Pagina 1/1217: (1) [2] [3] [4] [5] [6] [] [»] LASCIA UN MESSAGGIO
Autore Messaggio
gigi
Messaggio 91210 del 21.07.2018, 12:59
L'erba del vicino è sempre più verde.

Prendere esempio da San Vincenzo credo sarebbe la fine del turismo elbano.
L'amministrazione di San Vincenzo si è contraddistinta per aver distrutto le spiagge cittadine, che praticamente non esistono più. Se legge i giornali avrà anche saputo di quanto siano arrabbiati i turisti, che convivono con le ruspe in piena estate, con una spiaggia ormai caratterizzata solo da sassi e con cumuli di alghe nauseabonde.
San Vincenzo è quell'amministrazione dove sono in essere una serie di presunti abusi edilizi (I Lecci, Bayahibe, il Faro), che sono tutt'ora in fase di valutazione giudiziaria e sono veri e propri ecomostri. A proposito del paradiso ambientale di Rimigliano, la famosa pineta sarà presto invasa da migliaia di tonnellate di cemento per far posto a case ed edifici più o meno di pregio e costruzioni di lusso grazie ad una variante del piano urbanistico.
Orbene, questi sono solo esempi. Che sono già sufficienti a augurarsi di non avere mai questo tipo di amministratori all'Elba. Teniamoci stretti i nostri.
Per Marcello Meneghin
Messaggio 91209 del 21.07.2018, 12:34
Provenienza: portoferajo
Caro Sig Meneghin, leggo da tempo con attenzione e condivisione quanto da Lei scritto .. purtroppo qui all'Elba , specchio dell'Italia , non è che non si capiscano le cose , non si vuole capire il che è molto peggio.... chissà quali interessi ci sono dietro , o meglio dire sotto l'acqua tanto indispensabile quanto collegata a mille interessi. La strada da Lei consigliata è senz'altro quella giusta ma il dissalatore , per quanto avverso , è ancora all'orizzonte dominato dalla politica e dagli interessi locali.. continuerò a leggerLa volentieri e con ammirazione. cordialmente.
Pro Loco di Marciana Marina
Messaggio 91208 del 21.07.2018, 12:26
DOMENICA 22 LUGLIO A MARCIANA MARINA, SERATA DEDICATA ALLA NAPOLI DEI MISTERI CON LA PRESENTAZIONE DELL’ULTIMO ROMANZO DI MASSIMO NAVA, “IL BOSS È IMMORTALE”, CON LETTURE DI ALCUNI BRANI E CANZONI NAPOLETANE.



Una estate piena di appuntamenti quella di Massimo Nava, che presenta in tutta Italia il suo ultimo lavoro edito da Mondadori: “Il Boss è immortale”. La presentazione del romanzo è stata inserita nella programmazione della Pro Loco, che ha organizzato per l’occasione uno spettacolo con letture di alcuni brani e un affascinante accompagnamento musicale affidato alla regia di Mario Menicagli.
In Puglia a Polignano e Fasano, in Garfagnana per il “Tralerighe Braga Festival” e ancora a Bovalino e a Gioia Tauro, per poi approdare all’Elba a Marina di Campo e a Marciana Marina, dove domenica 22 luglio alle ore 21,45 l’autore parlerà del suo romanzo nella splendida cornice di Piazza della Chiesa. Dopo i saluti di Paolo Ferruzzi, Anna Porta presenterà l’autore e il libro. Interverranno con alcune letture Giuliana Berti e Franco Giannoni, mentre l’accompagnamento musicale sarà affidato a Stefano Cresci (tenore) e Felicity Lucchesi al Pianoforte, con brani di Leoncavallo, Caudillo, De Curtis, Dalla e Pino Daniele.
Intrigante il libro che narra di una vicenda piena di mistero, un thriller anomalo, pieno di colpi di scena e risvolti sorprendenti che portano il lettore in una città, Napoli, affascinante, decadente, tenebrosa, unica al mondo. Tra segreti svelati e personaggi incredibili si dipana fino all’ultima pagina un racconto fra passato e presente, fatto di storie e accadimenti conosciuti e sconosciuti.
Tappe successive per la presentazione del romanzo fra luglio e agosto presso le Terme di Comano, La Villa (Dolomiti), Brunico e San Cassiano.
marcello meneghin Scrivi a marcello meneghin
Messaggio 91207 del 21.07.2018, 11:30
Provenienza: Mestre
UN VERO DILUVIO DAL CIELO NON BASTA PER SCONGIURARE LA CRISI IDRICA DELL'ELBA ?


Ci siamo. Sono appena terminate grandi piogge sull’Isola è di già si parla di prevedibile crisi idrica con preavviso di limitare i consumi. Quello che fa sensazione è la moltissima pioggia che è caduta che avrebbe dovuto scongiurare ogni pericolo. Eppure le considerazioni da fare sono ovvie. L’isola è piccola e quindi anche i bacini imbriferi di alimentazione delle sorgenti e dei pozzi e che avrebbero dovuto accumulare e conservare gran parte di quell’enorme volume acqua, in realtà non lo possono fare perché sono anch’essi piccolissimi e le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti. Vorrei descrivere, per rendere un’immagine facilmente comprensibile, la situazione delle falde del Veneto. Qui dove abito io abbiamo una falda artesiana ricchissima per una ragione diametralmente opposta. La falda sottende un bacino imbrifero posto sotto le Dolomiti a centinaia di km di distanza ma che che è composto da bacini naturali sotterranei di dimensioni enormi perché larghi e lunghi decine e decine di Km ed alti forse anche più di mille metri. Sulle Dolomiti, sopratutto d’inverno, cade moltissima acqua sotto forma di pioggia o di neve ma un grande quantitativo di essa viene naturalmente immagazzinata nei ghiacciai ed i in quei grandissimi ammassi ghiaiosi di cui ho detto i quali alimentano tutta la sottostante pianura con portate d’acqua tanto potenti da costituire dei grandi fiumi perenni che non si asciugano mai e da alimentare le falde con grandissime portate pressoché costanti tutto l’anno .
E’ ben chiara la situazione elbana dove non esiste alcun corso d’acqua perenne dove le falde hanno portate modeste e soprattutto di breve durata tanto da rendere inutile la continua costruzione di pozzi nuovi in quanto l'acqua di falda è quella che è ed è inutile deprimerla con le pompe sommerse per decine e decine di metri sotto il livello del mare perché l’acqua che vi si ritrova è salmastra essendo mescolata a quella del mare che viene appunto richiamata dalla forte depressione artificiale di falda. Anche ,l'operazione di fermare i pozzi Elbani per tutto l’inverno credendo di rimpinguare la falda è un‘operazione sbagliata anzi dannosa perché l’unico modo per conservare i pozzi efficienti è farli lavorare indisturbati a portata il più costante possibile. Invece il fermare i pozzi per poi rimetterli in servizio significa turbare e modificare i filetti liquidi sotterranei di falda provocando movimento di sabbie e limi con conseguente intasamento dei filtri e qualche volta anche dei franamenti sotterranei. In realtà quando all’Elba si costruiscono nuovi pozzi non si fa altro che sostituire quelli che si sono intasati diminuendo a propria portata a causa del fenomeno di cui si è detto.
Ma l’aspetto peggiore e quasi incredibile di tutta la vicenda idrica elbana è dato dal fatto che non si vuol mettersi in testa che il problema vero dell’Elba è la assoluta mancanza di serbatoi, di invasi, di modi di accumulazione di acqua potabile a causa della citata mancanza di grandi ammassi ghiaiosi all'Elba che costituirebbero dei veri serbatoi sotterranei. Questo è il vero problema la cui soluzione è univoca e consiste nel supplire alla mancanza di invasi naturali costruendole di artificiali.. Questa è la sola vera soluzione tutto il resto è fasullo. Ad esempio io vorrei capire a cosa serviranno d’estate nelle giornate estive di siccità e di massima eccezionale richiesta idrica quando la rete avrebbe bisogno di una portata d’acqua di almeno 600 l/sec ( seicento litri al secondo di richiesta istantanea nei momenti di punta ) quale beneficio può derivare da un desalinizzatore che, essendo privo di proprio serbatoio di accumulo, è in grado di dare solo 40 l/sec (quaranta litri al secondo) e non un litro di pù?. E’ esattamente la stessa cosa di chi vuole alzare il livello del mare con secchi d’acqua.
Ombrelloni e CIVILTA'
Messaggio 91206 del 21.07.2018, 11:21
Provenienza: ELBANO


