Pagina 5/1245: [] [1] [2] [3] [4] (5) [6] [7] [8] [9] [10] [] [»] LASCIA UN MESSAGGIO
Autore Messaggio
GESTIONE ASSOCIATA TURISMO
Messaggio 93029 del 22.11.2018, 10:19
IL 26 NOVEMBRE LA PROSSIMA SEDUTA DELLA GESTIONE ASSOCIATA PER IL TURISMO.




E’ convocata per lunedì 26 novembre la Consulta dei Sindaci per la Gestione Associata per il Turismo dell’Isola d’Elba che nella prossima seduta, al primo punto dell’Odg, dovrà porre all’attenzione dei primi cittadini la questione relativa al contributo di sbarco e alle modalità di utilizzo dei maggiori introiti derivanti dall’aumento del contributo che, nella seduta precedente del 5 novembre, era stata rinviata considerate le intenzioni di voto favorevoli di cinque comuni e quelle contrarie di Portoferraio e Rio.
Fra i punti all’Ordine del Giorno anche la questione relativa alle indicazioni di budget 2019 per la predisposizione del piano promozionale in vista della prossima stagione turistica e le valutazioni in merito all’Osservatorio Turistico di Destinazione previsto dalla legge regionale per il turismo.
I rappresentanti dei comuni dell’Isola d’Elba dovranno, inoltre, discutere in ordine al contributo alla realizzazione del frantoio comprensoriale alle Antiche Saline, il servizio di linea bus Pisa Aeroporto Piombino e le attività legate alla ricerca di finanziamenti per il settore turistico.
cantierino
Messaggio 93028 del 22.11.2018, 08:32
Provenienza: molo gallo
E' veramente vergognoso che ad oggi tutte le aree demaniali siano ferme per tutelare un soggetto che non gli frega nulla della cantieristica e della nostra Elba.

10 ANNI PERSI!!!

Chissà cosa ne pensa il Peria!!!???
Chissà cosa ne pensa il Parigi!!!!????
Chissà cosa ne pensa il Rizzoli!!!???
Luigi Lanera FdI
Messaggio 93027 del 22.11.2018, 05:02
LANERA FAVOREVOLE AL PROGETTO MARINA DI S.GIOVANNI E ANNUNCIA LA SUA CANDIDATURA A SINDACO DI PORTOFERRAIO


Favorevoli al Marina S. Giovanni . Questa è la posizione di Fdi e di conseguenza anche del sottoscritto in qualità di candidato sindaco per le prossime amministrative del comune di Portoferraio. Siamo stufi del canto delle sirene ... che anche oggi abbiamo sentito Sono 15 anni che aspettiamo nuovi posti barca e nulla si è visto . Siamo contenti che finalmente ci sia un alternativa per la nautica locale sempre più mortificata da appetiti egoistici di chi vuole assoggettare i diportisti locali al puro interesse privato . I soci della Marina S. Giovanni ci troveranno al loro fianco per arrivare fino alla realizzazione del nuovo porticciolo . Invitiamo il sindaco Ferrari ad una dichiarazione pubblica in sostegno del nuovo Marina affinché si sappia chiaramente quale sia la posizione dei nostri attuali amministratori . Richiedo anche ,sempre ai nostri amministratori , di pronunciarsi sulla mia idea di destinare tutte le aree demaniali di viale Teseo Tesei a piazzali di imbarco per le auto oltre che alla creazione di un nuovo attracco traghetti lungo la banchina che dal molo lucchesi arriva al deposito combustibili . Questa mia proposta serve per eliminare il traffico di imbarco e sbarco dal Ponticello e lasciare L attracco dell alto fondale ( in attesa di un possibile allungamento del molo Massimo ) alle navi da crociera che nel caso di assenza delle stesse dare la possibilità di ormeggio a mega panfili che normalmente si ancorano in rada . Quanto scritto farà parte del mio programma per lo sviluppo di Portoferraio . Sindaco Ferrari attendo una risposta.


Luigi Lanera Fdi
LA TUA BANCA
Messaggio 93026 del 22.11.2018, 05:00
Luigi Lanera FdI Scrivi a Luigi Lanera FdI
Messaggio 93025 del 21.11.2018, 18:58



Oggi sul quotidiano "Il Tirreno"
ESAOM CESA
Messaggio 93024 del 21.11.2018, 18:45
RIMOSSI 4.500 METRI QUADRATI DI TETTI DI ETERNIT DAGLI EDIFICI DELL’AREA EDILNAUTICA



Esaom Cesa ha rimosso nei giorni scorsi, 4500 M^2 di tetti di Eternit eliminando ogni traccia di amianto da tutti gli edifici dell’area Edilnautica. Questo, dicono dalla Esaom, “per garantire la sicurezza sul lavoro e tutelare la salute pubblica. L’azienda svolge da diversi anni le attività di monitoraggio periodico dell'amianto in tutte le aree su cui opera. I risultati di queste analisi hanno evidenziato un livello di rischio di molto inferiore rispetto ai limiti prescritti dalla legge”. Le foto allegate dimostrano i lavori effettuati nei giorni scorsi. “Ci si auspica che questo esempio sia seguito da numerosi e che l’amianto sia monitorato e all'occorrenza rimosso”
E.S.A.O.M. - C.E.S.A. S.p.A.
Messaggio 93023 del 21.11.2018, 18:35
E.S.A.O.M. - C.E.S.A. S.p.A.
Cantieri Navali Portoferraio



Aprendo il link allegato, Vi portiamo a conoscenza delle nostre osservazioni alla deliberazione della giunta comunale di Portoferraio nr. 179 relativa all’avvio del procedimento per la revisione della variante al regolamento urbanistico e della delibera relativa al nuovo piano strutturale.

Link:
https://drive.google.com/file/d/103JaH9KD7Dy0lL4r-DrUl04uY3pszsql/view?usp=sharing

Umberto Buzzoni
Amministratore Unico
ELBA BIKE
Messaggio 93022 del 21.11.2018, 18:27
CICLOCROSS, MARGHERITA OGGERO SFIORA IL PODIO IN SVIZZERA





La giovane atleta di Elba Bike, Margherita Oggero, ha colto nello scorso fine settimana una prestigiosa quarta posizione nel suo primo confronto internazionale a Hittnau, in Svizzera
Non è facile per una ragazzina di 15 anni essere catapultata in una gara internazionale nel più importante circuito di Ciclocross Europeo, ma la giovane Margherita sul duro percorso svizzero non si è lasciata intimorire dalle fortissime avversarie e (parole sue) fra gomitate e spinte ricevute da gigantesche teutoniche è riuscita nell'ultimo giro a risalire 3 posizioni proprio nel terreno a lei più congeniale, la salita, giungendo al traguardo appena ai piedi del podio.
Grande soddisfazione per il team Elba Bike, che oltre ai prestigiosi risultati colti in campo nazionale, sta tentando di far accumulare esperienza internazionale ai suoi atleti migliori, nella prospettiva di alzare ancora di più l’asticella e porsi obiettivi sempre più importanti.
AMMINISTRAZIONE PORTOFERRAIO
Messaggio 93021 del 21.11.2018, 15:01
AMMINISTRAZIONE PORTOFERRAIO
Messaggio 93020 del 21.11.2018, 12:18
NEL PIANO INTERVENTI DI TERNA 9 KM DI NUOVA LINEA


Ha preso il via, presso il Ministero dello Sviluppo Economico, l’iter autorizzativo relativo al progetto di ammodernamento della linea elettrica a 132 kV San Giuseppe – Portoferraio all’Isola d’Elba.
Il piano di interventi di Terna, presentato recentemente al Sindaco di Portoferraio Mario Ferrari, prevede la realizzazione di circa 9 km di nuova linea in cavo interrato e porterà importanti benefici in termini di sicurezza e affidabilità del sistema elettrico dell’Isola d’Elba, oltre che paesaggistici e ambientali. La nuova linea interrata, infatti, permetterà di demolire circa 10 km di vecchio elettrodotto aereo e 49 tralicci in due Comuni: Portoferraio beneficerà della dismissione di quasi 7 km di linee e 41 tralicci, e il Comune di Rio di circa 3 km di elettrodotto aereo e 8 tralicci. Il via dell’iter autorizzativo è il frutto dell’impegno di Terna e del Comune di Portoferraio nel condividere un percorso di dialogo e confronto finalizzato ad individuare le migliori soluzioni progettuali, sia tecniche che ambientali, per rendere l’intervento integrato con il territorio. “Se ripensiamo a quello che è successo all’Elba fra il 2009 e il 2010 per l’ipotesi di installazione di 20 nuovi tralicci, con comitati di protesta, manifestazioni e interrogazioni parlamentari – ha commentato il sindaco di Portoferraio Mario Ferrari – possiamo avere la portata del risultato che abbiamo conseguito grazie al dialogo avviato con Terna e alle precise indicazioni che abbiamo fornito per la tutela dell’ambiente e del paesaggio. Grazie a Terna per aver accettato di seguire questo processo virtuoso che potrà servire da esempio in futuro in tema di realizzazione di grandi opere in un contesto ambientale così delicato come quello della nostra isola”
Confcommercio Elba Scrivi a Confcommercio Elba
Messaggio 93019 del 21.11.2018, 11:57

STREET WORKOUT 8 DICEMBRE

Ultimi giorni per le iscrizioni per la quarta edizione elbana di Street Workout.
Sabato 8 dicembre ci sarà a Rio l' evento Street Workout; già presente in molte città italiane, l'evento è organizzato da Elba No Limits ASD in collaborazione con Confcommercio Elba
Un percorso di 3km, con partenza dall'anfiteratro di Rio Marina e che attraverserà le miniere, durante i quali una guida illustrerà ciò che visiteremo, intervallato da 4 stazioni di fitness, il tutto accompagnato dalla musica che ognuno ascolterà attraverso delle cuffie wireless che verranno date in dotazione prima della partenza.
L'idea che insieme a Confcommercio l'associazione Elba No Limits vuole trasmettere con questo evento è quella di conoscere e far conoscere il nostro territorio per meglio promuoverlo e per portare turismo e interazione economica anche nei periodi tradizionalmente piatti per l'economia elbana, con lo scopo a lungo termine di poter realizzare un piano continuativo di destagionalizzazione.
In questa edizione, come è stato un anno fa con la prima edizione elbana di Street Workout, ci sarà il valore aggiunto della solidarietà . Infatti parte del ricavato sarà devoluto a Diversamente Sani ONLUS che interviene sul territorio elbano in aiuto dei malati oncologici; la ONLUS sarà presente fisicamente all'evento con uno stand informativo per far conoscere i propri progetti insieme ad Avis Porto Azzurro che èsponsor d'eccezione di questa edizione dello Street Workout isola d'Elba.
Per partecipare a Street Workout è necessario iscriversi entro il 25 novembre, anche online al link elbanolimits.org/streetworkout.
Vi invitiamo a partecipare numerosi per conoscere le bellezze dell'Elba e per sostenere chi si impegna per il prossimo.
chanel 9
Messaggio 93018 del 21.11.2018, 11:20
Provenienza: demanio
facendo riferimento al post di Amedeo Coltelli,

vorrei aggiungere che tutti quei manufatti sono sul demanio marittimo e in parte abusivi non pagando canone concessori considerato che nel 2012 non viene pagato il canone ( sono state restituite le concessioni) di fatto sono rimaste al vecchio concessionario a gratis. Ma come mai nessuno ( le autorità' competenti) in particolare la Capitaneria ,non ha mai visto nulla e non sa nulla????
Pur essendo passate ,in parte,le competenze demaniali ai comuni ma la Capitaneria non deve controllare ?? Non sono organi di PG? Non gli e' stata demandata il controllo anche per la sicurezza e nelle rade e ambito portuale non devono essere loro addetti ai controlli???
Si preoccupano tanto di salvaguardare l'ambiente e la sicurezza e tutto questo amianto cosi vicino al mare? e sul demanio marittimo??? e nel porto??
saluti
CINEMA TEATRO FLAMINGO
Messaggio 93017 del 21.11.2018, 11:06
Provenienza: CAPOLIVERI
UNIONE VETERANI SPORTIVI DELLA TOSCANA
Messaggio 93016 del 21.11.2018, 10:42
Provenienza: Stefano Bramanti
UNIONE VETERANI SPORTIVI DELLA TOSCANA: RILANCIARE LA SEZIONE ISOLANA E INCONTRARE I GIOVANI




Far rinascere la sezione elbana dell'Unione Nazionale Veterani dello Sport (Unvs). Un obiettivo che si è prefissato Paolo Allegretti, delegato Unvs a Firenze, rappresentante per la Regione Toscana e membro della Commissione nazionale cultura e storia dello sport. “Il gruppo isolano potenziale esiste e fino ad alcuni anni fa- dice il dirigente - ha visto come presidente Giovanna Orlandi e dopo di lei aveva preso le redini della sezione isolana Massimo Della Rosa. Erano circa 40 i tesserati, tra cui Saluz, Frangioni, Gambelunghe, Tirelli, Nurra. E' tempo di ripartire per garantire anche all'isola iniziative formative e socio culturali gratuite promosse dalla nostra associazione”. E come primo evento il fiorentino propone la realizzazione di un meeting rivolto alle scuole isolane superiori, per i primi mesi del 2019, con il convegno Campioni nella memoria, ovvero "Storie di atleti deportati nei campi di concentramento". Allegretti per tale scopo ha contattato i tre dirigenti scolastici dell'isola Battaglini, Di Biagio e Fazio, dai quali attende una risposta che spera sia positiva. I Veterani dello sport si prefiggono traguardi socializzanti attraverso il coltivare i valori autentici delle varie discipline sportive, impegni per sviluppare vincoli di fratellanza fra tutti gli sportivi veterani, che sono possono essere validi esempi per i giovani, collaborare quindi con gli Enti locali per la promozione di momenti aggreganti di qualità, attuando anche iniziative di sostegno alle categorie svantaggiate e favorendo la lotta al doping ed alla violenza nello sport. Per contattare l'Unvs telefonare al 3355881431 o scrivere a unvstoscana@gmail.com e comunicare adesioni o proposte di collaborazione.



