionare su una cosa: mettiamo che io apra la banca dell'Enfola e che tutti gli elbani mettano i loro risparmi da me. Se io sono li li per fallire voi preferireste che vada in galera e che lo stato vi garantisca i risparmi o che vada in galera e basta? E se non vi tocca niente pensate che l'economia dell'isola non ne risenta? adesso vedetela in grande.
Richiedete la galera per gli scellerati e la trasparenza del settore bancario, non chiedete sempre i soliti discorsi facili per saziare le pance ignoranti!
Speriamo che i 420 lavoratori possano essere dignitosamente reintegrati
X CAMPO-
Messaggio 87621 del 15.11.2017, 20:40
Provenienza: CAPOLIVERI (PAOLINO L'ARROTINO)
Di solito non rispondo a persone che danno giudizi su altri senza conoscerle neanche lontanamente, per cui, anche questa volta non faccio eccezioni, e non mi faccio trasportare in una polemica becera.

Paolino l'Arrotino-
Fallimenti:DUE PESI,DUE MISURE
Messaggio 87620 del 15.11.2017, 20:22
Honeywell, chiude lo stabilimento di Lanciano: a casa 420 dipendenti:
ancora un'altra Azienda in Italia che chiude i battenti e manda a casa i dipendenti........
Il Governo Renzi/Padoan però per salvare le BANCHE private(Spa e quotate in Borsa) ha subito trovato 60 MILIARDI...... le altre Aziende possono tranquillamente fallire ........
E' questo sarebbe un Governo credibile agli occhi degli Italiani?
BASTA,ricordiamocelo alle prossime elezioni politiche.....
Rotary Club Isola d’Elba
Messaggio 87619 del 15.11.2017, 19:09

“Finestre di cromatismi in libertà”
Mostra d’arte di beneficenza

Il Rotary Club Isola d’Elba, in collaborazione con la Cosimo de’ Medici Srl e con il Patrocinio del Comune di Portoferraio, organizza una mostra pittorica di beneficenza dal titolo “Finestre di cromatismi in libertà”. Da domenica 19 novembre a martedì 5 dicembre sarà possibile visitare la mostra presso la Sala Telemaco Signorini dalle 17.00 alle 20.00. La mostra sarà aperta anche dalle 10.00 alle 12.00 nel fine settimana. Le opere esposte sono in vendita ed il ricavato sarà devoluto per l’acquisto di doni natalizi per i bambini dei carcerati indigenti nella Casa di Reclusione “P. De Santis” di Porto Azzurro.

Tutte le opere sono state realizzate da Giuliana Perrini, Comandante Capo della Polizia Penitenziaria di Porto Azzurro, pittrice paesaggista del filone impressionista che ha ricevuto numerosi premi anche internazionali. Così la definisce il critico V. Cracas: “ricompone visioni interiorizzate di natura, dove sensazioni ed emozioni si intessono con le meditate riflessioni generate dai soliloqui dell’anima. Le vibrazioni dei colori e delle luci vivacizzano il ritmo di questa pittura, fra larghe campiture, frammentate gradazioni tonali e guizzanti geometrismi cromatici con cui l’artista trama una personale figurazione, risolvendola con estrema originalità stilistica”.