Mi domando quanto dovremo prostituirci in nome del turismo e dell'imprenditoria ad ogni costo. Se continuiamo con questo ritmo fra poco a sloggiare dovranno essere gli elbani. Il lavoro, l'economia, servono per migliorare la qualità della vita, nel caso specifico di noi elbani. Purtroppo per gli stessi abitanti questa isola, in nome del profitto e qualche volta anche della speculazione esasperata, hanno perso una buona parte di serenità, oltre a tutti i centri storici ormai alla mercè di tavoli e gazebo, molte delle quali scompaiono al primo calo di clientela.
Forse parlare di limite della ricettività, di limite di veicoli introdotti sull'isola, non è più un tabù.
Certo gli "imprenditori" non sentono questa esigenza, che è comunque delegata agli amministratori, ove saggiamente concertino tutte le esigenze, anche quelle del comune cittadino elbano, residente 365 giorni all'anno.
La teoria, TUTTA DI PARTE, che il turista vuole sdraio e ombrellone, un'Elba riminizzata, è a mio parere una follia. Oggi la natura, i paesaggi, i luoghi incontaminati da strutture ricettive o commerciali, sono i più richiesti e ricercati.
Alcune spiagge elbane, luoghi di culto, raggiunte anche a piedi, con sacrificio, costituivano un richiamo per la loro bellezza, promozionate da tamtam di coloro avevano avuto il piacere di assaporarle nel loro intimo, vederle a catena di montaggio ombrellifero, a pedaggio autostradale (fra poco andremo in spiaggia col telepass) ha scemato e distrutto l'atmosfera che sapevano creare.

Un giorno, in cui sarà impossibile retrocedere, tutto questo, con occhio umano e forse anche imprenditoriale, in ritardo, verrà recepito e rimpianto.
Ho sempre pensato a livello promozionale si potesse parlare dell'Elba come "isola a 5 stelle", lo possiamo trasformare in l'isola a 5 ombrelloni, con buona pace di coloro non vedono o non vogliono vedere oltre il proprio naso.

Elbano
CERAMICHE PASTORELLI
Messaggio 91205 del 21.07.2018, 11:00
BASTA GUARDARSI ATTORNO
Messaggio 91204 del 21.07.2018, 10:51
NON SIAMO NEMMENO CAPACI A….COPIARE I NOSTRI VICINI

L'Amministrazione Comunale di San Vincenzo, in provincia di Livorno, ha inaugurato la sua prima Green Beach, un modello di spiaggia accessibile ed ecocompatibile…



La spiaggia ecologica mira alla protezione dell'ambiente, delle risorse naturali, della biodiversità ha una gestione sostenibile dei rifiuti, utilizza energie rinnovabili, si propone come un luogo di svago ma anche di lavoro e promuove le qualità e le caratteristiche culturali del luogo valorizzando il turismo sostenibile.
La “Spiaggia verde” viene sperimentata in tre località Toscane : San Vincenzo, Castiglione della Pescaia e Montignoso.
Quella di San Vincenzo, all’interno del parco di Rimigliano, senza dubbio, è un luogo di pregio naturalistico per la sua ricca biodiversità autoctona, il sistema dunale, la spiaggia e la sentieristica.
Nello specifico, l’Amministrazione comunale ha lavorato per la
 conservazione dello stato naturale della duna in collaborazione con la società Parchi attraverso specifici accessi strutturati, che prevedeno la posa di passerella in materiale riciclato con corrimano per una lunghezza complessiva di circa 60 mt
 sostituzione dei cestini all’interno del parco con particolare attenzione per quelli destinati alla raccolta differenziata dei rifiuti e per i rifiuti rappresentati da mozziconi di sigaretta da conferire in specifici contenitori
realizzazione di una pedana amovibile in PVC riciclato dall’ingresso alla spiaggia fino al mare per una lunghezza di 150 mt lineari con la possibilità di soste per carrozzine
 predisposizione di un sentiero accessibile all’interno del parco mediante riporto di sedime inerte per il corretto assetto morfologico insieme ad altro materiale stabilizzativo ecologico
 creazione del percorso per i turisti sicuro in quanto differenziato da quello dei mezzi autorizzati, come i mezzi per garantire servizio di pulizia della spiaggia, per l’ambulanza e per la polizia municipale e le altre forze dell’ordine
realizzazione di 4 parcheggi per disabili sulla strada della Principessa.
 riqualificazione delle docce con pedana per accesso disabili e messa a disposizione di sedia job per disabili

 sostituzione staccionata in legno per 100 mt lineari all’altezza del cancello 5
 posa di 2 rastrelliere destinate alla sosta delle bici per promuovere la mobilità sostenibile soprattutto su due ruote
 installazione di un’ adeguata cartellonistica dove si forniscono informazioni sulle spiagge verdi
 realizzazione di un percorso educativo botanico- faunistico all’interno del parco.
L’inaugurazione della spiaggia è stata anche un evento, un’occasione per effettuare la pulizia di quel tratto di costa e per incontrare alcuni biologi marini con cui parlare di tartarughe, plastiche in mare e danni ambientali provocati da un certo tipo di pesca.

POI NON LAMENTIAMOCI SE I TURISTI SI FERMANO ALDILÀ DEL CANALE...
Bollino rosso
Messaggio 91203 del 21.07.2018, 10:37
Provenienza: Porto e dintorni
Caro assessore ho letto il suo comunicato stampa che mette in guardia sul Bollino rosso sul porto .




