Pagina 4/1245: [] [1] [2] [3] (4) [5] [6] [7] [8] [9] [] [»] LASCIA UN MESSAGGIO
Autore Messaggio
Cacciatore
Messaggio 93104 del 27.11.2018, 20:44
Provenienza: Elba occupata
Per rispondere al messaggio di animalista. Dici anche cose giuste, comunque ricordo a te e a tutti gli animalisti che l'ente Parco proprio in questi giorni sta facendo una mattanza di fagiani e pernici sull'isola di Pianosa.
Porto azzurrino
Messaggio 93103 del 27.11.2018, 20:21
Provenienza: Longone Bassa
Caro Longone e Portolongone,
sono passati quasi 10 anni dai primi ricorsi per i porti all'Elba e nulla e cambiato.Ormai mi sento un po esperto e vorrei fare un po di chiarezza:
Porto Azzurro e Portoferraio A Marciana Marinala la gestione del demanio genera forti contrasti che sono spesso condotti citando leggi e normative sconosciute ai non addetti ai lavori, cerchiamo di capirne qualcosa in più, tirando in ballo meno giurisprudenza possibile, nella speranza di dare al lettore un’illustrazione che lo possa aiutare a formarsi una propria opinione senza doversi ridurre, come spesso accade, a fare una sorta di tifo per una parte o per l’altra senza avere nessuna idea circa la reale materia del contendere.
Da qualche anno ormai, i Comuni si sono sostituiti alle Capitanerie di Porto nella gestione del demanio marittimo. Ciò è avvenuto in ossequio alle modifiche della Costituzione realizzate nel 2001 allo scopo di aumentare l’autonomia degli enti locali, una sorta di antipasto della vera e propria riforma in senso federalista della nostra nazione.
Nel pensiero del legislatore, il decentramento delle attività amministrative avrebbe dovuto condurre ad una gestione più aderente alle necessità delle comunità locali con un miglioramento complessivo della funzione pubblica con soddisfazione delle legittime aspettative dei cittadini e delle imprese.
Contrariamente alle premesse fin qui espresse dobbiamo però registrare che i contenziosi in materia di demanio marittimo sono invece esplosi proprio a partire da questo passaggio di competenze.
Ciò è dovuto principalmente al fatto che i Comuni hanno, in molti casi, assunto la gestione del demanio marittimo in funzione di un neppur troppo celato interesse a trarre un utile economico dalla stessa, tradendo quindi le aspettative del legislatore che gli ha trasferito tale competenza perché facessero l’interesse delle comunità locali e non il proprio.
Ma come fanno i Comuni a guadagnare dalla gestione del demanio? Il sistema si basa sull’istituto della concessione demaniale e della relativa sub-concessione, vediamo come funziona il tutto.
Il demanio marittimo è riconducibile alla categoria dei beni pubblici, cioè quei beni finalizzati a soddisfare interessi generali, appartiene allo Stato ed è riservato all'uso pubblico, indistinto, a favore della collettività, dunque i Comuni non ne sono proprietari ma soltanto i gestori, possono disciplinarne l’uso mediante ordinanze e possono, attraverso atti di concessione demaniale marittima, concederne porzioni ad un utilizzo riservato dietro il pagamento, da parte del Concessionario (colui che ottiene il bene demaniale in concessione), di un canone che viene versato allo stato (che ne è il proprietario).
Sembrerebbe di aver fatto confusione dicendo prima che i Comuni lucrano dalla gestione del demanio e poi che i relativi canoni concessori vengono pagati allo stato, tutto si chiarisce introducendo un ulteriore concetto, quello della sub-concessione, con la quale il Concessionario cede (a titolo ovviamente oneroso) ad un Sub-concessionario l’utilizzo riservato del bene da egli stesso precedentemente ricevuto in concessione.
Siamo arrivati al punto: i Comuni fanno richiesta a sé stessi (che ne sono amministratori) di ottenere in Concessione porzioni di demanio (pagando il relativo canone allo Stato) per poi sub concederle a terzi guadagnando sulla differenza tra il canone che incassano dal Sub-concessionario e quello che pagano allo Stato; poiché per concessioni di pregio (all’interno di porti, ad esempio) la differenza tra il valore di mercato ed il canone stabilito dallo Stato assume un’ingente rilevanza, i Comuni possono guadagnare con questo “giochetto” un sacco di soldi.
Astenendoci da giudizi di merito, sia legale che politico, vediamo di spiegare nel seguito perché questo modo di procedere ha ingenerato tanto contenzioso amministrativo culminando, in alcuni casi (Porto Ercole, Porto Azzurro), con interventi della giustizia amministrativa e PENALE che ha giudicato opportuno annullare numerosi atti prodotti dai Comuni.
Il primo interrogativo che sarebbe spontaneo porsi è il seguente: se la concessione di un determinato bene demaniale, oltre ad essere richiesta (a sé stesso) dal Comune, interessa anche ad una o più imprese o privati cittadini che ne fanno anch’essi domanda, cosa succede?
La legge prevede che le varie domande debbano essere comparate per stabilire quale tra esse garantisca un utilizzo del bene demaniale più rispondente all’interesse pubblico e, a parità di questo requisito, che la concessione vada al migliore offerente; questi finirebbe dunque, in questo caso, per pagare un canone maggiore rispetto a quello stabilito dalle relative tabelle redatte dallo Stato.
Avrete già capito che se il Comune, che è arbitro di questa competizione, figura esso stesso nel novero dei partecipanti, può sorgere qualche dubbio in merito alle garanzie di imparzialità della sua azione amministrativa, secondo un principio sancito sia costituzionalmente che dalla sovraordinata normativa europea.
Vale la pena di segnalare che alcune Regioni (es. Emilia Romagna) hanno eliminato il dubbio alla radice con una legge regionale la quale stabilisce che qualora un Comune voglia la concessione di un bene demaniale da esso stesso amministrato, non possa farne richiesta a se stesso per poi auto-concederselo ma che in tal caso la potestà amministrativa venga trasferita alla Regione stessa che diviene in forza di tale norma l’arbitro super partes che può meglio garantire l’imparziale valutazione di domande concorrenti rispetto a quella del Comune.
La nostra Regione non ha ancora ritenuto opportuno dotarsi di una siffatta norma denotando, come purtroppo testimoniato anche in altri settori, un complessivo scadere della propria qualità amministrativa culminato nel triste record nazionale di citazioni in giudizio da parte della Corte dei Conti per l’anno 2009 con un vertiginoso aumento, per lo stesso anno, di denunce per casi di corruzione e concussione.
Torniamo al problema delle concessioni per evidenziare un’altra potenziale stortura che si è venuta a creare con il passaggio amministrativo ai Comuni. Il regime concessorio del demanio marittimo ha sempre rappresentato un’eccezione rispetto all’uso pubblico indistinto, garantendo in tal modo il mantenimento di ampie zone portuali destinate ai cosiddetti “usi pubblici del mare” quali, ad esempio, la pesca o il trasporto di merci e persone. A fronte del guadagno realizzabile dai Comuni con il meccanismo già descritto, si è venuto quindi a creare un forte conflitto di interessi tra questi e gli esercenti di attività del tipo sopra descritto; nella loro ansia di guadagno, poiché ai Comuni conviene (auto)concedersi il maggior spazio possibile onde lucrare sulla sua sub-concessione, si è già arrivati all’eccesso per cui in alcuni porti non residua alcuno spazio “libero” da destinarsi agli usi pubblici di cui sopra, tale condizione determina l’inevitabile avviarsi di contenziosi amministrativi a ripetizione.
Un’ulteriore criticità creatasi da questa abnorme acquisizione di spazi in concessione da parte dei comuni è determinata dalla loro convenienza a contrarre il rapporto di sub-concessione con un unico soggetto per non dover ricorrere a svariate gare d’appalto (una per ogni frazione di sub-concessione).
Vediamo perché ciò causa problemi. La parsimonia con la quale la Capitaneria di Porto concedeva piccole zone in concessione, ha storicamente determinato lo sviluppo, per lo più, di piccole attività di gestione di ormeggi o campi boe; il territorio quindi non esprime forze economiche e finanziarie di sufficiente entità per competere all’ottenimento delle grandi aree portuali messe a gara dai Comuni che finiscono per favorire l’ingresso sul mercato (in modo spesso devastante per le piccole aziende locali) di imprese alloctone, negando a quelle di casa propria uno sviluppo legittimamente atteso e meritato. E’ chiaro che, anche questo profilo induce molteplici contenziosi stante la soddisfazione di un unico soggetto e la contestuale delusione di molti.
Terminiamo questa breve descrizione con una ulteriore considerazione che prende forma dalle profonde differenze registrate tra le modalità di gestione del demanio che erano proprie delle Capitanerie di Porto e quelle, attuali, dei Comuni; tutti saremmo naturalmente portati a pensare che avvicinando i centri del potere al cittadino l’amministrazione dovrebbe trarne giovamento perché più consapevole delle sue aspettative ed esigenze, l’evidenza dei fatti sembrerebbe dire che non è così alla luce di inevitabili personalismi che proprio dall’eccessiva vicinanza prendono forza rimarcando nettamente come il valore dell’imparzialità nell’azione pubblica sia forse il più irrinunciabile e come tale imparzialità si riveli direttamente proporzionale alla distanza dei centri di potere dalle comunità dei cittadini. E I RICORSI E LE DENUNCE AUMENTANO, CONTINUANO NEI COMUNI ELBANI E PIU PRECISAMENTE A PORTO AZZURRO ED A PORTOFERRAIO E' VERGOGNOSO CHE DOPO 10 ANNI I NOSTRI AMMINISTRATORI CONTINUINO A SBAGLIARE.
Se fossimo stati in continente si SAREBBERO / LI AVREBBERO fermati subito!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Vedi Imperia. E' UNA VERGOGNA!!!!!!!!!!
Fan di Pasquino
Messaggio 93102 del 27.11.2018, 18:43
Provenienza: Cavo di Rio
Per il Signor Pasquino che seguo molto volentieri: Li lasci perdere, non meritano il suo tempo. Potrebbe cortesemente suggerire ai Consiglieri di Minoranza di Terra Nostra di occuparsi della questione sollevata in questi giorni, su questo blog, riguardante la caccia di frodo nelle aree parco? Sembra che tutti i fatti negativi siano a Rio e non ci sto. Se c'è una cosa che non sopporto è sentir parlar male del mio paese dagli altri, per colpa di pochi. Sono sicuro che il Sindaco e l'Assessore all'Ambiente prenderanno prontamente in mano la questione ma non sarebbe male se l'intero Consiglio se ne facesse carico. E perché no se anche il PD chiedesse risposte ai loro compagni ai Parchi dell'Arcipelago e Minerario. Dimostriamo di non essere il terzo mondo elbano per favore. Con ossequio, un amico.
Portolongone
Messaggio 93101 del 27.11.2018, 18:36
Provenienza: Elba
Caro Longone,

Mi meravigli se non sai che la gestione e sempre la solita, le domande che ha fatto il diportista le farei anch'io al Sindaco:
ALCUNE DOMANDE CHE SORGONO SPONTANEE A che cosa serve affidare ad una agenzia la gestione delle prenotazioni, mentre il servizio viene pagato al Comune che rilascia le relative ricevute?
Chi risponde del servizio (o del disservizio): l’agenzia o il Comune?
Forse è questa complicata e inutile organizzazione la causa del fatto che a Capraia un posto in banchina costa 80 euro e a Porto Azzurro 115 euro?
Perché a Capraia si può ormeggiare fuori dal porto in un moderno campo boe (spendendo 40 Euro) e a Porto Azzurro no?
Quanto tempo sarà necessario e quanti posti di lavoro saranno ancora persi prima che ci si renda conto che una delle cause della crisi della nostra nautica da diporto è il costo eccessivo, la disorganizzazione e la scarsità di ormeggi nei posti più belli del nostro mare?