Il Rotary Club Isola d’Elba invita la cittadinanza all’inaugurazione della mostra domenica 19 novembre alle 18.00.
Passeggiatore
Messaggio 87618 del 15.11.2017, 18:50
Provenienza: Rio
Anche domenica scorsa, passeggiando lungo il sentiero che circumnaviga il verde monte Giove, ho rischiato di essere investito dal solito mezzo fuoristrada che, in barba ai vincoli di un’area protetta, continua a sfrecciare avanti e indietro. Accetto il bisogno di lavorare e non discuto che si possano prevedere e concedere deroghe nei mesi di concentrazione turistica ma almeno nei mesi morti gradirei godere delle bellezze naturalistiche in santa pace. Chiedo forse troppo? Comincio a pensare di essere io quello fuori luogo, che il posto giusto dove passeggiare sia una bella autostrada o il centro di una metropoli mentre le aree protette siano territori da mettere a frutto ad ogni costo. Il lavoro prima di tutto, certamente, ma allora apriamo le aree parco anche ai cacciatori, ai tagliatori di legna e, perché no, ai collezionisti di rettili e predatori alati. Forse ha sbagliato chi, da sempre, mi ha insegnato che il rispetto delle regole e delle persone viene prima di tutto.
State sereni, va tutto bene ...
Messaggio 87617 del 15.11.2017, 17:57
Provenienza: Italia
Honeywell, chiude lo stabilimento di Lanciano: a casa 420 dipendenti.
La notizia ufficiale è stata comunicata mercoledì ai sindacati e al ministero dai vertici della multinazionale che produce turbocompressori per motori diesel.
TARI seconda casa
Messaggio 87616 del 15.11.2017, 16:23
Provenienza: terra ferma
Abbiamo fatto dei controlli sulla TARI dove abitiamo (terra ferma ) e all'isola d'Elba dove abbiamo la seconda casa. I conteggi dell'Elba sono pasticciati e poco chiari ma abbiamo capito che , a parità di metri quadrati , paghiamo il doppio sia della parte fissa che di quella variabile . Se è quasi normale che i rifiuti costino di più sulle isole per gli oneri dei trasporti è una autentica truffa che ci venga fatta pagare una tassa su rifiuti che non produciamo .Sulla terra ferma abitiamo e produciamo tanti rifiuti per almeno 335 giorni all'anno , all'Elba produciamo pochissimi rifiuti ( si mangia fuori in pizzeria, al ristorante , panini al mare .. ) per meno di 30 giorni . I comuni, in questo caso Marciana, applicano assurdamente tariffe molto elevate ( i turisti sono solo da spennare ) e seguono una legge dello stato che definire stupida è poco e forse sarebbe da definire una legge ladrona e senza senso fatta solo per rubacchiare . Questa è l'Italia un paese dove non volevo nascere ma purtroppo mi è capitato , pagare le tasse è giusto ma pagsre queste tasse è da paesi governati da incapaci e da improvvisatori .
Assegnazione alloggi ERP
Messaggio 87615 del 15.11.2017, 16:20
Provenienza: Capoliveri

Il Responsabile dei Servizi Sociali gestione amministrativa alloggi ERP rende noto che con Determinazione n. 1147 del 15/11/2017 è stato pubblicato il Bando di concorso generale per l’assegnazione in locazione semplice di alloggi di edilizia residenziale pubblica (ERP).
Il Bando è finalizzato alla redazione di una graduatoria per l’assegnazione di tutti gli alloggi ERP che si renderanno disponibili nel Comune di Capoliveri.
Fino all’adozione della nuova graduatoria è considerata valida per ogni assegnazione la graduatoria previgente.
Le domande dovranno essere compilate esclusivamente su modulistica predisposta dal servizio, disponibile on line, presso l’ufficio gestione amministrativa alloggi comunali e presso l’ufficio protocollo del Comune di Capoliveri corredate di tutta la documentazione indicata nel bando a pena di esclusione.
Il termine di presentazione delle domande è il giorno 15/01/2018 alle ore 13.00

L’ufficio è a totale disposizione per ogni chiarimento nei giorni di lunedi’ mercoledi’ e venerdi’ dalle 10.30 alle 13.00.
Per informazioni
Ufficio Servizi Sociali
Tel.0565/967646/
967611
m.franceschini@comune.capoliveri.li.it
CONFCOMMERCIO ELBA Scrivi a CONFCOMMERCIO ELBA
Messaggio 87614 del 15.11.2017, 11:12
STREET WORKOUT