No problem , ci penseranno i bravi docks del porto che come da ordini tassativi ricevuti, devieranno, respingeranno e tuteleranno il traffico chiudendo strade di accesso con improvvisate plastiche catene e respingeranno i cittadini con la consueta eleganza che nasconde il severo cipiglio di chi deve legare l’asino dove vuole il padrone .
I Vigili? La sparuta compagine sarà come sempre silenziosa spettatrice di cotanto caos portuale e niente potrà contro al volontà delle compagnie che di riffa o di raffa si sono spartite l’area portuale provocando chilometriche file di auto sotto il sole con turisti e cittadini incazzati che smoccolando si devono arrangiare…insomma o bere o affogare questo è quanto hanno stabilito i padroni dei vapori..per tutto il resto ci rimane Mastercard…forse….
CASA SICURA
Messaggio 91202 del 21.07.2018, 09:00


AUTOSPURGHI ELBANI
Messaggio 91201 del 21.07.2018, 08:45
Marcello Camici
Messaggio 91200 del 21.07.2018, 08:17
FINE DEL GRANDUCATO DI TOSCANA ASBURGO LORENA L’ALBA DELL’UNITA’ D’ITALIA ALL’ELBA (1859-1860) UGUAGLIANZA DI TUTTI GLI ITALIANI . RECLAMO AL GOVERNO DI LIVORNO


Il 28 novembre 1859 è un giorno importante per la storia di Toscana perchè il governo della Toscana decreta che le popolazioni dell’Italia (parmensi, modenesi, romagnoli, Lombardi, piemontesi) “devono intendersi parificate interamente ai Toscani” ,cioè eguali fra di loro. Questo è la prima volta che accade. Il decreto è documento politico chiaro ed inequivocabile della volontà di far nascere una nazione di italiani. Volontà espressa in un articolo di legge di poche righe. Questo il testo del decreto del governo della Toscana che dichiara uguaglianza di tutti gli italiani: “ REGNANDO SUA MAESTA’ VITTORIO EMANUELE II Art 1. I Piemontesi, i Lombardi, i Parmensi,i Modenesi e i Romagnoli ,facendo parte coi Toscani di un Regno istesso ,non possono altrimenti qualificarsi per forestieri nel senso e per gli effetti contemplati dalle leggi civili e penali toscane,ma sono e devono intendersi parificati interamente ai Toscani. Art 2. Il ministro di giustizia e grazia è incaricato della esecuzione del presente decreto Dato Lì ventotto novembre milleottocento cinquantanove B. RICASOLI Il ministro di giustizia e grazia E.POGGI Visto per l’apposizione del sigillo Il ministro di giustizia e grazia (L.S.) E. POGGI “ (In pg 222 de “L’Assemblea toscana del 1859-60”. Pier Luigi Ballini. Edizioni polistampa 2012.Firenze) Nello stesso giorno del 28 novembre 1859 , si viene a sapere che a Portoferraio c’è chi contesta e reclama contro le recenti elezioni avvenute per il rinnovo delle rappresentanze municipali . Questo il testo della lettera del governatore di Livorno da cui si apprende l’esistenza di un reclamo contro le recenti elezioni per il rinnovo delle rappresentanze municipali del 30- 31 ottobre e 6 novembre 1859 “Governo civile e militare di Livorno Al Sig Gonfaloniere della comunità di Portoferraio Ill.mo Signore Per quell’uso che ne potesse fare il Consiglio degli eletti nella pronunzia che è per emettere sulla validità delle Elezioni ,trasmetto a VS Ill.ma l’unito reclamo, del quale d’altronde non potrebbe prendere cognizione questo Governo che quando si ricorresse dalla Deliberazione del Consiglio degli Eletti suddetti. Intanto col dovuto ossequio mi confermo. Lì 28 novembre 1859 Il Governatore Annibaldi Biscossi” (Atti relativi alla formazione delle liste elettorali comunali e risultato delle elezioni 1860-1864.Filza 58: adunanze tenute nell’ottobre e novembre 1859 per le elezioni dei Consigli dell’anno 1860.Archivio storico comune Portoferraio)

Marcello Camici mcamici@tiscali.it
PROMUOVI LA TUA AZIENDA
Messaggio 91199 del 21.07.2018, 08:00



LA TUA BANCA
Messaggio 91198 del 21.07.2018, 05:15
GianCarlo Amore
Messaggio 91197 del 21.07.2018, 05:09
UNA INTRICATA RAGNATELA


In data 13 luglio, si è svolto a Piombino “ il primo tavolo per gestire i flussi Turistici."
Gli obbiettivi di questo incontro sono stati per chiarire i problemi stagionali legati al traffico di traghetti e passeggeri.
I dati significativi emersi sono: che dai prossimi giorni, verrà potenziata la segnaletica Turistica. I prossimi giorni stanno passando……anzi sono già passati.
Non so bene cosa potranno fare a questo proposito. Però qui a Portoferraio per quanto concerne la viabilità, ci sono da risolvere quanto prima “ fondamentali esigenze “ e che potrebbero essere confortate anche con l’aiuto della segnaletica Turistica. Quindi per essere chiari, questa segnaletica Turistica potrebbe benissimo contribuire ad un miglioramento, ma purtroppo non è certo a carattere determinante per la giusta risoluzione, che è ben diversa.
Inoltre l’articolo continua, il Comune ha già nel cassetto un progetto dettagliato che verrà presentato già nei prossimi giorni. Anche qui, i giorni stanno passando ma per ora non si intravede niente. Poi chissà quale bella magia che ci viene riservata con il “ documento dettagliato “, quindi da come la vedo io, sono sicuro che il progetto se è veramente fatto….. come “ Lapo “, allora si che saremo a cavallo.
L’articolo conclude che, un altro tavolo di riunione si svolgerà a fine estate e un altro ancora a settembre
Per quello che ho avuto modo di osservare, ogni qualvolta che si presentano dei vistosi problemi o “ EVIDENTI “ criticità legate a tutto quello che concerne il comparto del “ Porto, “ i Responsabili ( per forza ) comprendendo l’evenienza e per tranquillizzare gli animi, quelli dei Cittadini e in particolare i propri, si riuniscono ad un tavolo tecnico per trattare i problemi. Una volta che i problemi sono stati “ trattati, “ le coscienze diventano più leggiadre e questo è quello conta di più.
Ma i problemi nonostante il “ trattamento, “ come per le altre volte rimangono non meglio definiti.
Un esempio: Sono anni che gli Abitanti di Portoferraio si lamentano dei danni provocati dai fumi delle navi e nessuno si è mai preoccupato di fare qualcosa. Quest’anno è stato inserito sulla tratta un “ nuovo “ pezzo da museo navale e i fumi sono in maniera vistosamente aumentati e così pure le proteste accompagnate da un lungo elenco di Firme. E quindi forzatamente davanti “ ALL’ EVIDENZA “ anche in quella occasione furono approntati i famosi tavoli tecnici, dove il problema dei fumi venne “ trattato. “
I risultati del “ trattamento “ furono di evidenziare tutte le Firme dei Cittadini delusi e arrabbiati per la mancata attenzione nei Loro confronti. Di inviare e da come la penso io per dare a vedere, una lettera al Ministro dimostrando solo tanta immaginazione.
A proposito di queste fantasie, se avessero scritto anche a “ Babbo Natale, “ oltre una gradita risposta, per Natale avrebbero ricevuto ulteriori doni.
Inoltre i Giornali in base ai dati relativi alla riunione del giorno 22 marzo, titolarono in prima pagina “ fumi nei porti arriva la centralina di monitoraggio. “ la quale verrebbe installata già dalla prossima stagione. Il vagheggiato arrivo della “ centralina “ è una soluzione buona per sedare il malcontento e nondimeno mettersi al riparo da eventuali responsabilità. Ma nei termini reali è un fallimento.
Come abbiamo potuto osservare, quando sono aumentati i problemi legati ai fumi delle navi ben visibili, documentati da centinai di filmati e fotografie, continui reclami con raccolta di firme etcc.. L’azione per difendere i Cittadini doveva essere caratterizzata da immediate decisioni e non delle legali scorciatoie “ centraliniche “ con tanto di letterine alla Babbo Natale.
Tutto questo e altro ancora per “ EVIDENZIARE, “ che per i problemi esistenti nella “ portualità, “ si devono attuare soluzioni da risolvere nella maniera più consona possibile .
Ora, il risultato è che l’ Utenza non è difesa a sufficienza punto e questo è grave perché il " Cittadino Primo di Tutti .”
Sabato si prevedono dei “ normali “ disagi derivati da probabili lunghe file veicolari.
Se in maniera progettuale si fosse passati alle vie di fatto, Tutti avrebbero usufruito da subito di quel minimo di migliorie e le difficoltà imbarazzanti sarebbero diminuite.
Domani Tutti scenderanno in campo e vedremo effettivamente qualora ce ne fosse bisogno, che cosa hanno programmato.
Altresì ricordo che da sabato sera e domenica al Nord Italia, sono previsti temporali violenti con grandinate. Fra qualche settimana, con l’arrivo delle perturbazioni atlantiche, anche l’Isola d’Elba sarà interessata da perturbazioni anche violente. Immaginate nel caos generato dalle lunghe file di automezzi, un nubifragio cosa comporterebbe. Con le modalità attuali, la questione non sarebbe soddisfacente. Anche se è una intricata ragnatela, dobbiamo sempre offrire il massimo per quanto riguarda la sicurezza. Oltretutto con le onerose tasse che pagano i Passeggeri, non ci sono di certo problemi economici.