Nella foto Allegretti che premia un giovane sportivo
SHOPPING IN LIBERTA'
Messaggio 93015 del 21.11.2018, 10:19
SOSTA GRATIS IN CITTA’ PER LE FESTE NATALIZIE…PERCHE’ NO?




E’ molto intrigante l’idea che si sta discutendo a Livorno riguardo la concessione da parte dell’amministrazione comunale della sosta gratuita in città per le festività di natale…
Non sarebbe certo una malaugurata idea se succedesse anche a Portoferraio, probabilmente darebbe respiro ai commercianti del centro storico e agli utenti la possibilità di fare tranquillamente shopping con figli e marito appresso senza l’assillo della multa in agguato .
Un provvedimento da mettere in programma da parte della nostra amministrazione che se andasse i porto non sarebbe certo una riabilitazione dell'ultima ora , ma potrebbe essere un segnale positivo un segnale di una smemorata e litigiosa compagine che cerca di ripristinare un rapporto con i cittadini.
Inoltre, e certamente non meno importante , sarebbe una ghiotta e salutare occasione per regalare un po di riposo ad alcuni ausiliari del traffico che appaiono stressati e nervosi nei rapporti con i cittadini parcheggiatori .
Insomma cari amministratori provate a pensarci , in fondo pensare non costa fatica ed una ordinanza a riguardo permetterebbe ai Ferrajesi dopo tanti bocconi amari ingoiati di addolcire le festività natalizie .
ARCHIVI APERTI 2018
Messaggio 93014 del 21.11.2018, 09:12



ARCHIVI APERTI 2018


Lunedì 26 novembre alle 11 nell'Archivio Storico Comunale di Portoferraio s'inaugurerà la Mostra archivistico-fotografica Un intellettuale in campeggio. Grato Maraini imprenditore all'Elba nel campeggio da lui fondato a Lacona.

La Mostra, curata da Gloria Peria e Nicoletta Marrone, rientra nella campagna regionale ARCHIVI APERTI 2018 che ha lo scopo di valorizzare il patrimonio archivistico. In quest'occasione, la Gestione associata degli archivi storici dei comuni elbani intende proporre un assaggio del potenziale culturale contenuto nell'archivio Grato Maraini recentemente donato all'Archivio Storico di Portoferraio dagli eredi. In futuro potranno essere approfonditi altri temi che questo personaggio ci offre, essendo appartenuto ad una delle famiglie intellettualmente più in vista del Novecento.
POLIZIA DI STATO PORTOFERRAIO
Messaggio 93013 del 21.11.2018, 09:04
LA POLIZIA DI STATO E LA USL – ZONA DISTRETTO ELBA – HANNO SIGLATO IL PROTOCOLLO “ALCOOL, GIOVANI ED INCIDENTI STRADALI”.



Quest’Ufficio ha avviato, grazie alla collaborazione del Direttore di Zona del Distretto Elba dell’USL Toscana Nord Ovest, dottor Gianni Donigaglia, un progetto “Alcool giovani ed incidenti stradali” che intende valorizzare l’impegno della Polizia di Stato sul fronte della prevenzione degli incidenti stradali alcool correlati (27 le patenti ritirate dall’inizio dell’anno e di queste 18 sono state ritirate per guida sotto l’influenza di alcool mentre 4 per guida in stato di alterazione dall’uso di droghe).
L’obiettivo è quello di ridurre significativamente gli incidenti dovuti alla guida in stato di ebrezza e per raggiungerlo occorre l’impegno e la sinergia attiva tra attori istituzionali. In concreto, come è noto, quest’Ufficio non dispone di un etilometro ed i risultati citati vengono spesso raggiunti grazie alla collaborazione di altre Forze di Polizia, realizzando, ove possibile, posti di controllo nella stessa postazione.
Ovviamente i risultati raddoppierebbero se il Commissariato di P.S. disponesse autonomamente di un rilevatore del tasso alcolemico.
Tanto premesso, la Direzione della Zona Distretto Isola d’Elba dell’Azienda USL Toscana Nordovest, ha ceduto in comodato d’uso gratuito al Commissariato di P.S. di Portoferraio un etilometro marca LIONS400, apparecchiatura debitamente certificata e tarata.
AUTOSPURGHI ELBANI
Messaggio 93012 del 21.11.2018, 09:00
AMMINISTRAZIONE PORTOFERRAIO
Messaggio 93011 del 20.11.2018, 20:32
Disilluso
Messaggio 93010 del 20.11.2018, 19:17
Provenienza: Feraja Alta
Va bene tutto sui blog, ma così si fanno facili allarmismi
Vorrei andare a fare un giro a Castellammare di Stabia piuttosto che a Polignano a Mare, e vedere come stanno le cose a proposito di amianto.
Ok, melius est prevenire quam curare (scusate i tardo latinismi) ma da qui a gridare allo scandalo e additare i politici ce ne corre.
Allora, se proprio avete voglia, cominciate ad additare quelli di 24 anni fa, quando l'allarmismo sull'eternit fece scalpore, e poi finì ben presto nel dimenticatoio.
Servono provvedimenti? Ok, , sollecitare le pubbliche amministrazioni ( a cominciare da quelle sovracomunali e dalle ASL) e cercare finanziamenti. Un termine stretto di tempo (entro il gennaio 2020?) ed eliminare tutto quello che è in prospicienza di spazi pubblici.
Però calma eh, che di soloni ce n'avemo anche troppi
Elba free drug
Messaggio 93009 del 20.11.2018, 19:15
Provenienza: Elba Unita
Nel fare i miei complimenti alla Polizia di Stato per l'ottimo lavoro mirato a debellare l'infame businnes dello spaccio di droga, vorrei evidenziare che un classe 74 più che un giovane ragazzo è un uomo di mezz'età e, a mio avviso, l'età e quindi la consapevolezza di rovinare altre vite, dovrebbe essere considerato un'aggravante.
Abedeo Coltelli Scrivi a Abedeo Coltelli
Messaggio 93008 del 20.11.2018, 18:26
AMIANTO


Questa è la mappa di alcuni capannoni con copertura in "Eternit" contenente amianto, i quali sono ben visibili dalla pubblica via, infatti si possono identificare anche tramite "street view", vi invito a verificare, ed inviterei a verificare sullo stato di degrado dei pannelli in "eternit" anche le autorità preposte.
La produzione e utilizzo di amianto è vietata dal 1994, quindi i pannelli in "eternit" dei capannoni succitati da almeno 24 anni sono esposti alle intemperie.
Mi preoccupa molto la presenza di due poli scolastici (in uno dei quali, l'I.T.C.G. Cerboni, confluiscono studenti da tutta l'Elba) ed un grande supermercato a poca distanza da migliaia di metri quadrati di pannelli in "Eternit" in avanzato stato di degrado vecchi di almeno 24 anni (sappiamo che sono li da molto più tempo).
Mi delude, invece, il disinteresse mostrato da tutte le autorità preposte al controllo della salute pubblica verso questa grave piaga che affligge una vasta area del territorio portoferraiese, area dalla quale transita la quasi totalità di cittadini elbani e turisti da e verso il porto, e che interessa centinaia di ragazzi che frequentano i due poli scolastici.
Nella stessa zona sono presenti altre coperture in "eternit" ma non chiaramente identificabili, sarebbe auspicabile da parte delle autorità preposte un censimento delle strutture contenenti amianto e conseguente intervento di messa in sicurezza nei casi di conclamata pericolosità per la salute pubblica.
Le stesse autorità potrebbero controllare anche lo stato di degrado dei plinti in cemento prodotti con 22.000 (ventiduemila) metri cubi di fanghi tossici e interrati da anni, magari qualche analisi del terreno circostante per verificare la tenuta dei pannelli isolanti e del sistema di canalizzazione della collinetta dopo quasi 10 anni di abbandono sarebbe necessaria. http://iltirreno.gelocal.it/piombino/cronaca/2009/11/10/news/fanghi-e-blocchi-sotto-la-collina-1.1758215?refresh_ce

Cari concittadini, turisti ed amministratori se passate di li ricordate di tapparvi il naso e farvi il segno della croce.....
francesca
Messaggio 93007 del 20.11.2018, 18:11
Provenienza: portoferraio
Sono d'accordo con il signor Fabio.Tutti le compagnie di navigazione devono garantire gli ascensori non importa se viaggiano pochi mesi o tutto l'anno,anzi non se ne dovrebbe nemmeno parlare,perchè in un paese civile è normale amministrazione
GUARDIA COSTIERA LIVORNO
Messaggio 93006 del 20.11.2018, 17:20
Provenienza: Livorno
ESERCITAZIONE COMPLESSA CON INCENDIO A BORDO E SBARCO DI MARITTIMO INFORTUNATO.




Si è svolta questa mattina un’esercitazione antincendio e di soccorso ad una nave passeggeri in navigazione a circa 1 miglio nautico a sud del porto di Livorno.
L’attività, coordinata dalla Sala Operativa della Guardia Costiera, è stata svolta in sinergia con il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Livorno.
Scenario dell’esercitazione è stato il traghetto di linea LIBURNA, della società TOREMAR, alle ore 09:00 in viaggio verso l’isola di Capraia, a bordo della quale è stato simulato lo sviluppo di un incendio grave nella sala macchine, ed il contestuale infortunio di un marittimo.
La squadra antincendio composta dal personale di bordo interveniva prontamente, mentre il comandante della nave informava della situazione in atto la sala operativa della Capitaneria di porto di Livorno, che, valutava la gravità dell’emergenza non fronteggiabile con le sole risorse in dotazione alla nave.
La Guardia costiera disponeva, pertanto, l’invio sul posto di proprie motovedette S.A.R., richiedendo l’impiego dei Vigili del Fuoco che intervenivano con unità navale antincendio e i sommozzatori su apposito battello assumendo la direzione tecnica delle operazioni antincendio. Il membro dell’equipaggio, opportunamente immobilizzato su apposita barella da parte dei Vigili del Fuoco, veniva trasferito in sicurezza su una motovedetta SAR e da questa poi sbarcato in porto presso il Molo Elba, dove veniva affidato ad un’ambulanza del Servizio 118, instradata in banchina dal Nucleo Nostromi della Guardia costiera.
Le restanti unità navali restavano nei pressi della nave; i Vigili del Fuoco accedevano mediante la squadra antincendio all’interno del traghetto riuscendo a domare l’incendio.
Le operazioni sono state riprese mediante l’impiego di un drone in dotazione al Comando Provinciale VVF di Livorno e da personale della Guardia Costiera da bordo della nave, riprese che costituiranno un valido supporto per l’analisi ed il miglioramento delle strategie di interventi di soccorso effettuati in forma congiunta.
Lo svolgimento dell’esercitazione, terminata alle 10:20, rientra tra le finalità addestrative sia delle unità e del personale Guardia Costiera sia delle unità e dei reparti specializzati dei Vigili del Fuoco allo scopo di testarne periodicamente ed incrementarne l’efficienza operativa.
Invalido
Messaggio 93005 del 20.11.2018, 15:01
Provenienza: Portoferraio
x la Signora Giudicelli.
E' giusto che chi ha voce in capitolo critichi e segnali le manchevolezze del trasporto anche se questa volta mirata a una sola Compagnia di navigazione che bene o male ci assicura il servizio nei mesi invernali.
Credo però che prima di accusare si dovrebbe fare una panoramica di chi non garantisce un servizio importante quale l'ascensore funzionanti sulle navi.
Come lei sa, e se non lo sapesse sarebbe grave, per noi invalidi, per gli anziani e per chi ha difficoltà motorie sul battello Blu Navy non può salirci perchè l'ascensore è bloccato dal lontano 2014 causa quel grave incidente per il quale è ancora aperta una indagine della magistratura.
Chiedo a Lei è giusto che la Blu Navy navighi senza fornire un servizio a tutta la popolazione? Chi è diversamente abile non può prendere quella nave perchè non può rimanere nel garage e non può salire sul ponte. Ad una mia protesta mi hanno risposto il montacarichi per le scale era dalla parte opposta del lato che stavano imbarcando quindi cambi nave.
Questo signora Giudicelli è mancato servizio e i sindaci e le autorità portuali lo sanno e tacciono perchè conviene a molti che questa Compagnia navighi, Ma Lei per favore, non nasconda la testa a mo'degli struzzi difendendo forse chi le fa più comodo.
Se fossero a disposizione di tutti compreso chi ha difficoltà motorie, alla biglietteria dovrebbero mettere un cartello"Sulla nostra nave non c'è l'ascensore" solo che se lo facessero tanti non salirebbero invece così si fa il biglietto e a bordo ti accorgi che non c'è il servizio per gli invalidi e se non trovi che ti aiuti a salire a braccia sono cacchi amari.
Signora faccia la stessa lettera indirizzata alla Blu Navy e a chi autorizza queste barriere architettoniche.
Fabio
CINEMA TEATRO FLAMINGO
Messaggio 93004 del 20.11.2018, 13:43
Provenienza: CAPOLIVERI
POLIZIA DI STATO PORTOFERRAIO
Messaggio 93003 del 20.11.2018, 12:43
GIOVANE FERMATO E SEGNALATO ALLA E AUTORITÀ PER DETENZIONE DI STUPEFACENTE A FINE DI USO PERSONALE.