Caro Barbetti noi vogliamo fare promozione!!!?
Forse mi sa che ci vuole il COMUNE UNICO!!!
Più formazione, più cultura per il turismo, più passione e stima per la nostra bella ISOLA!!
Luigi Lanera FdI
Messaggio 93100 del 27.11.2018, 17:44
Prendiamo atto di quanto successo ieri nella riunione della Gat e ci preme sottolineare il nostro disappunto nel constatare che non si riesca a trovare un punto di incontro. Vogliamo anche evidenziare le critiche mosse da qualche sindaco , non indigeno ,sul finanziamento del nuovo frantoio per la produzione dell olio Elbano . Ebbene , noi di Fdi riteniamo che tutte le produzioni agricole locali siano parte integrante di una promozione turistica al passo con i tempi .


Luigi Lanera Fdi
Portolongone
Messaggio 93099 del 27.11.2018, 16:54
Provenienza: Elba
X PEDRO

Si è vero PEDRO che era il 2014 ma il MODUS OPERANDI sempre il solito, e questo che ci allibisce dal 2012 che la gestione affidamento non so bene cosa sia e data al solito soggetto.....
Ed il Barbetti parla di PROMOZIONE!!!!!
Meglio che riflettiamo un po' tutti!!!
Ci miglioriamo e poi via alla grande con la promozione!!!!
Longone
Messaggio 93098 del 27.11.2018, 16:35
Provenienza: per portolongone
Magari le cose sono cambiate,l'articolo in questione e'del 29 agosto 2014....
CANI E...GAT
Messaggio 93097 del 27.11.2018, 16:13
Provenienza: bestiario isolano
Pasquino
Messaggio 93096 del 27.11.2018, 16:00
Provenienza: rio giù
Girellando su Te news per poco non me la facevo addosso dalle risate: “ il PD chiede al sindaco……. A Rio, pensavamo che fossero spariti, visto che si erano accasati o nella lista del vincitore o, nella famosa e vecchia lista “facciamo perdere gli altri”. Inoltre arrivano sempre èsimi, a cose avvenute, forse perché sono rimasti in quattro e, per giunta un po’ agè. Possibile che continuate a non capire che avete distrutto un partito, finchè non ve ne andate non ci sarà futuro per il paese e per questo stesso partito? Siate responsabili almeno una volta! Non vi basta la figura barbina che avete fatto con il Galli? Signor Sindaco, non ti curar di lor ma guarda e passa.
Un saluto e un grazie se vorrete pubblicare.
Pedro
Messaggio 93095 del 27.11.2018, 15:20
Provenienza: Mm
Caro navigante, era il 2014...
turista
Messaggio 93094 del 27.11.2018, 14:54
Provenienza: continente
x Paolina Buonaparte

Che significa...mi sembra....importi irrisori...alla portata di tutti...
sentenza che avrà si e no 2 o tre anni...
Probabilmente la persona che si firma Paolina Bonaparte o è una discendente diretta di Napoleone e come tale ostenta grandezze o non ha il senso della realtà.
Una famiglia che viene all'Elba magari con 2 figli solo per mettere un piede a terra dovrebbe spendere 5x4 - 20 euro (e non considerando il costo esorbitante del traghetto....) e poi un affitto settimanale (magari al nero...) che anche questo è una vergogna il più delle volte ...
Non è così che si sviluppa un futuro...
un saluto
Portolongone
Messaggio 93093 del 27.11.2018, 14:40
Provenienza: Elba
Oggi girovagavo su internet per vedere l'efficenza dei servizi che ci sono all'Elba sono rimasto allibito da questo articolo:
https://www.giornaledellavela.com/2014/08/29/elba-si-elba-no-due-porti-due-modi-opposti-di-trattare-i-diportisti/
Poi Barbetti parla di promozione....
Forse prima dobbiamo crescere in professionalità, onestà, poi sicuramente potremmo anche promuoverci!!!!

BUON VENTO A TUTTI!!!!!!
Riese
Messaggio 93092 del 27.11.2018, 13:20
Provenienza: Rio Elba

Sono da sempre cacciatore e anti parco convinto però mi unisco a chi denuncia gli spari all'interno del parco minerario. Quando ci sono delle regole devono essere rispettate da tutti e non è giusto che qualcuno ha una riserva di caccia privata come avveniva ai tempi del Re. La legge deve essere uguale per tutti e allora o levate il Parco e ci lasciate cacciare in pace e chi è più bravo prende più prede oppure controllate che tutti rispettano le regole. Vedo che i tramagli e le nasse fuori pianosa le prendete subito invece questi fanno i loro comodi di generazione in generazione e nessuno li ferma mai. Ora che il Sindaco di Rio è un uomo di legge spero che le cose cambiano ma bisogna che i suoi collaboratori gli dicono le cose per come stanno e la vedo dura.
Diportista
Messaggio 93091 del 27.11.2018, 12:15
Provenienza: sulle secche
Leggo la lettera che il sig. Buzzoni (Esaom) ha indirizzato all’ufficio demanio del comune di Portoferraio e che ha pubblicato su questo sito e resto meravigliato delle affermazioni e delle conseguenti conclusioni tratte da questo signore, peraltro parmense, riguardo la possibilità della realizzazione dell’approdo di San Giovanni. Pretende che la Amministrazione comunale approvi una delibera di diniego e/o di sub ordine della realizzazione dell’approdo di San Giovanni affermando che questo è in contrasto con gli interessi di “Esaom” (interessi privati). Non dice il signore che, nonostante il R.U approvato dalla precedente Amministrazione e il bando di partecipazione alla realizzazione di porto cantieri chiaramente costruito per Lui nel quale si consentiva la realizzazione di numerosissimi metri cubi di volumetrie residenziali e commerciali, la regione ha bocciato nel 2014 il procedimento di valutazione di impatto ambientale del progetto e non dice che non ha più,anche se sollecitato a farlo, presentatto nessun nuovo progetto.
Dice invecie, in modo prepotente, che le disgrazie di Esaom son attribuibili all’approdo di San Giovanni; in seguito a questo minaccia l’Amministrazione di chiudere il cantiere “Esaom”. Forse è pretesto per nascondere una modesta capacità imprenditoriale organizzativa e di gestione? Per concludere credo di poter affermare che lo sviluppo di un territorio non può essere deciso da un “Buzzoni” qualsiasi ma affidato alla amministrazione politica di ua Giunta eletta democraticamente dalla maggioranza dei cittadini del Comune di Portoferraio.
CANTIERI ESAOM PORTOFERRAIO
Messaggio 93090 del 27.11.2018, 12:10
TRE IMBARCAZIONI ALLA DERIVA DOPO IL MALTEMPO OSPITATE DAI CANTIERI ESAOM
Oltre allo yacth incagliato al Grigolo altri due natanti accolti in cantiere




Sono tre le imbarcazioni recuperate e tirate a secco dopo l’eccezionale ondata di maltempo di metà novembre. Due di queste si erano staccate dalle boe posizionate nello specchio acqueo davanti la rada di Portoferraio la terza aveva rotto invece gli ormeggi. I tre natanti sono stati ospitati dai cantieri navali dell’Esaom che hanno messo a disposizione gli spazi le attrezzature e il personale necessario. Il trasferimento delle imbarcazioni e in particola re di una di esse incagliata nelle vicinanze del Grigolo, è stato eseguito dagli ormeggiatori del porto di Portoferraio, con l’ausilio del piloti del porto e sotto il monitoraggio della Capitaneria.
Animalista
Messaggio 93089 del 27.11.2018, 12:05
Provenienza: Ribelliamoci
E' con grande piacere che leggo un intervento contro il fenomeno del bracconismo all'interno delle aree protette. Premetto che sono contrario alla caccia ma che rispetto chi, legalmente, pratica questa attività nelle aree dove è consentito dalla legge. Trovo orrendo che sia consentito di uccidere animali nelle poche, pochissime, aree che sono a loro riservate. In quelle aree dove dovrebbero sentirsi tranquilli di vivere e riprodursi. E' indegno da parte di chi lo fa ma anche di chi gli consente di farlo, siano essi cittadini omertosi o autorità competenti. Le varie associazioni ambientaliste e animaliste dovrebbero intraprendere azioni, quali raccolta di firme e testimonianze, finalizzate a debellare per sempre questa mattanza.
CINEMA TEATRO FLAMINGO
Messaggio 93088 del 27.11.2018, 11:17
Provenienza: Capoliveri
Associazione Forense Isola d'Elba
Messaggio 93087 del 27.11.2018, 11:08
"LA REPLICA SBAGLIATA DELL'ASSESSORE SACCARDI"



L'assessore Saccardi replica in maniera scomposta ad un intervento dell'Associazione Forense sulla sanità elbana.
Nel merito, non spiega perché gli Elbani dovrebbero dapprima subire un declassamento, e poi accontentarsi di una vaga promessa di ripristino della situazione pregressa.
Meglio prevenire, che curare!
Nella forma, sostiene che l'Associazione avrebbe bisogno di giustificare la sua presenza giocando sulla pelle dei cittadini, alimentando paure, e facendo strumentalizzazioni politiche.
Non ne ha indovinata nemmeno una.
L'Associazione Forense negli anni ha ben giustificato con i fatti la sua presenza, ha difeso i diritti degli Elbani, e non ha mai svolto attività politica.
Per il resto, continueremo a condurre democraticamente tutte le battaglie che riterremo opportuno, voglia o non voglia l'assessore.