Giancarlo Amore
X Massimo DellaSantina
Messaggio 91196 del 20.07.2018, 22:42
Provenienza: Portoferraio
FORZA MASSIMO!! sei sempre stato una roccia e ti metterai dietro le spalle anche questa... Un abbraccio Andrea.
Pier
Messaggio 91195 del 20.07.2018, 21:24
Provenienza: pf
Xmauro ,
Ciao Mauro non so cosa sia accaduto su facebook , perchè purtroppo odio quella roba, ma mi è piaciuto il tuo intervento a favore di Tuo fratello Massimo.
Bravo, una vera azione da fratello.
Mi spiace per Massimo , quando si sono calmate le acque andrò a trovarlo.
Ciao a tutti e due
Pier
Robin
Messaggio 91194 del 20.07.2018, 21:21
Provenienza: pf
X Guardia costiera marina di carrara, scusatemi, ma come si fa a soccorrere anche due "scuffiati", fra un pò dovremo andare anche a mettergli in bocca il biberon altrimenti moriranno di fame.
Fategli pagare gli interventi vedrai come imparano eeee.. se imparano,
Io quando ero ragazzo e andavo a vela ho scuffiato tante volte, ma non ho mai visto la guardia costiera venire a trarmi in salvo, perchè prima imparavi come fare ad andare a vela e poi ci andavi.
Quanto costerà a quei signori l'operazione? sicuramente niente ma a noi costa per la sbadataggine loro.
Amministrazione comunale
Messaggio 91193 del 20.07.2018, 19:03
UN FINE SETTIMANA DA BOLLINO ROSSO




Il fine settimana che sta per arrivare sarà contrassegnato dal “bollino rosso” per il gran numero di arrivi e le partenze previsti sul porto di Portoferraio. La Polizia Municipale sarà mobilitata in massa sia nella giornata di sabato 21 luglio che in quella di domenica 22 luglio per far fronte alle emergenze e agli intasamenti della viabilità che inevitabilmente potrebbero verificarsi sulle strade di accesso e di uscita al porto di Portoferraio.
La raccomandazione della Polizia municipale ai cittadini residenti è quella di recarsi nelle zone di accesso e di uscita dal porto alla guida di qualsiasi tipo di veicolo solo ed esclusivamente in caso di comprovata necessità.
Una ulteriore raccomandazione alle persone che dovranno fare il biglietto o recarsi direttamente agli imbarchi, è quella di arrivare in zona non in eccessivo anticipo ma nei tempi previsti, ovvero mezz’ora prima della partenza.
Gli intasamenti delle vie di accesso e di uscita dal porto di Portoferraio potrebbero durare fino al primo pomeriggio di domenica 22 luglio.
franco
Messaggio 91192 del 20.07.2018, 19:03
Provenienza: rm
sig. Martinenghi secondo il mio modesto pare la bellezza dell'elba è data dal mare dai paesaggi meravigliosi.i dalle spiagge anche selvagge, un turista viene qui per ammirare tutte queste meraviglie se trasformiamo il tutto come a rimini o a viareggio si perde sicuramente la peculiaretà dell'isola, nel caso delle polemiche , secondo me giustificate, alle ghiaie esistevano già 3 concessioni e 2 punti di noleggio a me sembravano sufficienti, non posso sapere a quanto ammonta il 50% di spiaggia occupata o libera ma non si può sempre misurare tutto a mq, ci vorrebbe sensibilità e buon senso cosa che gli attuali amministratori hanno sottovalutato. certo gli imprenditori fanno i loro interessi senza tener conto del resto ma credo che anche i turisti e i proprietari di case oltre a tutte le gabelle che vengano pagate avrebbero diritto a qualche beneficio o sbaglio? la ringrazio per l'eventuale attenzione
PUNTI BLU E DIRITTI NEGATI
Messaggio 91191 del 20.07.2018, 17:51


LITIGANO SUL POSTO OMBRELLONE MA NON UNA PAROLA PER I DIRITTI DEI DISABILI ….


Mentre sui quotidiani e sui social ci si accapiglia per una sdraio, un ombrellone da posizionare negli spazi rimasti liberi della spiaggia delle Ghiaie, e tutti si sentono in dovere di evidenziare i loro diritti , anche i politici scendono in campo per l’eccesso di concessioni dei Punti blu ….. NESSUNO e ribadisco NESSUNO ha guardato o pensato alla pedana che consente l’accesso al mare ai disabili «Di fatto è come se ci fosse una barriera architettonica»
- “La civiltà e la grandezza di un popolo si misurano sulla sua capacità di accogliere e valorizzare le persone, che hanno qualche difficoltà fisica o psichica”
Invece No quello che irrita e che fa alzare i toni sono i punti blu ecchecazzo …- urlano da tutte le parti - la spiaggia è dei cittadini e come tali vogliamo far valere i nostri diritti .
MA AI DIRITTI DEI DIVERSAMENTE ABILI CHI CI PENSA?
Sarebbe pure il caso di ricordare ai nostri amministratori e/o concessionari vari , che qualche anno fa con questo fogliaccio di camminando.org avevamo promosso una campagna di sensibilizzazione per dotarla di un accesso per i disabili, l’allora amministrazione ci ascoltò ed in breve tempo creò uno scivolo apposito che però con gli anni non è mai stato oggetto di manutenzione, ecco come si presenta oggi per coloro più sfortunati di noi (ma con diritti superiori) lo scivolo per disabili.

