Page 1/1199: (1) [2] [3] [4] [5] [6] [] [»] LASCIA UN MESSAGGIO
Autore Messaggio
ass.Dialogo
Messaggio 89870 del 24.04.2018, 19:26
INCONTRO





“Incontro” è il titolo della nuova offerta teatrale nella Casa di reclusione di Porto Azzurro. Incontro fra diversi, che imparano ad integrarsi a vicenda, a capovolgere stereotipi che pare impossibile rimuovere.
Questa molto in breve la sintesi dello spettacolo teatrale che venerdì 20 aprile il Laboratorio teatrale “Il Carro di Tespi”, da 25 anni attivo nel carcere elbano, ha presentato agli spettatori.
Tratto dal racconto “Il paese dei ciechi” di Wells e liberamente rielaborato, il drammatico copione è stato letto dalla brava attrice livornese Loretta Ronsichi e animato da alcuni validi interpreti, detenuti e no.
In un paese lontano, in una valle remota delle Ande, vivono abitanti tutti privi della vista. Giunge casualmente in questo mondo sconosciuto Nuñes, che è invece vedente e che si rende conto con stupore della realtà in cui è capitato. E vi si confronta e comprende.
In quel buio i ciechi hanno acutizzato gli altri sensi, in particolare il senso dell'udito e l'amore per la musica. Nuñes si innamora di una ragazza del paese e questo incontro lo costringe – così decidono gli anziani – a scegliere: se vuole sposare la bella Medina deve rinunciare alla vista e divenire anche lui cieco.
Che farà Nuñes?
Il finale, con felice invenzione, si apre a ventaglio e offre varie soluzioni, presentate da diversi attori che le hanno escogitate ed elaborate personalmente. La conclusione così non è unica, ma varie e fantasiose sono le possibilità di scelta che i validi interpreti hanno rappresentato per Nuñes, così come varia e imprevedibile è la vita.
Davvero interessante e commovente il dialogo e soprattutto l'impegno degli attori, sia tra gli ospiti del carcere, come tra i soci della cooperativa Altamarea, e in particolare tra gli studenti dell’Istituto superiore “Volta” di Piombino.
Brava e coraggiosa la regista Manola Scali, che non esita a mettere in scena tematiche non certo facili. Coinvolgente come sempre Bruno Pistocchi, che con Manola collabora e che ha introdotto lo spettacolo con una poesia che celebra l'arte e la fede, cioè la bellezza e la speranza, che salvano il mondo. Il tutto reso ancor più vivido e suggestivo dalla musica e dal canto di Daniele Pistocchi, che hanno arricchito di incantevole armonia l’intero spettacolo.
Prima di presentare questa nuova "performance", è stato riproposto un recital di poesie e prose in memoria della seconda guerra mondiale e della Resistenza italiana, riduzione del lavoro già offerto al pubblico nel mese di gennaio.
Presenti un gruppo di studenti piombinesi con i loro insegnanti, alcuni volontari, qualche detenuto, pochi in verità – e questo inconveniente si spera possa essere superato –, così come si è notata l'assenza di alcuni portoferraiesi, di solito presenti in altre occasioni.
Il teatro, grande palestra culturale e sociale, veicolo di pensieri e di emozioni, è da secoli scuola e occasione di crescita per tutti. In particolare il teatro in carcere, che ha un valore formativo, un significato pregnante di humanitas, che acquista senso quanto più si offre e interagisce con il mondo esterno, specie con quello giovanile.
Agli operatori penitenziari, in particolare all'Area educativa e agli agenti della Polizia penitenziaria, un grazie sentito per il contributo alla realizzazione di questo e di altri simili eventi da parte dell’Associazione di volontariato penitenziario “Dialogo”, che si onora di sostenere, fra gli altri, il Progetto del Teatro in carcere a Porto Azzurro, progetto che fa parte del più vasto importante Progetto Teatro in carcere, finanziato dalla Regione Toscana.
A fine estate, appuntamento per la replica.

Licia Baldi
Street Good a Capoliveri
Messaggio 89869 del 24.04.2018, 19:19
DAL 28 APRILE AL 1 MAGGIO A CAPOLIVERI E’ STREET GOOD.




Per gli amanti del buon cibo una ghiotta occasione per gustare sapore e qualità nell’incantevole piazza capoliverese.
L’iniziativa, organizzata in collaborazione fra Comune di Capoliveri e i migliori produttori di cibo di strada della Toscana, porterà nel centro storico del paese tanti Street Food d’autore per una cucina tipica e innovativa, con sapori unici tutti da provare.
Ci saranno specialità di mare e di terra come il polpo lesso e lo stoccafisso all’elbana, la trippa alla fiorentina, hamburger e hot dog di carne toscana, e tante golosità come il gelato artigianale e i dolci tradizionali insieme all’amatissima torta di ceci.
L’apertura dello “Street Good” avverrà sabato 28 aprile con aperitivi e tante golosità per tutti i gusti, fino a tarda sera. Sarà possibile anche pranzare in piazza: l’apertura dei truck food avverrà già a partire dalla tarda mattinata.
Intrattenimento per bambini insieme a molte altre sorprese faranno da cornice a questa tre giorni di gusto con lo Street Food d’autore all’Isola d’Elba. Un’occasione da non perdere.
UN CAMPESE
Messaggio 89868 del 24.04.2018, 16:20
Provenienza: CAMPO
X SILVANA
Completamente d'accordo con chi ti ha risposto se sei contenta che si usi la Sanità per fare politica......come mai chi era presente ha la sfrontatezza di dire che non c'era.....chi era assente ma aveva inviato un delegato ed è stato informato,a pochi giorni da un importante incontro con l'Assessore alla Sanità,muove un gran polverone e vuole riaprire il discorso.................ma per favore!!!!!!!!!!!!!!!
CEBA SERVIZI s.r.l
Messaggio 89867 del 24.04.2018, 16:00


CERAMICHE PASTORELLI
Messaggio 89866 del 24.04.2018, 11:00
Per Silvana
Messaggio 89865 del 24.04.2018, 09:23
Provenienza: O forse per Silvano?
A me ala Marina mi fate ride. Ma questa Silvana non è che è un Silvano che, nel rispetto del suo nome fittizio, si è dato alla macchia da qualche mese?
Mi spiega, cara Silvana/o, come mai il sindaco di Portoferraio si dovrebbe far prendere in giro dal solito terazzo di turno? Oppure, al lei cara/ Silvana/o, le sta bene che si usi la sanità e i diritti degli elbani per fare politica?
Un consiglio: se ne torni nella macchia e ci resti, cinque anni sono lunghi da passareeeeeee......
CASA SICURA
Messaggio 89864 del 24.04.2018, 09:00

AUTOSPURGHI ELBANI
Messaggio 89863 del 24.04.2018, 08:45
Michelangelo Zecchini
Messaggio 89862 del 24.04.2018, 08:36
OMAGGIO A RAFFAELLO FORESI, PIONIERE DEGLI STUDI SULLA PREISTORIA DELL’ELBA



Raffaello Foresi, elbano, classe 1820, dopo aver studiato Lettere all'Università di Pisa si trasferì a Firenze, dove si occupò di letteratura, di musica e di mineralogia. Il suo incontro con la preistoria dell'Isola avvenne a Lacona nel gennaio del 1865. Lo racconta lui stesso con queste parole:
… nella mia patria, nell'isola d'Elba, avevo udito parlare di certe pietre che contadini e pastori raccoglievano a quanto a quanto, e reputavano fulmini … A metà di gennaio del presente anno 1865 misi piede in Portoferraio. Mio primo pensiero fu di ridurmi nel Piano di Lacona … ove mio padre ha un' assai vasta e ragguardevole possessione. Chiamai la guardia campestre … dopo cinque minuti mi presentava due frecce, una grandetta e una piccolina. 'Eureka' gridai come Archimede. La scoperta dell'età della pietra all'isola d'Elba era fatta”.
La passione di Foresi crebbe con il passar del tempo e in cinque anni lo portò ad accumulare conoscenze e a recuperare, da un capo all'altro dell'isola, oltre duemila reperti databili fra il paleolitico medio e l'epoca etrusca. Grazie a lui l'archeologia elbana pervenne ad un vero e proprio exploit: i reperti preistorici elbani diventarono oggetto di discussione dei più insigni paletnologi, antropologi e geologi del tempo (Luigi Pigorini, Gaetano Chierici, Carlo Vogt, Igino Cocchi, Louis Simonin, Gabriel De Mortillet) e vennero sottoposti all'attenzione internazionale alla mostra Universale di Parigi del 1867. Foresi svolse le sue ricerche in un arco di tempo (1865-1870) che corrisponde all'età dei primi vagiti delle scienze paletnologiche in Italia. In un contesto dalle fondamenta incerte, e al contempo di grandi slanci, in cui la nuova disciplina scientifica stava tentando di aprirsi la strada, Foresi riuscì a far accettare i risultati del suo intenso lavoro ai responsabili della citata Mostra Universale di Parigi, la maggiore rassegna mondiale di preistoria e protostoria. Va sottolineato che gli scritti di Foresi, aggiornati sui risultati delle più recenti teorie sull'evoluzione dell'uomo, seguivano con intuito i progressi scientifici dell'archeologo e antropologo britannico John Lubbock, autore nel 1865 del volume Prehistoric Times nonché amico di Darwin. È sulla base degli insegnamenti di Lubbock che Foresi, rispettoso delle opinioni altrui ma libero da asservimenti al pensiero scientifico allora dominante in Italia, attribuì - giustamente - i materiali litici elbani al paleolitico e a “una lunga serie di tempi diversi”, ponendosi così in netto contrasto con Pigorini, il più noto e autorevole fra gli studiosi italiani, che li aveva riferiti “al periodo degli animali domestici”.
La credibilità raggiunta da Foresi in ambito internazionale non gli fu d'aiuto per coronare il suo sogno di veder nascere a Portoferraio un “Museo delle isole dell'Arcipelago toscano”, archeologico/mineralogico, forte degli importanti pezzi da lui collezionati. I suoi tentativi di sensibilizzazione degli amministratori locali andarono a vuoto. Come succede a quasi tutti coloro che con i loro studi precorrono i tempi, le richieste di Foresi furono considerate in loco come il seccante strepitio di un raccoglitore di sassi, cui concedere una parvenza di attenzione unicamente perché aveva alle spalle un'importante famiglia. Ma Foresi, alla fine, fece tutto da solo: nel 1873, infatti, aprì al Ponticello il museo, di sua iniziativa e con i suoi quattrini, ma circa due mesi dopo la sua morte, avvenuta il 12 ottobre 1876, quella splendida realtà espositiva chiuse i battenti. Il figlio Mario, dopo aver tentato invano di donare la collezione al Comune di Portoferraio, finì col venderla all'Università di Firenze.

Michelangelo Zecchini
PROMUOVI LA TUA AZIENDA
Messaggio 89861 del 24.04.2018, 08:00


per RICCARDO
Messaggio 89860 del 24.04.2018, 06:07
QUALE FUNZIONE DOVREBBE AVERE LA SCUOLA ,QUELLA PUBBLICA E DELL'OBBLIGO ?

Formare ed informare.
Dove i capaci e i meritevoli anche se privi di mezzi hanno diritto di raggiunegre i gradi più alti degli studi.
Dove il buon andamento e l'imparzialità siano assicurati.

Capacità,merito,imparzialità,buon andamento.