Avv. Paolo di Tursi
Presidente Associazione Forense Isola d'Elba
CERAMICHE PASTORELLI
Messaggio 93086 del 27.11.2018, 11:00
Paolina Bonaparte
Messaggio 93085 del 26.11.2018, 20:32
Provenienza: Mondo
Per Napoleone
È già stato stabilito da un tribunale (mi sembra un TAR) che la libera circolazione delle persone non è da ritenersi ostacolata in presenza di un contributo di sbarco o di una tassa di soggiorno, in quanto gli importi da pagare sono irrisori e alla portata di tutti.
Sentenza che avrà, si e no, 2 o 3 anni.
Saluti.
O Bischeri !
Messaggio 93084 del 26.11.2018, 18:58
Provenienza: O gli Elbani sono tutti ricchi o ...
Deh all'Elba c'avemo i Gilet Dorati ( conto dorato in banca altro che proteste ), sabato ho fatto il pieno in continente, il gasolio e la benzina costano sui 25 centesimi in meno che all'Elba, o gli elbani sono tutti ricchi o ...
Per il resto va tutto bene così, ospedale ( pronto soccorso ) all'avanguardia per il terzo mondo, navi vecchie e care, servizi pubblici scadenti, ora con un'altra spennata a quei polli dei turisti che sbarcano si farà forse pure una rotonda a quattro corsie a Mola al posto del semaforo, deh se dovesse pure arrivare la Troika andrà a nozze qui all'Elba con una bella riforma del catasto già pronta e delle belle salate tasse immobiliari, più IMU per tutti.
Ci sò più case che salsicce.
E supertasse anche sulle auto potenti e di lusso, qui all'Elba ce n'è un'epidemia ...
ELBANO
Messaggio 93083 del 26.11.2018, 18:24
Provenienza: Elba
Salvini sulla ruspa che butta giù la villa dei Casamonica è fantastico!
Meno male che c'è Gattuso.......
Mario Ferrari sindaco
Messaggio 93082 del 26.11.2018, 15:58
FERRARI / BARBETTI ....ANCORA UN BOTTA E RISPOSTA


Sulle scomposte e ripetute esternazioni social del sindaco di Capoliveri Ruggero Barbetti, pur senza voler tediare ulteriormente l’opinione pubblica, ci corre l’obbligo di fare alcune considerazioni, soprattutto per dare un contributo alla discussione in atto sull’applicazione e l’eventuale aumento del contributo di sbarco, ma anche sul significato politico del suo quantomeno alterato modo di interessarsi delle cose di altri comuni, proprio ora che si trova alla scadenza del suo ultimo mandato elettorale. E’ normale che in passato la GAT sia intervenuta per il Commissariato, per il frantoio, per l’aeroporto con i soldi del contributo di sbarco. E’ normale che, per migliorare la viabilità di accesso ai paesi dell’isola, si intervenga (oltretutto con un contributo parziale) sulla rotonda di San Giovanni, meno normale invece è che non si parli di una rotonda a Mola, dove è notoriamente Barbetti ad opporsi al progetto, temendo forse che i flussi di traffico veicolare si indirizzino verso Porto Azzurro e Rio. Sarebbe stato altrettanto normale, per come è previsto dalla legge che ha introdotto il contributo di sbarco, fare interventi per il recupero delle zone più degradate del territorio, per migliorare i trasporti pubblici su gomma, per prevedere a livello di polizia locale interventi di rinforzo alla viabilità veicolare in entrata e in uscita dall’isola. Ma questo non è mai stato preso in considerazione in questi anni. A proposito di indirizzi, inoltre, abbiamo assistito in questi anni ad una gestione capoliveri-centrica della GAT, con (solo per fare un esempio calzante) troupe televisive portate due volte su tre a visitare le bellezze (indiscusse, ma non ci sono solo quelle) di quel paese trascurandone altri. Una gestione, checchè Barbetti ne dica inalberandosi ogni volta che qualcuno fa osservazione (ma questa non è una novità) che è oltretutto difficile da verificare nei costi e negli indirizzi, visto che la consultazione degli atti all’Albo Pretorio è cosa da addetti ai lavori, mentre chi spende soldi pubblici ha il dovere di comunicare in maniera comprensibile e accessibile scelte e importi devoluti. Meno comprensibile, sempre a proposito di indirizzi, la scelta di non avvalersi sistematicamente di professionalità locali e di affidare gli incarichi più importanti, molto ben remunerati, sempre e solo fuori dall’isola. CITTA’ DI PORTOFERRAIO Provincia di Livorno -------------------------------------------------------------------- Il sindaco Lo stesso Barbetti afferma che “quando c’è crisi di turismo bisogna investire nella promozione”, ma è sufficiente un anonimo che scrive su un blog per riportarlo alla realtà: “quando c’è crisi nel turismo – si legge in un post scritto evidentemente da un addetto ai lavori – si investe per capirne le cause (ad esempio con questionari anche a livello internazionale) e risolvere le problematiche che emergono dai servizi offerti al turista. Inutile investire in promozione quando non si conoscono queste informazioni. Sarebbe la promozione di servizi scadenti e obsoleti”. Non interveniamo sulle problematiche del comune di Rio, che non avrei voluto coinvolgere in questa polemica. Diciamo soltanto che nei momenti di crisi serve un cambio di passo, e l’Elba potrebbe dimostrarlo da subito investendo in adeguata misura le risorse del contributo di sbarco sul territorio. Si dovrà pensare concretamente alla realizzazione degli interventi che saranno individuati come prioritari, cominciando dalla viabilità (sì, le rotonde) e dal miglioramento dell’accoglienza nelle zone portuali che più ne necessitano, fino ad interventi sulla pulizia e sul decoro delle strade e delle loro prospicienze. Speriamo che sia chiaro, quindi, che non è nostra intenzione distruggere alcunchè ma che il nostro scopo è quello di usare bene, in maniera adeguata e condivisa, le risorse provenienti dal contributo di sbarco. Per la parte politica delle esternazioni di Barbetti c’è ben poco da dire, visto che si giudicano da sole per il tono irrispettoso e la superbia usati. Quel famoso “zampino” che ha messo a più riprese su Portoferraio potrebbe darci occasione di continuare su altri temi, ma per rispetto di chi ci legge ci limitiamo a chiudere qui la questione, che avremo modo di riprendere in altri contesti dove non mancheranno gli argomenti per fare chiarezza su certi retroscena e sul suo modo di fare politica .

Mario Ferrari Sindaco di Portoferraio
CINEMA TEATRO FLAMINGO
Messaggio 93081 del 26.11.2018, 13:31
Provenienza: CAPOLIVERI
A caccia nei Parchi
Messaggio 93080 del 26.11.2018, 12:13
Provenienza: Passeggiatore
Giorni fa ho deciso di portare la mia famiglia a fare un giro nel parco minerario di Rio. In tutta onestà mi sentivo un po' in difetto, pensando che l'accesso libero non fosse consentito, ma la noia di un fine settimana libero e la curiosità di vedere aree mai viste ha prevalso sulle remore. La passeggiata valeva la pena per i paesaggi che nessuno si aspetta di trovare all'Elba contornati da una variegata vegetazione. I miei figli e mia moglie mai avevano visto il rosmarino in fiore. Tutto perfetto, penserà chi sta leggendo. Invece no. Ad un certo punto abbiamo cominciato a sentire spari che venivano da una zona non lontana da noi. Non uno o due spari, sembrava di essere in un film western. Spaventati siamo tornati indietro quasi di corsa e, ad ogni passo, ci sembrava che i cani e gli spari fossero sempre più vicini. Possibile che si possa cacciare dentro ad un Parco Minerario inserito in un Parco Nazionale? Giunti in paese, abbiamo chiesto un po' in giro prima di tornare all'auto, e l'impressione è che per qualcuno, quell'area sia una sorta di riserva di caccia privata. La legge è uguale per tutti?
Per Albano DOGC o Elbano ??
Messaggio 93079 del 26.11.2018, 12:08
Provenienza: portoferajo
Hai ragione e condivido pienamente .... ma ritieniti ancora fortunato!!! poteva anche andare peggio se tu avessi avuto sulla nave un bel bilico della spazzatura che , anche se vuoto e anche se non siamo in estate, non è che profumi di limone fresco !!!!Forza MOBY avanti cosi ' !!!!
SCRITTORI ELBANI ALLA RIBALTA
Messaggio 93078 del 26.11.2018, 11:59


ANCORA UN SUCCESSO PER LO SCRITTORE ELBANO ALESSANDRO PUGI

“L’Origine del Male” sarà premiato anche al Premio Letterario Internazionale Michelangelo Buonarroti di Forte dei Marmi.

Lo scrittore elbano Alessandro Pugi ha centrato un altro successo con il suo ultimo romanzo “L’Origine del Male”. Questa volta il magistrato Elena Banti, e la sua squadra (protagonisti del romanzo) hanno fatto breccia nella Giuria del Premio Internazionale Michelangelo Buonarroti , giunto alla IV edizione, uno dei più importanti e significativi premi letterari in Italia.
“Il suo lavoro è stato molto apprezzato e mi complimento vivamente con lei”, queste le parole del presidente del premio che con una mail ha recapitato allo scrittore elbano l’invito per il ritiro del riconoscimento avvenuto il 24 Novembre a Forte dei Marmi, data nella quale il romanzo è stato premiato anche a Milano.
L’Origine del Male è un romanzo che tratta temi importanti e più che mai attuali, come lo Stalking, la violenza sessuale e il femminicidio.
“Sono un po’ stordito dall’entusiasmo che L’Origine del Male sta suscitando – ha commentato Alessandro Pugi- Sto ricevendo molti apprezzamenti anche da amici e semplici lettori. Questo fa piacere e penso che sia un ottimo risultato per chi come me, scrive semplicemente per passione. Ringrazio ogni singolo lettore per i complimenti ma anche, a volte, per i suggerimenti che mi forniscono, magari per migliorare un personaggio o una situazione narrata nel romanzo. È piacevole conversare con le persone e renderti conto che veramente hanno vissuto in prima persona la storia narrata, facendo proprie le emozioni dei personaggi. Sono contento anche per il mio editore, Nino Bozzi e la sua casa editrice, CTL edizioni, che sta riscuotendo questo piccolo successo editoriale; è stato proprio lui a rappresentarmi a Forte dei Marmi il 24 novembre per il ritiro del premio. A Milano, invece, era presente il mio agente letterario per il ritiro del premio.”
I RAGAZZI DEL CANILE
Messaggio 93077 del 26.11.2018, 11:52
CANILE COMPRENSORIALE: TUTTO TACE




Dalla dichiarazione del Sindaco Barbetti dello scorso luglio sull'imminente inizio dei lavori per la realizzazione del canile di Colle Reciso sono passati quattro mesi. Nessun comunicato riguardo al bando di affidamento degli appalti, nessun accenno alle modalità di gestione, nessuna tempistica, neanche approssimativa.
Eppure il tono del comunicato di luglio esprimeva la soddisfazione del Sindaco di Capoliveri per poter finalmente procedere dopo aver superato il nodo delle risorse, trovate attraverso la Gestione Associata per il Turismo (in pratica la tassa di sbarco).
Che cosa è successo nel frattempo? Visto l'accordo raggiunto e sottoscritto da tutti i comuni elbani (meno Porto Azzurro che ha comunque garantito per la parte economica), che cosa impedisce l'esecuzione di un'opera pubblica voluta da tutta l'isola e prevista dalle leggi nazionali?
Forse è il caso di chiarire che la donazione attraverso la quale si realizzerà il canile (un mezzo miracolo in un periodo di difficoltà economiche come questo) non è a beneficio di questo o quel Sindaco, ma di tutta la comunità elbana: sono 600.000 euro che appartengono ad ogni cittadino dell'isola, da investire in un presidio atteso dalla chiusura degli ex-Macelli, l'unico canile istituzionale mai esistito all'Elba; il progetto (delegato dai comuni dell'isola alla fu Comunità Montana) nasce dalla necessità di avere una struttura comprensoriale di accoglienza per i randagi (cani e gatti), dotata una piccola clinica veterinaria attrezzata in grado di assicurare anche quell'assistenza h24 che, soprattutto in estate, è carente e ci dequalifica nei confronti dei nostri ospiti (costernati dalla carenza di servizi pubblici in ambito veterinario).
Ci sono stati importanti progetti di privati legati alla cessione dell'area del futuro canile edificati in tempi da record (tra l'altro al centro di grosse polemiche ed anche di un procedimento giudiziario). E' davvero così complicato portare avanti l'iter per attrezzare un area pubblica con recinzioni, una quindicina di box prefabbricati ed un paio di piccole costruzioni (anch'esse rapidamente realizzabili con prefabbricati in edilizia ecocompatibile)?
Le voci che circolano negli ultimi tempi non sono confortanti: si sente parlare dell'affidamento del progetto ad altri tecnici e di un notevole aumento dei costi.
Se i Sindaci che hanno sottoscritto gli impegni economici a carico delle loro amministrazioni (e quindi dei cittadini) sono stati puntualmente aggiornati del procedere dei lavori, sarebbe opportuno che anche i principali portatori di interesse (30.000 isolani) venissero tenuti al corrente di come si sta pensando di usare i loro soldi.