Personale della Squadra Anticrimine del Commissariato di Portoferraio, nel tardo pomeriggio di ieri, nel corso di un servizio finalizzato alla repressione del traffico e consumo di sostanze stupefacenti nell’abitato di Porto Azzurro, sulla base di una segnalazione giunta al 113 circa una presunta attività di spaccio nelle adiacenze di un bar del centro abitato, decideva di sottoporre a perquisizione un giovane che per l’atteggiamento aveva destato sospetti. Alla vista del personale della Polizia di Stato il ragazzo cercava di dileguarsi e per tale motivo veniva immediatamente raggiunto e sottoposto al controllo che portava al rinvenimento di una confezione in cellophane contenete sostanza in polvere di colore bianco del tipo cocaina del peso di gr. 1 lord occultata nella tasca dei pantaloni. La sostanza stupefacente in argomento veniva sottoposta a sequestro penale mentre il ragazzo, classe 74, veniva segnalato alla competente Autorità per detenzione di stupefacente a fine di uso personale.







PROSEGUONO GLI INCONTRI TRA I BAMBINI DELLE SCUOLE PRIMARIE E GLI AGENTI DEL COMMISSARIATO




Nella mattinata di ieri sono proseguite le visite al Commissariato da parte dei bambini delle scuole primarie. In particolare ieri la classe V della Scuola Prima “Casa del Duca” che, oltre al consueto programma, ha partecipato un breve intervento sulla “buona strada della sicurezza” che intende educare e formare i bambini al tema della sicurezza stradale, incentivando il senso di responsabilità individuale e collettiva e stimolando le motivazioni interiori di “educazione stradale”.
Luigi Lanera FdI
Messaggio 93002 del 20.11.2018, 11:54



PERICOLO AMIANTO...ATTENDIAMO RISPOSTE DA DUE ANNI


Dall'articolo pubblicato sul giornale ben due anni fa , si nota che il problema amianto in zona portuale fu sollevato più volte in passato . Ora come allora riformuliamo la richiesta di chiarimenti al Sindaco Ferrari su come stiano le cose in quelle aree portuali di competenza comunale . Riproponiamo la nostra idea di destinare dette aree a piazzali di imbarco auto per i traghetti . Attendiamo fiduciosi una risposta dal nostro sindaco .


Luigi Lanera Fdi
Roky per Arturo
Messaggio 93001 del 20.11.2018, 09:56
Provenienza: Portoazzurro
Buon giorno Fabrizio, sig. Arturo la mia non era altro che un'informativa su come siamo ancora vessati da questo Stato..... da decenni gli automobilisti sono spennati sul costo dei carburanti, pare che ultimamente il Salvini aveva promesso un taglio alle accise.... ma con la riforma Fornero Flat tax e reddito di cittadinanza la vedo dura... questo governo avrà 5 anni di tempo per tentare di raddrizzare le storture di 30/40 anni he abbiamo subito.... per quanto riguarda i costi all'Elba "paghiamo" di più in confronto all'Italia se distributori che parvero fare concorrenze ad altri l'inizio prometteva bene allo stato attuale mi sembra cha a Carpani sia in servizio un distributore "senza bandiera" a prezzi competitivi.... quando capito in continente vado al distributore carburanti Conad a Venturina per fare il pieno. Saluti.
Videosorveglianza,ecco i Comuni
Messaggio 93000 del 20.11.2018, 08:51
Provenienza: rio sù
Nella Provincia sono sette i Comuni che hanno aderito al bando e che riceveranno un finanziamento dal Ministero dell'Interno, quattro sono all'Elba
A beneficiare dei finanziamenti saranno 428 Comuni italiani per un totale di 37 milioni di euro per il triennio 2017-2019.

Nella provincia di Livorno sono sette i Comuni che hanno presentato progetti e che sono entrati in graduatoria, fra questi quattro sono i Comuni dell'isola d'Elba di Marciana, Marciana Marina, Capoliveri e Campo nell'Elba.
Ci avrei scommesso.....manca Rio nell'Elba.......ma chi c'era all'Amministrazione quando è stato istituito il Bando?
Ah saperlo!!!!!!!!!!!
LIONS CLUB ISOLA D'ELBA
Messaggio 92999 del 20.11.2018, 08:16



OLIVIERO TOSCANI ALL’ELBA
VENTI DI TERRA E VENTI DI MARE


Incontro aperto al pubblico con Oliviero Toscani
promosso dal Lions Club Isola d’Elba con il patrocinio del Comune di Portoferraio
Il Lions Club Isola d’Elba organizza un incontro pubblico con Oliviero Toscani al Centro Culturale De Laugier venerdì 23 Novembre con inizio alle 17.00.

Interverranno:
Oliviero Toscani sulle sue esperienze di viticultura nelle terre di Bolgheri;
Piermario Cavallari sulla storia del podere di Grattamacco.

La cittadinanza è invitata a partecipare.
GianCarlo Amore
Messaggio 92998 del 20.11.2018, 05:56
ANCORA FIBRE DI AMIANTO SPARSE PER PORTOFERRAIO.



Anche quest’ altro capannone risulta danneggiato non solo nelle parti ben visibili, ma anche sulla sommità del tetto in eternit. Il vecchio e consumato tetto sotto l’azione dei venti, viene con il tempo divelto pezzo per pezzo e spazzato via.
Come ho già accennato, queste enormi superfici pericolanti, in questo caso da circa 1.500 mq., dovrebbero dai cosiddetti controllori e da chi detiene la responsabilità dell’immobile, rimanere sotto costante controllo e nella giusta misura, essere messo in sicurezza, ma questi avvenimenti regolarmente non avvengono.
A questo capannone vuoto, manca il portale, detiene delle spaccature laterali alla parete in vetroresina e al tetto.
In maniera alquanto semplice, è evidenziata una condizione di solo pericolo.
Vuol dire che se entra il vento ovviamente forte, il tetto può essere scoperchiato e le lastre di eternit e le fibre di amianto della copertura come abbiamo già osservato altrove, scaraventate a centinaia di metri di distanza. Vorrei precisare a Lor Signori che: nelle immediate vicinanze, c’è un arteria stradale importante, un nuovo centro commerciale, un supermercato, un palazzetto dello sport e una scuola. Nonostante questi dati che fanno riflettere su cosa rischia il Cittadino, allo stabile non solo non sono mai state apportate modifiche significative per metterlo in sicurezza, ma addirittura è da parecchio tempo che ci sono abbandonati per terra e sulla spiaggia ancora resti di eternit. Tutto questo avviene come se fosse il paese degli sprovveduti, ma non è proprio così
Se ci sono i controllori è perché evidentemente c’è un motivo. E allora perché non fanno al meglio il proprio lavoro? Il perché lo si può solo immaginare.
Questo capannone rappresenta un serio pericolo e va messo in sicurezza al più presto.
A questa stregua a nulla valgono le solite raccomandazioni di non creare allarmismi etcc., sono solo pacchianate.
Qui c’è un pericolo e purtroppo uno dei tanti e la gente deve sapere. Altro che continuare a nascondere sotto il tappeto.


Giancarlo Amore
Tiziana Giudicelli
Messaggio 92997 del 19.11.2018, 21:14
TOREMAR DISAGI E ACCORDI DISATTESI


Da più di un mese, l’ascensore della nave Aethalia,alias Stelio Montomoli, è guasto, tra la totale indifferenza della compagnia, che,fa finta, di non accorgersi delle notevoli difficoltà,di persone che hanno grossi problemi di salute! Oggi, una ragazza ha avuto problemi per raggiungere i saloni e poi per ridiscendere in garage , a prendere l’auto medica. Nei giorni scorsi, sono state numerose le segnalazioni pervenute!Il bando Toremar prevedeva l’inserimento di navi nuove, visto che la Società percepisce svariati milioni di euro, qui però non si aggiustano neanche i danni a bordo, chiediamo quindi al Presidente della Regione Enrico Rossi, di intervenire affinché i nostri cittadini non debbano essere penalizzati, per esigenze di risparmio sulla manutenzione dei traghetti Toremar!


Comitato Elba liberata
Il Presidente
Rag. Giudicelli Tiziana
ELBA RUGBY
Messaggio 92996 del 19.11.2018, 19:34
Provenienza: PierPaolo Quagliotti
LE INTERVISTE A BORDO CAMPO

Il commento - registrato ieri pomeriggio per Voi - di Alessandro Ghini, l'allenatore dell'Elbarugby 1980, al termine dell'incontro col CUS Pisa, chiusosi allo Scagliotti di Portoferraio con un 45 a 8 per i padroni di casa.


Manutenzione strade a RIO
Messaggio 92995 del 19.11.2018, 19:33
Provenienza: rio sù
DETERMINAZIONE NR. 480 DEL 10/11/2018
OGGETTO:
MANUTENZIONE ORDINARIA VIABILITA' COMUNALI

1) COOPERATIVA SOCIALE ESPERIA € 9.500,00oltre IVA;
2) FRESTA MARIO € 30.000,00 oltre IVA

Ma come è possibile che per i lavori in questione ci sia tutta questa differenza?
C'è una differenza di 20.500,00 € .....mi sembrano un po' tanti......
Non è che sotto c'è qualche trucco ? Qualcuno potrebbe spiegarcelo?
Forse IVAno......grazie
Giornata internazionale contro la violenza alle donne
Messaggio 92994 del 19.11.2018, 19:25

Il 25 novembre è la “Giornata internazionale contro la violenza alle donne”, istituita il 17 dicembre 1999 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Da allora, rappresenta il momento più importante dell’anno per parlare, informare e sensibilizzare su questo grave problema, che riguarda tutti i Paesi del mondo. In occasione di tale ricorrenza il Soroptimist International Club Isola d’Elba, in collaborazione con il Comune di Portoferraio, ha organizzato un evento, che si terrà sabato 24 novembre presso il “Teatro dei Vigilanti R. Cioni” a Portoferraio a partire dalle ore 18,30, dal titolo “I labirinti del male” tratto dal libro scritto dal Generale Luciano Garofano, ospite d’eccezione dell’appuntamento. Il programma dell’evento prevede un incontro dibattito seguito da uno spettacolo teatrale che vede protagonista lo stesso Garofano.
Prenderanno parte al dibattito Laura Marcattilj, Presidente del Soroptimist International Club Isola d’Elba, Laura Volpini, psicologa forense e Docente di Psicologia presso l’Università degli Studi di Roma “UNITELMA” Sapienza, Anna Garfagnini, Direttore Servizi Sociali Azienda USL Toscana Nord Ovest Zona Elba e Responsabile Codice Rosa, Francesca Roversi, giornalista LA7 e il Generale Luciano Garofano.
Luciano Garofano, laureatosi nel 1976 in Biologia all’Università degli Studi di Roma La Sapienza, si è successivamente arruolato nell’Arma dei Carabinieri e fino al 1988 è stato al comando della Sezione Chimico-Biologica del Centro Carabinieri Investigazioni Scientifiche di Roma. Dal 1995 fino al 2009 è stato comandante del R.I.S di Parma (Reparto Carabinieri Investigazioni Scientifiche). Dal 2010 è conduttore del programma televisivo “L’Altra metà del Crimine” in onda su LA7. Fa parte inoltre dello staff della trasmissione televisiva “Quarto Grado”, in onda su Rete4.
Per informazioni 328 5970297 Per prenotazioni Pippy Giocattoli Via Mascagni 9/11 Portoferraio Tel. 0565 918799
Deluso sotto la bufera
Messaggio 92993 del 19.11.2018, 18:11
Provenienza: Portoferraio
X L'ASSESSORE DAL MASTRO.
Assessore, la stazione Marittima è una priorità.