Caratteri della scuola pubblica assai spesso assenti per la presenza ingombrante della politica in coloro che devono assicurare capacita ,merito,imparzialita nella scuola pubblica : i docenti.
LA TUA BANCA
Messaggio 89859 del 24.04.2018, 05:45
I° Maggio alla "Marina"
Messaggio 89858 del 24.04.2018, 05:35
FESTA E MUSICA IN PIAZZA DELLA CHIESA A MARCIANA MARINA PER IL PRIMO MAGGIO, A FIANCO DEI LAVORATORI DELL’ASSOCIAZIONE NAZIONALI LAVORATORI STAGIONALI



Tutti in piazza a Marciana Marina per la Festa del Primo Maggio ballando e cantando sulle note musicali del Trio delle Meraviglie e di Giulio Scapigliati. Ma la Festa sarà anche l’occasione per una riflessione sul lavoro e sulle opportunità che il turismo offre ai giovani elbani. E non solo.
Il lavoro precario non crea certezze e molti stagionali si trovano costantemente alla ricerca di nuove opportunità, spostandosi fra le varie località turistiche estive ed invernali per trovare lavoro. Il fenomeno non riguarda solo l’Isola d’Elba ma è un fenomeno nazionale. 7458 km di stagionalità, 2 milioni 927 mila disoccupati. Per questo la Pro Loco di Marciana Marina, con il contributo e il sostegno dell’Amministrazione Comunale, hanno deciso di scendere in piazza con i cittadini per riflettere, a fianco dei lavoratori stagionali, insieme all’Associazione Nazionale Lavoratori Stagionali. Associazione nata e con sede proprio all’Isola d’Elba. La Pro Loco ha l’obiettivo si promuovere il territorio, il turismo, la cultura, l’economia del nostro territorio anche al fine di abbassare il tasso locale di precariato. Il mercato del lavoro è debole perché è debole il comparto economico. Si possono definire “lavoratori stagionali” anche le piccole aziende locali, artigianali e commerciali, che sono il tessuto produttivo del nostro territorio.
Si affiancano al nostro lavoro di promozione, per migliorare la qualità della vita nel nostro Paese e all’Elba, aziende che hanno sede locale ma sono presenti, in tutta Italia e nel mondo, con il loro marchio. Ne è un esempio “Acqua dell’Elba”, uno degli sponsor della Pro Loco che rappresenta un’ eccellenza toscana ed italiana: oltre ad essere “ambasciatore” internazionale della nostra Isola sta creando lavoro per molte persone soprattutto a Marciana Marina e all’Isola d’Elba. Ringraziamo per il sostegno anche la compagnia di navigazione Blu Navy che affiancherà e sosterrà come sponsor la stagione 2018 di eventi marinesi.
Il concerto del Primo Maggio inizierà alle ore 18.30 nella splendida cornice di Piazza Vittorio Emanuele
Tutti i cittadini sono invitati a partecipare.
Silvana
Messaggio 89857 del 23.04.2018, 20:05
Provenienza: Marciana Marina
Sindaco Ferrari questo suo livore sorprende e indigna. Come presidente della sanità comprensoriale lei dovrebbe avere toni più pacati e spirito di unione perchè si sta parlando non di una partita a tresette ma di sanità quella sanità che molti sperano di continuare ad avere all'elba perchè non tutti hanno i soldi per potersi permettere i privati o alberghi per i parenti in continente.
La sua arroganza e la sua acredine è difficile trovarla nei suoi tanti predecessori. Ma come ha detto un noto psicologo del paese da lei amministrato questo denota debolezza politica e fragilità nell'affrontare temi a cui non era preparato.
Di assenze forse lei dovrebbe tacere e meditare quante volte è stato assente ultimamente anche qui alla Marina.
Può passare la mano sa?
Comunque lei per la sua sanità sarà sempre ricordato.
A Livorno il Reddito di cittadinanza
Messaggio 89856 del 23.04.2018, 20:02
Redddito di cittadinanza locale, ecco il bando per il 2018

Il sindaco Nogarin: “Con questa misura daremo ossigeno a più di 180 famiglie in difficoltà”.

A partire dalle 9 del mattino di martedì 24 aprile, sarà possibile presentare la richiesta per accedere al Reddito di cittadinanza locale, la misura di sostegno economico alle famiglie in difficoltà, introdotto per la prima volta nel 2016. Per quest’anno l’Amministrazione comunale ha messo a disposizione 450mila euro che consentiranno di erogare un assegno da 200 euro al mese per 12 mesi a oltre 180 beneficiari.

“Avevamo promesso che avremmo trovato le risorse per mettere in piedi anche quest’anno il reddito di cittadinanza e ci siamo riusciti – commenta il sindaco Filippo Nogarin – E questo senza tagliare altri servizi strategici di assistenza alla persona. Rispetto al 2016 abbiamo aumentato il budget di un terzo, quasi raddoppiato il numero di beneficiari e raddoppiato la durata. Il massimo che un’Amministrazione possa fare con le risorse che ha”.

“Ora che siamo giunti al terzo anno di questa che è iniziata come una sperimentazione – aggiunge il sindaco – è il momento di tirare le somme. Il reddito di cittadinanza ha un punto di forza e uno su cui bisogna lavorare. Per prima cosa si tratta di uno strumento efficace soprattutto per chi vuole rimettersi in gioco: duecento euro al mese non sono sufficienti a vivere di rendita, ma sono essenziali per superare quei momenti di difficoltà, che nella vita possono presentarsi, e dare la serenità necessaria a reinserirsi nel mondo del lavoro.
La Associazione Culturale Scuola di Cinema Anna Magnani
Messaggio 89855 del 23.04.2018, 19:25


La Associazione Culturale Scuola di Cinema Anna Magnani di Prato, partecipando ad un bando, ha ottenuto da Nuovo Imaie, una sorta di organismo di rappresentanza degli attori Italiani, un contributo per realizzare un cortometraggio intitolato VENERE VINCITRICE, ispirato alla vita di Paolina Bonaparte Borghese, sorella di Napoleone.
Il cortometraggio ha il patrocinio di Toscana Film Commission ed ha ottenuto dal MIBACT, POLO MUSEALE DELLA TOSCANA, l'autorizzazione alle riprese presso i giardini della Palazzina dei Mulini del Museo Nazionale delle Residenze Napoleoniche dell'Isola d'Elba e in una stanza della Villa San Martino.
Le riprese si svolgeranno a Portoferraio, il 30 Aprile ed 1 Maggio.
Il Cortometraggio si avvale della collaborazione e della partecipazione dell'Architetto Leonello Balestrini e della Associazione “HISTORIAE” che parteciperà alle riprese con i suoi figuranti
Per presentare il progetto ed in particolare le scene che saranno girate a Portoferraio, si terrà UNA CONFERENZA STAMPA congiunta con L'Architetto Leonello Balestrini e L'ASSOCIAZIONE HISTORIAE , a Portoferraio, Sabato 28 Aprile alle ore 12.00, presso la Sala della Gran Guardia.
Partecipano oltre a Leonello Balestrini, lo sceneggiatore Gabriele Marco Cecchi, il Regista Massimo Smuraglia, l'Interprete di Paolina Bonaparte, l'attrice Doriana Clemente.
Info Scuola di Cinema Anna Magnani : 0574 1663110

Massimo Smuraglia 348 7476438
Pubblica Assistenza Porto Azzurro
Messaggio 89854 del 23.04.2018, 19:19
UNA NUOVA AUTO PER LE EMERGENZE




“....Ciao a tutti,
vi comunico che la Pubblica Assistenza Porto Azzurro ha necessità di acquistare quanto prima una nuova ambulanza al fine di sostituirla con quella del 2002 che oramai se pur mantenuta bene e funzionante, non è più idonea per le emergenze. Il preventivo per l'acquisto di una ambulanza è di circa 100 mila Euro, e dobbiamo "pensarci" noi, come associazione. Lo porto a conoscenza dei portoazzurrini,ma anche degli elbani in quanto il servizio oramai si sviluppa in tutta l'Elba e anche fuori in Continente. Dovete sapere che le nostre ambulanze non vengono "regalate" o "offerte" dallo Stato o Regione o Comuni.... Non solo dobbiamo fare giorno e notte il nostro servizio da volontari, ma dobbiamo "pensare" anche, come mettere da parte i soldi per l'acquisto dei mezzi, dell'abbigliamento, delle calzature, tutto a norma di Legge. Lo Stato ci permette, almeno... per ora di non pagare l'IVA 20%, quindi da 100mila euro andremo verso gli 80 mila di Euro per acquisto.... Oltre al mezzo, c'è anche la trasformazione in ambulanza e gli strumenti accessori e medici (costosi) che devono per Legge essere presenti dentro il vano sanitario.
La Pubblica Assistenza Porto Azzurro apre una sottoscrizione finanziaria a tale scopo con contributi che possono versati anche online sul Cod. IBAN: IT71K0503470731000000123994 conto bancario Banco Popolare intestato a: Ass.Volontari Pubblica Assistenza Protezione Civile Porto Azzurro – Piazza Eroi della Resistenza 21 -57036 Porto Azzurro LI. (Erogazione liberale - deducibili dai redditi).
Inoltre in questo periodo di firma della dichiarazione dei redditi e della consegna del CUD lavorativo vi invito a voler "scegliere" di destinare il "5x1000" alla nostra associazione inserendo il codice fiscale della Pubblica Assistenza Porto Azzurro cod.fiscale 91001960490. E' una opportunità per tutti, senza dover "pagare" nulla, ma solo indirizzando con una semplice firma il "5x1000" delle vostre tasse, anziche generiche allo Stato, direttamente ai servizi socio-sanitari della nostra associazione.
Offrite il vostro contributo alle associazioni piu vicine del paese, dell'Isola d'Elba che sono quelle che vi aiutano sempre e subito.
Informazioni presso la Pubblica Assistenza Porto Azzurro 0565-920202 oppure presso Infopoint di Elbashop (0565957992) dove personalmente vi darò tutte le informazioni. Grazie


Giovanni Aragona
Pubblica Assistenza Porto Azzurro ...”
Campese
Messaggio 89853 del 23.04.2018, 18:55
Provenienza: MdC
Finalmente riaperto il viale degli Etruschi a Marina di Campo, chiuso per lavori (ASA?).
Adesso c'è una grande toppa in CEMENTO (!!!) bianca che ricorda l'intervento.
Una delle riparazioni peggiori che io abbia mai visto per la nostra "via degli alberghi". Viva il turismo.
Complimenti.
Mario Ferrari Sindaco
Messaggio 89852 del 23.04.2018, 17:25
INDETTA LA NUOVA CONFERENZA DEI SINDACI



Rendo noto ai miei colleghi sindaci dell’isola d’Elba, come avevo già fatto per via informale ancor prima della richiesta del sindaco di Capoliveri Barbetti, che la Conferenza dei Sindaci sulla Sanità è stata fissata in prima convocazione per le ore 16 di martedì 24 aprile ed in seconda convocazione per le 8,30 di giovedì 26: in questo modo, se qualcuno dei miei colleghi che in passato non ha brillato per presenza a questo tipo di riunioni avesse degli impegni inderogabili, avrà due possibilità per essere presente.
Il sindaco Barbetti, in particolare, nella sua ultima comunicazione data alla stampa chiede di rivedere il Piano Sanitario e contestualmente “una assunzione, da parte di ognuno di noi, delle proprie responsabilità davanti agli elbani.” La sua, di responsabilità, avrebbe potuto assumerla in prima persona partecipando a qualche seduta della conferenza dei sindaci, mentre è stato assente sei volte su sei nel 2017.
Il sindaco Bulgaresi, invece, è stato presente tre volte su sei nel 2017. In una di queste occasioni, il 28.12.2017, ha approvato l’ultima stesura del Piano Sanitario. A lei chiedo come mai, nel periodo della sua presidenza della Conferenza dei Sindaci, non sia stato portato all’approvazione della Regione Toscana il progetto approvato a Rio Marina il 27.1.2015.
Il sindaco Allori, a sua volta, è stato presente due volte e in altre tre occasioni ha delegato il dottor Tagliaferro, medico, che ha approvato in sua vece la stesura definitiva del Piano del 28.12.2017 .
Al di là delle contestazioni personali, che andavano comunque puntualizzate, mi viene da chiedermi una cosa, così come se la chiedono alcuni cittadini sui blog e sui social media: perché, in questi mesi di lavori sul testo definitivo del Piano, nessuno ha mai detto niente, ed invece ad una settimana dalla firma del cronoprogramma di attuazione con la Regione Toscana scoppia improvvisamente un putiferio?
A chi giova tutto questo? A qualche mio collega in cerca di nuova collocazione politica, che trova sponda in altri colleghi che si contraddicono con tanta facilità?
Come ho già avuto modo di sottolineare, quello che abbiamo di fronte non è il piano di Mario Ferrari, né di Forza Italia, come qualcuno ha insinuato: è il piano approvato dalla Conferenza dei Sindaci dell’Isola d’Elba. E’ il frutto di un lungo lavoro di mediazione responsabile con l’azienda, tenendo conto della fattibilità e della sostenibilità degli interventi necessari per le esigenze del nostro territorio. Un piano che, in quanto approvato, potrebbe già oggi essere ratificato, ma che per completezza di analisi (visto che non sono bastate tutte le puntualizzazioni fatte per ogni argomento contestato) va verificato insieme al suo cronoprogramma di attuazione. E’ quello che ho intenzione di fare nella prossima conferenza dei sindaci, sperando che i miei colleghi possano stavolta essere presenti di persona ed abbastanza documentati per suggerire le modifiche secondo loro necessarie nell’interesse dell’Elba e degli elbani.