Andrea Tozzi per Associazione di Volontariato I Ragazzi del Canile
AMMINISTRAZIONE PORTOFERRAIO
Messaggio 93076 del 26.11.2018, 11:34
Albano DOCG
Messaggio 93075 del 26.11.2018, 11:22
Provenienza: Isola d'Elba
Salve a tutti, volevo rendere pubblica la bellissima e profumata figura fatta ieri sera da tutto il personale della moby baby two (ex moby lally).
Nave delle 18.15 Piombino - Portoferraio, macchine fatte parcheggiare dal personale della m/n (sicuramente ingegneri) pressate talmente tanto da dover passare tra una e l'altra camminando lateralmente come gli egizi.
Ma non è finita, anzi... Si procede allo sbarco: le persone iniziano ad andare nelle proprie auto in garage, si aspetta l'apertura della "bocca" della nave e pian piano si inizia a scendere.
Tralasciando il fatto che, i sopra citati "ingegneri", puntualmente abbassino le rampe rialzate quando ancora la fila sottostante non sia del tutto sgomberata, causando così rallentamenti nello sbarco e facendo innervosire i poveri passeggeri già privati di un rene per fare il biglietto; è successo un vero e proprio macello.
Più o meno quando rimane mezza nave ancora carica e dopo aver abbassato le rampe bloccando così i poveri conducenti sottostanti lo sbarco si blocca.
Quella sottospecie di "ausiliari del traffico", anche se chiamandoli cosi offendo questi ultimi, sono andati nel pallone: qualcuno risaliva ai saloni, qualcuno che voleva far passare la fila di destra, chi quella di sinistra e chi guardava e basta "dall'alto" della sua posizione lavorativa.. Cosa succede alla fine?
Clacson che suonano all'impazzata, offese lanciate dai finestrini, macchine ferme e personale della m/n nel panico.
Fatto sta che tra viaggio e sbarco sono passate quasi un'ora e mezza.
Dopo tutto questo mi chiedo: con un servizio così , un costo così alto del biglietto ed un monopolio permesso da chi non dovrebbe... Come mai noi Elbani non facciamo niente davanti a tanto disagio?
Abbiamo un esempio come quello francese di questi giorni, 81000 persone che si ribellano per il rincaro del carburante e noi rimaniamo con le mani in mano.
Beh spero vivamente che si faccia qualcosa al più presto, per noi e per la nostra amata e bellissima isola.

Spero in una numerosa condivisione di questo post ed una ribellione verso questo (DIS)servizio.
CANI CRISTIANI E ALTRI ANIMALI
Messaggio 93074 del 26.11.2018, 08:47
“Non e’vero che…..IL GIOCO È BELLO QUANDO DURA POCO”



Questo proverbio che recitavano i nostri vecchi , è per sottolineare quanto poco sia durata la felicità di cani, bambini e cristiani per poter usufruire degli spazi attrezzati del campetto di Albereto ….. ma questo durar poco non è proprio bello!
Quando l’amministrazione decise di rimettere a nuovo quel grande fazzoletto verde, creando due ingressi separati da una rete metallica allo scopo di concedere due zone attrezzate e distinte: uno spazio esclusivo per la sgambatura dei cani e l’altro , parco giochi per piccoli e grandi con annessa zona relax e pic – nic.
Ricordo che gli abitanti di Albereto e zone limitrofe tirarono un sospiro di sollievo ringraziando con enfasi l’amministrazione perché dopo anni di degrado e di abbandono …finalmente potevano lasciare in sicurezza i propri pargoli a giocare e divertirsi in quella piccola oasi di verde vicino a casa con la comodità di usufruire dell’ampio parcheggio che lo delimitava, così fu anche per i proprietari di animali che finalmente potevano approfittare per portare a correre i propri amici a quattro zampe senza il pericolo di auto e moto in transito , tutto sempre cercando di porre attenzione all'ambiente.
Da un po di tempo però tra moccoli e lamenti degli habitué la struttura è divenuta il parco dell’abbandono e del degrado dilagante , cestini che traboccano di rifiuti erba incolta che riserva sorprese , tavoli e sedie buttati in ogni parte …la domanda sorge spontanea diceva in una sua trasmissione Lubrano - Che sia un'altra dimenticanza delle istituzioni indaffarate nelle sue liti tra lavandaie ? Oppure , lo imputiamo ad un crescente disinteresse di chi lo frequenta con i propri bambini o con i propri amici a quattro zampe? - Quien sabe, chi lo sa? Certo amareggia vedere questo abbandono proprio in un momento che i nostri indomabili eroi dovrebbero dare dimostrazione di presenza e di attenzione , in fondo è questione di intelligenza politica …perché se facciamo due conti primavera non è poi così lontana e si sa con la primavera iniziano le migrazioni….
franco
Messaggio 93073 del 26.11.2018, 08:44
Provenienza: rm
caso strano quelli a favore dell'aumento della tassa di sbarco sono per la maggior parte quelle persone o enti che non la pagheranno mai, piuttosto combattete gli affitti in nero se ci sono e smettetela di tartassare i turisti e i proprietari di seconde case con tasse inique vedi tassa dei fossi e tari etc ai livelli più alti
Elba Racing Team
Messaggio 93072 del 26.11.2018, 08:42
ELBANI IN EVIDENZA AL RALLY DAY DI POMARANCE




Ottima prova degli equipaggi dell’Elba Racing Team nel Rally Day di Pomarace, con partenza e arrivo nell’omonima cittadina della provincia di Pisa. Ben 116 gli equipaggi in gara su due prove speciali ripetute per tre volte, per un totale di sei tratti cronometrati.
Subito in evidenza l’equipaggio ERT composto da Andrea Volpi e Michele Maffoni, in gara con la Renault Clio R3C n.18: un secondo posto nella prima prova speciale e due terzi posti nelle due prove successive facevano pensare addirittura a qualche ambizione di vittoria . La quarta prova speciale si concludeva con un sesto posto degli elbani, che pur migliorandosi nelle ultime due prove con un quinto e un terzo posto concludevano con un comunque ottimo terzo gradino finale del podio, alle spalle dei vincitori Runfola e Federighi e dell’equipaggio secondo classificato Tucci -Micalizzi, tutti su Renault Clio.
La buona prova degli equipaggi elbani veniva suggellata da un 14.mo posto finale di Galullo e Mattei e dal 36.mo posto di Valenti e Chionsini. Sfortunati Montauti e Adriani, che sono stati costretti al ritiro.
Una ottima conclusione di stagione, dunque, per i rallysti dell’Elba Racing Team, che si proiettano così con sempre maggiori ambizioni verso il 2019.
turista
Messaggio 93071 del 26.11.2018, 08:36
Provenienza: continente
per elbano pro tassa di sbarco a 5 euro..
Se pensi che la tassa di sbarco sia un diritto divino allora...Portogallo...Grecia...Canarie..Croazia... Baleari

Un saluto
Le critiche di Barbetti a Ferrari
Messaggio 93070 del 26.11.2018, 05:26
Provenienza: Porto Azzurro
Parole dure e irriguardose quelle di Barbetti nei confronti del suo collega Mario Ferrari. Ma cosa crede invece di aver fatto lui? A proposito della rotonda a San Giovanni, ma lui è stato capace fino ad ora di fare quella a Mola, con quel semaforo che blocca il traffico anche nella stagione invernale? Non è di sua competenza?
Alberi finti e oloturie
Messaggio 93069 del 26.11.2018, 02:33
Tutto questo entusiasmo vorrei vederlo nel lato contabile dei fatti.
Solidarietà di cosa?
Non cè una delibera in albo pretorio online sulla spesa per addobbi e feste natalizie varie sempre che ce ne siano
Ma sopratutto quanto è costato questo traliccio e quanto invece sarebbe costato un normale albero
Questo è solidarietà?
Proposta
Messaggio 93068 del 26.11.2018, 00:24
Provenienza: Elbano pro tassa di sbarco a 5 euro
Facendo un giro per spiagge, dopo.i marosi e le piogge di questi giorni, si possono vedere tante bottiglie di plastica quanti granelli di sabbia. Pezzi di polistirolo e rifiuti vari fanno da cornice. Si potrebbe usare la tassa di sbarco anche per pulire la nostra isola? Spiagge, sentieri, boschi, banchine stradali. Al turista non pesa tanto pagare 2 euro di più. Non quanto trovare sporcizia.
Che brutto spettacolo
Messaggio 93067 del 25.11.2018, 22:51
Che squallore vedere una terra cosi piccola come l’Elba sempre in totale contrapposizione nelle persone dei Sindaci che quotidianamente litigano tra di loro denunciando infefficenze reciproche sulla gestione delle Amministrazioni . Alcuni di questi più litigiosi di altri e per mettersi in mostra non perdono occasione di denigrare tutto e tutti. Invece di essere tutti uniti litigate su fazzoletti di terra di poche migliaia di persone che in Continente sono grandi e complessi come un piccolo quartiere di città. Spettacolo indecoroso che rende l’Elba ancora più debole e misera
Ubaldo
Messaggio 93066 del 25.11.2018, 17:14
Provenienza: RTA
Per Barbetti: quando c'e' crisi sul turismo.... si investe per capirne le cause (p.es. questionari a livello internazionale) e risolvere le problematiche che emergono dai servizi (tutti) offerti al turista.
Poi la promozione.
Inutile investire in promozione quando non si conoscono queste informazioni. Sarebbe la promozione di servizi scadenti ed obsoleti.

Se le avete (le cause) rendetele pubbliche affinche' possiamo affinare i nostri commenti per risolvere le problematiche.