A un anno dalla sua nascita e dopo aver toccato oltre trentadue città in tutta Italia, sbarca all’isola d'Elba l’ultima innovazione in campo di fitness: lo “ Street workout”.
L'associazione sportiva Elba no Limits, in collaborazione con Confcommercio Elba e il comune di Portoferraio lancia questo evento come un modo completamente nuovo di vivere il fitness e la città.
Divertimento, benessere fisico e cultura allo stesso tempo, fare sport all'aria aperta scoprendo tutte le bellezze naturali e storiche che ci circondano.
<>.
Durante Street workout i partecipanti saranno dotati di cuffie wireless da cui, oltre ad ascoltare i comandi dell’istruttore per l’esecuzione di esercizi durante le sessioni di fitness che intervalleranno il percorso di 4 km in giro per la città, riceveranno informazioni di carattere culturale sui luoghi storici che incontreranno.
Il costo dell'evento sarà di €15 a persona, ognuno riceverà le cuffie a noleggio e la t-shirt dell'evento in omaggio, ingrediente straordinario sarà poi la presenza di Diversamente Sani ONLUS a cui andranno i fondi raccolti nella giornata. < Le iscrizioni sono già aperte, è possibile iscriversi online(elbanolimits.org/streetworkout) oppure nei centri Jazzercise di Marina di Campo e Portoferraio, e si chiuderanno il 28 novembre. Un'iniziativa del tutto nuova che mette in campo sport, cultura e solidarietà in un mix sicuramente tutto da scoprire!
Fallimento Calcio e non solo
Messaggio 87613 del 15.11.2017, 10:52
SistemaItalia=Sistema calcio
Ci sono stati momenti in cui l’Italia andava malissimo, mentre la Nazionale andava benissimo e produceva grandi campioni“. Poi sottolinea: “In previsione della possibile eliminazione dell’Italia, sul Fatto Quotidiano abbiamo fatto una inchiesta sulle federazioni sportive del Coni, perché qui sembra che la Federcalcio sia finita non si sa come nelle mani di Tavecchio, nomina politica ed espressione del mondo calcistico, non certamente auto-nominatosi lì, né è un fungo spuntato a caso. E’ sicuramente un personaggio imbarazzante, che hanno messo lì apposta perché si fidano di lui. E la politica che sta dietro al Coni lo ha lasciato in quel posto. Il Coni” – continua – “ha 23 federazioni su 44 in perdita, alcune delle quali in bancarotta e che bruciano decine di milioni di euro pubblici all’anno. E che cosa producono? Non solo le pippe che non riescono a fare un gol alla Svezia in due partite. Ma noi ci ricordiamo cos’era lo sport italiano alle Olimpiadi dagli anni ’70 agli anni ’90? Avevamo delle grandi eccellenze. Chi ci è rimasto?”. Travaglio chiosa: “Ci ricordiamo la Pellegrini, che purtroppo va in pensione, Nibali, che è spuntato da solo e non è prodotto da nessuna federazione, e per il resto è il deserto. Questo è lo sport
Tabellone partenze Porto di Portoferraio
Messaggio 87612 del 15.11.2017, 10:20
Provenienza: Elba
Buongiorno Sig. Prianti,
visto il maltempo uno verifica on-line la situazione dei traghetti, se partono o vengono cancellati, andando sul sito porto facile dell'autorità portuale di Piombino e dell'Elba, ma si trova solo il tabellone partenze del porto di Piombino, non c'e' il tabellone partenze del porto di Portoferraio.
Sono io che non lo trovo oppure il porto di Portoferraio non fa parte dell'autorità portuale di Piombino e dell'Elba?
Grazie e buona giornata!
Il calcio è un gioco, il calcio è un business
Messaggio 87611 del 15.11.2017, 10:00
Smettete di usare il calcio come per fare ragionamenti xenofobi di bassa lega.
Gli stranieri, soprattutto nelle giovanili, al posto di stare sui social e ad atteggiarsi da star (vedi Mastour), mordono le caviglie agli avversari perchè il calcio è l'unica ancora di salvezza che hanno.
Le società sportive vogliono professionisti competitivi, non social.
Smettiamo di dare la colpa sempre a qualcuno e facciamo un po' di autocritica.
Se gli stranieri "ci rubano il lavoro" poi è perché gli italiani pagano poco altri italiani, quindi sono i vostri fratelli italici bianchi a fregarvi, non due disgraziati neri!
Ultima piccola riflessione, se un immigrato arrivato col barcone, che non sa la lingua e non ha niente, riesce a rubarvi il lavoro con questa facilità vi servirebbe davvero un esame di coscienza
CRONACHE CITTADINE
Messaggio 87610 del 15.11.2017, 09:48
DUE PESI E DUE MISURE… attenzioni e disattenzioni