Mario Ferrari
Sindaco di Portoferraio
Francesco Semeraro Scrivi a Francesco Semeraro
Messaggio 89851 del 23.04.2018, 15:05
Provenienza: Portoferraio
X cui prodest
Caro.... vabbè, sconosciuto.
Mi darai del populista ebbene per quello che ho pensato stamani devo ammettere che lo sono.
Stamattina una giovane fanciulla è caduta, per fortuna che aveva il casco, dal motorino sbucciandosi i gomiti e un ginocchio per via di una buca sull'asfalto a monte dell'asilo la Gabbianella Mi sono offerto di accompagnarla in ospedale ma piangente ha preferito tornare a casa. Riparare le strade non significa solo dare decoro alla città ma previene anche gli infortuni e ti dirò che avrei preferito guardare un operaio riparare la buca che leggere il tuo post sul piano sanitario, senza firma, a difendere l'indifendibile.
Veniamo al tuo scritto. Non posso postare nulla se non è pubblico o senza specifica autorizzazione benché ho tutti i verbali. Senza entrare nel merito del "piano sanitario Elbano" che storto o dritto tutti hanno scannerizzato, voglio dirti che il grande errore che avete fatto...pardon...hanno fatto è stato quello di scriverlo unilateralmente forti della propria maggioranza Amministrativa e quindi inattaccabile da probabili oppositori. Altro errore madornale è quello di voler dimostrare capacità progettuali di lunga esperienza e di averlo mandato, senza una specifica condivisione con chi forse vi avrebbe risparmiato questa ondata di proteste, direttamente alla Regione. Non puoi negarlo, lo avete mandato in 13 pagine e dopo i profondi solchi lasciati da una figura apicale dell'ASL per correggerlo, è stato ridotto a 8 pagine. Forse perché in quelle 5 cassate la Regione si sarebbe vista costretta a concedere un qualcosa in più alla riserva indiana Elbana.
Mi hai deluso però caro "cui prodest" potevi far meglio e di più per gli Elbani a cui devi riconoscenza e tanti ringraziamenti.
Io mi firmo perché ho dignità e non ho padroni.

Francesco Semeraro
sindaco CAPOLIVERI
Messaggio 89850 del 23.04.2018, 14:52
Riccardo
Messaggio 89849 del 23.04.2018, 14:13
Provenienza: Portoferraio
Quale funzione dovrebbe avere la scuola, perlomeno quella pubblica e dell'obbligo?

Ci siamo mai posti seriamente questa domanda così da farci un’idea precisa e consapevole sulle risposte che andiamo a dare, soprattutto ai giovani?
Considerato che la scuola prende in consegna, ancora ‘nude’ perché bambini, persone che domani dovranno essere dei cittadini con diritti e doveri e capacità di operare scelte sociali, madri o padri con la responsabilità di far crescere i figli, lavoratori capaci di fare al meglio il proprio lavoro correttamente nel rispetto delle leggi e della dignità altrui.
Considerato che fra tutto quanto aspetta il giovane dal fine scuola in poi, la parte più difficile, oltre che di gran lunga la più importante, è saper fare il buon cittadino ed il buon genitore, oltre che saper far bene il proprio lavoro, quanto più possibile sicuro e dignitoso per il proprio sostentamento.
Considerato che non esiste separatamente l’uomo lavoratore o l’uomo cittadino o l’uomo genitore, ma esiste una sola entità uomo che è chiamato a svolgere le tre funzioni quotidianamente ed in parallelo senza soluzione di continuità, sempre più con molta flessibilità ed adattabilità causa i continui cambiamenti dei contesti lavorativi e delle esigenze ambientali e di mercato.
Si evince che all’uomo si richiederà sempre più flessibilità nelle specializzazioni, requisito che potrà essere soddisfatto solo se alla base di tutto è stato svolto un buon processo formativo della persona.
Per fare un ‘mestiere’ è sufficiente un buon addestramento che insegni l’uso corretto di attrezzature, macchine, dispositivi etc, per fare un ‘lavoro’ invece è necessaria una adeguata fase formativa attraverso la quale si trasferiscono alla persona conoscenze, cultura, strumenti per la ricerca, per la comprensione, per l’analisi dei problemi e per la corretta comunicazione.
La scuola non deve preparare il giovane a fare un ‘mestiere specifico ’ per poi dipendere quasi esclusivamente da quello, lo deve formare per diventare Uomo capace di comprendere i vari ambiti ed inserirvisi se necessario, capace di far fronte alle difficoltà trovando soluzioni fuori dai colpi di mano e dell’illegalità.
Il mio ideale di scuola dell’obbligo prevederebbe un percorso di quattro anni di liceo classico (formativo) + 2 anni di specializzazione. Due anni di specializzazione a quell’età ed a livello universitario, valgono molto di più dei 5 anni di istituto tecnico iniziati da bambinelli. Per di più hai formato delle persone ad essere buoni cittadini e potenzialmente predisposte a svolgere altre attività se necessario.
Cosa diversa ed altamente educativa, è quella di far conoscere ai giovani gli ambienti di lavoro in modo particolare quelli dove vengono svolte attività di salvaguardia dell’ambiente, del sociale e a difesa della legalità. E’ soprattutto lì che si hanno esempi concreti di cosa vuol dire essere cittadini al servizio dei cittadini.
Riccardo
LA LIBRERIA STREGATA
Messaggio 89848 del 23.04.2018, 12:06





COMPLEANNO ALLA LIBRERIA STREGATA.





Ed eccoci arrivati al TERZO COMPLEANNO della nostra Libreria Stregata!
Oggi IL TIRRENO, approfittando della Giornata Mondiale del Libro, ci ha dedicato mezza pagina per ricordare i nostri tre anni di lavoro e di passioni in mezzo ai libri e ai nostri amici lettori.
I nostri ringraziamenti vanno innanzitutto a tutti i nostri clienti e visitatori, che con fiducia ci hanno meravigliosamente supportato in questi anni.
Un grazie particolare alla redazione del Tirreno per l'ampio spazio dedicato alla nostra libreria, la nostra vita.
A.Baricco.
....
" Si legge non tanto per imparare nè in fondo per essere intrattenuti in modo intelligente: lo si fa per lasciare che quella prosa scorra su certe personali stanchezze, o disfatte, e ne lenisca il bruciore, sciacquando via lo sporco della ferita.
Cosi' si legge per il puro piacere della lettura - e per salvarsi."


e anche Baricco ci ha fatto gli auguri.....
CAPITANERIA DI PORTO DI PORTOFERRAIO GUARDIA COSTIERA
Messaggio 89847 del 23.04.2018, 09:54
PROGETTO ALTERNANZA “SCUOLA - LAVORO 2018”



Anche quest’anno, la Capitaneria di Porto di Portoferraio ha aperto le porte agli studenti dell’Istituto Scolastico Superiore “R.Foresi”, alla luce dell’attuazione della riforma cd “buona scuola” ai sensi della legge 13 luglio 2015 n.107. Il progetto nasce dalla convenzione firmata dall’Istituto Scolastico e la locale Autorità Marittima con l’autorizzazione del Comando Generale delle Capitanerie di Porto e il coordinamento della Direzione Marittima di Livorno. Nello specifico, il progetto parte dall’idea di fornire ai giovani studenti l’opportunità di acquisire quelle competenze utili nel mercato del lavoro all’interno del piano triennale dell’offerta formativa dell’istituzione scolastica come parte integrante del progetto di istruzione. I 18 ragazzi, che si sono intervallati nel corso delle ultime tre settimane, hanno avuto modo di vedere da vicino la Capitaneria elbana, che ha aperto le sue porte ai giovani frequentatori, supervisionati, nel percorso di apprendimento, dai “tutors” militari messi a loro disposizione. Questa è stata un’occasione per poter osservare come funziona la Capitaneria di Porto – Guardia Costiera, istituzione protesa all’assolvimento di compiti quali la ricerca ed il salvataggio della vita umana in mare, il comando e la governance dei porti e lo svolgimento delle funzioni di Autorità Marittima, la tutela della sicurezza della navigazione, del traffico e del trasporto marittimo, la salvaguardia e la protezione dell’ambiente marino e marino-costiero e la tutela degli stock ittici e la vigilanza sulle attività e sulla filiera della pesca. Sono stati presentati i diversi uffici all’interno del comprensorio militare: gente di mare e pesca, demanio marittimo, armamento e spedizioni, tecnica, SIC/NAV, naviglio e patenti, amministrativa ed i ragazzi hanno avuto modo di fare la conoscenza con le attività più operative come la visita in porto e sulla plancia di una nave con il Nostromo, la visita all’interno della sala operativa, l’uscita con le MM/VV CP 725 e 553. Al termine della settimana è stato somministrato un test valutativo agli studenti finalizzato a stimare il livello di apprendimento delle informazioni acquisite nel corso del periodo di permanenza all’interno della Capitaneria. A seguito degli esiti, più che positivi, è stato rilasciato loro un attestato di partecipazione Settimane ricche ed intense di attività che hanno acceso l’entusiasmo dei giovanissimi frequentatori che hanno lasciato, al termine della settimana, con non poca nostalgia l’istituto chissà, perché no, per poterci tornare come personale della stessa.
ufficio d'igiene, arpat e usl e altre cretinate
Messaggio 89846 del 23.04.2018, 09:38
Il gruppo dei rom degeneri , quelli che stanno in 10 in due stanze con un servizio igienico senza finestre, tutti professionisti pieni di arie e di pretese sono ancora queli che in crisi idrica in estate con tanto di divieti del comune con invito a non sciupare l'acqua potabile riempiono una mega piscina di plastica ai loro piccoli cagoni ovvero se questa è l'intelighenzia in italia siamo fritti
cui prodest?
Messaggio 89845 del 23.04.2018, 06:58
Caro Semeraro,

perché non posti il verbale delle sedute di approvazione di quest'anno, dove le firme di approvazione al Piano 2018 sono ben chiare?
Riassumendo:
Barbetti non è mai stato presente e mai è intervenuto sul Piano Sanitario fino ad oggi. Era presente il suo delegato che ha votato a favore nella prima seduta di approvazione del piano 2018
Bulgaresi era presente alle due sedute di approvazione e ha votato a favore.
Allori non è stata presente alle sedute di approvazione del piano e mai è intervenuta sullo stesso ma ha inviato il suo delegato, Dott. Tagliaferro (indubbiamente più competente di lei in materia) ed ha votato l'approvazione del Piano.
A prescindere dai contenuti del Piano, sul quale NESSUNO è entrato nel merito in maniera approfondita, è incredibile come, anche di fronte alla realtà rappresentata da verbali istituzionali, vi sia un tentativo di sovvertimento della realtà che ha dell'incredibile.
Bisognerebbe capire perché ed a chi giovi tutto questo. Perché, in questi mesi di redazione del piano, nessuno ha mai proferito verbo ed a una settimana dalla firma con la Regione, improvvisamente questo putiferio?
Non è una manovra strumentale politica, no...
ELBA SALUTE
Messaggio 89844 del 23.04.2018, 05:47
E' UNA STORIA INFINITA, L'ELBANO NON LA MERITA.