Grazie
Ubaldo
AVIS Portoferraio
Messaggio 93065 del 25.11.2018, 15:56
“ NONÈNORMALECHESIANORMALE”





Le donne e gli uomini donatori di sangue elbani, condannano con fermezza qualsiasi forma di violenza contro le donne.
Loredana Ambrogi
Messaggio 93064 del 25.11.2018, 14:07
Provenienza: Capoliveri



Oggi Santa Caterina di Alessandria;preziosa lettera sull'apparizione a Rio di Santa Caterina a 2 pastorelli nel 1623. La lettera fu inviata al Sig.Taddei Castelli nel 1776. Il Taddei Castelli fu anche Governatore di Capoliveri.
La missiva per intero è consultabile da chi studia questo genere di cose.


Loredana Ambrogi
Napoleone
Messaggio 93063 del 25.11.2018, 13:46
Provenienza: Isola d'Elba
Pur osservando con disgusto e con distacco questa patetica querelle sulla tassa di sbarco o per meglio dire la "spenna turisti" che portano benessere all'Isola d'Elba ed agli Elbani, è d'obbligo rimarcare ancora ciò che indica la Costituzione Italiana agli articoli 3 e 16:

"3"Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.
E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

"16"Ogni cittadino può circolare e soggiornare liberamente in qualsiasi parte del territorio nazionale, salvo le limitazioni che la legge stabilisce in via generale per motivi di sanità o di sicurezza. Nessuna restrizione può essere determinata da ragioni politiche .
--------------------------------------------
Quindi, se teniamo conto di quello che è scritto sulla Carta Costituzionale, e non secondo il "Corriere dei Piccoli", sia la Tassa di Sbarco, sia la Tassa di Soggiorno vanno contro i due articoli menzionati .Quindi di cosa stiamo parlando?
Forse solo di soldi da spartirsi !!!!!!!!
Rugggero Barbetti Sindaco
Messaggio 93062 del 25.11.2018, 11:59
Provenienza: CAPOLIVERI
CONFERMO……..5 ANNI DI TRAGEDIA, SPESSO ANCHE COMICA, MA PUR SEMPRE UNA TRAGEDIA


Caro Mario Ferrari,
innanzi tutto le mie esternazioni (o gli insulti, come tu li hai percepiti), le scrivo da solo e non me le faccio certo scrivere dal mio Ufficio Stampa. Quando non sono d'accordo su decisioni che vanno contro gli interessi di Capoliveri e in questo caso dell'Elba, lo dico chiaramente, in modo trasparente e senza filtri. E per essere più chiaro, alla luce dei tuoi 5 anni di amministrazione, ritengo che tu non sia stato capace di governare e di fare gli interessi dei portoferraiesi, figuriamoci se tu possa essere capace di fare gli interessi degli elbani. Una delle peggiori ultime vergogne è stata quella del ritiro del ricorso al Tar, un danno per tutti gli elbani e oltretutto effettuato senza neanche una delibera di Giunta.... Parli di opere comprensoriali da realizzare con i proventi del Contributo di sbarco quando in 5 anni non sei ancora riuscito a realizzare nemmeno un opera semplicissima come la rotonda di San Giovanni che in verità verrà cofinanziata dalla Gestione Associata Turismo e quindi da tutti i comuni dell'isola per un importo di 70.000 euro. La stessa cosa, per fare un esempio, è avvenuta per la manutenzione e messa in sicurezza dell'edificio che ospita il commissariato per un importo di ca. 50.000 euro senza dimenticare i 97.000 euro che sono stati concessi per terminare l'immobile che è stato destinato a nuovo frantoio. Tutte e 3 le opere sono situate nel comune di Portoferraio. Perchè non va dimenticato che ci siamo dati un metodo: la Conferenza dei Sindaci ha deliberato di cofinanziare tutte quelle opere che avessero una valenza comprensoriale e che fossero immediatamente cantierabili. Diversamente non può funzionare perchè ci troveremmo per anni con importanti risorse vincolate e che non potremmo usare diversamente se le opere non fossero subito cantierabili. Quando c'è crisi di turismo bisogna investire maggiormente nella promozione turistica. Questo è il motivo per cui ho chiesto risorse aggiuntive per 500.000 euro da ottenere attraverso un aumento del Contributo di sbarco, perchè abbiamo bisogno di aumentare il nostro sforzo sui mercati esteri e nazionali per promuovere maggiormente i mesi legati alla balneazione oltre a quanto stiamo ben facendo per la bassa stagione anche grazie all'outdoor. C'è anche un altro modo per finanziare ulteriori 500.000 euro e cioè che ogni comune rinunci a 70.000 euro da utilizzare per la promozione e per portarla quindi a 1.500.000 di euro. Se si vuole bene al turismo dell'Elba, agli operatori turistici e ai suoi cittadini, questa è la strada maestra. Quindi le strade sono due: o si aumenta il Contributo di sbarco che ci permette di dare ulteriori 500.000 euro per la promozione e ulteriori 500.000 euro da suddividere tra i 7 comuni o ci si riduce di 70.000 euro l'importo che va ad ogni comune. Infine, se il problema di Rio, come credo di aver capito, fosse il turismo giornaliero che proviene dai residenti sulla costa, non avrei alcun dubbio a proporre che i residenti a Piombino e comuni più o meno limitrofi paghino il Contributo di 1,50 euro tutto l'anno, togliendo quindi loro l'aumento estivo. Ultimo, ma non ultimo, tu e il tuo ufficio stampa affermate testualmente: "quanto all’aggettivo ‘tragico’, a noi pare che possa essere riferito a situazioni divenute tali (per qualcun altro) solo perché proprio lui ci ha messo lo zampino". Ebbene confesso: io c'ho messo lo zampino, anzi di più, io, nel 2014, ti ho voluto candidato a sindaco di Portoferraio e questi 5 anni sono stati solo una tragedia, spesso anche comica, ma pur sempre una tragedia, che hanno dimostrato la tua incapacità a passare dal ruolo di dipendente pubblico a quello di amministratore della cosa pubblica con una concreta visione sia per il Bene Comune che per offrire una speranza a Portoferraio. Invece sei bocciato su tutti i fronti. Mi auguro che tu lo capisca e alle prossime elezioni tu faccia un passo indietro, anzi che tu proprio sparisca dalla scena politica, perchè altrimenti il risultato è già scritto. Ci vediamo lunedì, se sarai presente....
Basta un clic per aggiornare la tua casella di posta in arrivo
COMITATO CARPANI
Messaggio 93061 del 25.11.2018, 05:35
NATALE AI GIARDINI DI CARPANI


BABBO NATALE IL 15 DICEMBRE SARA' AI GIARDINI DI CARPANI A DONARE DOLCI E CIOCCOLATINI AI BAMBINI E A RITIRARE LE LETTERINE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI E I DISEGNINI DEI BAMBINI PICCOLI O DELL'ASILO SUL TEMA "NATALE GIORNO D'AMORE E DI SERENITA'"....IL 5 GENNAIO, giorno della festa di Carpani della Befana, LE LETTERINE CHE SPIEGANO IL "NATALE" E I DISEGNINI PIU' BELLI, RICEVERANNO RICCHI PREMI .
AI GIARDINI CI SARA' ANCHE IL MERCATINO DI NATALE.
*Sulle bancarelle troverete tante cose carine, uniche e utili da regalare.
*Potrete gustare una fumante e saporita polenta ricca di salciccia e funghi. (Ci sarà anche la pasta al polmodoro)
*Panini con salciccia e patatine fritte.
*GIOCHI DI GRUPPO E TOMBOLATA PER BAMBINI CON RICCHI PREMI.
* Gonfiabile e intrattenimento con musiche Natalizie.
POMERIGGIO CON FRATI E BOMBOLONI CALDI E ZUCCHERATI.
Bambini, i disegnini e le letterine dovete farli VOI non Babbo o Mamma. Babbo Natale vede tutto.
VIN BRULE' GRATIS PER TUTTI (fino ad esaurimento)
Il Presidente.
Pasquale Scopece
Messaggio 93060 del 24.11.2018, 18:43
Sab 24 Nov 2018, 18:21
Ecco l'accoppiata vincente di chi dovrebbe vigilare e il furbetto menefreghista, aggiungendo al deposito della segnaletica sullo stallo non appropriato anziché più avanti in prossimità del supermercato con lavori in corso sulla strada.





F/to Pasquale Scopece
Mario Ferrari sindaco
Messaggio 93059 del 24.11.2018, 16:37
FERRARI RISPONDE A BARBETTI SULLE PESANTI ESTERNAZIONI RILASCIATE AI MEDIA


“Non voglio coinvolgere il collega Corsini in una polemica sterile, anche perché il senso del nostro comunicato congiunto era quello di invitare tutti ad una ulteriore riflessione sull’eventualità di aumentare il contributo di sbarco. Non posso esimermi però dal rispondere all’ennesima raffica di insulti da parte di Ruggero Barbetti”. Così il sindaco di Portoferraio Mario Ferrari commenta le esternazioni fatte sui social media, e riprese da un quotidiano on line, dal sindaco di Capoliveri dopo la pubblicazione del comunicato congiunto nel quale i primi cittadini di Portoferraio e di Rio annunciavano la loro posizione in previsione della riunione della Consulta dei Sindaci per la Gestione Associata del Turismo, prevista per il prossimo lunedì 26 novembre. “La promozione turistica – dice Ferrari – non ha bisogno di geni ma di trasparenza e buon senso, oltre che di condivisione delle decisioni da prendere insieme e non da imporre. Per quanto riguarda il contributo di sbarco, l’amministrazione comunale di Portoferraio ha chiesto semplicemente di stabilirne, attraverso un programma condiviso di interventi e di priorità, il corretto utilizzo, che sarebbe ai sensi della Legge 28/12/2015 n. 221 ‘destinato a finanziare interventi di raccolta e di smaltimento dei rifiuti, gli interventi di recupero e salvaguardia ambientale nonché interventi in materia di turismo, cultura, polizia locale e mobilità’. Tutti settori nei quali, fino a prova contraria, oggi non si è fatto molto all’Elba utilizzando i proventi del contributo di sbarco, oltre alla rotonda di San Giovanni di cui è prossima la realizzazione. Barbetti dice a proposito dell’ipotesi di aumento che ‘o così o carte all’aria’? Bene, ma sappia che in quel caso la responsabilità è tutta sua”. “Al sindaco di Capoliveri che parla di cattiva amministrazione della cosa pubblica – conclude il sindaco di Portoferraio - pur senza capire se sia rivolto a sé stesso o ad altri, chiediamo semplicemente di rispettare gli impegni che ha preso e di essere trasparente e non impositivo nelle iniziative che svolge con la delega degli altri comuni. In quanto all’aggettivo ‘tragico’, a noi pare che possa essere riferito a situazioni divenute tali (per qualcun altro) solo perché proprio lui ci ha messo lo zampino”.
a cittadino attento
Messaggio 93058 del 24.11.2018, 15:36
Provenienza: rio
Caro cittadino attento sono d'accordo con te ma, vorrei farti notare che quello che dici non serve a niente. questo paese ha ormai perso il gusto critico, la voglia polemica; eravamo famosi per la nostra vena polemica. Oggi i vecchi sono fissi fuori dai bar a criticare chiunque passa, mentre i giovani hanno tanti e grandi problemi, e questo paese che solo a nominarlo incuteva paura e rispetto, purtroppo non esiste più.
X feste ferajesi
Messaggio 93057 del 24.11.2018, 13:49
Qualcuno mi spiega perchè dovrebbe essere il comune a mettere l'albero? In Italia un buon 40% delle persone (tra i quali io) è atea e con i soldi di alberi e orpelli preferirei, tra le varie, che si pagasse la carta igienica nelle scuole o l'acqua calda. A babbo natale chiederò un comune che faccia il suo laicissimo ruolo, mi sono stufato della musica staccata alle 24 e delle campane alle 7.45 di mattina e mi sono stufato del comune che con i nostri soldi deve fare il marketing ai negozi del centro. Se la comunità cattolico/cristiana (ma vale per qualsiasi altra religione) vuole addobbare faccia pure, ma non venga a rompere a me e alle mie tasse.
Giancarlo Galli
Messaggio 93056 del 24.11.2018, 12:12
Provenienza: Marina di Campo
angry
DIRITTO DI REPLICA:
I ringraziamenti al Sig. Prianti sono doverosi per lo spazio che vuole concederci.