Se il 28 ottobre anche lei fosse rimasto imbottigliato sulla banchina con le navi che non partivano e la bufera che scuoteva l'auto, forse non avrebbe polemizzato su quanto scritto dal giornalista di Elbareport.
Ai convegni di solito si fanno tante parole come: sinergia, opportunità, reti "5G" non si ragiona di certo di chi è sul porto fermo in auto sotto una tempesta tropicale ma si confezionano discorsi di opportunità come: “Ringrazio l’Autorità di Sistema Portuale del mar Tirreno Settentrionale per la importante collaborazione che sta concretamente dimostrando – ha concluso il sindaco di Portoferraio Mario Ferrari – la nostra città è la porta di accesso all’isola d’Elba ed ha la necessità di adottare buone pratiche a livello di mobilità e di sostenibilità ambientale per farsi trovare pronta ad accogliere ed esaudire le aspettative dei propri visitatori”.
Ha ragione il giornalista che sulla Stazione Marittima di Portoferraio scrive: "il Comunicato del Comune pecca di ottimismo (e quindi si nega un'efficace azione politica per migliorare le cose) poiché dà per certa una cosa non vera" perché la stessa Amministrazione lamenta che l'Elba, pur avendo due Comuni su tre che compongono l'Authority, non è rappresentata nell'organismo dell'Autorità di sistema Portuale del mar Tirreno Settentrionale mentre Piombino, terzo Comune sì.
Dal 2015 stiamo aspettando la costruzione della Stazione Marittima e ora che hanno stanziato le risorse per farla, sposteranno la priorità al nuovo raccordo ferroviario a servizio della banchina autostradale del mare del porto di Piombino anziché alla Stazione Marittima di Portoferraio tanto all'Elba ringraziano anche se sono solo promesse e Piombino si fa valere.
Domenica 28 ottobre già dalle 6 del mattino la banchina della nave che doveva partire era piena di auto. Alle 8,30 il porto era stracolmo e non si capiva perché della mancata partenza, c'era vento ma non forte al punto di non far partire le navi. Alle 9,00 è arrivato una tempesta con vento e forti piogge e le centinaia di persone che cercavano un bagno o un posto dove poter sostare non trovavano nulla anche perché l'androne della biglietteria era stracolma di gente bagnata e infreddolita, i bar della zona aperti erano presi d'assalto non solo per un caffè caldo ma luogo dove ripararsi e andare al bagno. Informazioni sulla partenza nulla, conforto agli anziani e bambini infreddoliti e spaventati sono cose di altri luoghi dove il turismo è praticato con serietà e non con lo spirito di aumentare solo la tassa di sbarco. Aprire una nave per dare conforto e servizi igienici no non è nel programma dell'Autority e della politica locale che dovrebbe vigilare.
QUESTE COSE NON SUCCEDONO A PIOMBINO, LI' C'E' LA STAZIONE MARITTIMA.

Un deluso.
Per Rocky e carburanti
Messaggio 92992 del 19.11.2018, 18:07
Provenienza: Elba
Ciao Rocky, mi permetto di chiedere, vista la tua preparazione, perché il gasolio costa all'Elba 20 centesimi più che a Piombino.
Una autocisterna porta 30.000 litri che per venti centesimi fanno esattamente seimila euro.
Ecco cerco di capire se esso sia il costo del trasporto fra l'Elba e Piombino.
Inoltre mi piacerebbe capire, se qualcuno può delucidarmi, perché due o tre anni passati in alcuni distributori (vedi Beyfin a Mola) il prezzo era veramente ottimo, poi incredibilmente tutto si è quasi allineato , naturalmente verso il prezzo maggiore.

Un cordiale saluto......

Arturo
velocipede
Messaggio 92991 del 19.11.2018, 17:48
e se iniziassimo(io lo faccio gia) ad usare meno l'auto?
AVIS Portoferraio
Messaggio 92990 del 19.11.2018, 17:44
L’AVIS DONA UN DEFIBRILLATORE ALLA SCUOLA ALBERGHIERA.




Sabato 17 novembre, presso l’Aula Magna del Liceo Foresi, contestualmente alla consegna degli attestati di frequenza dei corsi di Primo Soccorso, organizzati dalla Rev. Misericordia, l’AVIS di Portoferraio, rappresentata dal Presidente Dante Leonardi, e dai Consiglieri Claudio Ghini e Renato De Michieli Vitturi, ha donato all’Istituto scolastico, un defibrillatore semiautomatico, che verrà posizionato presso la sede di Concia di Terra, nel settore dedicato alla scuola alberghiera.
L’acquisto dell’apparecchiatura è stata possibile con fondi dell’AVIS e una donazione in memoria di Roberto Sabatelli, meglio conosciuto come “Yoghi”.
Elbano
Messaggio 92989 del 19.11.2018, 17:39
Provenienza: Portoferraio
Chiusura attività.
Purtroppo,dopo aver lottato a cercare di non chiudere mi vedo costretto a lasciare l'Elba in cerca di un nuovo lavoro.Certo farò il dipendente almeno ho tutte le garanzie e sopratutto la disoccupazione.Addio partita IVA ma addio anche al lavoro x i dipendenti.Dispiace ...mah
NUOVO CENTRO SOCIO SANITARIO
Messaggio 92988 del 19.11.2018, 13:53
Provenienza: CAPOLIVERI
PRESTO LA GARA PER LA REALIZZAZIONE DI UN NUOVO CENTRO SOCIO SANITARIO PER CAPOLIVERI.

Lavori per oltre 160.000 euro per una struttura che accoglierà i servizi per la cura della persona. Barbetti “Intervento necessario per la nostra cittadinanza”.




Il Comune di Capoliveri sarà presto dotato di un nuovo Centro Socio Sanitario. Grazie alla convenzione che sarà siglata con l’Azienda USL Toscana Nord Ovest, nell’immobile già destinato a municipio di Piazza del Cavatore sarà, infatti, aperto il Centro Socio Sanitario di Capoliveri che all’interno della struttura accoglierà i servizi per la cura della persona.
Nell’immobile, che sarà completamente ristrutturato anche con nuovi impianti, compresa la climatizzazione, saranno realizzate tre aree ambulatoriali per le attività socio – sanitarie oltre ai servizi igienici per utenti e personale, ad uno spazio riservato a segreteria e accoglienza e ad una sala d’attesa.
Nel nuovo centro, che sarà convenzionato con la Asl, si effettueranno tutti quei servizi che andranno incontro alle esigenze della cittadinanza capoliverese come il servizio vaccinazioni e prelievi, servizio pediatrico ed ogni altro servizio medico di carattere socio sanitario necessario per il benessere e la cura del corpo.
“Si tratta di un intervento necessario sul nostro territorio – spiega Ruggero Barbetti, sindaco di Capoliveri – un intervento per migliorare la qualità della vita di tutti i cittadini della nostra comunità, proprio nel settore sanitario, bene primario che merita attenzione da parte di noi amministratori, in particolar modo in questo momento in cui su territori come il nostro è sempre più messo in discussione il diritto alle cure e all’assistenza.
La struttura, il cui importo dei lavori ammonta a 162.000 euro, sarà il primo punto di interfaccia fra gli utenti e il sistema sanitario locale e darà adeguate risposte alle domande del nostro territorio”.
Assicurazioni & social
Messaggio 92987 del 19.11.2018, 13:09
Provenienza: Furti
Se avete una polizza furto per la casa... evitate di pubblicare sui social le vostre vacanze e i luoghi dove siete spaparanzati ... Se vi slaligiano la casa l'assicurazione non paga!
CINEMA TEATRO FLAMINGO
Messaggio 92986 del 19.11.2018, 12:52
Provenienza: CAPOLIVERI
SCRITTORI ELBANI IN LIBRERIA
Messaggio 92985 del 19.11.2018, 12:43
ANCORA UN SUCCESSO PER LO SCRITTORE ELBANO ALESSANDRO PUGI

“L’Origine del Male” sarà premiato anche al Premio Letterario Internazionale Michelangelo Buonarroti di Forte dei Marmi.


Lo scrittore elbano Alessandro Pugi centra un altro successo con il suo ultimo romanzo “L’Origine del Male”. Questa volta il magistrato Elena Banti, e la sua squadra (protagonisti del romanzo) hanno fatto breccia nella Giuria del Premio Internazionale Michelangelo Buonarroti , giunto alla IV edizione, uno dei più importanti e significativi premi letterari in Italia.
“Il suo lavoro è stato molto apprezzato e mi complimento vivamente con lei”, queste le parole del presidente del premio che con una mail ha recapitato allo scrittore elbano l’invito per il ritiro del riconoscimento il 24 Novembre a Forte dei Marmi, data nella quale il romanzo verrà premiato anche a Milano. L’Origine del Male è un romanzo che tratta temi importanti e più che mai attuali, come lo Stalking, la violenza sessuale e il femminicidio.
“Sono un po’ stordito dall’entusiasmo che L’Origine del Male sta suscitando – ha commentato Alessandro Pugi- Sto ricevendo molti apprezzamenti anche da amici e semplici lettori. Questo fa piacere e penso che sia un ottimo risultato per chi come me, scrive semplicemente per passione. Ringrazio ogni singolo lettore per i complimenti ma anche, a volte, per i suggerimenti che mi forniscono, magari per migliorare un personaggio o una situazione narrata nel romanzo. È piacevole conversare con le persone e renderti conto che veramente hanno vissuto in prima persona la storia narrata, facendo proprie le emozioni dei personaggi. Sono contento anche per il mio editore, Nino Bozzi e la sua casa editrice, CTL edizioni, che sta riscuotendo questo piccolo successo editoriale; sarà proprio lui a rappresentarmi a Forte dei Marmi il 24 novembre per il ritiro del premio. A Milano, invece, sarà presente il mio agente letterario per il ritiro del premio.”
Roky-accise carburanti
Messaggio 92984 del 19.11.2018, 09:56
Provenienza: Portoazzurro
Buon giorno Fabrizio a proposito di carburanti ecco un elenco delle accise che l'Erario ancora trattiene......



Prezzo della benzina e accise, le 10 più assurde sono anche quelle più antiche. Prima di rinfrescarci la memoria, ricordiamo cosa sono le accise. Sono delle imposte su fabbricazione e vendita di alcuni prodotti al consumo. Ogni nazione ha le sue. Come funzionano le accise sulla benzina e sugli altri carburanti? Si applica un’aliquota fissa su ogni mille litri. Quindi l’accisa, a differenza dell’Iva, è un’imposta basata sulla quantità di prodotto venduto e non sul suo valore (L’Iva è applicata in percentuale sul prezzo di vendita). Quanto paghiamo di accise sulla benzina? Per il 2017 l’imposta è di 728,40 euro per mille litri, pari a 0,7284 euro al litro; l’accisa sul gasolio è invece di 617,40 euro per mille litri (0,6174 €/l); l’accisa sul GPL è di 267,77 euro per mille litri (0,26777 €/l); l’accisa sul metano per autotrazione è invece calcolata in 0,00331 euro al metro cubo.
Dove finiscono le accise sulla benzina? Ciò che fa più arrabbiare noi poveri tartassati è il fatto che le accise sono state introdotte dai vari governi come provvedimenti temporanei per finanziare necessità contingenti, come calamità naturali o interventi militari. Ma poi si sono trasformate in un semplice metodo per mettere le mani nelle tasche della gente per qualsiasi motivo. Inoltre i provvedimenti temporanei sono diventati definitivi. Mai un’accisa è stata eliminata. Andiamo a vedere quante e quali sono le accise sulla benzina in Italia, partendo proprio dalle 10 più assurde. Sono le più antiche; assurde proprio perché le paghiamo ancora.
10 – RINNOVO DEL CONTRATTO DEGLI AUTOFERROTRANVIERI DEL 2004
Accisa di 0,02 euro al litro. A parte che non si capisce perché una sola componente, il trasporto privato, debba pagare per un contratto di categoria (cioè, lo capiamo benissimo: ideologia); se è un servizio pubblico essenziale allora dovrebbe essere finanziato dalla fiscalità generale, cioè da Irpef e Irpeg. Se non lo è, deve finanziarsi con i proventi di biglietti e abbonamenti. E comunque sono passati 13 anni. Basta.
9 – FINANZIAMENTO DELLA MISSIONE MILITARE IN BOSNIA DEL 1996
Accisa di 0,0114 euro al litro. Non risulta che attualmente in Bosnia sia ancora in corso una guerra, dopo 21 anni dall’intervento. E poi fa ridere che paghiamo ancora per una missione vecchissima quando i fondi per la Difesa vengono tagliati in continuazione. I soldi che rientrano dalla porta, escono dalla finestra.
8 – FINANZIAMENTO DELLA MISSIONE MILITARE IN LIBANO DEL 1983
Accisa di 0,106 euro al litro. L’Italia mandò i Bersaglieri e alcune navi della Marina in Libano nell’ambito della Forza multinazionale di pace, così venne chiamata, composta da forze americane, francesi, britanniche e italiane. La Missione Italcon durò dal 1982 al 1984. Perché paghiamo ancora?
7 – RICOSTRUZIONE DOPO IL TERREMOTO IN IRPINIA DEL 1980
Accisa di 0,0387 euro. Il fiume di denaro pubblico riversato in Irpina si disperse in mille rivoli più o meno fangosi, come sappiamo bene. E non si sono prosciugati nemmeno oggi, dopo 35 anni.
6 – RICOSTRUZIONE DOPO IL TERREMOTO IN FRIULI DEL 1976
Accisa di 0,0511 euro. A differenza di quello dell’Irpinia, il terremoto in Friuli venne superato rapidamente e molto del denaro impiegato fu delle popolazioni locali. Dopo 41 anni, chi sta ancora incassando quei soldi e per fare cosa?
5 – RICOSTRUZIONE DOPO IL TERREMOTO NEL BELICE DEL 1968
Accisa di 0,00516 euro. Fu un disastro colossale, non solo per colpa del terremoto. La località siciliana ha subìto a lungo tutti i danni tipici di un apparato pubblico torbido. Le ultime baracche furono smontate nel 2006. Ma oggi, dopo 49 anni?
4 – RICOSTRUZIONE DOPO L’ALLUVIONE DI FIRENZE DEL 1966
Accisa di 0,00516 euro. L’espressione “fiume di denaro” in questi casi calza a pennello. Ormai nessuno si vergogna più.
3 – RICOSTRUZIONE DOPO IL DISASTRO DEL VAJONT DEL 1963
Accisa di 0,00516 euro. Di tutti i veri colpevoli che avrebbero dovuto pagare per quella scellerata tragedia di 54 anni fa, solo noi continuiamo a tirare fuori soldi ancora oggi. Che finiscono naturalmente altrove.
2 – FINANZIAMENTO DELLA CRISI DI SUEZ DEL 1956
Accisa di 0,00723 euro. Sì, per poco non si rischiò una guerra nucleare; sì, il prezzo del petrolio aumentò. Come migliaia di altre volte in seguito. Sono passati 61 anni, trovate almeno una scusa diversa per metterci le mani in tasca.
1 – FINANZIAMENTO DELLA GUERRA D’ETIOPIA DEL 1935-1936
Accisa di 0,000981. Record del mondo per l’accisa sulla benzina più assurda. La paghiamo ancora. Forse nemmeno lo stesso Mussolini avrebbe la faccia tosta di tenerla in vita dopo 81 anni, una guerra mondiale e un mondo ribaltato più volte anche dopo. Vergogna.
LE ALTRE ACCISE SULLE BENZINA
Pensavate che fosse finita qui? No, il prezzo della benzina ha accise anche attuali. Eccole.
- Acquisto di autobus ecologici nel 2005, 0,005 euro;
- Terremoto dell’Aquila del 2009, 0,0051 euro;
- Finanziamento alla cultura nel 2011, da 0,0071 a 0,0055 euro;
- Sbarchi migranti dopo la crisi libica del 2011, 0,04 euro;
- Alluvione in Liguria e Toscana del novembre 2011, 0,0089 euro;
- Decreto Salva Italia del dicembre 2011, 0,082 euro sulla benzina e 0,113 sul gasolio;