Se i Sindaci Barbetti, Bulgaresi, Allori hanno chiesto un riesame del "Piano Sanitario Elbano" vuol dire che non l'hanno firmato per approvazione perché non condividevano il contenuto o non erano presenti.
Questi tre Amministratori sono nel giusto quando chiedono un momento di riflessione perché la salute dei propri concittadini in primis è affidata al Sindaco che per Istituzione deve sempre garantire una cura adeguata e possibilmente somministrata sul territorio Elbano per evitare disagi al paziente per eventuali trasferimenti e spese alle famiglie.
Nel piano consegnato in questi giorni, la salute del cittadino Elbano nella maggior parte dei casi è commissionata a medici viaggianti (itineranti) di "rete" o se preferite di "risorse di rete" o delegata a sistemi sanitari al di là del mare.
Come in altre occasioni dove il cittadino è sempre stato l'oggetto di discussione a volte anche in maniera impropria, anche questa volta la comunità Elbana sta assistendo a uno spettacolo che di sicuro ne potrebbe fare a meno perché come i Comitati sono stati esclusi perché non Istituzionali, anche i megafoni sui midia non dovrebbero essere ammessi perché ci sono sedi Istituzionali dove poter discutere e condividere il futuro sanitario del cittadino.
Tutto questo serve a perdere fiducia anche sulle Istituzioni locali nelle quali il cittadino ha sempre creduto e sperato che a lui fossero dedicate le migliori prospettive di vita e di salute.
Quanto tempo si è perso e si sta perdendo, non era più semplice prendere una pausa di riflessione come consigliato e rivedere il tutto con un orizzonte più ampio?
SI, L'ELBANO NON LO MERITA.


(Allegato: firme dei Sindaci per approvazione al "Piano Sanitario" del 12 marzo 2015)

Comitato Elba Salute nel CREST.
(Francesco Semeraro)
Si scaldano i motori
Messaggio 89843 del 22.04.2018, 23:58
Provenienza: Rio
A Rio si stanno scaldando i motori . Su Facebook leggiamo commenti caustici tra Sanguinetti e Mancuso con pesanti scambi di accuse reciproche. Stanno nascendo gruppi facebook per convincere gli elettori . Stanno per rivelarsi le liste con i componenti su cui sinistra litigano e si litigherà. Il vero problema starà nel trovare le,risorse , vere risorse capaci e nuove. Ed è proprio sul nuovo che avremo le,delusioni più cocenti. Chi saranno le squadre? Tutti contro tutti . Mi sa che anche questa volta sarà un nulla di fatto e una cocente delusione
x Paolino
Messaggio 89842 del 22.04.2018, 19:51
Provenienza: Capoliveri
Per tua norma e regola sappi che in politica si fanno solo accordi e non contratti. Solo voi grillini e Berlusconi hanno saputo dire una simile demenzialità da chè la storia ricordi.
Un mese e mezzo di squallida inconcludenza all'insegna della purezza grillina, bravi. Risparmiaci le giustificazioni che già le conosciamo.
Luigino
Mario Ferrari Sindaco
Messaggio 89841 del 22.04.2018, 14:19
Alla cortese attenzione dei sindaci Ruggero Barbetti e Anna Bulgaresi



In riferimento a quanto da voi segnalato nella Vostra del 19 aprile e titolata “Il piano sanitario deve essere rivisitato e completato” devo far presente che:
Punto 1): quello che concerne il primo punto, il fatto che la “Chirurgia debba essere un reparto ben funzionante con un Direttore e preparato” è concetto insito nella funzione, ma soprattutto nell’essenza dell’alto ruolo professionale in questione, e non può essere certo argomento di discussione di un piano sanitario. La garanzia di un Direttore “preparato” è data da rigorose regole concorsuali, normate a livello nazionale che hanno come obiettivo ultimo la selezione del miglior professionista in base ai titoli ed esami. Non c’è traccia alcuna nel piano sanitario in questione di declassamento dell’UOC di Chirurgia in UOS, né tantomeno la possibilità che l’ospedale possa rimanere sprovvisto di professionisti in grado di gestire le urgenze chirurgiche, sia risolutive che di stabilizzazione del paziente stesso. Quello che al contrario il programma prevede è un innalzamento del livello di complessità degli interventi programmati che attualmente vengono effettuati in continente. Questo si rende possibile attraverso sia l’utilizzo di risorse aziendali, attraverso la figura di professionisti specializzati in particolari interventi, che hanno casistiche tali da mettere in sicurezza l’operando, (casistiche che all’Elba, per ovvi motivi, mai potremo avere) sia attraverso un potenziamento dell’area di Anestesia e Rianimazione, mediante l’istituzione di UOC e la creazione di 4 posti letto di High Care sub intensiva consente il trattenimento in loco di pazienti che attualmente, per mancanza di una tutela post-chirurgica, vengono trasferiti in nosocomi più attrezzati.
Punto 2): circa la Vostra richiesta concernente il reparto ortopedia: - indispensabile avere una U.O.S, con un responsabile sull’Isola e con un adeguato numero di personale sia per interventi programmati che in urgenza. Faccio notare che questo nuovo assetto proposto coinvolge chiaramente anche l’Ortopedia. Parimenti alla Chirurgia Generale, anche l’attività ortopedica è fortemente condizionata dalla mancanza di un adeguato monitoraggio post-operatorio che possa permettere di effettuare interventi ortopedici su pazienti con qualche rischio operatorio. Ma devo far presente anche che attualmente a Portoferraio è già presente una UOS con una Responsabile, quindi una richiesta inutile.
Punto3):
a) si sollecita un Servizio di endoscopia digestiva con reperibilità H/12. Devo dire che è già presente un servizio di endoscopia digestiva. La sua attivazione è stata molto complessa, dopo il pensionamento del chirurgo responsabile del servizio per l’assoluta difficoltà a reperire tale figura. Proprio perché figura unica, non è possibile assicurare un servizio H12 anche se questa eventualità va tenuta presente in futuro, in caso di arrivo di un altro professionista (anche eventualmente di area chirurgica) in grado di effettuare tale metodica.
b) Cardiologia: reperibilità cardiologica. L’arrivo di un nuovo cardiologo è stata una delle principali richieste di questa Conferenza, recepita immediatamente dall’Azienda. Questo permetterà, una snellimento delle liste di attesa. La realizzazione di una reperibilità cardiologica, che pure era stata richiesta in fase di concertazione con l’Azienda, è resa impossibile dall’elevato numero minimo di professionisti necessari per la copertura H24, che sarebbero tra 6 ed 8 specialisti, numero che rende questa richiesta, inattuabile. E’ però noto a tutti che l’emergenze cardiologiche, anche nelle ore notturne, vengono garantite dai medici del sistema emergenza-urgenza all’uopo preparati. Lo dimostrano l’outcome dei casi di urgenza cardiologica trattati sull’isola che si attestano tra le migliori perfomances regionali.
c) si chiede il Mantenimento del Servizio di nefrologia/dialisi. Il Piano Sanitario non ha mai messo in discussione il servizio di Nefrologia e Dialisi, e non potrebbe essere altrimenti visti i caratteri peculiari di tale specialistica in relazione alla insularità.
d) si chiede il mantenimento di Laboratorio analisi- Centro Trasfusionale anche in questo caso il Piano non mette in discussione la loro funzionalità perché senza questi non potrebbero esistere gli altri servizi ospedalieri.
e) Cure Palliative- Terapia del dolore. A prescindere dal piano sanitario attuale, va sottolineato come questo settore abbia avuto, negli ultimi anni, un notevole sviluppo sull’isola, anche grazie al lavoro del Dottor Graziano e della sua équipe. In linea con i principali protocolli dell’ ”Ospedale senza dolore”, questo piano conferma assolutamente l’utilità di un servizio fondamentale per la qualità di vita dei nostri concittadini.
f) Per quanto concerne il Reparto Materno Infantile si apprezza il supporto e l’onere della Rete Aziendale per garantire il servizio, ma la presenza di un responsabile sull’Isola sia per la Pediatria, sia per l’Ostetricia consentirebbe una miglior continuità - vi devo ricordare che uno dei maggiori problemi della sanità attuale, come più volte sottolineato anche in discussione in seno alla Conferenza dei Sindaci è la carenza dei medici specialisti, problema che, fra qualche anno, diventerà una vera e propria emergenza nazionale. In questo contesto la figura del pediatra è quella maggiormente coinvolta. Ogni anno infatti in Italia vanno in pensione circa i 650-700 pediatri. Dalle scuole di specializzazione ne escono poco più di 300, lasciando inesorabilmente sguarnite non solo le corsie ma anche i posti sul territorio, che comunque esercitano più attrazione sui professionisti e quindi hanno meno difficoltà. Il grido di allarme arriva addirittura da importanti ospedali quali il Bambin Gesù di Roma. E’ quindi facile immaginare come tale carenza possa maggiormente interessare un nosocomio in un territorio disagiato come l’Isola d’Elba. Quindi il problema non è nell’assetto organizzativo (anche se l’istituzione di una UOS può avere un ruolo attrattivo) ma nel reperimento di questa stessa figura. In questo senso va riconosciuto all’Azienda, l’impegno per assicurare il funzionamento di un reparto, in potenziale costante sofferenza per le problematiche contingenti sovra descritte, con la presenza h24 di un professionista.
g) Mantenimento del Servizio NPI (Neuropsichiatria infantile) e servizi ad esso correlati. Anche in questo caso (NIP) non vi è alcun ridimensionamento di un servizio fondamentale per i nostri piccoli concittadini
h) Ambulatori- una dei primi risultati di questo piano è stata l’apertura di nuovi servizi ambulatoriali non presenti sull’isola, che erano causa di numerosissime fughe verso il continente. In quest’ultimo periodo sono stati attivati ben tre nuovi servizi ambulatoriali, Medicina Interna, Pneumologia e Reumatologia, branche che, nel loro insieme, interessano più del 80% della malattie croniche. Indubbiamente in grande risultato per tutta la sanità isolana.
In riferimento alla ipotesi di una unica area plurispecialistica, si sottolinea come, questa, che rimaneva una eventualità, nasceva dalla considerazione di esperienze di altri nosocomi, anche di dimensioni maggiori del nostro, che avevano portato, secondo indicatori specifici, ad un notevole miglioramento del quadro assistenziali. Prendo atto che questa ipotesi suscita legittime perplessità, anche in base alle caratteristiche peculiari del nostro territorio, per cui convengo sulla opportunità di una cancellazione di tale punto.

Arch.tto Mario Ferrari
Sindaco di Portoferraio
M5S-LEGA...
Messaggio 89840 del 22.04.2018, 14:01
Provenienza: CAPOLIVERI (PAOLINO L'ARROTINO)
Un governo M5S-LEGA, seppur a scadenza programmata può essere uno sbocco al cul-de-sac che si è creato.
In un contratto di legislatura potrebbero essere sufficienti pochi punti.
I punti all'ordine del giorno potrebbero essere questi:
1) Abolizione dei vitalizi con il vecchio sistema.
2) Abolizione delle auto blu ad eccezione di rari casi.
3) Abolizione delll'ultima legge sulle pensioni.
4) Dimezzamento degli stipendi dei parlamentari e dei dipendenti dei due rami del parlamento.
5) Innalzamento delle pensioni minime a 1000€ mensili.
6) Abolizione della legge che con una legislatura permette ai parlamentari di percepire a 65 anni una pensione da circa 1200€ mensili, mentre con due legislature, la stessa pensione passa a circa 2300€ e "udite udite" con 60 anni di età.
7) Approvazione del reddito di cittadinanza.
8) Riforma elettorale, e il giorno dopo delle elezioni, gli italiani sapranno da chi saranno governati.
9) Lotta senza mezze misure alla corruzione.
9) Diritto allo studio e gratuito fino alll'unuversità.
10) Diritto a curarsi negli ospedali pubblici senza essere in lista di attesa talvolta per mesi, così come per una visita specialistica o diagnostica.
Basterebbero questi pochi punti per far capire agli italiani che finalmente si è passati dalle parole ai fatti.