Visto che l'Amministrazione campese vuole intraprendere la strada della polemica senza rendersi minimamente conto che i problemi sollevati rappresentano una grave offesa per i genitori che si sono lamentati con il sottoscritto per avere una tutela dei loro figli in quanto, come l'assessore alla pubblica istruzione si è precipitato a messaggiare su WhatsApp, sentendosi "molto amareggiata e dispiaciuta per le critiche e accuse gravi da parte di alcune mamme, critiche assolutamente ingiustificate, tra l'altro riprese, in maniera estremamente strumentale, anche dai consiglieri di minoranza.".........."Se invece di fomentare o inventare le cose, qualsiasi mamma fosse venuta in comune, si sarebbe evitato tutto questo, compresa la strumentalizzazione politica da parte delle opposizioni, alle quali stiamo preparando una risposta ben circostanziata. Le polemiche non giovano a nessuno." hanno il solo scopo di dimostrare che le osservazioni sollevate erano del tutto legittime e fondate.
Questo è quanto di costruttivo riesce a fare l’amministrazione campese nei confronti dei propri cittadini.
Poi se poi la risposta al sottoscritto ben circostanziata è quanto apparso sul blog di camminando, beh francamente è un pò pochino.
Il fatto che non sia dipeso dalla mancanza del gasolio ma da un guasto all'impianto non significa molto se poi i ragazzi sono comunque costretti a stare a scuola con il cappotto. La responsabilità è solo ed esclusivamente vostra.
Si continua a rivangare il passato senza programmare il futuro. L'atteggiamento di un'opposizione non è mai astio se si sollevano problemi reali ed il fatto che io sia stato sconfitto non da il diritto a nessuno, e tantomeno a persone che hanno ottenuto solo il 35% circa di consensi, di cercare di ridicolizzare l'operato di un opposizione che porta avanti le doglianze della cittadinanza di cui fanno parte anche coloro che hanno espresso consenso all’attuale maggioranza che è minoranza dell’elettorato.
Cercate di capire voi che amministrate, perchè fino ad oggi chi non ha capito molto di come si amministra un Ente pubblico SIETE SOLO ED ESCLUSIVAMENTE VOI.
Non perdete occasione per dire che avete fatto tanto in questo anno e mezzo. Sapete che chi si loda si imbroda? Cercate di rispettare le scadenze minime di legge che già in questo lasso di tempo non lo avete fatto.
A proposito della scritta all'ingresso del paese, apprendo che è stata pagata con i soldi della Gestione associata. Non sarebbe stato meglio forse che quei fondi fossero stati destinati, anche se non sufficienti, per la realizzazione della rotonda della Fraz. La Pila??????? Ma già dimenticavo voi non siete per programmare ma per realizzare.
Buon lavoro e speriamo che non nevichi.

Saluti
Giancarlo Galli Consigliere di opposizione
BUONE FESTE FERRAJESI
Messaggio 93055 del 24.11.2018, 10:00
QUANDO TUTTO SEMBRA PERDUTO QUALCUNO RICORRE AGLI DEI…..




I reggenti, dopo aver lasciato nell'oblio l’idea estiva di realizzare una statua di benvenuto sul porto Mediceo , rappresentante l’imperatore Napoleone Bonaparte ha pensato per le imminenti feste natalizie qui nell'agorà principe dove da anni si auspica l’avverarsi del famoso mantra cosmopolitano “Vivere la piazza” , unendo l’utile al dilettevole, si sta per realizzare un Natale diverso , seguendo le indicazione del consigliere Nurra di non tagliare più abeti , si sta operando per dedicare al posto del grande tradizionale Albero , un omaggio al Dio Priapo, noto nell'Olimpo per l'enorme creapopoli e lo smisurato glande, ecco quindi che Dopo la stele di Axum restituita all’Etiopia sarà la nostra città a rispolverare i morbosi simboli fallici, inquietanti e minacciosi orpelli che sveleranno ai cittadini di come si può salire alle cronache e nello stesso tempo valorizzare un paese.
Dal canto nostro applaudiamo……la Portoferraio sarà dunque capofila agli occhi dell'italica terra della volontà di ricostituzione del patrimonio arboreo duramente colpito il 29 ottobre u.s
Insomma….nell'attesa di mettere a dimora nuovi alberelli, laddove la furia del vento li travolse, l'amministrazione vede, provvede e ammonisce invitando vivamente i cittadini. gli oppositori e gli ospiti dichiaratamente puritani per queste sante festività , di procurarsi per la propria integrità fisica e morale “Mutande di bandone” così da potere passeggiare fare shopping con tranquillità muro..muro come le bavose...

Buone feste e….Auguri
LIONS CLUB ISOLA D'ELBA
Messaggio 93054 del 24.11.2018, 09:55
VENTI DI TERRA E VENTI DI MARE

Oliviero Toscani e Pier Mario Meletti Cavallari ad un convegno pubblico organizzato dal Lions Club I. d’Elba con il patrocinio del Comune di Portoferraio



Ecletticità, curiosità, desiderio di nuove esperienze, coraggio di affrontare le sfide che la vita ci propone, oltre all’antica amicizia, sono alcuni dei fattori che accomunano le personalità di Oliviero Toscani e Pier Mario Meletti Cavallari, che nel pomeriggio di venerdì 23 novembre, presso la sala congressi del Centro Culturale De Laugier, sono stati relatori in un convegno pubblico promosso dal Lions Club Isola d’Elba con il patrocinio del Comune di Portoferraio.
Dopo l’introduzione del presidente del sodalizio elbano Gabriella Solari ed il saluto del sindaco Mario Ferrari, i lavori hanno preso inizio con la conduzione e moderazione della presentatrice Rossella Celebrini.
Toscani, che per primo ha preso la parola, ha raccontato come in adolescenza, memorizzando e ricordando la poesia di Carducci “Davanti San Guido”, e ripercorrendo in seguito in varie occasioni quei luoghi, se ne innamorò tanto da giungere all’acquisto a Bolgheri di una tenuta in stato di decadimento, a restaurarla, a trasformarla in rinomata azienda vinicola, fino a stabilirvi la sua stabile dimora. La nuova passione per la viticoltura di Toscani si sintetizza nelle sue stesse parole: “La vigna è un posto magico, è quasi divina ed il vino è il succo finale del lavoro e della passione: la passione che è la miglior medicina che uno possa prendere”.
Cavallari, nel corso del suo intervento, ha raccontato le varie vicende che, dalla sua professione dirigenziale, lo hanno portato nel mondo dell’enologia culminando con l’acquisizione di una azienda nei pressi di Bolgheri e, dopo trent’anni, alla sua cessione per dar luogo ad un nuovo insediamento di vigneti, questa volta in una suggestiva località dell’Isola d’Elba. Da qui con l’impianto di vari vitigni, avvalendosi delle esperienze di esperti del settore e adottando misure imposte dai cambiamenti climatici, è riuscito a produrre apprezzati vini di eccellenza che, esportati in vari paesi, contribuiscono, a nostro avviso, a veicolare altrove e valorizzare attraverso i canali dell’enogastronomia l’immagine del nostro territorio.
Ma al di là del suggestivo mondo dell’enologia, l’occasione di parlare di fotografia era ghiotta. E così, stimolato da un paio di domande rivoltegli dalla presidente Solari e dal sindaco Ferrari, Toscani è stato fatto scivolare nell’argomento che gli è più congeniale e che i numerosi accorsi per ascoltarlo si aspettavano.
Secondo Toscani il fotografo moderno deve essere nel contempo autore, scenografo e regista di se stesso così da poter produrre un’immagine che costituisca la memoria storica, la prospettiva della realtà che tu analizzi da solo con la tua coscienza. Il potere dell’immagine fotografica, che esiste da 170 anni, è indiscutibile e a tal proposito il relatore cita un efficace esempio invitandoci a confrontare la sensazione suscitata da un dipinto che riproduce una crocifissione o da una statua priva della testa con la foto di una reale decapitazione o quella nota del bambino annegato e spiaggiato su un arenile.
In conclusione Toscani fa notare come le occasioni per fotografare siano infinite non esistendo un filo d’erba uguale all’altro, un uomo uguale all’altro, ma è necessario saper leggere le immagini ed altrettanto necessario sarebbe poterlo insegnare ai bambini.
golia
Messaggio 93053 del 23.11.2018, 23:47
Provenienza: p. ferraio
Suggerisco ai comitati e associazioni elbani di organizzare per 8 dicembre dei autobus per andare a firenze in regione per protestare per il nostro ospedale con una partecipazione NUMEROSA INTERESSA A TUTTI GLI ELBANI
franco
Messaggio 93052 del 23.11.2018, 22:44
Provenienza: roma
la tassa di sbarco a 5 euro alla maggioranza degli elbani non interessa tanto loro continueranno a pagare 3 euro e mezzo circa tutto compreso mentre il turista pagherà 15-16 euro, almeno questi soldi servissero a qualche cosa? comunque poi non vi lamentate se i numeri delle presenze diminuiscono, in questo momento bisognerebbe diminuire i prezzi per invogliare la gente a venire e i sindaci che fanno aumentano mahhhhh
Amministrazione Campo nell'Elba
Messaggio 93051 del 23.11.2018, 21:43
Provenienza: Piazza Dante
Egregio Consigliere Galli,
Le rispondiamo direttamente sullo stesso blog, ringraziando Fabrizio Prianti per lo spazio concesso, e saremo estremamente brevi e diretti.
Il suo intervento è pregno di una retorica francamente un po’ vetusta, laddove richiama scenari apocalittici in cui sottintende, in maniera nemmeno troppo velata, che l’azione di tale amministrazione attenterebbe addirittura alla salute dei bimbi, con immagini retoriche degne di un Italia anteguerra.
Orbene, tralasceremo, in questa sede, il report di tutto ciò che quest’amministrazione ha fatto in poco più di un anno nei riguardi di tutto quello che concerne l’ambito scolastico, sia in termini di interventi sulle infrastrutture, di manutenzione, di acquisto di nuovi suppellettili, ecc., avendo effettivamente ereditato una situazione scolastica estremamente scadente, lascito di un’amministrazione di cui lei, almeno in parte, è stato uno degli attori principali.
Per brevità e pragmatismo, preferiamo restare sull’argomento da lei sollevato, rispondendole semplicemente che, in questa occasione, evidentemente, non ha capito molto di quanto sia successo o, probabilmente, si è fidato di quanto da qualcuno riportato, non avendo avuto l’accortezza di cercare conferme, cosa che sarebbe stata auspicabile, al fine di evitarle figure non troppo edificanti.
Il motivo del non funzionamento del riscaldamento non è dovuto assolutamente all’assenza di gasolio (ordinato circa 10 giorni fa e regolarmente a nostra disposizione, tant’è che i riscaldamenti funzionavano), ma da un guasto tecnico, che è evenienza che può occorrere in tutte le buone famiglie, a prescindere dal loro pensiero ideologico e politico.
A meno che lei non creda che vi sia un assessore deputato a danneggiare scientemente i termosifoni scolastici, è palese che nessuna amministrazione possa essere considerata responsabile di un malfunzionamento tecnico. E’ giusto sottolineare che, non appena siamo venuti a conoscenza di tale guasto, siamo immediatamente intervenuti con i tecnici (che hanno sostituito gli elementi rotti) al fine di ripristinare il funzionamento dei termosifoni che adesso operano a pieno regime.
In tutto questo, il riferimento alla scritta che adornerà l’ingresso del paese, (tra l’altro pagata con i fondi della Gestione associata) c’entra poco, anzi nulla, e denota un atteggiamento estremamente astioso che, in politica, è abbastanza comune, soprattutto tra i perenni sconfitti, ma che non aiuta certamente ad avere una visione oggettiva e coerente, che sarebbe il minimo sindacale per avere credibilità.