Saluti.
POLIZIA DI STATO PORTOFERRAIO
Messaggio 92983 del 19.11.2018, 09:49
PERCHÉ ACQUISTARE IL CALENDARIO 2019 DELLA POLIZIA DI STATO




Alcuni giorni fa, è 'stata presentata presso il Palazzo delle Esposizioni di Roma, l’edizione 2019 del calendario della Polizia di Stato, alla presenza del Ministro dell’Interno Matteo Salvini, del Capo della Polizia, Direttore Generale della Pubblica Sicurezza, Prefetto Franco Gabrielli, del Presidente dell’Unicef Italia Francesco Samengo.
Quest’anno la Polizia di Stato ha scelto di raccontare la sua attività attraverso il linguaggio dell’arte grafica, con dodici inedite illustrazioni, realizzate da prestigiosi disegnatori di fumetto. Tra gli artisti figurano Bruno Brindisi, tra i più noti fumettisti della casa editrice Bonelli che, insieme a Roberto De Angelis e Luca Raimondo, firmano personaggi del tenore di Dylan Dog, Tex e Nathan Never; a anche autori quali Raffaele della Monica, Daniele Bigliardo, Luigi Siniscalchi, Walter Venturi, Massimiliano Bertolini, Raul e Gianluca Cestaro, Stefano Casini fino al più giovane Jonathan Fara, disegnatore del made in Polizia di Stato “Commissario Mascherpa”.
Il fumetto, quindi, quale mezzo di rappresentazione del presente e immaginazione del futuro. Non solo fumetti, infatti, nel calendario Polizia di Stato 2019. Ad ogni tavola, sono associati i nuovi segni distintivi di qualifica, che consentono di cristallizzare, anche graficamente, l’identità civile della Polizia di Stato.
Anche quest’anno, parte del ricavato della vendita sarà destinato al Comitato italiano per l’Unicef Onlus per sostenere il progetto “Yemen” e altra parte al Fondo Assistenza della Polizia di Stato – Piano Marco Valerio, istituito per sostenere i figli minori dei dipendenti della Polizia di Stato affetti da gravi patologie.
Con i ricavati della vendita del Calendario 2019 sono oltre 2,5 milioni di euro i fondi raccolti e donati ai progetti UNICEF dal 2001.
L’acquisto del Calendario della Polizia di Stato, viene gestito dagli URP (uffici relazioni con il pubblico) della Questura di Livorno.
A partire da oggi, inoltre, tutti i cittadini potranno acquistarlo anche online sul sito unicef.it nella sezione “Regali e prodotti”
Rotary Club Isola d’Elba
Messaggio 92982 del 18.11.2018, 16:19
"Porto e Aeroporto più sicuri"
Donazione del Rotary Club Isola d’Elba




Da oggi il porto di Portoferraio e l’aerostazione di Campo nell’Elba saranno luoghi più sicuri grazie al Rotary Club Isola d’Elba che ha donato due defibrillatori semiautomatici al Gruppo Ormeggiatori di Portoferraio e ad Alatoscana Spa. Il servizio di ormeggio, ha ricordato il C.F. Amedeo Nacarlo, è un servizio tecnico-nautico ancillare alla navigazione, che assicura la sosta in porto in condizioni di sicurezza, nell'interesse della collettività. In caso di necessità, ha assicurato il Capogruppo del gruppo Ormeggiatori/Barcaioli dell'Isola d'Elba Alessandro Belmonte, il macchinario potrà essere utilizzato durante gli orari di apertura dell’ufficio. Molta soddisfazione è stata espressa anche dall’Amministratore Delegato di Alatoscana Spa, Ing. Claudio Boccardo per la sensibilità espressa dal Club verso gli ospiti in visita alla nostra isola. E’ un progetto in cui crediamo molto, ha spiegato Marcello Bellini e che nei prossimi mesi sarà ulteriormente sviluppato con i nostri partner.

La cerimonia di consegna dei macchinari ha avuto luogo dopo la conferenza tenuta dai vertici aziendali di Banca dell’Elba che dopo aver ripercorso la storia del Credito Cooperativo si sono concentrati sui dati tecnici del pluripremiato istituto che festeggia proprio quest’anno il ventennale e che continuerà la sua opera in favore del territorio, ben pronta ad affrontare le proposte dei competitors."
Lions Club Isola d’Elba
Messaggio 92981 del 18.11.2018, 11:27
TESORI NELL’ARCIPELAGO
Dagli studi archeologici di Don Gaetano Chierici e Raffaello Foresi Conferenza del Lions Club Isola d’Elba con il patrocinio del Comune di Portoferraio



“Ci è stato aperto uno spaccato di una storia che non conoscevamo”, sono le parole conclusive pronunciate da Gabriella Solari, presidente del Lions Club Isola d’Elba, al termine dell’incontro dal titolo “TESORI NELL’ARCIPELAGO” promosso dai lions con il patrocinio del Comune di Porto-ferraio, che aveva come relatori il Dr. Roberto Macellari, Ispettore Archeologico del Museo di Reggio Emilia, e la D.ssa Lorella Alderighi della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesag-gio per le province di Pisa e Livorno.
L’evento, tenutosi a Portoferraio nel pomeriggio di sabato 17 novembre nella sala del Museo del-la Linguella gremita da appassionati e curiosi, si è aperto con il saluto del sindaco Mario Ferrari che ha espresso la soddisfazione e l’apprezzamento della Città a questa iniziativa per il valido contributo di apporto culturale che essa offre alla nostra comunità e col ringraziamento agli in-tervenuti della lion Franca Zanichelli che, facendo da tramite con il Lions Club di Parma Maria Luigia cui ora appartiene dopo il suo trasferimento alla città emiliana, ha reso possibile l’attuazione dell’incontro.
Entrando nel vivo dei lavori ha per primo preso la parola il Dr. Roberto Macellari per descrivere la vita e le opere di Don Gaetano Clerici: personaggio poliedrico, eclettico, patriota, ricercatore, re-ligioso e nel contempo controcorrente con certi dogmi della Chiesa, tanto da dedicasi allo studio delle origini dell’uomo e ad invitare il papa Pio IX a rinunciare al potere temporale. Come riferito dal relatore, Chierici nel corso della sua esistenza ha dato vita alla nuova scienza della paletnolo-gia, nel cui ambito ad un convegno nel 1871, conobbe Raffaello Foresi ed i reperti da lui portati dall’Elba e da Pianosa e se ne appassionò. Dopo aver realizzato il Museo Civico di Reggio Emilia, dove non ci sono depositi e tutto è esposto con una sensibile impronta di patriottismo, nel 1874, grazie a un invito del direttore del carcere Leopoldo Ponticelli, iniziò la sua avventura di scavi a Pianosa, i cui reperti, insieme a quelli elbani, sono raccolti in un una vetrina del Museo reggiano. Chierici morì il 6 gennaio 1886 mentre, alla ricerca di nuove testimonianze, incurante della ma-lattia che lo aveva colpito, continuava a scavare sotto la neve.
È stata quindi la volta della D.ssa Lorella Alderighi che ha concentrato la sua esposizione sulla vita di Raffaello Foresi ad iniziare dalla sua passione per la musica e per i minerali fino al suo coinvolgimento nello studio dell’archeologia. Ciò lo vide impegnato in ricerche nell’Arcipelago To-scano, grazie alle quali formò una collezione di oltre un migliaio di reperti, giunti nel 1867 persi-no alla mostra universale di Parigi, che esibì in un museo creato a sue spese dopo la rinuncia della città di Portoferraio. Dopo la sua morte il fratello, in seguito al rifiuto di acquisto da parte del Comune del capoluogo elbano, vendette il complesso dei reperti a Firenze da dove venne di-stribuito in vari musei fra i quali anche il British Museum di Londra.
Del lavoro di scavi a Pianosa, cui Foresi ha dato vita culminando con il ritrovamento della Grotta dei due Scheletri, continuato poi con l’opera di Chierici, la Soprintendenza, sotto la direzione del-la Alderighi, sta proseguendo, con l’aiuto del PNAT, la campagna di ricerca che ha portato alla scoperta di altre tombe e ampi locali scavati nella roccia, forse dedicati al culto, gran parte dei quali ripuliti e resi fruibili ai visitatori.
Al termine della relazione la funzionaria ha comunicato di aver in programma, in occasione della celebrazione del duecentenario della nascita di Chierici che cadrà nel 2019 e di quella di Foresi nel 2020, di riportare all’Elba questa mole di reperti, per la cui realizzazione intende coinvolgere in una giornata multidisciplinare il Liceo Foresi di Portoferraio.
LAVORARE STANCA.....
Messaggio 92980 del 18.11.2018, 10:38
C’E’ CHI VA…CHI VIENE E CHI …..VORREBBE TORNARE !




Certo dopo l’esodo corposo di amministratori e impiegati comunali che lasciano i propri scranni chi per un motivo chi per l’altro e mentre nell’aere si levano i canti ammalianti di vecchie smemorate sirene…. il semplice cittadino che non è ne sordo ne cieco si domanda se la verità vera non si un'altra e pensa……..
La città ormai è in uno stato di degrado che sembra inarrestabile, nessuno muove foglia e non è sempre colpa della burocrazia o altro…..probabilmente il vero motivo è che lorsignori/e prima di versare una goccia del loro prezioso sudore , e "umiliare la loro immagine mostrandosi proni intenti a rialzare un cartello o magari chiudere una buca con una paiola di cemento ( come il buon Fornino insegna ) preferiscono la ritirata strategica e ci fanno ricordare quell'impiegato che morì di bronchite perché prima di sudare rifiutò di prendersi qualche pastiglia di aspirina….prendiamo un semplice esempio la piccola buca davanti Capo Bianco dove basterebbe un mezzo sacchetto di bitume per chiuderla e lasciare la strada in sicurezza..troppo facile, ecchecazzo c’è da lavorare .. si è preferito mettere delle transenne e del fettucciato , dove ormai il piccolo monumento all’inerzia staziona da oltre dieci giorni , ma sarebbero tanti gli esempi da fare ma , per evitare di impermalire i nostri amici sarà meglio stendere una lamiera pietosa ( un velo non basta) ….
Insomma, e non è retorica…il paese da quindici anni ha fatto una deriva impressionante , ma quello irrita maggiormente i cittadini è che tutti si proclamano innocenti senza un briciolo di pudore e senza quel dovuto rispetto per la memoria dei cittadini che certamente ..non dimenticheranno …..
GianCarlo Amore
Messaggio 92979 del 18.11.2018, 09:12
L’ASSASSINO SILENZIOSO.