Paolino l'arrotino-
A proposito di nomenklatura
Messaggio 89839 del 22.04.2018, 13:30
Caro Corsini,mi meraviglio che proprio lei parli di vecchia nomenklatura,che questa ha creato o non risolto problemi negli anni a Rio Marina......ma lo sa cosa dice?
.......ma i Sigg.Baleni e Fortunati,che si dice che faranno parte della sua squadra,mi sbaglio,o hanno fatto parte quasi sempre di passate Amministrazioni a Rio Marina,lasciando irrisolti i problemi di cui la gente si lamenta oggi ?
X Mario
Messaggio 89838 del 22.04.2018, 13:01
Provenienza: SAnità
Mario, ma tu credi alle cavolate che racconta Mario Ferrari, Sindaco di Portoferraio?
Fagli pubblicare i verbali delle riunioni della conferenza.
Tra l'altro convocata appositamente il 17 dicembre e poi il 27 dicembre.
Proprio nella speranza che non ci fosse nessuno!!!
Cosa che è successa.
Ufficio d'igiene, arpat, Usl
Messaggio 89837 del 22.04.2018, 11:43
Provenienza: continente
Mi domando se non esistono più le regole di igiene dei tempi passati e mi spiego : è mai possibile che in due vani angusti con un servizio igienico senza finestre passino le vacanze due ingegneri, un architetto un paio di professoresse con pargoli cagoni al seguito per un totale di quasi 10 persone.....ma vedete bene si parla di professionisti e non di rom perchè i rom in tanti spazi angusti e in troppi si rifiutano di starci .....incredibili personaggi e si danno pure un sacco di arie ..
Mario
Messaggio 89836 del 22.04.2018, 09:48
Leggo che il Piano sanitario è stato approvato, in più sedute, all'unanimità, da TUTTI (appunto) i Sindaci e delegati in Conferenza dei Sindaci, dopo un lavoro durato circa un anno.
Questo è stato confermato dal Sindaco Ferrari con i mani i verbali che mostravano le presenza alle varie sedute della Conferenza ed il voto positivo. Dopo l'approvazione, ben tre Sindaci si autosconfessano o sconfessano i propri delegati (per Marciana Marina è un medico), sollevando questioni che MAI erano state sollevate nella giuste e legittime sedi e nei tempi previsti.
Quindi, delle due, l'una:
- o i Sindaci e/o delegati, hanno votato un documento che non hanno letto o quanto meno non hanno capito (e questo sarebbe preoccupante..)
- o i delegati hanno agito senza l'accordo con i loro Sindaci che li hanno sconfessati (e quindi, come minimo dovrebbero dimettersi)
- o tutto questo è semplicemente strumentale, non volendo far emergere il ruolo di Ferrari nell'aver portato a casa il risultato, dopo le precedenti e gravi fratture nella Conferenza dei Sindaci
a guida Bulgaresi . Praticamente una resa dei conti.

In tutti i casi, una tristezza infinita.
CAPOLIVERI è sempre CAPOLIVERI-
Messaggio 89835 del 22.04.2018, 09:22
Provenienza: PIAZZA CAPOLIVERI-
Il ponte del primo maggio sarà l'inizio della stagione estiva dopo il lungo letargo. I ristoratori o tavole calde, aspettano questo momento per iniziare a vedere qualche "LIRA", ma purtroppo non sarà così visto che dal 28 aprile al 1° maggio i nostri tavoli saranno vuoti mentre le bancarelle dello "STREET GOOD" affollate dai primi turisti.
Amm. Com. Marciana marina
Messaggio 89834 del 22.04.2018, 09:21
PIENA CONDIVISIONE CON I SINDACI BULGARESI E BARBETTI



L'Amministrazione Comunale di Marciana Marina, appoggia pienamente la presa di posizione dei Comitati, condivide le osservazioni evidenziate dal Sindaco Bulgaresi e dal Sindaco Barbetti, ritenendo indispensabile la rivisitazione, nonché integrazione, del Piano Sanitario Elba.
In particolare

• sostiene l'idea di un'unità operativa complessa di chirurgia, in quanto entrare in rete con un' équipe itinerante con l'ospedale di Piombino e Cecina accrescerebbe la fragilità del sistema di assistenza;
•ritiene grave il fatto che non siano stati presi in considerazione altri servizi ambulatoriali (reperibilità giornaliera di cardiologia, laboratorio di analisi, endoscopia,ecc.);

•ritiene grave il fatto che non siano stati presi in considerazione servizi periferici nei vari ambulatori dei Comuni dell'Isola d'Elba.
L'insularità del nostro territorio richiede maggior attenzione rispetto ad altre Strutture Ospedaliere della terraferma situate a poca distanza l'una dall'altra, come quelle di Piombino e Cecina.

L’Amministrazione Comunale
Per il dottor Corsini
Messaggio 89833 del 22.04.2018, 08:47
Provenienza: Rio
Il 10 giugno si avvicina.
Poiché riconosce che i programmi enunciati alla fine sono sostanzialmente uguali fra candidati vecchi e nuovi, ora come in passato, ma i problemi restano irrisolti, sembra evidente che la differenza potrebbe farla non tanto l'uomo solo al comando, ma qualche cosa in più.
Ecco da lei, come elettore, vorrei sapere proprio questo.
Quindi, alla luce di quella sana concretezza da lei testé evocata, mi permetto di chiedere,
come?
E fino ad ora non l'ha ancora detto.
Saluti, Ivano
Marco Corsini Scrivi a Marco Corsini
Messaggio 89832 del 21.04.2018, 20:17


Buongiorno a tutti. Come dice qualcuno, il blog potrebbe non essere la sede giusta per dibattiti approfonditi. Ma dato che il blog viene usato per fare domande, è giusto sia usato per dare risposte.
A chi ("Riese" del 16/4) mi dice di aver ascoltato il mio programma ma di non averci trovato nulla di nuovo rispetto ai programmi passati, rispondo che ancora nessuno ha letto il mio programma, ma ha solo ascoltato poche battute in una cordiale chiacchierata. Vede, il fatto che i programmi sembrano sempre gli stessi dipende dal fatto che purtroppo sempre gli stessi sono i problemi della comunità, perché nessuno negli anni ha saputo darvi soluzione. E i problemi restano irrisolti. Il mio impegno è e sarà di fare di tutto per dare alla comunità le risposte che attende. Magari un po' di sana concretezza dopo tanto tempo potrebbe non guastare. Che ne di dice? Comunque, ne riparliamo dopo la lettura del programma.
A chi invece ("Osservatore Cavo" sempre del 16/4) mi invita a fare due conti tra i voti che si prenderebbero e quelli che si perderebbero con la scelta dei candidati di lista, farei notare che il vero obiettivo è circondarsi di persone giuste, mediando tra esperienza, competenza, rappresentatività, novità ed entusiasmo. Tutte queste componenti servono in una squadra, se si vuole ben servire il paese unito. C'è un interesse generale che sta sopra i veti personali, e sta al di là della matematica elettorale. E c'è il desiderio di essere discontinui rispetto alla nomenklatura che fino ad ora ha governato. E che, in modo del tutto comprensibile, tutto questo rifiuta, e si arrocca difendendosi. La mia speranza è che questo messaggio sia compreso.
Vi ringrazio comunque per l'attenzione.
Proprieta di Pianosa
Messaggio 89831 del 21.04.2018, 17:42
Provenienza: Elba
Caro Sindaco di Campo dell'Elba ora che si è dipanata la matassa della proprietà dei terreni e manufatti di Pianosa quindi compreso gli animali che ci vivono , sarebbe il caso di far smettere di sparare ai suddetti cosa che avviene anche quando sono presenti i turisti.
Certo non é sicuramente un bel biglietto da visita e chi sà cosa penseranno di questa inutile e barbara carneficina di animali .
Gianluigi Palombi
Messaggio 89830 del 21.04.2018, 16:59
Caro Gino,

Sarà bene chiarire a chi è digiuno di un minimo di educazione civica (a quanto pare l'Ex Sindaco Lambardi è uno di questi) che nel ruolo di Assessore alla Sanità, non ho il diritto, ma il dovere di occuparmi di questo delicato settore. Ed è un dovere che ho proprio di fronte ai cittadini campesi che rappresento. Il lavoro impegnativo di collaborazione alla stesura del Piano Sanitario elbano che ho svolto, secondo scienza e coscienza, mi ha portato a confrontarmi con politici ed amministratori di ben altro livello rispetto a quello di Lambardi (tra l'altro tutti di indirizzo politico diverso dal mio e vicino a quello dell'ex Sindaco), e nessuno di questi ha mai messo in dubbio il mio ruolo e ciò che rappresentavo. E' chiaro che chi, come me si occupa di Sanità nella vita "civile", può essere maggiormente interprete dei bisogni e delle necessità della comunità che rappresento rispetto a chi si occupa di altro.
In realtà, l'accusa di conflitto di interesse, risuona come un attacco politico estremamente basso, perché va condizionare e minare la professionalità del medico (molto più importante di quella di piccolo politico ed amministratore locale). Quando gli attacchi politici toccano il personale, ebbene, possiamo dire di aver toccato il fondo.
Se poi davvero il Lambardi pensa che ci sia in conflitto di interesse, in base a dati incontrovertibili e ben precisi, lo dimostri pubblicamente e lo denunci a chi di dovere.
Non ho voglia di entrare nei miei meriti personali, ma posso assicurare che le mie scelte di amministratore a favore della comunità sono andate solo in quella direzione, che non è affatto coincisa con le tappe della mia carriera di medico. Se poi vuoi che io sia più chiaro e te lo dimostri, puoi passare in Comune e te lo spiego in dettaglio, come farò con Lambardi quando avrò la fortuna di incontrarlo in Consiglio Comunale.
Perché il lavoro è cosa seria, io ci mando avanti la mia famiglia, ed illazioni di questo tipo sono assolutamente irricevibili. Per quello che concerne la mia onnipresenza, tenendo presente che alcuni di sinistra mi accusano del contrario (mettetevi d'accordo), io mi limito a svolgere al meglio le deleghe che il Sindaco mi ha indegnamente assegnato, e lo faccio con dedizione e massimo impegno. Ho solo un cruccio, al contrario di quanto da te affermato, caro Gino, vorrei essere ancora più onnipresente per dare un maggiore aiuto ad un Sindaco che ha una grande mole di lavoro e passa le intere giornate all'interno del Palazzo Comunale. Anche a fare quelle cose che il Lambardi non ha fatto, forse troppo attento a cercare conflitti di interesse di chi , nella vita, ha sempre lavorato con estrema onestà, dedizione e passione.
Sindaco Cercasi
Messaggio 89829 del 21.04.2018, 15:04
Provenienza: Campo
X uno di campo
Hai ragione che Lambardi non centra una beata favola, ma tu che lanci strali a chi ha sempre messo la faccia quando era Sindaco senza mai delegare nessuno perché non ti guardi intorno? Vedrai sempre e solo uno (e forse sei proprio tu quello che bacchetta Lorenzo) che certo non è il sindaco che noi abbiamo votato.
Ma il Sindaco ha capito che l'onnipresente che lo sostituisce per suo ego provinciale, anzi paesano, penalizzerà anche noi Campesi sanitariamente? Il Sindaco c'è ancora? Se c'è perche non va a fare una visita al distretto di Campo e vedere in quali situazione è?
Lambardi può parlare perchè era un sindaco impegnato per la nostra salute.
Gino
SPI CGIL ELBANA
Messaggio 89828 del 21.04.2018, 11:26
Provenienza: Stefano Bramanti
SPI CGIL: APPELLO ALLA PARTECIPAZIONE ALLA FESTA DEL PRIMO MAGGIO