Amministrazione Comunale Campo nell’Elba
X operatore turistico
Messaggio 93050 del 23.11.2018, 21:26
Provenienza: Gazzetta sport
A me pareva uno spot sull’isola in generale
Non ho visto ufficiali pagatori
Grazie per il consiglio comunque
x gazzetta dello sport
Messaggio 93049 del 23.11.2018, 20:24
Provenienza: operatori turistici
vedrai se paghi sai cosa ti scrivono, anche lo spartito della marcia trionfale dell'aida, sulla gazzetta

http://dgegovpa.it/Capoliveri/albo/dati/20181320D.PDF

e questo è solo un esempio
Sconsolato
Messaggio 93048 del 23.11.2018, 19:44
Provenienza: Rio
Eccoci di fronte all'ennesima polemica sulla tassa di sbarco. Sono anni che Barbetti minaccia di passare la mano e che Portoferraio e Rio (prima la sola Marina) e all'epoca di Lambardi anche Campo, ricordano che i turisti sbarcano nei loro Comuni. Chi è per l'aumento e chi contro l'aumento. Li gestisco io, no gestiscili tu. Sono anni che si parla di opere comprensoriali. Ancora stiamo parlando del frantoio. Almeno il canile l'avete fatto? O la rotonda di San Giovanni? Da tanto se ne parla l'latro giorno per poco entravo nel campo da rugby. Possibile che noi elbani si debba subire sempre il solito balletto senza mai ottenere qualcosa di concreto? Sapete come finirà? Come sempre, a tarallucci e vino. Tutto cambi perché niente cambi.
Anche basta, vi prego! Almeno risparmiateci le prese per i fondelli.
GESTIONE ASSOCIATA TURISMO
Messaggio 93047 del 23.11.2018, 17:16
Provenienza: Amm.Portoferraio
“SULL’IPOTESI DI AUMENTO DEL CONTRIBUTO DI SBARCO LE NOSTRE POSIZIONI RESTANO QUELLE DI VENTI GIORNI FA”.


Il sindaco di Portoferraio Mario Ferrari e il primo cittadino del comune di Rio Marco Corsini si sono consultati in vista della prossima riunione della Gestione Associata della Promozione Turistica dei comuni dell’Isola d’Elba, convocata a Capoliveri per lunedì 26 novembre, ed hanno intenzione di tenere una posizione congiunta sull’argomento, forti anche del fatto di ospitare nel proprio territorio i tre porti di accesso all’isola. Come si ricorderà, il sindaco di Portoferraio già dallo scorso maggio, era stato l’unico a dichiararsi contrario alla proposta di aumento del contributo di sbarco, ritenendo indispensabile - prima di modificare la quota - la definizione di una programmazione dettagliata delle opere comprensoriali sulla realizzazione delle quali investire una buona parte del gettito del contributo. Il sindaco di Rio, da parte sua, aveva invece sottolineato nell’ultima seduta della GAT come lo scenario, oggi, sia cambiato rispetto a quando si iniziò a parlare di aumentare il contributo di sbarco a 5 euro, alla luce soprattutto degli esiti numericamente negativi dell’ultima stagione turistica, evidenziando inoltre come all’interno della sua stessa maggioranza ci fossero delle forti resistenze sulla ipotesi di aumento. “Il turismo , di regola, non si incoraggia aumentando i prezzi in un momento di congiuntura economica negativa – dicono oggi Ferrari e Corsini – sarebbe auspicabile dunque una ulteriore riflessione sull’argomento, da condividere con gli altri colleghi sindaci e con i rispettivi consigli comunali”.
Giancarlo Galli
Messaggio 93046 del 23.11.2018, 16:48
Provenienza: Marina di Campo
Oggi pomeriggio sono stato contattato da genitori di bambini che frequentano le scuole di Marina di Campo e di S.Piero, quindi materne, elementari e medie, per lamentare che nelle strutture scolastiche in questione non sono funzionanti gli impianti di riscaldamento e addirittura la mensa non funziona come dovrebbe per mancanza di gasolio da una parte e gas da un'altra.
Capisco che si preferisce apparire piuttosto che affrontare i problemi reali e far si che i bambini e ragazzi che frequentano le nostre strutture scolastiche siano in ambienti accoglienti, riscaldati e magari mangino pasti caldi.
Scelgo questo mezzo di informazione perchè diretto. A livello Istituzionale sarebbe stato logico che presentassi una interrogazione, ma i tempi non ci sono perchè i ragazzi e bambini costretti ad andare a scuola con i cappotti non possono aspettare.
Vorrei che l'Amministrazione comunale fosse più attenta a queste problematiche anzichè pensare ad installare all'inizio dell'inverno una appariscente, ma torta, scritta di benvenuto, non si sa a chi, visto che siamo alla fine di novembre.
Carissimi amministratori campesi forse sarebbe stato meglio utilizzare i fondi per il gasolio e la manutenzione degli impianti di riscaldamento delle scuole in periodi in cui non faceva freddo anzichè spenderli per una scritta che ad oggi ha inciso sicuramente sulle spese correnti del bilancio ma che non trova giustificazione anche perchè quando arriveranno i primi ospiti in vacanza la scritta sarà già usurata dal tempo.
Cercate di provvedere a far star bene i nostri bambini e ragazzi mettendoli in strutture idonee e funzionanti magari senza incorrere in qualche denuncia per incolumità della salute pubblica e per la manata di messa a norma delle scuole stesse.
Sicuramente ci sarà il paladino di turno che perorerà la causa di assoluzione dell'operato dell'amministrazione, ma non sarà certo un contributo di risoluzione dei problemi ma solo per disconoscere quella che purtroppo è la realtà.
Mi rivolgo infine ai genitori che si lamentano rivolgendosi ad un componente dell'opposizione per rappresentare le loro doglianze e dico semplicemente, come capitato anche in passato, non dovete avere paura di denunciare queste mancanze perchè se vi si ammalano i figlioli non ci viene nessun amministratore a curarveli.
Un saluto

Giancarlo Galli Consigliere di opposizione di Campo nell'Elba
x gli operatori turistici
Messaggio 93045 del 23.11.2018, 16:02
Provenienza: gazzetta dello sport
Ecco la gazzetta di oggi.
L'isola parla da sola,per fortuna.


https://running.gazzetta.it/camminare/20-11-2018/lelba-lisola-delloutdoor-tra-mare-e-monti-ecco-il-paradiso-dello-sport-49597/8
un cittadino attento
Messaggio 93044 del 23.11.2018, 15:54
Provenienza: rio
Signor Sindaco!!!!!!!! Ma come, una persona esperta come Lei! Ma possibile che in una gara d’appalto per il ripristino della viabilità a Rio, Nisporto, Bagnaia, ecc, un soggetto canta per 11000,00 euro e un altro 30000,00? Probabilmente a Cantone si sarebbero drizzate le orecchie. Ora, capisco le cambiali elettorali ma a tutto c’è un limite, senza contare eventuali conflitti d’interesse. Poteva aspettare, magari, una seconda occasione. Gli uffici preposti non possono limitarsi a guardare i costi, ci sono molti altri fattori da considerare, come ha spiegato più volte in televisione il succitato Cantone, dovrebbe spiegarlo a chi si è occupato di questa questione. Comunque il paese sa che Lei è persona competente e che seguirà da vicino tutte le problematiche. La saluto cordialmente e un saluto va a tutta la redazione.
Indignata
Messaggio 93043 del 23.11.2018, 14:57
Provenienza: Portoferraio
Vice Sindaco Bertucci,
Siamo contenti di avere, a fine mandato, una macchina operosa nell'Amministrazione Comunale con diversi progetti nel borsino ma da cittadina e da mamma che tutte le mattine si reca all'asilo la Gabbianella le chiedo di mettere in attesa uno dei tanti progetti e con quelle risorse TAPPI LE VORAGINI SPACCASOSPENSIONI DEL PARCHEGGIO A MONTE DELL'ASILO E NELLO SFORZO CHIUDA ANCHE LE montagne russe DEL PARCHEGGIO DI CARPANI FRONTE ZALLO.
Oltre a far vedere che questa Amministrazione fa qualcosa (finalmente) per la periferia, si darebbe un messaggio chiaro che il rimpasto ha dato nuova linfa alla Giunta.
Elena
CINEMA TEATRO FLAMINGO
Messaggio 93042 del 23.11.2018, 13:47
Provenienza: Capoliveri
POLIZIA DI STATO PORTOFERRAIO
Messaggio 93041 del 23.11.2018, 11:52
UN GIORNO DA POLIZIOTTO

Proseguono gli incontri tra Polizia di stato e gli alunni della scuola primaria Carducci di Porto Azzurro






Nella mattinata di ieri sono proseguite le visite al Commissariato da parte dei bambini delle scuole primarie. In particolare ieri la classe V – Scuola Primaria - dell’Istituto Comprensivo Carducci di Porto Azzurro ha partecipato all’iniziativa “Un giorno da Poliziotto”.
SAGRA DEL TOTANO 2018
Messaggio 93040 del 23.11.2018, 11:02
Provenienza: Campo nell'Elba



L'Associazione Amici del Porto di Marina di Campo comunica che la sesta sagra del Totano prevista per il 24 e 25 novembre è stata annullata a causa delle avverse condizioni meteo.
LAUREA
Messaggio 93039 del 23.11.2018, 08:11
LORENZO PARRINI SI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE





Presso l'Università degli Studi Guglielmo Marconi di Roma si è laureato Lorenzo Parrini discutendo la tesi "analisi del rischio incendio nell'impianto T.M.B. di Buraccio di E.S.A. S.p.A - Il cantiere relativo alle attività di realizzazione ed integrazione di nuovi sistemi di prevenzione e protezione" con il relatore Prof. R.Tartaglia
Lorenzo Parrini h a conseguito il voto di 103/110

A Lorenzo neo dottore in Ingegneria Civile e Ambientale le congratulazioni di camminando.org
ELBA SALUTE
Messaggio 93038 del 23.11.2018, 05:08
AMICI PREPARIAMOCI.