Ogni qualvolta che l’Isola d’Elba viene investita dal maltempo, si apre l’impietoso scenario della stima dei danni e la conseguente ricostruzione. Questa è la triste norma, ma nel contesto che non viene divulgato, c’è anche un qualcosa di peggio, di pericoloso e che passa inosservato. Infatti è divenuta oramai una vera consuetudine, mi riferisco agli accumuli di “ “ETERNIT “che troviamo abbandonati lungo le strade e nei boschi dell’Elba. Resti di tetti già divelti, canne fumarie, serbatoi etcc. Questa è la desolante compagine che si configura subito dopo un nubifragio. In genere chi rovescia nei fossi questi rifiuti pericolosi, sono privati Cittadini che hanno subito danni nel proprio “ orto “ e per paura di incorrere nelle mani della Legge, si arrangiano come possono e quindi in maniera precipitosa e alla meglio. Il materiale tossico di questi depositi occasionali, non è neanche trattato con le vernici incapsulanti, questo dimostra la superficialità di come viene affrontata la questione. In caso di incidente per una rottura di un tetto Eternit etcc. dovrebbe essere “ l’isola d’Elba “ a correre in aiuto al malcapitato. Promuovendo una corretta informazione e anche con un aiuto, magari con i kit per autorimozione dell’Amianto etcc., insomma si potrebbe fare molto, ma fino ad oggi nessuno ha mai dimostrato interesse a questa pericolosa problematica.










Il completo disinteressamento per quanto riguarda l’Eternit, lo possiamo verificare anche in altre situazioni analoghe come ad esempio, i capannoni presenti in Portoferraio. Oltre 12.000 mq. Di coperture in Eternit le quali dovrebbero essere sempre sotto controllo, ma in realtà è tutto all’ abbandono nonostante i numerosi reclami. Questi tetti sbriciolati dal tempo ho addirittura quando si rompono come in questo caso vedi foto, rilasciano fibre di amianto le quali sono più piccole di 1300 volte un capello umano e queste milioni di fibre immesse nel circuito aerosolico, vengono da Noi respirate. Inutile dire che queste fibre una volta fissate e ben arpionate nei polmoni, sono in grado di innescare pericolose patologie dalle drammatiche conseguenze. Pertanto è da anni che ripetendomi dico: vogliamo fare qualcosa che non siano le solite frasi di rito per difenderci da queste “ calamità?. “

Giancarlo Amore
Carlo
Messaggio 92978 del 18.11.2018, 09:03
Provenienza: Portoferraio


caro carburanti.

Il sistema per ridurre il costo dei carburanti, secondo me l'abbiamo ed è certamente fattibile ed efficace.
Abbiamo i social...

Basterebbe che tutti fossimo d'accordo a boicottare per almeno un mese, o fino alla bisogna, una data compagnia petrolifera fino a quando, questa compagnia, visto che le vendite cadranno in maniera drastica, si deciderà ad abbassare i prezzi, per invogliare la gente a comprare da lei...quando ciò accadrà, tutto il popolo italiano, avvisato tramite social, tv radio e giornali, andrà a fare il pieno li...e le altre a bocca asciutta...A questo punto si rimette in moto la concorrenza, e allora un'altra compagnia, per restare a galla, dovrà imitare la prima...e così via....il guaio è che in Italia siamo un po...come dire...disuniti, e questa cosa non la faremo mai......

Io da parte mia ho già cominciato a farlo...purtroppo, devo uscire spesso con la macchina e approfitto del distributore di Venturina, dove pago il gasolio un sacco di soldi meno che all'Elba...Certo, mi dispiace per i benzinai locali ma...i soldi sono miei e li spendo dove mi rendono di più.
Filarmonica Elbana Giuseppe Pietri
Messaggio 92977 del 17.11.2018, 15:23




Domenica 18 novembre, alle ore 17.30, presso il Circolo Ricreativo di Carpani, in occasione della festa di Santa Cecilia (patrona della musica, di strumentisti e cantanti) si terrà il concerto della Filarmonica Elbana Giuseppe Pietri, banda cittadina al servizio della città di Portoferraio e dell'Elba tutta.
L'evento, organizzato in collaborazione con il Circolo di Carpani, vedrà la partecipazione del "Coro per caso" di Marina di Campo, del coro "Accozzaglia di Buontemponi" e altri coristi tra cui soci e componenti del Direttivo del Circolino.
All'interno del programma anche canzoni napoletane con la partecipazione del Vocalist Vincenzo, ben conosciuto all'Isola d'Elba.
Ci sarà poi l'esibizione di Franco e Antonella della scuola di ballo "TipTapOne Isola d'Elba".
Infine il coro dei bambini con le canzoni dello Zecchino d'Oro.
All'interno della manifestazione verrà riservato un momento per la premiazione dei soci storici del Circolo ricreativo come riconoscenza per il lavoro svolto al servizio dell'ente.
La cittadinanza tutta è invitata a partecipare e alla fine brinderemo a Santa Cecilia, alla musica e al piacere di aver passato insieme un bel pomeriggio!
Protesta contro il caro carburante
Messaggio 92976 del 17.11.2018, 14:24
Provenienza: Elba, Italia? No, Francia
Francia, 50mila “giubbini gialli” protestano contro il caro carburante: investita una donna, diversi feriti
Manifestazioni in tutto il paese del movimento nato nelle zone rurali del paese contro l'aumento dei prezzi di diesel e benzina. Nessuna città importante è bloccata, anche se sulle tangenziali permangono rallentamenti e ostruzioni al traffico.
Quello dei gilet gialli, che oggi protestano in 50mila bloccando le strade del Paese, è un movimento che nasce contro il caro-petrolio ma che è arrivato a contrapporre i ricchi cittadini alla Francia dimenticata delle campagne. È sorto nelle zone più rurali del paese – dove il pieno di carburante costa maggiormente – e si è organizzato online per mobilitarsi contro l’aumento dei prezzi del diesel e della benzina, deciso dal governo per diminuire le emissioni di Co2. Una protesta arrivata nonostante il calo dei prezzi al barile del greggio di ottobre, a cui però fanno da contrappeso la pesanti tasse sul carburante. Secondo un sondaggio il 73% dei francesi appoggia la mobilitazione.
Deh all'Elba e in Itaglia so' tutti ricchi, infatti come costano care da noi la benzina e il gasolio, non c'e' paragone.
Angelo Del Mastro
Messaggio 92975 del 17.11.2018, 12:04
Provenienza: Amm.Portoferraio
La presente nota (che contiene notizie di possibile interesse) viene girata anche alle altre testate locali per eventuali approfondimenti


L’ASSESSORE ANGELO DEL MASTRO REPLICA UN ARTICOLO DI C.R IN ELBA REPORT


“L’amministrazione comunale di Portoferraio non pecca di ottimismo ma è estremamente realista e dà per certe solo le cose certe”. Così l’assessore al Demanio e alle Politiche Comunitarie Angelo Del Mastro puntualizza rispetto a quanto contenuto nell’articolo di Elbareport a firma Carlo Rizzoli pubblicato venerdì 16 novembre, dal titolo “Sinergie porti/piccole isole: le opportunità”. “In particolare – fa notare l’assessore Del Mastro – la mia puntualizzazione è riferita a quanto commentato a proposito della realizzazione della Stazione Marittima di Portoferraio, quando si dice che ‘il Comunicato del Comune pecca di ottimismo (e quindi si nega un'efficace azione politica per migliorare le cose) poiché dà per certa una cosa non vera’. A questo proposito allego il programma triennale con l’elenco annuale degli allegati al bilancio di previsione del 2019 approvati dall’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale in comitato di Gestione il 30 ottobre scorso, dove sono riportate le somme relative alla Stazione Marittima di Portoferraio. Da questo si potrà evincere che per il 2019 sono stanziate 200mila euro per le progettazioni, mentre per il 2020 la cifra impegnata per la realizzazione dell’opera è di 1 milione 630mila euro”. “Ci tengo inoltre a sottolineare – aggiunge Angelo Del Mastro – che riguardo alla progettazione l’amministrazione comunale di Portoferraio è intervenuta fattivamente dando precise indicazioni sulle modalità di realizzazione dell’opera, vista la sua importanza epocale per la nostra città, che è porta di accesso e di uscita dall’isola, e considerato che mai in passato si era sentito parlare concretamente di interventi di questo tipo, che invece noi siamo riusciti ad ottenere”. “Vorremmo ricordare inoltre – puntualizza ancora l’assessore – che l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale ha consegnato il progetto con due anni di ritardo rispetto alle previsioni, costringendoci quindi a rivisitarlo in quanto non più attuale. Tutto questo, probabilmente, anche per il fatto che attualmente l’isola d’Elba non è rappresentata, pur avendo due comuni e tre porti di competenza dell’Authority, nel comitato di gestione. Purtroppo, infatti, dopo la riforma Del Rio (PD), siamo rappresentati in quella sede solo da Livorno e da Piombino, e quello che viene approvato avviene senza il nostro diretto coinvolgimento. E’ su questo che cercheremo di lavorare in futuro – conlude Angelo Del Mastro – cercando di trovare sinergie con gli altri Enti coinvolti, anche se fortunatamente qualche segnale positivo comincia ad arrivare anche da parte dalla Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale”
Arciconfraternita della Misericordia
Messaggio 92974 del 17.11.2018, 11:08
Provenienza: Portoferraio
"SAI SALVARE IL TUO COMPAGNO? - IL SOCCORSO, A SCUOLA, RADDOPPIA"


Stamattina a Portoferraio si è chiuso il corso tenutosi nell'anno scolastico 2017/2018 della Misericordia sulle tecniche di soccorso, rivolto agli studenti del liceo "Foresi". Alla presenza degli istruttori volontari della Misericordia e del personale docente e non della scuola è avvenuta la cerimonia di consegna ai giovani partecipanti dell'attestato di merito. Il largo interesse dei ragazzi per l'iniziativa, la disponibilità dei volontari e della dirigenza dell'istituto, nonchè il naturale avvicendamento nelle classi hanno spinto gli enti organizzatori a ripetere questa esperienza; così, nel video, Simone Meloni, governatore della Reverenda Arciconfraternita portoferraiese annuncia la riapertura del corso per questo anno scolastico, ancora presso l'Isis Raffaello Foresi.


Rugggero Barbetti Sindaco
Messaggio 92973 del 17.11.2018, 10:35
Provenienza: CAPOLIVERI
BARBETTI PUNTA SU GELSI SINDACO E CARDELLI VICE SINDACO