Varata una nuova iniziativa sociale e culturale dalla Cgil dell'Elba, per il rilancio della Festa del lavoro del Primo Maggio, impegno sostenuto dallo Spi Cgil e dalle altre categorie. Il sindacato dei pensionati, dopo aver gestito la “Giornata internazionale della donna” dell'8 marzo, invita i circa 1200 iscritti ad aderire alla riscoperta della storica Festa, dedicata al tema della “Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro”. L'evento di svolgerà nei giardini di Procchio a partire dalle 11,30. “Lo scopo – fa presente il segretario dello Spi Cgil Luciano Lunghi- è quello di trascorrere tutti insieme, presso il parco attrezzato del paese marcianese, concesso dalla sindaca Anna Bulgaresi, una giornata di incontro tra le generazioni, una festa in grado di porre all'attenzione pubblica l'importanza del lavoro, fondamento della vita dell'uomo e della nostra carta costituzionale. Ci aspettiamo una larga partecipazione popolare e i nostri iscritti sono chiamati a intervenire”. La manifestazione prevede inizialmente un momento assembleare, con i saluti del coordinatore della Cgil isolana Manuel Anselmi, quindi l'intervento della prima cittadina Bulgaresi e a seguire quello del segretario regionale della Cgil Maurizio Brotini. Alle 12,30 sarà aperto il barbecue, accessibile dagli intervenuti e fino alle 16 la festa sarà allietata dalla musica della cantante Marika e tutto l'evento è realizzato in collaborazione con le Pro Loco di Procchio e Marciana ed ha il sostegno anche di UnipolSai di Parrini e Manfanetti.
CENNI SULL'ORIGINE DELLA FESTA DEL LAVORO DEL PRIMO MAGGIO
Nel 1886 a Chicago accaddero i fatti che poi portarono alla creazione di una giornata internazionale di festa del lavoro del primo maggio, dedicata alle rivendicazioni tese a migliorare le condizioni di lavoro. Ci fu la rivolta di Haymarket e il 3 maggio i lavoratori in sciopero si ritrovarono all'ingresso di una fabbrica di macchine agricole. La polizia, chiamata a reprimere l'assembramento, sparò sui manifestanti uccidendone due e ferendone altri. Per protestare contro la brutalità delle forze dell'ordine, gli anarchici organizzarono proteste e questa volta qualcuno lanciò una bomba e perirono 6 poliziotti, ci fu allora una feroce reazione e non si è mai saputo il tragico bilancio di vite perse in quel brutale evento. La data del 1º maggio per la fetsa fu adottata in Canada nel 1894 e più tardi in quasi tutti i paesi del mondo. In Europa la festività del primo maggio fu ufficializzata dai delegati socialisti della “Seconda Internazionale” riuniti a Parigi nel 1889 e ratificata in Italia due anni dopo.
MA NON CI FATE RIDERE!
Messaggio 89827 del 21.04.2018, 10:21
BEATO IL PAESE CHE NON HA BISOGNO DI COMICI.




Al nostro questa fortuna non è toccata e non perché abbiamo una capacità innata di ridere e di far ridere, o perché non esistono problemi. La verità è che in Italia tutte le colpe sono dei comici; la politica non la fanno i politici, ma i comici.
Del resto, se la classe politica individua nei comici i nuovi filosofi, i maestri del pensiero (debole, ma sempre pensiero), qualcosa davvero non funziona.
Una volta si faceva attenzione a non sconfinare tra politica e informazione, oggi è impossibile. Così si affida alla satira una funzione che non ha, quella di rappresentare la lotta politica spacciandola per libertà d’informazione.
Trasformare i comici in profetici apostoli francamente mi sembra eccessivo. Molto meglio che i buffoni continuino a farci ridere e i governanti a governare. Nonostante i comici.
Vogliamo essere un paese che sa ridere o un paese che non sa di essere ridicolo?
BICI IN CONTROMANO- CAPOLIVERI-
Messaggio 89826 del 21.04.2018, 10:14
Provenienza: CAPOLIVERI
Da mesi sento parlare anche su questo blog, di fagiani, cinghiali, mufloni e lo trovo lecito, ma non riesco a capire il motivo per cui, quando un cittadino mette in evidenza un problema che può arrivare a gravi conseguenze per le persone, in particolar modo per gli scooteristi e i ciclisti stessi, è classificato un rompicoglioni e che non dovrebbe esternare le proprie preoccupazioni.
Marcello Camici
Messaggio 89825 del 21.04.2018, 07:52
FINE DEL GRANDUCATO DI TOSCANA ASBURGO LORENA L’ALBA DELL’UNITA’ D’ITALIA A LL’ELBA (1859-1860) DECRETO DI CONVOCAZIONE DELL’ASSEMBLEA DEI RAPPRESENTANTI DELLA TOSCANA. SECONDA CONVOCAZIONE



Il primo novembre 1859 il governo della Toscana emana un decreto col quale convoca una seconda adunanza del l’assemblea dei rappresentanti della Toscana che si era aperta 11 agosto 1859 e che il 20 agosto 1859 era terminata ma non chiusa:era stata prorogata fino a nuova convocazione In questa prima adunanza dell’agosto 1859, l’assemblea aveva dichiarato decaduta la dinastia Asburgo Lorenese e non più restaurabile e la proposta per l’annessione al regno sardo stata approvata all’unanimità. Uno dei due deputati che rappresentavano l’ Elba ,Gorgio Manganaro( l’altro Giobatta Gemelli)era intervenuto attivamente nelle discussioni come risulta dai verbali. Questo il decreto per la convocazione della seconda adunanza dell’assemblea toscana: “REGNANDO SUA MAESTA VITTORIO EMANUELE II Il Governo della Toscana decreta: Art 1 L’Assemblea dei rappresentanti della Toscana è convocata pel giorno sette del corrente mese di Novembre Art 2 Il ministro dell’Interno è incaricato della esecuzione del presente decreto Dato in Firenze il primo novembre milleottocentocinquantanove Il presidente del Consiglio dei ministri e ministro dell’Interno B. RICASOLI Il ministro della istruzione pubblica e ministro interino degli affari esteri C. RIDOLFI Il ministro di giustizia e grazia E POGGI Il ministro delle finanze,del commercio e dei lavori pubblici R BUSACCA Il ministro degli affari ecclesiastici V SALVAGNOLI Il ministro della guerra R CADORNA Il segretario generale del Governo della Toscana CELESTINO BIANCHI” La convocazione dell’assemblea dei rappresentanti (la seconda, essendo la prima avvenuta nell’agosto dello stesso anno 1859) fa sì che si possa avere l’apertura della prima seduta il 7 novembre .Bettino Ricasoli si presenta politicamente rafforzato dopo il successo avuto nelle elezioni delle rappresentanze comunali .Nel suo messaggio all’assemblea parla di riorganizzazione della Toscana che deve essere tesa all’unione col Re Eletto ,SM Vittorio Emanuele II, e propone di nominare Eugenio di Savoia a reggente della Toscana .La proposta è approvata all’unanimità meno un voto.



Marcello Camici
mcamici@tiscali.it
Lorenzo Scrivi a Lorenzo
Messaggio 89824 del 20.04.2018, 23:41
Provenienza: Rio elba
Buonasera a tutti .... mi stavo chiedendo osservando e vivendo come possa essere possibile per un elbano basarsi sui mezzi pubblici per lavorare da una parte all’altr Dell’isola e soprattutto il sabato o la domenica in un mmonento in cui si apre la stagione il supporto dei mezzi pubblici e molto essenziale se non inesistente in alcuni casi con l’alternativa di un taxi che chiede 50 euro per 12 km come è possibile che ci sia tanta gente a casa in disoccupazione e non ci sia una rete strutturata per supportare e essere attivi e dare imput e risorse .... come si può impedire o rendere difficoltoso il semplice momento legato ad un periodo di lavoro intenso che apporta benessere e costruzione ma come si può pensare di dormire quando si vive per costruire .....
X Simone
Messaggio 89823 del 20.04.2018, 21:48
Provenienza: Proprio tu?
Simone ci hai illusi e sedotti e abbandonati. Eri il nuovo che avanza la rivoluzione elbana che parte da Rio e invece che fai ci chiedi di appoggiare quelli che ai sempre definito i soliti noti. Che tristezza Simo. Rio non ha piu speranze te eri l'ultima speranza di Rio. Intanto riparte il safari alla faccia dei disoccupati e dei ambientalisti. A Rio se sei amico lavori anche fuori legge se no fai la fame.
Lupi simone
Messaggio 89822 del 20.04.2018, 15:43
Il mio sogno da piaggiese mi piacerebbe vedere Ruggero barbetti sindaco del mio paese, visto che uno dei due sindaci insieme a maurizio papi sono le persone che stimo di più nell ambiente politico elbano ma visto che questo sogno non si avverrà, spero che i riesi voteranno MARCO CORSINI visto che è l unico che puo dare una svolta a questo paese
COMUNE INFORMA
Messaggio 89821 del 20.04.2018, 11:41

Una riunione per organizzare la manifestazione prevista per la ricorrenza del 25 aprile è stata convocata dal sindaco di Portoferraio Mario Ferrari per lunedì 23 aprile alle ore 10 presso il Palazzo Municipale.
Alla riunione preliminare sono formalmente invitati i capigruppo consiliari, le Forze dell’Ordine presenti sul territorio, la Federazione Elbana Combattenti e Reduci, il referente elbano dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, , l’Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi, l’Associazione Carabinieri in Congedo, l’Associazione Marinai d’Italia, l’Associazione Finanzieri in Congedo, l’Associazione Nazionale Bersaglieri sezione Elba, l’Associazione Culturale Elba Fortificata e la Filarmonica “G.Pietri”.
Sono stati invitati anche il parroco della Natività Beata Vergine Maria don Sergio Trespi e il parroco di San Giuseppe don Gianni Mariani.

Portoferraio, 20 aprile 2018
CINEMA TEATRO FLAMINGO
Messaggio 89820 del 20.04.2018, 11:36
Al Cinema Teatro Flamingo tante risate con la Compagnia Teatrale Capoliveri Caput Mundi – Il 23, 24, 25 aprile va in scena “Mi sono fatto la badante”.




Una commedia esilarante nata dall’estro di un gruppo teatrale che da anni si esibisce per divertirsi e divertire, un momento di puro spettacolo per trascorrere una serata in allegria giocando con l’ironia, l’equivoco e l’inevitabile affacciarsi di quella fase della vita che è la vecchiaia.
A Capoliveri debutta il 23, 24 e 25 aprile “Mi sono fatto la badante”: uno spettacolo portato in scena dalla Compagnia Teatrale Capoliveri Caput Mundi che rielaborando idee, battute e scenette presenterà al pubblico uno spettacolo in puro vernacolo capoliverese.
Al centro della commedia una storia attualissima, quella degli anziani bisognosi di cure e assistenza. Un tema più che mai presente nelle case di tutta Italia ed anche nella ridente Capoliveri.
Uno spettacolo per ridere e sorridere della vita, con i suoi alti e i suoi bassi e con le sue infinite sorprese.
Sul palco del Cinema Teatro Flamingo ci saranno: Lorenzo Puccini, Romano Giacomelli, Dalila Casu, Selene Cardelli, Franco Casu, Alberto Baldetti, Nicoletta Sardi, Santuzza Guglielmi, Carlo Camilletti, Angelica Giacomelli, Maria Paola Scappini. La regia è di Franca Canovaro.
Parte del ricavato delle tre serate sarà devoluto in beneficenza.
Per info e prenotazioni: MaggyArt - 377.2628955.
ITALO BOLANO
Messaggio 89819 del 20.04.2018, 11:14
La mostra in Cina di Bolano “rimbalza” in diretta a Firenze. E riappare l'Elba ispiratrice




L'associazione Moving Gallery, che si occupa di scambi artistico-culturali Italia Cina, in contemporanea con la mostra di Shanghai, ha voluto organizzare una esposizione dei 6 pittori che sono presenti al Museo di Shanghai, a Firenze, nella sala congressi “Al Duomo”.
Le due inaugurazioni sono avvenute in contemporanea e in collegamento Skype.
Il dott. Paolo Del Bianco, Presidente del Centro Congressi, ha illustrato l'esposizione e il fine che si propone nei rapporti Italia-Cina; altrettanto ha fatto, sempre in diretta, il dott. Michele Taccetti, Presidente di Moving Gallery, da Shanghai.
Il nostro Italo Bolano ancora una volta ha parlato della nostra meravigliosa Isola che, con i suoi colori, continua a ispirarlo per le sue opere. Anzi, Bolano ha ricordato che, ancor giovanissimo, creò nel 1964, un crocevia di artisti internazionali i quali donavano un'opera all' International Art Center. Con queste opere Bolano intendeva creare anche un Museo internazionale d'Arte Moderna ma i tempi erano prematuri e si ripiegò su sé stesso realizzando il suo “Open Air Museum” a San Martino, noto in Italia e all'estero.
Solo oggi, dopo 50 anni, il Comune di Portoferraio ha recepito l'idea ed ha concesso tre prime sale al Forte Falcone per avviare il Museo internazionale: la prima è stata inaugurata lo scorso anno con opere ceramiche donate dall'artista.
La sua intervista ha accennato all'importanza dell'arte come linguaggio universale per avvicinare popoli e culture ed ha terminato con una frase che usa spesso: “ l'arte è il miglior rimedio al peggior male della società: la corruzione della coscienza”.