Ci auguriamo che i responsabili o qualche lungimirante e loquace imprenditore prendano atto di questa vergognosa dimenticanza e dimostrino quell'attenzione che fino ad oggi è stata troppo superficiale anzi mi correggo.... non c’è stata.
Pro Loco di Marciana Marina
Messaggio 91190 del 20.07.2018, 17:49
Guardia Costiera di Marina di Carrara
Messaggio 91189 del 20.07.2018, 17:45
GUARDIA COSTIERA MARINA DI CARRARA – SOCCORSO A NATANTE SCUFFIATO.




Nella tarda mattinata odierna, la sala operativa della Guardia Costiera di Marina di Carrara è stata allertata da una chiamata telefonica di emergenza - sul Numero Blu 1530 - per la presenza di un natante a vela capovolto nelle vicinanze dello stabilimento balneare “Lido del Finanziere” con due persone adulte a bordo; il segnalante comunicava che due bagnini si stavano dirigendo verso i due malcapitati.
Dalla Sala Operativa della Guardia Costiera di Marina di Carrara veniva disposto l’immediato invio in zona del G.C. 337 e di una Pattuglia Terrestre. Dopo breve tempo l’unità giungeva in zona e, iniziavano le operazioni di raddrizzamento del natante per il successivo rimorchio del natante, da parte del battello della Guardia Costiera, fino al Circolo della Vela di Marina di Massa.
Sotto il coordinamento della Sala Operativa della Capitaneria di porto di Marina di Carrara, sono intervenuti prontamente in zona anche una moto d’acqua dei Vigili del Fuoco ed un gommone del Circolo della Vela.
Le due persone tratte in salvo non hanno subito lesioni nell’evento.
La Guardia Costiera di Marina di Carrara ricorda l’importanza del Numero Blu 1530, gratuito, attivo 24 ore su 24 su tutto il territorio nazionale, per segnalare qualsiasi emergenza in mare.
CINEMA TEATRO FLAMINGO
Messaggio 91188 del 20.07.2018, 16:40
Provenienza: Capoliveri
Rolando telenovela
Messaggio 91187 del 20.07.2018, 13:56
Provenienza: Grecia
Sono giorni e giorni che tv e giornali ci scassano i c....ni con questo 'fenomeno' ,che tira quattro calci a una palla ...in barba alla miseria ha regalato una mancia di 20mila euro ad un ristorante in Grecia
Bel gesto onore al merito!
Il calcio non lo seguivo da prima, figuriamoci adesso se arrivato il 'fenomeno'
Mauro Scrivi a Mauro
Messaggio 91186 del 20.07.2018, 13:33
Provenienza: Portoferraio
La stupidità ha un limite? Non credo.




Ieri sera navigando su FB mi sono imbattuto in un post a dir poco demenziale e schizzofrenico sul gruppo (lPortoferraio:le foto che non avreste mai voluto vedere) Riguardante mio fratello Massimo che purtroppo ha subito ingentissimi danni in seguito all'incendio dell'altra notte mentre stavo scrivendo una risposta a chi lo aveva pubblicato( un certo Mohammed ) è stato rimosso ma nel frattempo è pubblicato su WhatsApp di conseguenza girato in rete.
VOGLIO AVVERTIRE QUEL GENIACCIO(per modo di dire) CHE HA MESSO IN RETE QUEL FOTOMONTAGGIO OFFENSIVO E DEMENZIALE VERRA' RINTRACCIATO FACILMENTE .
Se sei una persona intelligente (Ne dubito) chiedi scusa pubblicamente mettendoci la faccia ,altrimenti andiamo avanti con la denuncia alla Polizia Postale e se sei un po pratico sai benissimo che sarai rintracciato abbastanza velocemente .
Medita e pensaci bene sciacallo
Mauro Della Santina
Ringrazio l'amico Prianti che senz'altro approva quello che pubblico
CALCIO ELBANO
Messaggio 91185 del 20.07.2018, 13:27
Provenienza: portoferraio
Buongiorno a tutti gli sportivi elbani, volevo fare i complimenti alla società Progetto Giovani per il loro continuo miglioramento sia dal punto societario sia dal punto sportivo. Complimenti perché avete abbattuto il problema "campanilismo" e avete dato dimostrazione che uniti si possono raggiungere grandi traguardi e farsi che ragazzi di vari paesi possano conoscersi anche fuori dalla scuola. Complimenti per la scelta di mettere come responsabile del settore sportivo Marcello Todella, che oltre ad essere un grande intenditore di calcio è anche un grande uomo.
CARO-PREZZI-ELBA
Messaggio 91184 del 20.07.2018, 12:39
Provenienza: Da quì...
Non sono solo i disservizi e il caro traghetti... All'Elba tutto costa.Capoliveri sembra essere il comune più caro! Dovete abbassare i prezzi su tutto; la Puglia sta prendendo piede,bel mare e prezzi abbordabili,cucina locale con prodotti del posto... e non totani congelati spacciati per freschi!
Progetto CIEVP Portoferraio
Messaggio 91183 del 20.07.2018, 11:39
NUOVE OPPORTUNITÀ PER IL TURISMO: FINALMENTE ATTIVA LA PIATTAFORMA COSMOPOLI.