Sindaco, nella primavera del 2019 ci saranno le elezioni amministrative, come vi state preparando?
Le elezioni si svolgeranno probabilmente il 26 maggio del prossimo anno contemporaneamente alle elezioni europee per cui mancano ancora molti mesi. Mesi che ci servono per completare il programma amministrativo con cui ci siamo presentati nel 2014.
Quali sono gli obiettivi che volete raggiungere?
Insieme a tutti gli amministratori, assessori e consiglieri, lavoriamo come sempre per migliorare le condizioni sociali ed economiche dei nostri concittadini con particolare attenzione al Bene Comune. Tanto è stato fatto dal 2009 ad oggi. I risultati sono sotto gli occhi di tutti e questo nonostante le difficoltà finanziarie ma soprattutto burocratiche che attanagliano tutti i comuni d’Italia. Se dovessi fare un paragone Capoliveri non è certo il fanalino di coda dei comuni elbani o toscani, anzi.
Entrando nel merito?
Per il 2018 stiamo puntando su alcune opere pubbliche che riteniamo fondamentali per un ulteriore sviluppo del nostro territorio e che andranno a gara entro la fine dell’anno. Per fare qualche esempio mi riferisco alla riqualificazione, ampliamento e bitumazione delle strade di Fonte alle Rose, dell’ultimo tratto di quella del Calone che si collega a quella per Calamita e della strada di Pian dei Lari a Lacona per un totale di oltre 450.000 euro. Il nostro fiore all’occhiello sarà però quello di appaltare prima della fine dell’anno i lavori per la realizzazione di un efficiente e moderno Centro sanitario dell’Asl che verrà realizzato in Piazza del Cavatore dove c’era la sede del vecchio comune e i cui lavori ammontano ad oltre 160.000 euro. Senza dimenticare che sono già stati appaltati, e a breve inizieranno, i lavori di ampliamento dell’asilo per poter ricongiungere tutte le classi della scuola dell’infanzia nella struttura che si trova sulla Soprana.
Altri interventi?
Sempre entro la fine del 2018 andrà a gara il rinnovo della quasi totalità dell’arredo della scuola dell’infanzia partendo dai banchi, dalle sedie e dalle tende per un importo di oltre 40.000 euro e prossimamente saranno sostituiti gli infissi che guardano sul Golfo Stella, ormai vecchi e difettosi. Verrà anche fatta la gara per manutenzioni e per l’acquistato di arredi a complemento del Flamingo per un importo di 40.000 euro. Inoltre sarà appaltato l’acquisto di nuovi attrezzi per il fitness per un importo di 40.000 euro per la nostra nuova palestra che, dopo la conclusione dei lavori, sarà inaugurata a breve. Infine saranno appaltati i lavori di manutenzione oltre alla realizzazione di un impianto di condizionamento per il Museo del Mare e per lo Spazio d’Arte per un totale di 25.000 euro.
E per il 2019?
E’ chiaro che tutto quanto sopra verrà realizzato nei primi mesi del prossimo anno, ma era importante reperire le risorse e andare a gara entro la fine di questo esercizio finanziario altrimenti, per motivi burocratici, non avremmo potuto realizzare subito questi interventi e avremmo dovuto aspettare la nuova Legge di Stabilità e quindi l’approvazione del Bilancio comunale preventivo 2019 e così non saremmo riusciti a realizzare il tutto nei tempi che ci siamo prefissati.
E’ soddisfatto del lavoro svolto in quest’ultima legislatura?
Non si può mai essere soddisfatti quando si amministra un comune perché si sarebbe sempre potuto fare di più e si sarebbe sempre potuto farlo meglio. Oggi amministrare non è facile ci vuole tanto lavoro, tanta dedizione, tanto amore per il tuo paese ma soprattutto tanta esperienza. L’esperienza è fondamentale: non ci si può improvvisare amministratori o peggio ancora Sindaci senza aver fatto la gavetta e senza aver iniziato dal basso per capire come funziona la macchina amministrativa. Questo vale per i Comuni, piccoli o grandi che siano, e vale anche per il Governo centrale e senza polemica posso tranquillamente citare l’esempio, negli ultimi anni di Monti, di Renzi e dei grillini che ogni giorno, a mio avviso, dimostrano la loro carenza di esperienza governativa. Senza scordarsi del periodo buio che ha passato Capoliveri nella legislatura 2004/2009. Penso che nessuno lo debba dimenticare. Anzi, ci vorrebbe la Giornata capoliverese della memoria per ricordarsi sempre di quella tragica compagine amministrativa.
Quindi?
Voglio dire di essere contento di aver costruito negli anni una squadra di governo capace e con tanta esperienza. Esternamente può sembrare che io sia il decisionista che fa tutto da solo. Niente di più sbagliato. Non si amministra un Comune complesso e complicato come Capoliveri da soli. Oggi governiamo un Comune strutturato e invidiato almeno dal resto dell’Elba: con me e insieme a me sono cresciuti non solo gli amministratori ma anche tutti i funzionari e i dipendenti del Comune. Da anni la legge disciplina esattamente la differenza dei compiti tra politici e dipendenti. I primi sono deputati a fare le scelte e i secondi sono deputati a realizzare quelle scelte, possibilmente nel minor tempo possibile, al minor prezzo e al meglio delle condizioni date. Ecco devo dire che i nostri collaboratori hanno aiutato molto noi politici nel raggiungere gli obiettivi che di volta in volta ci siamo dati. Avere una classe dirigente di alto livello è una ricchezza e una risorsa per tutti i capoliveresi.
In tanti la vorrebbero candidato a sindaco di Portoferraio.
Ho già chiarito che non vivo la politica come un lavoro ma come amore per il territorio dove vivo e dove vivono i miei figli. E per territorio intendo la nostra meravigliosa isola. Fare il Sindaco di un altro comune sarebbe un lavoro e io invece a Capoliveri mi diverto ancora come la prima volta quando nel 1990 sono diventato sindaco a 32 anni.
Come vede le elezioni del prossimo anno?
Intanto non mi posso candidare a Sindaco e questo è un bene perché ci deve essere un giusto ed equilibrato rinnovo generazionale. La politica, intesa come amministrazione della cosa pubblica, ce l’ho nel sangue per cui non ho certo intenzione di andare in pensione ma voglio continuare a dare un contributo al mio paese anche se da una posizione defilata. Darò comunque il mio aiuto e metterò a disposizione il mio sapere e la mia esperienza al Sindaco, alla Giunta e al Consiglio futuri.
Se dovesse fare una previsione su chi sarà il suo successore?
Noi siamo un gruppo di persone che hanno condiviso tutte le scelte che abbiamo fatto negli ultimi dieci anni. Sono sicuro che, anche alla luce dei risultati amministrativi ottenuti, troveremo la sintesi per continuare questa avventura e quindi credo che il risultato elettorale sarà ancora una volta schiacciante. Se posso esprimere un desiderio, di cui sono intimamente certo, il mio successore a Sindaco sarà Andrea Gelsi e il suo Vice Sindaco sarà Leonardo Cardelli. Ambedue una sicurezza per Capoliveri. Io sarò al fianco di tutti i Capoliveresi che mi hanno sostenuto in tutti questi anni e anche al fianco del Sindaco e del Suo Vice, ma un paio di passi indietro.
AUTOSPURGHI ELBANI
Messaggio 92972 del 17.11.2018, 09:00
Marcello Camici
Messaggio 92971 del 17.11.2018, 08:49
L’ALBA DELL’UNITA’ D’ITALIA ALL’ELBA (1859-1860) STANZIAMENTO PER LA PROVVISTA DI FUCILI PER IL GENERALE GARIBALDI E PER LA COSTRUZIONE DEL MONUMENTO A VITTORIO EMANUELE II.


Il 16 gennaio 1860 il consiglio comunale di Portoferraio in adunanza delibera quanto segue : “A proposta del Sig. Gonfaloniere il Consiglio stanzia la somma di lire italiane Cinquecento da imputarsi sulla Massa di Rispetto, concorrendo all’acquisto del Milione di fucili progettato dal Generale Garibaldi. E girato il partito riportò voti favorevoli 16 ,contrari nessuno” (Protocollo delle deliberazioni dal dì 24 ottobre 1859 al dì 30 luglio 1860 per il cancelliere. Pg 92-93.Archivio storico comune Portoferraio)) Dopo avere deliberato quanto sopra il consiglio comunale passa a discutere un altro stanziamento per costruzione di un monumento al re Vittorio Emanuele II in Torino : “veduta la Circolare del Sindaco di Torino de 9 ottobre 1859 rimessa con Officiale del Governo dell’Elba de 18 Novembre dello stesso anno, colla quale il Municipio di quella Capitale prendeva l’iniziativa per erigere un Monumento al Re Vittorio Emanuele II e per il quale era stata destinata la somma di lire centomila oltre la concessione del terreno, e con essa si dichiarava che sarebbe stato accettato il concorso degli altri Municipi e dei privati, quali amassero unirsi a render più degna e più solenne l’espressione di un voto che è nel cuore di tutti gli Italiani e di ognuno il quale veneri le grandi virtù e porti affetto alla cara Patria nostra. Considerando il Consiglio che anche il Comune di Portoferraio desidera di essere annoverato fra coloro che concorsero all'erezione di un tal Monumento . Stanziò la somma di lire cento Italiane con partito di voti favorevoli 14.Contrari nessuno” Il Gonfaloniere Il cancelliere Eugenio Bigeschi A. Benelli “ (idem come sopra)

Marcello Camici mcamici@tiscali.i
Luigi Lanera FdI
Messaggio 92970 del 16.11.2018, 20:54
Ancora una volta il sindaco Ferrari è intervenuto in prima persona per sovrintendere al recupero di una imbarcazione naufragata al Grigolo e per supportare moralmente i proprietari , cittadini di Portoferraio, che hanno subito un notevole danno economico . Abbiamo purtroppo assistito ad uno spiacevole episodio di mancanza di rispetto nei confronti della massima autorità cittadina quando al sindaco è stato impedito L'accesso ad una area demaniale da parte di un concessionario tanto che sono dovuti intervenire i Carabinieri . Facciamo un plauso al nostro sindaco , ma nel contempo gli chiediamo di evitare che nel nostro golfo ci sia un monopolio nel settore cantieristico , affinché in futuro si evitino episodi di conflittualità tra istituzioni e interessi privati . Siamo più che convinti che una giusta amministrazione della cosa pubblica debba prevedere in primis L interesse della città e dei cittadini .

Luigi Lanera Resp Naz navigazione per Fdi
CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA
Messaggio 92969 del 16.11.2018, 20:52
Provenienza: Portoferraio
RECUPERO IMBARCAZIONE DA DIPORTO DENOMINATA “SHIKA KAMATA” INCAGLIATA NEI PRESSI DELLA LOCALITÀ “GRIGOLO”- PORTOFERRAIO.



Nel corso della giornata odierna, venerdì 16 novembre 2018, sono terminate le operazioni di recupero dell'imbarcazione da diporto “SHIKA KAMATA” incagliatasi presso la Località “Grigolo” - Portoferraio nella giornata del 29 ottobre u.s. a seguito delle eccezionali condizioni meteomarine. Le complesse operazioni, iniziate fin dalla mattinata di ieri, coordinate dalla Capitaneria di Porto di Portoferraio, nonostante presentassero numerose problematiche tecniche a causa della posizione dell'imbarcazione, tanto più per le conseguenze ambientali che si sarebbero potute verificare, si sono svolte scongiurando danni a terzi ed all'ambiente. Le operazioni sono consistite nello svuotamento dell’unità a mezzo pompe di esaurimento, riparazione di falle nello scafo e posizionamento di palloni galleggianti a cura della ditta “Scuba Operator” impresa specializzata di sommozzatori, incaricata dalla società armatrice. Il trasferimento dell’imbarcazione in sicurezza fino al cantiere di destinazione è stato eseguito di seguito dagli ormeggiatori del porto di Portoferraio, con l’ausilio del piloti del porto. Tutte le attività sono state disciplinate con provvedimento ordinativo della Capitaneria di porto e costantemente monitorate via terra e via mare da militari e due motovedette della Guardia Costiera, CP 892 e CP 725. L'imbarcazione è giunta alle ore 1700 circa presso il cantiere navale di Portoferraio ove è stata tirata a secco. L’intervento di recupero è stato eseguito con professionalità e soprattutto in condizioni di sicurezza sia per il personale sia per l’ambiente marino. Il Comune di Portoferraio e tutti gli operatori locali intervenuti, ed in special modo gli ormeggiatori del porto, hanno contribuito alla buona riuscita delle operazioni, operando in sinergia per il bene comune dell’ambito portuale.
Altro di Rio
Messaggio 92968 del 16.11.2018, 17:13
Provenienza: L'unica Rio
Il mio compaesano che si firma Riese mi ricorda il soldato giapponese Hiroo Onoda. Quando ci risveglieremo più poveri, perché diversamente da come molti hanno pensato "peggio di così poteva e può ancora andare", il buon RIESE potrà gridare contro francesi, austriaci e tedeschi come se in pensione a 40 anni, facendo debito, ci fossero andati loro.
AMMINISTRAZIONE PORTOFERRAIO
Messaggio 92967 del 16.11.2018, 12:32
TORNA IL PROGETTO “ ANZIANI ATTIVI”


Torna il progetto “Anziani attivi”, comunemente conosciuto dai Portoferraiesi come “Ginnastica del Comune”. Il progetto, come si ricorderà, nasce per volontà dell’assessore alle politiche sociali del Comune di Portoferraio Adalberto Bertucci nel novembre 2003 e rappresenta un importante riferimento salutistico e ricreativo per la fascia della terza età che partecipa attivamente da 15 anni.
Spesso nei mesi più caldi si sono tenute camminate sul territorio con notevole beneficio da parte degli utenti soprattutto nel sensibilizzare e creare la consuetudine di uno stile di vita sano ed attivo coniugando l’attività motoria a quella culturale e ambientale. Fra le iniziative si ricordano: Orienteering Centro Storico Portoferraio , Trekking Naturalistico Enfola, Passeggiata Terme di San Giovanni, Bagnaia e Visita alle Ville Napoleoniche
Lo scorso anno sono state svolte anche 3 gite, di cui due naturalistiche ambientali (all’ Eremo di San Cerbone e all’ Isola del Giglio) ed una ad indirizzo culturale a San Galgano.
Anche quest’anno, quindi, l’attuale amministrazione vuole dare continuità al percorso svolto fino ad ora sia con le attività motorie che con le gite.
Il progetto si propone di realizzare in modo dinamico e attivo degli obiettivi specifici migliorando così lo stato di salute generale del gruppo secondo modi e tempi che la composizione stessa del gruppo permette. Gli obiettivi generali saranno approfonditi e trasformati in obiettivi più specifici secondo le richieste del gruppo e l’attività fisica sarà integrata con consigli atti al raggiungimento di un benessere psico-fisico ottimale.
Il progetto di quest’anno consiste in attività motoria e ludica con cadenza bisettimanale fino ad aprile 2019 in orario mattutino, in forma gratuita, per tutti i cittadini ultrasessantenni residenti a Portoferraio.
Giovedi' 22 Novembre presso la Grotta Azzurra dalle ore 09.00 alle ore 10.00
sara’ possibile iscriversi ai corsi. Le lezioni inizieranno prima possibile e si terranno il lunedì e giovedì.
Per qualsiasi chiarimento si potrà contattare l’insegnante al numero telefonico 339.5620883 (Giorgia Bruni) ogni giorno dalle 19.00 alle 20.00 .
Mario Ferrari sindaco
Messaggio 92966 del 16.11.2018, 12:24
I SALUTI E I RINGRAZIAMENTI DEL SINDACO FERRARI AL SEGRETARIO DOTT. ALFONSO SPATARO