scritto da International Art Center
IRON TOUR ELBA
Messaggio 89818 del 20.04.2018, 11:04
Provenienza: Capoliveri
IRON TOUR ELBA - MTB TRIATHLON, DAL 21 AL 25 APRILE A CAPOLIVERI



Un grande evento sportivo, una manifestazione di grande richiamo per atleti e amanti dell’outdoor, impegnati nell’unico evento di triathlon offroad a tappe presentato in Europa ed uno dei rari al Mondo.
Si tratta dell’Iron Tour Elba MTB Triathlon che si disputerà all’Isola d’Elba dal 21 al 25 aprile.
Quattro imperdibili tappe, distribuite su quattro giornate di gara, in quattro splendide località dell’isola: una manifestazione unica nel suo genere che apre le porte alla stagione turistica 2018 nell’ineguagliabile scenario della più grande delle isole minori d’Italia.
Capoliveri sarà la base logistica dell’evento che si svilupperà fra i sentieri del Capoliveri Bike Park, sul promontorio del Calamita, Lido di Capoliveri, Porto Azzurro, Pareti, Naregno.
Una gara e un modo per godere da vicino delle bellezze naturalistiche dell’Elba sud orientale che in questo momento dell’anno appare ancor più magica e affascinante.
La gara è organizzata da Spartacus events in collaborazione con il Comune di Capoliveri. Questo il programma della manifestazione:

-1^TAPPA 21 Aprile
Presso Segreteria Loc.Naregno
.Ore 8:30/9:30 Distribuzione pettorali e consegna da parte dell’atleta di propria sacca indumenti numerata e apposita sacca numerata materiale T2
.Ore 10:00/10:45 Apertura/Chiusura zona cambio T1
.Ore 11:00 Partenza
.Ore 15:00 Pasta party/premiazioni

-2^TAPPA 22 Aprile
Presso Segreteria Porto Azzurro
.Ore 9:00/10:00 Distribuzione pettorali
.Ore 10:00/10:45 Apertura/Chiusura zona cambio
.Ore 11:00 Partenza
.Ore 13:00 Pasta party e premiazioni

-3^TAPPA 23 Aprile
Presso Segreteria Loc.Barbarossa(Porto Azzurro)
.Ore 9:00/10:00 Distribuzione pettorali
.Ore 10:00/10:45 Apertura/chiusura zona cambio
.Ore 11:00 Partenza
.Ore 13:00 Pasta party e premiazioni

-4^TAPPA 24 Aprile
Presso Segreteria Loc.Lido di Capoliveri
.Ore 9:00/10:00 Distribuzione pettorali
.Ore 10:00/10:45 Apertura/Chiusura zona cambio
.Ore 11:00 Partenza
.Ore 13:00 Pasta party e premiazioni

-5^TAPPA 25 Aprile
Presso Segreteria Loc.Pareti di Capoliveri
.Ore 9:00/10:00 Distribuzione pettorali
.Ore 10:00/10:45 Apertura/Chiusura zona cambio
.Ore 11:00 Partenza
.Ore 13:00 Pasta party e premiazioni di tappa
.Ore 15:00 Cerimonia di premiazioni finale IRON TOUR CROSS
Attenzione:
gli atleti assenti alle cerimonie di premiazioni perderanno diritto di ritiro premi e montepremi.I premi e montepremi non consegnati saranno assorbiti dall’organizzazione.
Vi sembra normale che....
Messaggio 89817 del 20.04.2018, 09:28
Ci sembra normale che, nonostante il terremoto politico del 4 marzo, a dare le carte sia ancora lui. Se da più di vent’anni Berlusconi è ancora lì, non è solo perché abbiamo avuto una finta opposizione esecrabile come nessuno: è perché il Berlusconi che alberga in tanti di noi tifa sempre per quell’ometto lì. Prendiamone atto: ha vinto lui. E vincerà anche quando non ci sarà più, perché siamo e saremo sempre il Paese in cui la “questione morale” è giusto una citazione stanca di Berlinguer. Il Paese in cui di uno stalliere mafioso o di una tessera P2 non frega niente a nessuno, mentre dalle cazzate a casaccio del primo Buffon che passa paion dipendere le sorti del mondo. Buona catastrofe.
RIFLETTIAMO gente,riflettiamo.........basta con questi personaggi squallidi..il paese ha bisogno di gente onesta,seria,responsabile.
PROMUOVI LA TUA AZIENDA
Messaggio 89816 del 20.04.2018, 08:20

Ruggero Barbetti Sindaco
Messaggio 89815 del 19.04.2018, 23:34
CARO MARIO TI SCRIVO....





Caro Mario,
innanzi tutto calma e sangue freddo, non dimenticare che siamo amici e la dialettica è l'anima della politica per cui ti scrivo queste poche righe tra il serio e il faceto. Per primo ti voglio però rassicurare che "in questi ultimi tempi non mi sono occupato del comune di Portoferraio" come invece tu asserisci. Se me ne fossi occupato, forse ne avresti già visto gli effetti.
Per secondo ti dico di stare "sereno", perchè io non mi candiderò mai a sindaco di Portoferraio, anche se me lo chiedono tutte le persone che incontro. Vivo la politica come una passione e non come un lavoro, cosa che invece accadrebbe se diventassi sindaco di un qualsiasi comune che non fosse il mio. Amo Capoliveri e l'Elba e se i miei compaesani lo vorranno, mi candiderò di nuovo a Capoliveri nel ruolo che il futuro sindaco vorrà assegnarmi (non ne abbiamo ancora parlato).
Non ho ambizioni di poltrone anche se devo ammettere che sono le poltrone che si appiccicano a me. Ho perso il conto.....ma evidentemente qualche qualità la devo possedere.
Inoltre non posso negare che se non fosse accaduta la tragedia che ha colpito Altero Matteoli, io oggi occuperei una poltrona anche alla Camera dei deputati.
Quindi potrei dire: Voi siete Voi e io non sono un ca..o!!

Ruggero Barbetti
uno di campo
Messaggio 89814 del 19.04.2018, 21:35
Provenienza: campo
X LORENZO LAMBARDI
Leggo su facebook che per quanto riguarda il Piano Sanitario sei completamente d'accordo con I Sindaci Barbetti e Bulgaresi.
Ebbene i suddetti Sindaci sono autorizzati ad intervenire sull'argomento in funzione di quello che rappresentano,ma tu a quale titolo ti inserisci nell'argomento??
Paolo
Messaggio 89813 del 19.04.2018, 19:24
Provenienza: Rio
Ci vogliono persone semplici forza canovaro sistemiamo il paese il Porto e rio farà il trampolino di lancio con le miniere gestite con criterio saluti a tutti quelli belli e quelli britti
IL MONUMENTO....AL DEGRADO
Messaggio 89812 del 19.04.2018, 17:29
WORK IN PROGRESS.....CHE SIA LA VOLTA BUONA...?

Una schiarita sul Porto
Messaggio 89811 del 19.04.2018, 17:18
VOLERE E POTERE...
ATTENDIAMO CON RINNOVATA FIDUCIA ANCHE LA SOLUZIONE ALLE ALTRE SEGNALAZIONI
GRAZIE



Mario Ferrari Sindaco
Messaggio 89810 del 19.04.2018, 16:54
“Il Piano Sanitario che viene pesantemente attaccato e criticato in questi giorni non è il piano di Mario Ferrari, ma della Conferenza dei Sindaci dell’Isola d’Elba sulla sanità”.



Così il primo cittadino di Portoferraio commenta quanto apparso in questi giorni sulla stampa in merito al nuovo Piano Sanitario e relativo cronoprogramma di attuazione predisposti in accordo fra la Conferenza dei Sindaci elbani sulla sanità e l’Asl Toscana Nord Ovest.
“Chi oggi appare sulla stampa per criticare e per affermare di non essere stato informato – sottolinea Ferrari - era presente personalmente alle conferenze dei Sindaci attraverso le quali è passata la discussione, negli ultimi due casi fra l’altro approvata all’unanimità, o era totalmente assente e solo raramente rappresentato da un proprio delegato che ha debitamente provveduto ad informarlo. Se faccio fatica a capire le amnesie del sindaco di Marciana Anna Bulgaresi, mi risulta più facile invece comprendere le esternazioni del mio collega capoliverese Barbetti, che fino ad oggi si è disinteressato dei problemi della sanità, ma ora sta cominciando evidentemente a guardarsi intorno a seguito delle sue vicissitudini politiche personali ed in vista delle scadenze elettorali amministrative che prossimamente lo vedranno costretto a lasciare anche l’ultima poltrona rimastagli. Se davvero ha a cuore l’isola d’Elba e i suoi abitanti, come dice spesso con enfasi, Barbetti avrebbe dovuto partecipare personalmente alle conferenze dei sindaci che decidono le linee da seguire negli argomenti più importanti per chi vive su un’isola come la nostra. Invece, ultimamente, preferisce preoccuparsi di influenzare la vita politica di altri comuni, come avvenuto nel caso del comune di Rio ed anche negli ultimi tempi del comune di Portoferraio”.
“In qualità di presidente della Conferenza dei Sindaci sulla Sanità – ha aggiunto Ferrari – sono a disposizione di chiunque voglia entrare nel merito del nuovo piano sanitario, come sto facendo in questi giorni incontrando medici e personale sanitario del nostro ospedale. Sono apertissimo a recepire qualsiasi suggerimento ed osservazione prima della sua chiusura definitiva ed a farmene portavoce nel dialogo con l’Azienda Sanitaria, ma sono certo che non appena verrà reso noto il cronoprogramma con tutti gli interventi e le innovazioni previsti sul nostro territorio, cadranno tutti i dubbi sia dei cittadini che degli addetti ai lavori, a meno che non si tratti di prese di posizione strumentali alle proprie convenienze personali, in questo caso fatte a discapito dell’interesse della comunità”.
Ruggero Barbetti Sindaco
Messaggio 89809 del 19.04.2018, 16:51
Note al Piano Sanitario Elba proposto da Portoferraio e Campo nell’Elba




Alla luce dei necessari approfondimenti e valutazioni, riteniamo che il Piano Sanitario proposto da Portoferraio e Campo nell’Elba meriti di essere “rivisitato” e completato in alcune parti, preferibilmente in collaborazione con TUTTI i Sindaci dell’Elba, i loro consulenti, la Direzione dell’ASL Nord Ovest e in particolare con gli operatori del settore che sono maggiormente coinvolti nelle problematiche ospedaliere insulari. Del resto i servizi sanitari non sono né di destra e né di sinistra ma fanno riferimento al Bene Comune e alla qualità della vita della popolazione elbana.
1) La Chirurgia deve essere U.O.C, ovvero un reparto ben funzionante di Chirurgia generale di buon livello, con un Direttore preparato che sia una guida in grado di favorire la “crescita” di una squadra, in modo da poter affrontare interventi programmati e in emergenza-urgenza. Spesso le avversità meteo impediscono il trasferimento del paziente in tempi rapidi e pertanto si rende necessario avere un reparto efficiente, di buon livello. L’equipe itinerante, utilizzando le risorse della Rete va bene, tuttavia non è corretto basare l’intera attività su questo modello. È indicata anche per interventi particolari (ad es. come avvenuto nel maggio del 2017 con l’intervento di mastectomia per tumore al seno).
Inoltre, la presenza di una chirurgia di buon livello consentirebbe un supporto per gli altri reparti: per esempio, in alcuni casi di emergenza, anche a Ortopedia e Ostetricia. Si avrebbe quindi il vantaggio di creare una “rete” all’interno dell’Ospedale.

2) Ortopedia: indispensabile avere una U.O.S, con un responsabile sull’Isola e con un adeguato numero di personale sia per interventi programmati che in urgenza.