Il comune di Portoferraio, nell’ambito delle iniziative di incentivazione dello sviluppo imprenditoriale ed economico del progetto “CIEVP” (Compétitivité et Innovation des Entreprises des Villes Portuaire), l’Interreg Marittimo Italia- Francia che coinvolge, oltre al capoluogo elbano, altre 4 città portuali italiane e francesi, Ajaccio (capofila), Antibes Juan Les Pins, Alghero e Genova, ha lanciato oggi ufficialmente il sistema “Cosmopoli”, una strumentazione multipiattaforma realizzata dalla società di Pisa “Net7”, composta da sito internet, APP, mappa interattiva e altri materiali informativi, che ha l’obiettivo di invitare il turista in transito a soffermarsi e ammirare le bellezze e le peculiarità di Portoferraio.
Presentato già nelle scorse settimane agli operatori economici e alle associazioni di categoria del territorio, il sistema è stato riempito di contenuti e attualmente offre ai turisti l’opportunità di sfruttare al meglio il proprio tempo a disposizione, anche se fosse poco, per scoprire il centro storico ma anche le aree portuali e retro-portuali di Portoferraio, individuando rapidamente il museo, il negozio, il ristorante, la spiaggia, la gelateria o qualunque altro punto di interesse che possa raccontare in maniera virtuosa l’essenza della città.
Si sa che la selezione dei luoghi da includere nel proprio tour vacanziero, infatti, può essere un esercizio molto piacevole ma anche piuttosto impegnativo, vista la difficoltà di districarsi nella gran mole di informazioni disponibili sul web e trovare le attività e le destinazioni più adatte ai propri gusti e alle proprie esigenze. Soggiogati da un algoritmo, la ricerca si sviluppa spesso attorno alle destinazioni che vanno per la maggiore, mentre delle vere e proprie meraviglie, che la storia, la natura e la sapienza locale sanno offrire ai visitatori, rischiano di essere offuscate, relegando Portoferraio ad una condizione di transito.
“All’Elba abbiamo molte realtà impegnate egregiamente nel campo della promozione turistica, tra tour operator, siti internet di divulgazione e infopoint – afferma Angelo Del Mastro, Assessore alle Politiche e Finanziamenti Comunitari del Comune di Portoferraio – e con Cosmopoli abbiamo voluto offrire uno strumento tecnologico di supporto, funzionale e facile da usare, per promuovere al meglio quanto di bello abbiamo da mostrare.”
Già ora è possibile consultare il sito internet https://cosmopoli.travel/ e selezionare il mini-tour tematico di Portoferraio, scegliendo fra “moda e artigianato”, “arte e cultura”, “sapori e prelibatezze” o “salute e benessere” e inserendo altri criteri quali il tempo a disposizione e altre caratteristiche della compagnia di viaggio, cioè se si tratta di adulti, di un gruppo familiare, una giovane coppia o un singolo. In questo modo anche coloro che si trovano a Portoferraio per una breve permanenza, magari perché aspettano di imbarcarsi per tornare a casa, oppure perché hanno un po’ di tempo da sfruttare tra il mare e la cena, possono cogliere un’occasione in più per portarsi a casa un bel ricordo della città di Cosimo De’ Medici.
Oltre al sito internet, si può anche facilmente scaricare l’APP, disponibile per Android e IOS, grazie alla quale è possibile muoversi più facilmente in città con la mappa interattiva e fruire di sconti e di altre piccoli vantaggi (un gadget, un buono per un prossimo acquisto, una pallina di gelato in più, un antipasto gratuito, eccetera) nelle strutture e nei negozi convenzionati.
“Una delle caratteristiche più belle di Cosmopoli, infatti, - continua Del Mastro - è il suo essere uno strumento di marketing territoriale dal forte senso comunitario: ciò che viene proposto al turista è un tour tematico che comprende realtà differenti, che vengono, sì, promosse individualmente, ma anche in modo congiunto e unitario come parte di un unico racconto.”
Le realtà territoriali che volessero avere un’occasione di visibilità in più e ritengono di offrire prodotti e servizi di interesse turistico e capaci di rappresentare la bellezza della città possono ancora inserirsi facendone richiesta scrivendo a cosmopoli.elba@gmail.com o contattando il comune di Portoferraio
Per informazioni:
Progetto CIEVP - Compétitivité et Innovation des Entreprises des Villes Portuaire
Comune di Portoferraio
0565937273
MARCIANA EVENTI ESTATE 2018
Messaggio 91182 del 20.07.2018, 11:11
MAURIZIO LASTRICO A PROCCHIO




Serata comica a Procchio con Maurizio Lastrico. Il 21 luglio alle ore 22 la programmazione del comune di Marciana prosegue nei Giardini di Procchio. Arriva direttamente da Zelig “quello che parla starano”, Maurizio Lastrico, con il suo spettacolo “Nel mezzo del casin di nostra vita”.

All'attività di attore teatrale, compatibilmente con i tempi delle tournèe degli spettacoli, Lastrico affianca quella di comico e cabarettista, esordendo sulle emittenti nazionali nel 2007, nella quarta stagione della trasmissione Camera cafè con il personaggio de “il catatonico”. E’ stato poi al cinema con “Sole a catinelle” di Checco Zalone. Nel 2017 lo abbiamo visto nel programma DiMartedì di Giovanni Floris su La7. Sempre nel 2017 è nel cast di “Tutto può succedere”. Nel 2018 è uno dei protagonisti dell’undicesima stagione di Don Matteo. “Nel mezzo del casin di nostra vita” che Maurizio Lastrico porta ai Giardini di Procchio sabato prossimo è uno show in endecasillabi danteschi sulla quotidianità. Attore, comico, autore e poeta, sul palco presenta il suo vissuto in un’atmosfera di energia e comicità teatrale con monologhi di attualità e sulle tragiche vicende umane. La serata è ad ingresso libero.
Luigi Lanera Fdi AN
Messaggio 91181 del 20.07.2018, 10:48
Il mio richiamo , costruttivo, all operato dell amministrazione di Portoferraio sul problema concessioni balneari ha prodotto il primo risultato . Alle Ghiaie è stata corretta L area in concessione che per vari motivi non rispettava il “ buon senso “ . Attendiamo ora che la stessa cosa venga fatta a Scaglieri dove anche lì si evidenzia un problema . Per la Biodola ....... non ho parole . No alle nuove concessioni , si ai punti blu .

Luigi Lanera Elba Protagonista
CONFCOMMERCIO ELBA
Messaggio 91180 del 20.07.2018, 10:44
L’ESASPERAZIONE DI UN RISTORATORE DEL CENTRO STORICO DI PORTOFERRAIO.



In nome e per conto del nostro associato Stefano Tavolario, titolare del Ristorante “Da Zucchetta” sito in Piazza Cavour a Portoferraio, rappresentiamo le gravi difficoltà che la sua attività sta soffrendo quotidianamente nell’attuale stagione estiva, a causa del traffico veicolare che transita ininterrottamente fino alle ore 20.00 davanti al suo locale.
A nulla sono valse le molteplici istanze fatte dall’imprenditore, e dalla nostra associazione, verso i rappresentanti dell’Amministrazione comunale e il Dirigente della Polizia municipale, affinché possa essere anticipata di mezz’ora la chiusura serale del parcheggio in Piazza della Repubblica, come avveniva anche lo scorso anno. Infatti, il posizionamento di una transenna alle ore 19.30, che convogliasse verso la piazza i veicoli in transito, invece che farli passare davanti al ristorante dalla strada sottostante, sarebbe già una buona risposta per consentire al locale di poter effettuare il primo turno serale.
“Così com’è combinata ora la situazione, io vedo che gli altri ristoranti si riempiono già di prima serata, mentre da noi i clienti si incominciano a sedere ai tavoli solo dopo le 20.00 – 20.30, e noi perdiamo tutto il primo turno – afferma Stefano Tavolario- con notevole perdita economica rispetto agli anni passati”.
Dispiace molto che non vengano tenute in debita considerazione le richieste di uno dei pochi ristoratori portoferraiesi aperti in centro tutto l’anno, con lo scopo di dare un servizio ai residenti che d’inverno giustamente si lamentano perché i locali sono quasi tutti chiusi.
“Se non mi risolvono in fretta questa faccenda, e io continuo a perdere incassi tutti i giorni in piena stagione –continua Tavolario- vorrà dire che quest’inverno starò chiuso anch’io, in quanto sarò costretto ad andarmi a fare una stagione in montagna per sopperire alle perdite cui sto andando incontro.”
In questo contesto, non possiamo che essere solidali con il nostro associato, ed esprimere ragionevoli perplessità su scelte politiche che non vanno certo verso lo sviluppo del centro storico, e meno ancora dimostrano di avere un occhio di riguardo per chi garantisce alla città un servizio di ristorazione tutto l’anno.