Non sono bastate le segnalazioni della instabilità di un palo pericolante sul Molo Gallo che ad ogni alito di vento oscilla pericolosamente , situazione probabilmente sfuggita anche ai solerti ausiliari del traffico imperterriti sanzionatori per sollecitare un pronto intervento di ripristino e messa in sicurezza, ormai sono trascorsi cinque giorni ma chi di dovere rimane araba fenice “che c’è ognun lo sa ma dov’è nessun lo dice “
L’altra faccia della medaglia è invece gratificante ed è solo di un ora fa, un cittadino ha notato in Piazza Pietri, vicino all’ingresso del Conad, un ramo di grosso Pino pericolante una vera spada di Damocle sugli ignari passanti e clienti del supermercato.
E’ bastata una telefonata a Enzo Fornino che nonostante fosse stato in missione con la pubblica Assistenza ha provveduto ad inoltrare la chiamata ai VVF e dopo nemmeno dieci minuti una squadra attrezzata di Vigili del Fuoco con l’autoscala, in breve ha tolto il pericolo incombernte…
Lasciamo ogni giudizio ai lettori, da parte nostra un sincero ringraziamento ai ”Pompieri” che vigilano 24h su 24 sulla nostra incolumità ed ...una nota di demerito a chi fa orecchi da mercante camminando forse con i paraocchi .....….
x Paolino
Messaggio 87609 del 15.11.2017, 09:36
Provenienza: Campo
Bravo Paolino, ora che avete dimostrato di essere dei veri campioni dell'accusa, della denununcia e della distribuzione a piene mani delle colpe, non credete che sarebbe arrivato il momento di imparare a fare qualcosa di concreto e a smetterla di scappare come lepri quando siete chiamati ad assumervi delle responsabilità? Siete diventati le ' vergini dai candidi manti........'.
E per favore, lascia stare il Che Guevara che non è morto perché ha inciampato mentre scappava. Tu, o voi se preferisci, avete delle idee molto sofisticate su cos'è la vera lotta per la conquista, il dovere ed il mantenimento dei diritti. La maggior parte di voi non ha la più pallida idea di cos'è il lavoro se non che farebbe bene a coloro che sono in sovrappeso.
Grillo Talpa
Ma a Rio Elba il PD non c'è più?
Messaggio 87608 del 15.11.2017, 09:02
PORTOFERRAIO — Il Partito Democratico informa che sono stati convocati i Congressi di Circolo del PD per:

l’elezione del Segretario della Federazione Isola d’Elba-Val di Cornia
l’elezione del Segretario dell’Unione Intercomunale Isola d’Elba
l’elezione del Segretario di Circolo

I congressi si terranno nelle sedi di circolo del Pd secondo il seguente calendario:

PORTOFERRAIO e CAPOLIVERI presso la sede di Portoferraio GIOVEDI 16 novembre dalle ore 15,30 alle ORE 20
PORTO AZZURRO GIOVEDI 16 novembre dalle ore 17,30 alle ore 19,30
CAMPO NELL’ELBA GIOVEDI 16 novembre dalle ore 18,30 alle ore 22,30
RIO MARINA VENERDI 17 novembre dalle ore 17 alle ore 20
MARCIANA MARINA DOMENICA 19 novembre dalle ore 15 alle ore 18
i cittadini devono sapere la verità
Messaggio 87607 del 15.11.2017, 08:55
Provenienza: il vicepresidente della Commissione Ue, Jyrki Katainen
Conti pubblici, la Ue: “La situazione economica dell’Italia non migliora, i cittadini devono sapere la verità”
Il vicepresidente della Commissione, Jyrki Katainen, ribadisce che c'è "una deviazione dagli obiettivi di medio termine per quanto riguarda il saldo strutturale". E avverte che "si parla del futuro del welfare". All'appello mancano 3,5 miliardi. Ma Bruxelles rimanderà il giudizio definitivo a dopo le elezioni. Così la manovra correttiva dovrà farla il prossimo governo
Poco conta il progresso del pil, che nel terzo trimestre ha segnato un +1,8% rispetto allo stesso periodo del 2016. La performance è tutt’altro che invidiabile, visto che piazza la Penisola al penultimo posto in Europa davanti al solo Belgio. E le previsioni del governo hanno come presupposto una crescita dell’1,5%, che è esattamente il dato “acquisito” alla luce delle stime preliminari appena diffuse dall’Istat. Per cui non c’è alcuna una sorpresa positiva in grado di migliorare i saldi contestati da Bruxelles.
“Tutti possono vedere dai numeri che la situazione in Italia non migliora. L’unica cosa che posso dire a nome mio è che tutti gli italiani dovrebbero sapere qual è la vera situazione economica in Italia”. E la verità è che c’è “una deviazione dagli obiettivi di medio termine per quanto riguarda il saldo strutturale”.
Si sta parlando della “salute dell’economia italiana”, del “futuro del welfare“, ha spiegato il finlandese, tanto per mettere in chiaro che non si parla di numeri astratti ma in ballo ci sono conseguenze che rischiano di pesare sulla vita quotidiana dei cittadini. Proprio mentre governo e sindacati discutono di possibili salvaguardie rispetto all’aumento a 67 anni dell’età pensionabile che scatterà dal 2019.
FORZA EUROPA FORZA EURO
( E = è ; U = una ; R = rapina ; O = organizzata )
ElBA REKORD
Messaggio 87606 del 15.11.2017, 05:32
POLISPORTIVA ELBA REKORD SEZIONE MINIBASKET Aquilotti / Gazzelle




Pallacanestro Elba Rekord 14
Pallacanestro Piombino 10



Bellissimo esordio per la formazione Aquilotti /Gazzelle dell’istruttore Iacopini impegnata sul campo di San Giovanni contro i coetanei del Piombino .
Sei mini tempi ben giocati da tutti i bambini e dalla bravissima Marta Frediani , unica “gazzella “ di questo gruppo numerosissimo , ben 20 mini cestisti nati negli anni 2008/2009.
In occasione della prima di campionato sono scesi in campo : Mario Puddu, Nicola Maroni, Andrea Rossi, Andrea Saponaro, Samuele Iacopini , Leonardo Giulianetti , Tommaso Ballarini, Cristian Carminelli, Michelangelo Dinelli, Marta Frediani, Tommaso Mocali , Daniele Valorotti.
Il regolamento del minibasket prevede la disputa di 6 tempi da 6 minuti ciascuno , ogni frazione una nuova partita giocata 4 contro 4 per favorire la ricerca dello spazio libero da parte dei giocatori. Una formula azzeccata che permette a tutti di giocare due frazioni a testa .
I nostri atleti , oltre a giocare un ottimo minibasket hanno addirittura vinto aggiudicandosi 3 frazioni , 2 pareggi e una sconfitta .


Nella foto la squadra scesa in campo domenica
L'ULTIMO SFORZO...
Messaggio 87605 del 14.11.2017, 21:31
Provenienza: CAPOLIVERI (PAOLINO L'ARROTINO)
Ti suggerisco di fare l'ultimo sforzo come lo faccio io, (l'ho già scritto anche in un'altra occasione) forse un domani i nostri giovani ci ringrazieranno, e se sarà un altro fallimento, nessuno potrà dire che noi, un po su con l'età, non ci abbiamo provato, e a tal proposito, ti vorrei citare una frase del comandante Che Guevara;

CHI LOTTA PUO' PERDERE, CHI NON LOTTA HA GIA' PERSO.