3) Devono essere inoltre inseriti nel Piano Sanitario i seguenti servizi:
a) Servizio di endoscopia digestiva con reperibilità H/12
b) Cardiologia: reperibilità cardiologica
c) Mantenimento del Servizio di nefrologia/dialisi
d) Laboratorio analisi- Centro Trasfusionale
e) Cure Palliative- Terapia del dolore
f) Per quanto concerne il Reparto Materno Infantile si apprezza il supporto e l’onere della Rete Aziendale per garantire il servizio, ma la presenza di un responsabile sull’Isola sia per la Pediatria, sia per l’Ostetricia consentirebbe una miglior continuità.
g) Mantenimento del Servizio NPI (Neuropsichiatria infantile) e servizi ad esso correlati (fisioterapia, logopedia)
h) Ambulatori specialistici
In merito all’ipotesi di “un’unica area di degenza plurispecialistica” si ritiene che l’area di degenza unica sia una soluzione inappropriata che va ad intaccare negativamente l’attività del reparto di medicina che attualmente risulta un buon reparto e che è una garanzia per le cure di molte patologie del nostro ospedale insulare. Di conseguenza esprimiamo parere assolutamente negativo a tale area che appare solo una contrazione dovuta ad obiettivi di mero risparmio a scapito del servizio e della qualità! Ricordiamo che in base al rapporto posti letto/abitanti il nostro ospedale risulta già inferiore ai numeri a cui avrebbe diritto ed un ulteriore accorpamento di reparti provocherebbe una diminuzione sia di personale e soprattutto anche di posti letto.
Riteniamo che gli altri punti descritti nel Piano possano considerarsi sufficientemente adeguati alla nostra realtà insulare.
Alla luce di quanto sopra si suggerisce una pausa di riflessione e, a seguire, una nuova riunione della Conferenza dei Sindaci al fine di raccogliere le proposte sopra descritte.
I sindaci di Portoferraio e di Campo nell’Elba, anche se da soli raggiungono la maggioranza all’interno della Conferenza dei Sindaci, non hanno il diritto morale ed etico di decidere da soli sulla testa di tutti gli elbani.
Sommessamente suggeriamo anche che un dipendente dell’ASL Nord Ovest, come minimo in conflitto di interesse, si astenga, in qualità di politico, non solo a partecipare alle riunioni ma anche ad occuparsi di politiche sanitarie che interessano direttamente l’azienda per cui lavora.

F.to:
Anna Bulgaresi, sindaco di Marciana
Ruggero Barbetti, sindaco di Capoliveri
ELBA SALUTE
Messaggio 89808 del 19.04.2018, 15:47
SINDACI, NON ABBIAMO MANIFESTATO E LOTTATO PER SALVARE E FAR GRANDI ALTRI OSPEDALI.
O ARRICCHIRE I MEDICI ITINERANTI CHE UN GIORNO DI SERVIZIO NEL NOSTRO OSPEDALE (quasi 60 euro all'ora art.55) EQUIVALE ALLA PENSIONE MENSILE DI UN PENSIONATO MEDIO.




Ci risulta che gli itineranti alla sera vanno a casa mentre i nostri medici sia stabilizzati che precari con meno soldi restano qui a salvarci la pelle.
Sindaci, gli ultimi "Piani Sanitari" 2012 sala Provincia e marzo 2016 Comune di rio Marina in assemblee pubbliche avete sottoscritto (TUTTI GLI 8 AMMINISTRATORI) i documenti di programmazione sanitaria per poi inviarli alla Regione. Perché questo da voi votato e deliberato il 28.12.2017 è rimasto blindato e quasi segreto per molti e non per la Regione alla quale è stato inviato per un benevolo benestare? Anche su questo "Piano Sanitario" come nei precedenti potremo leggere quali Amministrazioni lo hanno sottoscritto?
E' DIFFICILE CAPIRE CHE SI CHIEDA UN PARERE DI COSA CHIEDERE A CHI DEVE CONCEDERE.
Elba salute quando informa e porta a conoscenza particolari situazioni che limitano il diritto alla cura degli utenti Elbani lo fa perché documentato. La chiusura per questo mese di aprile della chirurgia è vera ed era programmata. Un documento a noi consegnato a Pisa spiega che la ragione è la mancanza di chirurghi. PERCHE' NON SI E' FATTA INTERVENIRE UNA EQUIPE DELLA RISORSA AZIENDALE A GARANTIRE LA CONTINUITA' AMBULATORIALE DELLA CHIRURGIA? Così sto mese gli Elbani per un piccolo intervento devono armarsi di pazienza e amarezza per la situazione e andare in giro per la "Rete".

Comitato Elba Salute.
(Francesco Semeraro)
X bici contro mano
Messaggio 89807 del 19.04.2018, 14:29
Provenienza: Mola
Tonfa, puntuale come un orologio svizzero torni con a storia delle bici contromano...ma quante mai ne passeranno sotto casa tua?
Oh, mi raccomando, ricordati che tra un po devi torna’ a parla’ del distributore in paese
Wedding In Elba Idee & Proposte per il Vostro Evento
Messaggio 89806 del 19.04.2018, 12:09



MINERVARTE PRESENTA



Sabato 21 aprile alle ore 18 presso la Sala Espositiva Telemaco Signorini si terrà l’inaugurazione della III edizione di "Wedding In Elba Idee & Proposte per il Vostro Evento", organizzato e promosso da Rossella Celebrini, wedding and event designer. Un evento molto atteso (in particolare modo dalle coppie che stanno programmando il loro matrimonio,) che propone allestimenti e stili che rispondono alle tendenze moda dell’universo wedding e non solo, il cui trend è in continua crescita: la Toscana e l’isola d’Elba sono infatti le mete più ambite dagli stranieri. Oltre a promuovere i siti storici, le spiagge e le chiese dove è possibile celebrare un rito civile o religioso, Rossella Celebrini presenta allestimenti e scenografie floreali e tutto ciò che ruota intorno al mondo dei matrimoni con aziende leader del settore quali Le Spose di Mori di San Miniato, Tibidabo per gli abiti da cerimonia, il Baia Bianca Suites, l’Hotel Hermitage e l’Hotel del Golfo, l’Hotel Villa Ottone, l’Hotel Desirée, l’Hotel Airone, l’Antico Casale Poggio di Sole, la Tenuta La Chiusa, Peccati Divini per il catering, la Pasticceria Nocentini, Armando in Porto Azzurro e Elba Arte Artigianale, le bomboniere Made in Elba “Ile Cadeau” e tanto altro. Prenderanno inoltre parte all’evento la Concessionaria Peugeot dei Fratelli Parrini con l’esposizione di un auto in occasione dell’inaugurazione, il Centro Estetico Hair Stylist Elisir con la proposta di pacchetti studiati ad hoc per i futuri sposi, i Vivai dell’Elba. L’orario della mostra, che a dal 21 al 25 aprile, prevede i seguenti orari: sabato 21 (18.00/24.00), domenica 22 (10.00/13.00 - 16.00/20.00), lunedì’ 23 (10.00/13.00 - 16.00/20.00), martedì 24 (10.00/13.00 - 16.00/24.00), mercoledì 25 (10.00/13.00 - 16.00/19.00).
CAPOLIVERI ESTATE 2018
Messaggio 89805 del 19.04.2018, 12:01
CAPOLIVERI DÀ IL VIA AGLI EVENTI 2018 FRA SPORT E GASTRONOMIA



Tutto pronto a Capoliveri per dare il via alla stagione 2018: tantissimi gli eventi in programma già a partire da questo mese di aprile che sarà interamente dedicato a sport ed enogastronomia di qualità.
Si parte il 21 aprile con la manifestazione sportiva Triathlon MTB Iron Tour Elba.
L’evento si terrà nella giornate dal 21 al 25 aprile e vedrà in competizione atleti provenienti da tutto lo stivale per cimentarsi nell’unico triathlon off Road a tappe d’Italia.
Il 29 aprile sarà poi la volta di un evento che rientra fra i più tradizionali del territorio: la storica Magnalonga che si svolgerà sull’incredibile scenario del promontorio del Calamita, in un itinerario immerso nel verde della macchia mediterranea con il blu del mare dell’Elba a fare da sfondo e la possibilità di gustare lungo il cammino prodotti tipici locali, di partecipare al pranzo in miniera e fare escursioni guidate. E per l’enogastronomia di qualità torna l’appuntamento di primavera con lo Street Food.
Dal 28 aprile al 1 maggio il centro storico di Capoliveri ospiterà “Street Good” la manifestazione che coniuga sapore e tradizione, con il cibo di strada più tipico di Toscana che si unisce ai sapori dell’Elba. Il mese di maggio vedrà, invece, il ritorno dell’attesissima Capoliveri Legend Cup, gara internazionale di mountain bike e prova UCI World Marathon Series per la terza volta. Una sfida avvincente che ha visto la partecipazione di grandissimi campioni di fama internazionale sull’incredibile tracciato di 80 km con 3.000m di dislivello del promontorio del Calamita. Accanto alla leggendaria Marathon ci sarà anche la sfida della Granfondo, con 50 km e 1.700m di dislivello: una competizione di grande impatto. Le date sono quelle del 12 e 13 maggio. A maggio anche un’altra imperdibile gara: quella del Triathlon Kolossal che si disputerà il 19 maggio. Anche qui lo scenario perfetto per i percorsi di gara sarà quello del Monte Calamita nello spettacolare Bike Park ed infine dal 26 al 30 maggio l’Iron Tour Italy con cinque giornate di gare in altrettante località dell’Isola d’Elba con una decima edizione che rappresenta l’unica gara di triathlon a tappe in Italia e una delle più rare al mondo.
CONSULTAZIONI IN CORSO....
Messaggio 89804 del 19.04.2018, 09:10
Provenienza: CAPOLIVERI (PAOLINO L'ARROTINO)
Una riforma elettorale voluta in fretta e furiai e votata da tutti ad eccezione del M5S, ed ora, si vuole fare ricadere la responsabilità del M5S a proposito della formazione del nuovo governo. Forse molti non hanno ancora capito, che gli oltre 10 milioni di elettori che hanno dato il loro consenso al movimento, lo hanno fatto in particolar modo per dare un chiaro segnale di cambiamento, per cui se all'orizzonte non si intravede un vero cambiamento, la strada da percorrere sono nuove elezioni con una nuova riforma elettorale che alla chiusura dello spoglio indichi i vincitori, e il giorno dopo subito al lavoro per risolvere i problemi degli italiani che non sono pochi.

Paolino l'arrotino-
Parlamento Ue: calano i deputati, ma aumentano le spese. Più soldi ai partiti, senza obbligo di rendicontare
Messaggio 89803 del 19.04.2018, 08:58
Gli unici contro questa legge come sempre sono i parlamentari del M5S:
Si approva oggi l'aumento del budget per il 2019: la Brexit porterà 46 membri in meno ma 48 milioni di euro in più, + 2,48%, in gran parte a disposizione dei partiti per la campagna elettorale alle porte. No, invece, all'obbligo di note spese puntuali. Basterà dare conto forfettariamente.La notizia ha provocato (poche) reazioni sdegnate. Quasi solitaria, la voce del M5S che al Parlamento europeo non è iscritto ad alcun partito o fondazione e rinuncia ai fondi in questione. Il vicepresidente del Parlamento Ue, Fabio Massimo Castaldo fa notare la contraddizione per cui “in Italia il presidente della Camera Roberto Fico propone tagli a costi e sprechi della politica in Europa si approva l’ennesimo inaccettabile schiaffo dei partiti ai cittadini europei vessati dall’austerità”. Rincara la dose Marco Valli, europarlamentare M5S in commissione Bilancio: “E’ una posizione indifendibile. Abbiamo presentato numerose proposte di tagli, dalla cancellazione delle sovvenzioni a fondazioni e partiti, al taglio di stipendi e indennità accessorie dei deputati, fino al ricalcolo delle pensioni di quest’ultimi su base contributiva. Sono state bocciate lunedì in commissione bilancio”.
[ Pagina successiva]

visita
MUCCHIO-SELVAGGIO.....
ISOLA D'ELBA.....