CONFCOMMERCIO ELBA
La Presidente Franca Rosso
A.S.A.:si ricomincia a piangere per fare il DISSALATORE inutile
Messaggio 91179 del 20.07.2018, 09:27
Acqua: falde elbane più basse del 2017 tuttavia per A.S.A. "ce la si può fare"
Scritto da CR Giovedì, 19 Luglio 2018 17:33

Questa, in sintesi, la fotografia della situazione idrica all' Elba sviluppata dai tecnici di ASA, i dirigenti Mirco Brilli ( Reti e impianti idrici) e Michele del Corso ( reti fognarie e depurazione) e dal Presidente Andrea Guerrini nell' apposita conferenza stampa presso gli uffici di Portoferraio.
E' successo a Nisporto e non a Nisportino
Messaggio 91178 del 20.07.2018, 09:23
Provenienza: Uno di Nisportino
Colto da malore mentre nuota a Nisportino
...E' mai possibile che di Nisportino ci si ricorda solo quando ci sono da scrivere o riportare NOTIZIE(per giunta errate) NEGATIVE?
Saluti dallo Scoglione
Tutto il resto sono sono chiacchere.....
Messaggio 91177 del 20.07.2018, 08:50
Traghetti, la protesta dei cicloturisti bici sul traghetto

La lettera di alcuni lettori:
"Costi assurdi per venire all'Elba in bici, ed in cambio sulle navi posti non idonei e senza nessun supporto".

In più il calo delle presenze turistiche nel primo semestre 2018.
Cari SINDACI, Partiti ,Mivimenti, Associazioni varie UNITI possiamo vincere la battaglia contro i DISSERVIZI e CARO PREZZI dei trasporti marittimi, della Spazzatura, dell'Acqua etc.......DIVERSAMENTE...solo lacrime di coccodrillo...
W L'ELBA
Pasquale Scopece
Messaggio 91176 del 20.07.2018, 08:15
Provenienza: Portoferraio
Pasco Scopas

Per chiunque, la mia idea potrebbe essere valutata come una stronzata ma, in prossimo futuro sarà la migliore.
Gli animali domestici potrebbero essere registrati in anagrafe familiare obbligatoriamente tramite un decreto indicato INAIL (con il sistema sanitario americano) nel settore domestico con una tassa assicurativa annuale. Così facendo, in caso di danni procurati dall'animale verso terzi e alla salute dello stesso animale associando un numero verde si denuncerebbe il sinistro. Inoltre si potrebbe sviluppare anche un regolamento punibile con il C.C. e C.P. in caso di trasgressione a competenza dei Carabinieri Forestali verso coloro che commettono reati cagionando lesioni e INAIL come rivalsa chiederebbe i danni.
franco
Messaggio 91175 del 20.07.2018, 07:34
Provenienza: rm
x mare addio avrei voluto scriverle io quelle parole, ha espresso con chiarezza e con parole uscite dal cuore quello che proviamo noi gente comune sia turisti sia portoferraiesi sia proprietari di seconde case, grazie di cuore
mare addio Scrivi a mare addio
Messaggio 91174 del 19.07.2018, 20:54
Provenienza: portoferraio
C'è una sola parola da usare a proposito delle concessioni balneari approvate dal Comune di Portoferraio:vergogna.
I nostri amministratori dovrebbero ricordare che la prima tutela nell'amministrazione di un comune deve essere rivolta ai cittadini che ne fanno parte e che contribuiscono al mantenimento dello stesso pagando le imposte dovute.
Troppo facile nascondersi dietro la necessità di offrire servizi in più ai turisti.
Non penso che chi ha visitato negli anni la nostra isola ,si sia mai lamentato per la mancanza di stabilimenti balneari a pagamento,per la mancanza di servizi standardizzati,ma penso che abbia apprezzato la bellezza dei luoghi,le spiagge piccole e nascoste e quasi incontaminate, le spiagge più grandi con servizi a pagamento,la possibilità di piantare un ombrellone sul bagnoasciuga, senza dover fare attenzione a paletti o corde.
Questo erano le nostre spiagge:luoghi in cui il turista si mischiava alla gente del posto,usufruendo insieme delle bellezze che la nostra isola ci concedeva.
Ora il turista o paga o si mischia ancora alla gente del posto nei ritagli di spiaggia libera, ammassati come sardine, asciugamani uno attaccato all'altro. ...tutti a guardare quella meravigliosa striscia di bagnoasciuga in cui nessuno può più piantare liberamente un ombrellone.
Mi chiedo in quali spiagge si ristorino i nostri amministratori....li vedremo comodamente distesi sotto gli ombrelloni delle spiagge a pagamento.
Quale tariffa verrà applicata??????
Sbalordito
Messaggio 91173 del 19.07.2018, 20:13
Provenienza: Cosmopoli
AMAMMA.
A che punto siamo arrivati.
Uno dice di essere un politico che si impegna per il bene comune. Non ha in gioco interessi personali.
L’altro afferma di essere un imprenditore ch non ha bisogno della politica.
Nessuno dei due ha mai avuto bisogno di concessioni demaniali per stabilimenti balneari a Capoliveri o occupazioni demaniali prossime al mare o a giardini.

Almeno un po’ di buongusto. Non abbiate la pretesa di insegnare agli altri come vivere ed operare. Sia in quello che ci rimane della politica che in quello che ci rimane dell’impresa.

Diceva un anziano saggio e illuminato: “Vedete quanti in questa piazza si agitano ed urlano per attirare l’attenzione; ebbene fra cent’anni non ce ne sarà più nemmeno uno compreso io che parlo e voi che mi ascoltate”
VOUCHER...
Messaggio 91172 del 19.07.2018, 20:10
Provenienza: CAPOLIVERI (PAOLINO L'ARROTINO)
Se i voucher sono utili, non sarebbe sbagliato pagare con gli stessi i parlamentari quando sono presenti in parlamento, mentre quando non ci sono, niente di nulla come accade per i lavoratori occasionali.
Sarebbe un bell'esempio per fare capire che i voucher sono "belli" e un toccasana per le aziende, oltre che per gli italiani che pagano le tasse.