Paolino l'Arrotino-
senza speranza
Messaggio 87604 del 14.11.2017, 19:10
caro arrotino, purtroppo questo tuo discorso, l'ho già sentito e strasentito, una volta erano i "compagni del PC" che dicevano, nei primi anni del dopo guerra con i DC al governo: " ...adda venì baffone"
così dicevano anche i miei colleghi e amici contrari a quel governo DC,... mi dicevano le stesse tue parole: "se andiamo noi al governo... ecc.ecc. fateci andare, fateci provare e vedrete come cambierà l'Italia ..." poi vennero governi di centrosinistra,ecc. ecc.
Siamo arrivati finalmente con "i compagni" che hanno cambiato l'Italia, cacciato Craxi, distrutta la DC, il PSI, il PSDI, il PRI, il PLI.il MSI, insomma, tutti i partiti del precedente governo, Di Pietro .. ha fatto piazza pulita e nascono i nuovi partiti.
Cambia l'orchestra... ma i musicanti...sempre quelli che prima erano all'opposizione o con un piede mezzo fuori e mezzo dentro.
Risultati? nasce la lega, forza Italia... e gli italiani incazzatissimi di Prodi, di Bertinotti, dell'Ulivo, dell'Italia dei valori di Di Pietro,Margherita & C. votano il Berluska e Bossi cazzarola!
Ecco che " i compagni" ricambiano, nasce il Partito "democratico"
fuori di nuovo il nano e Bossi, con i "Giuda" che tradiscono il nano e la lega, arrivano finalmente i salvatori dell'Italia !siamo arrivati mezzi rotti al 2016, il PD si litigano tra loro e arriva Pinocchio, oggi siamo ne 2017 e vedo sempre che cambiano le orchestre ma i musicanti sono sempre quelli... anzi ne muore uno ne vengono fuori 10.
Risultati? sempre più personaggi che vivono di sola politica, forse per chi è senza un lavoro oggi, entrare in politica è una buona soluzione, qualcuno ci riesce, buon per lui...male per noi!
l'orchestra si ingrandisce sempre di più, ma vedo tra il pubblico qualche cambiamento...si è impoverito, qualcuno magro, con la barba non curata... sembra un'accattone, ma no... lo è davvero
Lo so caro arrotino, mi dirai ricambiamo, questi non li abbiamo ancora provati!
cazzarola, ma allora ci credi davvero? lo dicono tutti ormai, io sono vecchio... ormai stanco, avvilito, deluso e sfiduciato,
Speramo che piovi
Messaggio 87603 del 14.11.2017, 19:05
Provenienza: Elba
Breccino di granito o salamoia? Boh, bevemoci su



Chicchero
La Sveglia
Messaggio 87602 del 14.11.2017, 17:25
Provenienza: Panoramica del Porticciolo
Simone facci sapere qualcosa perché siamo in tanti a sperare nel cambiamento ma fino a quando non fai il primo passo nessuno si sente di esporsi troppo. Tu lo sai come funzionano certe cose se ti fai nemici. Forza Simo
SPI CGIL ELBA
Messaggio 87601 del 14.11.2017, 17:01
Provenienza: Stefano Bramanti
CONVOCATO IL DIRETTIVO DELLO SPI CGIL IN VIA DELLA FONDERIA