Dopo solo 4 mesi di servizio prestato al comune di Portoferraio, ha concluso la propria collaborazione con l’amministrazione comunale il segretario comunale dottor Alfonso Spataro.
Il funzionario, che durante la sua permanenza ha collaborato anche con il comune di Marciana Marina, ha accettato per evidenti motivi familiari l’incarico del comune di Casteltermini, in provincia di Agrigento, a pochi chilometri da casa.
“Ci tengo in maniera particolare – ha commentato il sindaco di Portoferraio Mario Ferrari - sia a titolo personale che per conto di tutta l’amministrazione comunale, a ringraziare calorosamente per la sua preziosa collaborazione il dottor Spataro, del quale abbiamo apprezzato la preparazione, le doti umane e lo spirito di collaborazione che abbiamo avuto modo di constatare in questo pur breve periodo. A lui vadano i nostri migliori auguri di buon lavoro nel suo nuovo incarico”.
Il dottor Alfonso Spataro ha cessato il suo servizio presso il comune di Portoferraio nella giornata di giovedì 15 novembre.
CINEMA TEATRO FLAMINGO
Messaggio 92965 del 16.11.2018, 11:38
Provenienza: CAPOLIVERI
Circolo Amici di Poggio
Messaggio 92964 del 16.11.2018, 11:14



LA CASTAGNATA DEL POGGIO

Il Circolo Amici di Poggio in collaborazione con il comune di Marciana organizza per domenica 18 novembre la 39° Castagnata, la festa delle castagne che ogni anno il borgo marcianese propone agli amanti di questo delizioso frutto e della buona cucina. “Un appuntamento ormai consueto con la popolazione elbana – commentano dal Circolo Amici di poggio - che da 39 anni rende omaggio ad un frutto, la castagna, che è stato alimento principe dei nostri avi”. Gli ospiti potranno gustare cibi a base di castagne, dai primi piatti ai secondi ai dolci. Ci sarà birra di castagne, liquore alle castagne, gelato alle castagne, pasticceria secca e pane alle castagne. La degustazione è a disposizione nei 50 stands dislocati nelle piazzette e nelle viuzze nel vecchio borgo di Poggio, in un itinerario gastronomico legato alle vecchie tradizioni. Nella giornata di domenica, a partire dalle 11, fino a sera, sarà possibile visitare anche Casetta Drouot dove l’imperatore racconta la sua vita all’Elba in una casa di fine‘700 , insieme al governatore Drouot e alla contessa Walewska. In occasione dell’evento è stato organizzato un servizio bus navetta gratuito per collegare Poggio con le zone limitrofe.
X LA NOVITA' COOP
Messaggio 92963 del 16.11.2018, 11:12
Provenienza: PORTOFERRAIO
Magari se sapessi come gli incivili in che condizioni lasciano i bagni faresti meno discorsi. E poi nei negozi si va per comprare e si giudicano dalla qualità e dai prezzi. Tutto il resto è relativo.
POLIZIA DI STATO PORTOFERRAIO
Messaggio 92962 del 16.11.2018, 10:52
LA POLIZIA DI STATO INCONTRA GLI STUDENTI DELLA SCUOLA G.CARDUCCI DI PORTO AZZURRO





Proseguono gli interventi didattici nelle scuole da parte del Commissariato di P.S. di Portoferraio.
Nella giornata di ieri la Polizia di Stato ha avuto un incontro con gli studenti della classe III dell’Istituto comprensivo "G. Carducci" a Porto Azzurro.
Tra gli argomenti trattati gli effetti delle nuove droghe sintetiche ed il cyberbullismo.
Michelangelo Zecchini
Messaggio 92961 del 16.11.2018, 10:23
VILLA DELLE GROTTE E SCAVI DI S. GIOVANNI: DUBBI SULLE STORIE DI SCHIAVI E PADRONI




Scavi di S. Giovanni anno settimo

Continua ad essere in buona salute la congettura/refrain che, oltre ad attribuire un’improbabile proprietà del complesso archeologico (fattoria e villa delle Grotte) all’influente Marco Valerio Messalla, esalta pure le magnifiche sorti e progressive di uno schiavo-fenomeno, un certo Hermia, dotato di mirabili qualità. Tale supposizione è stata riproposta lo scorso 28 settembre 2018 da Italia Nostra “… ricercatori e studenti di archeologia impersonano figure mitiche e storiche del passato: Giasone, il patrizio romano Marco Valerio Messalla, lo schiavo Hermia ed altri ancora”. Che lo schiavo Hermia fosse una figura mitica come Giasone o una figura storica come Messalla Corvino, non lo sapeva nessuno: scherzo di fine estate, pura realtà o iper esagerazione? Proviamo a capirci qualcosa. Negli scavi di S. Giovanni, com’è noto, è affiorato un grosso orcio con un bollo che nomina un certo HERMIA servo di Marco Valerio. Ma chi era costui? Dove viveva? Lo ignoriamo. Eccezion fatta per la sua condizione servile e per la sua appartenenza alla potente famiglia dei Valerii, non sappiamo altro. Siamo edotti, invece, sul fatto che i bolli dei Valerii hanno un’area di diffusione molto vasta, che include perfino Cartagine e la Sicilia (cfr. Annali Normale di Pisa 1999, p. 298). Ciò nonostante Franco Cambi e Laura Pagliantini hanno attribuito a questo Hermia l’esercizio di una pluralità di ruoli di primo piano proprio a S. Giovanni e dintorni. L’ immagine che i responsabili dello scavo hanno propalato è quella di un individuo stupefacente, al tempo stesso cantiniere, agronomo, manager, gestore di azienda, investitore di denaro. Non vorrei rompere le uova nel paniere, ma ci sono altissime probabilità che questo Hermia la zona di S. Giovanni non l’abbia mai vista nemmeno col binocolo. Peraltro, a conferma che un bollo su terracotta non può provare né una proprietà fondiaria né l'esistenza in loco del soggetto nominato, recenti studi hanno accertato che gli orci ‘elbani’ di Hermia, definito da Cambi schiavo competente (?), intraprendente (??) e particolarmente intelligente (???), non sono stati fabbricati nella nostra isola bensì a Minturnae, al confine fra Lazio e Campania, dove la gens valeria ebbe un ruolo importante almeno fino all’epoca tardorepubblicana (P. Arthur 1991). I legami dei Valerii con Minturno sono noti ed è proprio in questa città che “sarebbe da identificare il luogo di produzione delle anfore della predetta gens” (A. Gallina Zevi e Altri, 2004, p. 31).
Spostiamoci nella Villa delle Grotte. Vi sono stati recuperati marchi su tegole riferibili sia alla famiglia senatoria dei Caecina, di origine volterrana, sia alla famiglia dei Granii, largamente attestata in Etruria. Forse che tali pezzi di laterizi bollati ci autorizzano ad affermare che la proprietà delle Grotte fu anche dei Caecina e dei Granii? La risposta è no, ovviamente: si tratta di semplici tegole importate per scopi edilizi. E perché mai, allora, la proprietà della villa dovrebbe essere attribuita a Messalla Corvino e ai Valerii, sui quali non è affiorata alcuna traccia sicura né archeologica né letteraria?
Un caso simile si verifica nella Villa di Capo Castello al Cavo, nella quale è stato trovato un bollo su tegola attribuibile a un certo Euhemerus, servo di un tal Marco Appio. Forse che, come è stato asserito per l’Hermia di S. Giovanni, quel bollo indica che Euhemero prestava servizio nella villa stessa? Manco per sogno: studiosi 'continentali' hanno dimostrato, infatti, che i mattoni marchiati dallo schiavo Euhemerus sono diffusi in varie località della Toscana e che Marco Appio non era il padrone della villa del Cavo, ma possedeva semplicemente una manifattura di laterizi ubicata a Campacci presso Livorno.
Conclusioni: l’ Hermia di S. Giovanni e l’ Euhemerus di Capo Castello erano persone di condizione servile la cui vita reale si è svolta chissà come e chissà dove. Questo – e niente di più – ci dicono finora gli indicatori archeologici. Usando metri di valutazione non proporzionati all’entità dei ritrovamenti, non si fa un buon servizio alla ricostruzione storica.


Michelangelo Zecchini
Elba Racing
Messaggio 92960 del 16.11.2018, 09:38
Quattro equipaggi di rallysti dell’Elba Racing Team prenderanno parte al Rally Day di Pomarance, in programma sulle strade della provincia di Pisa domenica 18 novembre .




Due le prove speciali in programma da ripetere tre volte, per una gara che partirà alle 8,30 di domenica per concludersi alle 16 dello stesso giorno.
Gli equipaggi in gara saranno Galullo – Mattei con il n.16, Volpi – Maffoni con il 17, Montauti – Andreoli con il numero 28 e Valenti – Chionsini con il numero 57, tutti su Renault Clio.
A completare il lotto dei piloti Ert impegnati in gare lontane dall’isola, l’equipaggio composto da Fabrizio e Leonardo Pierulivo, padre e figlio, prenderà parte nello stesso fine settimana al Rally delle Marche in programma a Cingoli, in provincia di Macerata.
Ancora un impegno, dunque, per Elba Racing Team che si appresta a concludere una lunga stagione ricca di soddisfazioni sportive e di partecipazione da parte dei piloti e degli appassionati di rally elbani.
x Canali di Rio in su
Messaggio 92959 del 16.11.2018, 08:56
Provenienza: Elba
Caro amico dei Canali di Rio, la tua considerazione più che condivisibile è drammaticamente vera. Purtroppo per argomentare ci vuole preparazione, correttezza intellettuale e senso civico, per abbaiare basta solo essere svergognati.

Il buon Eco non poteva essere più preciso: <
Approfitto ancora del copia-icolla per rendere più incisiva la mia convinzione che ciò deve essere denunciato, va denunciato anche se la sordità ha colpito la maggioranza della popolazione.

Di Martin Niemöller (1892-1984):
«Prima di tutto vennero a prendere gli zingari, e fui contento, perché rubacchiavano. Poi vennero a prendere gli ebrei, e stetti zitto, perché mi stavano antipatici. Poi vennero a prendere gli omosessuali, e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi. Poi vennero a prendere i comunisti, e io non dissi niente, perché non ero comunista. Un giorno vennero a prendere me, e non c’era rimasto nessuno a protestare»

Mauro Albertini
ELBANO
Messaggio 92958 del 15.11.2018, 20:59
Provenienza: Isola d'Elba
Caro amico, non c'è peggior sordo più di quello che non vuol sentire.Le brutte abitudini, in Italia,sono durissime a morire e questo piagnisteo ne è la prova lampante.E per favore non ci faccia ridere con la solidarietà un tanto al chilo.Il privilegio di alzarsi un'ora dopo,nel 2018 non ce lo possiamo più permettere e visto che le condizioni meteomarine spesso costringono a peripezie inaudite per consentire l'attracco e l'ormeggio dei traghetti a Rio Marina,la cosa logica e più sicura è solamente quella di utilizzare il Porto di Portoferraio per tutti gli utenti,Elbani e non.
Saluti
Per Elbano 92950
Messaggio 92957 del 15.11.2018, 18:37
Caro compaesano di Pomonte Chiessi ecc ecc che godi del fatto che a Rio il porto non ci sia più dimostri con millimetrica logica quello che ho scritto. Facciamo pena e godiamo delle disgrazie altrui invece di combattere tutti per i diritti che Dovremmo avere. Io non avrei goduto come te poveretto che sei se tu avessi avuto a Pomonte o Chiessi il porto . Anzi avrei gioito. E avrei fatto d tutto per farti conservare il tuo diritto
Facciamo pena ma pena pena badisco e tu ne sei la conferma e la riprova.
CINEMA TEATRO FLAMINGO
Messaggio 92956 del 15.11.2018, 18:18
Provenienza: CAPOLIVERI
golf acquabona Scrivi a golf acquabona
Messaggio 92955 del 15.11.2018, 17:09
Provenienza: portoferraio
Il Sabato Giovanni e Daniela Vi aspettano al Golf Acquabona, per trascorrere un pomeriggio diverso.
Dalle ore 15.00 alle ore 16.00 prova di golf.
Dalle ore 16.00 in poi, all’interno della Club House assieme ad una tazza di tè, verrà illustrato il gioco del golf .
Naturalmente l’evento sarà offerto dal Club.
Vi aspettiamo numeroso, divertimento garantito.
Tel.0565940066
[Pagina precedente] [ Pagina successiva]

visita
MUCCHIO-SELVAGGIO.....
ISOLA D'ELBA