La chirurgia con un colpo di spugna e un pugno nello stomaco agli Elbani, dal 19 dicembre si vedrà cancellata l'autonomia di unità operativa complessa (UOC) finendo sotto quella di Piombino.
L'ortopedia è in grande sofferenza con una sola ortopedica e un aiuto e insieme devono garantire ambulatorio, gessi, emergenze, pazienti provenienti dal pronto soccorso, reperibilità e guardia.
Da mesi Comitati e Associazioni varie si stanno spendendo per non screditare queste due essenziali attività, anche se la politica locale e regionale sono assenti.
Presto chiederemo un incontro con l'Associazione Forense Elbana che si dice pronta a manifestare per bloccare questo continuo e inesorabile smantellamento dei servizi ospedalieri che va a danno di quegli utenti che non si possono permettere la sanità privata.

PREPARIAMOCI,
STIAMO METTENDO IN MOTO UNA GRANDE MANIFESTAZIONE A DIFESA DELLA NOSTRA AUTONOMIA SANITARIA.
NON VOGLIAMO ESSERE UN SALVAGENTE PER SALVARE QUESTO O QUELLO OSPEDALE CHE SENZA I NOSTRI DRG CHIUDEREBBERO.


Comitato Elba Salute.

(Francesco Semeraro)
Riccardo Nurra
Messaggio 93037 del 23.11.2018, 05:04
IL NOSTRO ALBERO NON E' QUI



Passando oggi per piazza Cavour a Portoferraio, ho potuto constatare con soddisfazione che si sta provvedendo alla messa a dimora di un albero.
Ma quest'anno in piazza non ci sarà un albero vero.
Nell'ultimo Consiglio Comunale del 7 novembre , in apertura, mi è stata cortesemente concessa la parola e nell'occasione ho proposto che per questo Natale la piazza non fosse addobbata con un albero vero, in modo da non tagliare una grande pianta e per ricordare il disastro ambientale causato da eventi atmosferici eccezionali che hanno provocato l'abbattimento di centinaia di migliaia di grandi alberi.
Questo permetterà ai Comuni che decideranno di non far tagliare una grande pianta di devolvere quanto risparmiato per mettere a dimora tanti giovani alberi nelle zone disastrate.
L'Amministrazione Comunale alla proposta è parsa titubante soprattutto per i tempi un po' ristretti, ma evidentemente presa in considerazione con sensibilità la proposta , grazie anche alla disponibilità della Pro Loco, sta provvedendo alla messa in opera di un bell'albero “FINTO”
D'altra parte la qualità del Natale non si giudica davvero con il tipo di albero che abbiamo.
Ci sono diversi aspetti positivi che emergono da questa operazione:
il gesto simbolico di solidarietà verso i Comuni i disastrati; la piantumazione di nuove piante giovani e il non taglio delle piante adulte.
Non è davvero poco.
Ad onor del vero la mia richiesta in Consiglio Comunale è successiva ad una conversazione con l'amico Marcello Bargellini esponente della Pro Loco che in una casuale conversazione mi parlava di qualcosa di diverso per questo Natale.
E quello fatto non è davvero poco.



Riccardo Nurra
VOLTIAMO PAGINA !
Messaggio 93036 del 22.11.2018, 12:11
ASSOCIAZIONE FORENSE ISOLA D'ELBA Scrivi a ASSOCIAZIONE FORENSE ISOLA D'ELBA
Messaggio 93035 del 22.11.2018, 11:43
OSPEDALE: SIAMO IN GRADO DI REAGIRE?


Evidentemente nessuno ritiene che gli elbani siano in grado di reagire, ed il declassamento dell’unità di Chirurgia dell’Ospedale elbano ne è la prova.
In parte a ragione, a causa di una clima di generale rassegnazione, e della mancanza di una concreta ed efficace forma di protesta.
Converrà velocemente cambiare il passo, con una manifestazione generale degli elbani che lasci nuovamente il segno, e dia la scossa alla politica regionale e nazionale.
L’Associazione Forense dell’Isola d’Elba, come ha fatto per il Tribunale, è pronta a fare la sua parte, in tutte le sedi.
Incontriamoci ed organizziamo, noi ci siamo.

Avv. Paolo Di Tursi
Presidente della Associazione Forense Isola d’Elba
pino
Messaggio 93034 del 22.11.2018, 11:36
Provenienza: pf
l' esaom cesa è in coma da più di 10 anni, basta informarsi su quante maestranze c'erano nel 2006 e quanto ora, le altre considerazioni le possono fare chi ci lavora e chi ci ha lavorato
CINEMA TEATRO FLAMINGO
Messaggio 93033 del 22.11.2018, 11:23
Provenienza: CAPOLIVERI
Soroptimist 2018
Messaggio 93032 del 22.11.2018, 10:28
ANNULLATO IL DIBATTITO SPETTACOLO “I labirinti del male” con il GENERALE LUCIANO GAROFANO



Si comunica che l'incontro spettacolo teatrale “I Labirinti del Male”, organizzato dal Soroptimist International in data 24 novembre in collaborazione con il Comune di Portoferraio in occasione della giornata internazionale contro la violenza alle donne, è stato annullato a causa di un problema di salute sopraggiunto al Generale Luciano Garofano il quale si vede costretto a rimandare ad altra data l’appuntamento fissato.


Il SOROPTIMIST INTERNATIONAL CLUB ISOLA D’ELBA
La Presidente
Laura Marcattilj
Michelangelo Zecchini
Messaggio 93031 del 22.11.2018, 10:24
UNA PICCOLA, SPLENDIDA SCULTURA BIZANTINA NEL MUSEO DI RIO



RIO – Nel 1972 e nel 1976, nel corso di lavori nel porto di Cavo, vennero in luce casualmente (purtroppo non furono eseguiti accertamenti sistematici) un’ancora di legno provvista di contromarra di piombo (II-I sec. a. C.), nonché un medaglione di bronzo, piuttosto raro, di Marco Aurelio (169-170 d. C.) e una moneta pure in bronzo di Antonino Pio (145-161 d. C.). Tali reperti, in qualche modo legati all’attrazione commerciale marittima esercitata dalla soprastante villa patrizia di Capo Castello, fecero passare in secondo ordine il ritrovamento di una statuetta di bronzo a tutto tondo configurata a busto femminile, che invece era il pezzo forte di quell’ importante scoperta. Fu subito chiaro agli specialisti che la statuetta altro non era che un contrappeso da bilancia di epoca romana (aequipondium), ma poi sono rimaste nel limbo, per oltre quaranta anni, sia la sua cronologia sia la sua rilevanza storico-archeologica.
Oggi, dopo ripetuti recuperi effettuati altrove di oggetti consimili, alcuni dei quali databili con precisione perché associati con anfore e altri manufatti, siamo in grado di offrire valutazioni più puntuali e attendibili.
Il nostro cursore da stadera, ora esposto nel Museo archeologico del distretto minerario di Rio, è configurato a busto di Minerva/Roma che poggia su una base a forma di parallelepido con bordi aggettanti. La dea indossa un chitone che - fermato con una bulla a rosetta all’altezza della spalla - lascia scoperto il seno destro. Il viso, aperto in un leggero sorriso e piuttosto rotondeggiante, è incorniciato da capelli con scriminatura centrale, ondulati e rigonfi sulle tempie, nascosti poi fin sulla nuca da un elmo crestato. Quest’ultimo presenta incisioni a spirale e, alle estremità, un anello di sospensione e un segmento che scende serpeggiante sul dorso. Il collo è robusto. Le pupille, infossate, forse in origine erano riempite con due perle di pasta vitrea o con altro materiale.
Il manufatto bronzeo del Cavo rientra agevolmente nella classe cosiddetta “Athena-busten” (N. Franken 1994) e trova confronti piuttosto stretti con esemplari classificati come bizantini, per esempio con quello rinvenuto nel relitto di Triscina presso Selinunte (prima metà del V secolo), o con quello disegnato nel 1784 da F. Marchissi nel Regio Gabinetto di Firenze, oppure con quelli attualmente conservati e ben valorizzati nel Metropolitan Museum di New York (350-500 d. C.) e nel Museo Nazionale Archeologico di Firenze (IV secolo).
Il piccolo busto di Minerva altobizantino di Rio, vero e proprio gioiello archeologico per il quale si può proporre una datazione compresa fra il 350 e il 450 d. C., non ha niente da invidiare, quanto ad accuratezza di lavorazione e stato di conservazione, ai più conosciuti contrappesi bronzei dei grandi musei citati. Anche per questo meriterebbe di essere corredato da didascalie più precise e di essere valorizzato con una collocazione espositiva meno anonima.
Reperti della tarda romanità o del primo altomedioevo sono stati trovati nella stessa zona del Cavo (alcune tombe del IV-V secolo a Capo di Mattea) e in altre località elbane, soprattutto nella rada di Porto Azzurro dove, nei primi anni Settanta del secolo scorso, affiorarono ceramiche grigie paleocristiane riferibili al V e al VI secolo. Ciò significa che i commerci marittimi, per quanto notevolmente affievoliti, poco prima e poco dopo la caduta dell’Impero romano d’occidente toccavano ancora, in modo non marginale, i principali approdi dell’Elba.


Michelangelo Zecchini
Gilet Gialli
Messaggio 93030 del 22.11.2018, 10:22
Il problema dell'Italia è che la memoria è maledettamente corta.
Vi ricordo che quando a inizio anno il prezzo dei carburanti (e dell'energia) aumentava del 5% (ma anche di più visto che sono passato da fare Gasolio da 1.28 a 1.38), sui social e su questo blog eravate tutti indignati per il centesimo dei sacchetti della frutta.
[Pagina precedente] [ Pagina successiva]

visita
MUCCHIO-SELVAGGIO.....
ISOLA D'ELBA