Convocato il direttivo del sindacato pensionati della Cgil elbana, per il giorno 15 novembre mercoledì, alle 10, nei locali della sede di via della Fonderia 3, nel centro storico di Portoferraio, quando il segretario Luciano Lunghi incontrerà i componenti dell'organismo dirigenziale, per discutere dell'andamento economico della Lega 21, per analizzare le proposte di iniziative per la fine dell'anno, quindi fare il punto sul tesseramento del 2017 e degli abbonamenti al giornale "Liberetà". Saranno anche date informazioni sull'incontro che lo Spi, sindacato pensionati italiani, sezione isolana, ha tenuto con il sindaco del comune di Rio Marina Renzo Galli, nell'ambito del programma di riunioni da realizzare con tutti gli Enti pubblici isolani. Alla riunione sarà presente Giuseppe Bartoletti, della segreteria provinciale del sindacato pensionati. Il segretario Lunghi raccomanda la partecipazione di tutti e ricorda ai delegati di portare le schede riguardanti il tesseramento e gli eventuali abbonamenti al giornale del sindacato.
LA SVEZIA....
Messaggio 87600 del 14.11.2017, 16:52
Provenienza: CAPOLIVERI (PAOLINO L'ARROTINO)
La disfatta calcistica era nell'aria, del resto quando le squadre di calcio importanti non fanno largo ai giovani talenti italiani, che talvolta per 8/9 undicesimi sono formate da calciatori stranieri, comprati a milioni di euro con stipendi che offendono chi si trova in difficoltà economica per mancanza di lavoro, cosa ci si doveva aspettare? Non posso essere contento, ma talvolta per imparare serve una "dura lezione", e ieri sera puntualmente è arrivata, e da ora in poi, quando sentiremo parlare della Svezia, il nostro pensiero non sarà solo quello delle loro belle donne.

Paolino l'Arrotino-
marcello meneghin Scrivi a marcello meneghin
Messaggio 87599 del 14.11.2017, 14:34
Provenienza: Mestre
crazy
ACQUA POTABILE DISSALATA
Riscontro messaggio 87600 del 14.11.2017
Io però mi devo basare sulla realtà . Faccio un esempio . Prima che venisse iniziata la costruzione del nuovo laghetto Condotto io avevo pubblicato su alcuni blog elbani la sezione dell’ultima diga dove ho lavorato io, disegno che riguardava in particolare il diaframma di impermeabilizzazione delle spalle e del fondo diga. Nella nota annessa al disegno facevo presente che uno sbarramento artificiale che fosse privo di quel diaframma, che tutti proprio tutti gli sbarramenti artificiali hanno, non si può pensare che ci sia tenuta idrica. Ebbene lo sbarramento del Condotto è stato fatto ed io non ho mai sentito parlare di diaframmi di tenuta che deve essere formato da lunghe perforazioni con iniezione di tonnellate di cemento e quindi comporta una spesa notevole. Lei capisce che se si è dato corso allo sbarramento in questione senza diaframma tanto meglio si darà inizio al desalinizzatore senza serbatoio annesso anche perché, in maniera analoga al diaframma, anche il serbatoio costa molto. In conclusione io ragiono sulla base dei fatti. Il desalinizzatore verrà senz’altro fatto e, come accaduto al Condotto sarà privo non del diaframma ma questa volta di quel serbatoio di compensazione delle portate che io giudico essenziale come prima giudicavo il diaframma. Allora tutto prosegue come da copione e quindi ci si accorgerà solo a posteriori che il laghetto del Condotto non tiene l’acqua ed il desalinizzatore non serve quasi a nulla per l’Isola d’Elba ma solo a diminuire la portata della Val di Cornia la quale effettivamente sta per scoppiare non essendo più in grado di alimentare la sua enorme utenza.
Quanto sopra è naturalmente solo il mio parere più volte giudicato solo un sogno irrealizzabile. Il bello è che io vado più avanti ancora con il sogno e penso che se i progettisti del desalinizzatore avessero veramente ragionato un po' sulla necessità di affiancargli un serbatoio, allora si sarebbero accorti che il serbatoio da sé solo bastava perché lo si poteva riempire non con la costosa acqua desalinizzata ma molto più semplicemente con quella della pioggia e dei pozzi elbani e quindi si sarebbero accorti da soli dell’errore insito nel dissalatore.
[Pagina precedente] [ Pagina successiva]

visita
MUCCHIO-SELVAGGIO.....
ISOLA D'ELBA.....