Paolino l'arrotino-
STEFANO MARTINENGHI Scrivi a STEFANO MARTINENGHI
Messaggio 91171 del 19.07.2018, 20:03
Provenienza: FETOVAIA
Non entro nel merito delle polemiche per le nuove concessioni demaniali "ferajesi", che però offrono lo spunto per alcune considerazioni di carattere generale. Chiunque si occupi di turismo con qualche cognizione sa che questo si alimenta di servizi. All'Elba più servizi si offrono a contorno delle sue bellezze, più turisti vengono, più girano soldi per tutti, in una catena virtuosa che parte dall'imprenditore che li incassa e li redistribuisce sotto forma di stipendi, investimenti, e tasse, che migliorano i servizi pubblici e il benessere dei cittadini e fanno diminuire la disoccupazione. Se una località turistica come la nostra non offre quanto ci chiedono i turisti oggi - spiagge e mare puliti, ombrelloni e lettini con bagnini per godersi il mare senza pensieri, ampia offerta di posti di ristoro, parcheggi custoditi, residenze di livello adeguato, porti accoglienti e sicuri, piscine per immergersi con i bimbi con il maltempo o fuori stagione - semplicemente il turista va altrove. Il turismo all'Elba è partito dalle spiagge negli anni '60/'70 per iniziativa di alcune famiglie di "pionieri" che hanno anticipato i tempi e offerto per primi quei servizi che hanno alimentato la crescita turistica e il benessere generale. La nostra famiglia è una di queste, dal momento che mio padre Italo impiantò a Fetovaia il primo stabilimento balneare autorizzato dell'Elba nel 1961 (i Bagni Barbatoja), che continuiamo a gestire. Perciò mi ha sempre colpito il fatto che proprio a Portoferraio, il capoluogo con spiagge e mare fra i più belli in assoluto, non sia accaduto lo stesso (Biodola esclusa). Per cinquant'anni. Solo in questi ultimissimi anni le spiagge sono state dotate di concessione balneari, parcheggi e punti di ristoro idonei a soddisfare le esigenze dei turisti e questo non può che fare bene a tutti. Poi, ben vengano le critiche e le polemiche (purchè non preconcette e ideologiche) che sono il sale della democrazia e spesso "aiutano" gli amministratori a fare meglio il loro mestiere, nel loro stesso interesse.

Stefano Martinenghi
franco
Messaggio 91170 del 19.07.2018, 19:03
Provenienza: rm
sig. Cioni leggo dai vari interventi che lei è un imprenditore di successo, io ho espresso un mio pensiero da utilizzatore di certi servizi, non essendo di portoferraio e quindi non votando il mio parere conta 0.
MARCIANA EVENTI ESTATE 2018
Messaggio 91169 del 19.07.2018, 18:06


A POMONTE SERATA CON ALBERTO FARINA


Prosegue con lo spettacolo comico di Alberto Farina la programmazione estiva del comune di Marciana. L’appuntamento è venerdì 20 luglio alle ore 22 a Pomonte, in Piazza degli Oleandri.

Non riconoscere Alberto Farina è impossibile. Capello arruffato, camicia a fiori e baffi arriva da Colorado dove lo abbiamo conosciuto con il suo tormentone “Aspetto che me faccia effetto la marjiuana”. Farina lavora a Torino con il comico Beppe Braida inoltre frequenta lo Zelig Lab di Roma sua città di origine. La sua comicità è surreale e tagliente con monologhi che racchiudono esperienze di vita e di infanzia molto particolari. La sua dote principale è sicuramente la semplicità con cui riesce a far ridere, grazie anche al suo aspetto che ricorda i ragazzi di periferia degli anni '70. La serata in piazza a Pomonte è ad ingresso gratuito
MANDALA ALL'ISOLA D'ELBA
Messaggio 91168 del 19.07.2018, 17:57
Provenienza: Capoliveri
ARRIVANO ALL’ELBA I MONACI BUDDISTI TIBETANI DEL JADREL KHANGTSEN DEL MONASTERO INDIANO DI SERA JE


Creeranno davanti agli occhi del pubblico il Mandala di sabbia colorata
del “Buddha della Medicina”
CAPOLIVERI, 19 Luglio 2018
Dal 22 al 29 Luglio gli abitanti dell’Elba avranno l'opportunità di partecipare a un evento insolito e affascinante. Invitato dall’Istituto Studi di Buddhismo Tibetano Ghe Pel Ling, arriverà, infatti, nella nostra isola un gruppo di monaci buddisti tibetani provenienti dal monastero indiano di Sera Je che, all'interno dello spazio comunale in Piazza Matteotti a Capoliveri, si esibiranno nella creazione di un mandala di sabbia davanti agli occhi dei passanti.
Sarà possibile vedere i monaci all’opera al mattino dalle 10,00 alle 12,00 e in serata dalle 18,00 alle 22,00.
"Il mandala rappresenta una delle espressioni più originali e raffinate della tradizione culturale e artistica del Buddismo tibetano, - spiega Giovanna Giorgetti, presidente del Ghe Pel Ling. – Con grandissima precisione e infinita pazienza, milioni di granelli di sabbia colorata vengono disposti attraverso sottili tubicini dai monaci che, per realizzare la composizione, lavorano senza sosta per più giorni di seguito. Avere l’opportunità di assistere alla sua creazione è un'occasione unica e un’esperienza indimenticabile.” Il risultato del lungo e meticoloso lavoro è una composizione minuziosa, che comprende figure geometriche e immagini miniaturizzate di divinità e antichi simboli spirituali. Prima di inserire la sabbia i monaci disegnano sulla superficie la trama della composizione.
“Il mandala è la rappresentazione bidimensionale di un universo simbolico generalmente collegato alla meditazione su una specifica manifestazione di Buddha, - spiega ancora Giorgetti. – In questo caso i monaci del Jadrel Khangtsen ci proporranno quello del ‘Buddha della Medicina’. Di colore blu intenso, è particolarmente venerato in Tibet in quanto, grazie alla sua infinita compassione, favorisce la guarigione e l'integrità morale e fisica.” Il suo culto è considerato molto potente, capace di purificare vere e proprie “malattie” del karma, come l’odio e l’attaccamento. La recita del suo mantra, dunque, non solo è di ottimo auspicio contro i mali fisici, ma è di grande beneficio anche a livello spirituale”.
I mandala vengono creati allo scopo di portare pace e armonia nel luogo dove vengono costruiti e di stimolare consapevolezza e benessere interiore in chiunque li osservi.
I monaci lavoreranno alla composizione per sette giorni di seguito e all’ottavo giorno, quando il mandala sarà completo, verrà distrutto dai suoi stessi autori, per ricordare a noi tutti la natura transitoria della realtà e della nostra stessa vita. Un momento, quello della distruzione, molto emozionante e denso di significato.
L'iniziativa è organizzata dal Ghe Pel Ling con il sostegno del Comune di Capoliveri (Isola d’Elba) con lo scopo di raccogliere fondi per aiutare il sostentamento del Monastero che continua ad accogliere nuovi monaci provenienti dal Tibet e dalle regioni Himalayane.
I monaci di Sera Je
Sera Je è una delle più antiche e importanti università monastiche del Buddismo tibetano. Fondata nel 1419 a Lhasa, la capitale del Tibet, è stata parzialmente distrutta dai Cinesi che hanno invaso il Paese negli anni Cinquanta. È stata quindi ricostruita dai Tibetani in esilio nel Sud dell’India e oggi ospita più di tremila monaci impegnati a mantener viva la millenaria tradizione culturale e spirituale del buddismo tibetano. L’organizzazione interna del monastero prevede la suddivisione dei monaci in diversi gruppi secondo la provenienza geografica nell’area tibetana, i monaci del Jadrel Khangtsen sono un gruppo di circa settecento monaci provenienti dalla zona del Kam del Tibet.


Istituto di Studi di Buddhismo Tibetano Ghe Pel Ling
L’Istituto di Studi di Buddhismo Tibetano Ghe Pel Ling è un’associazione religiosa senza fini di lucro che dal 1978 promuove lo studio e la pratica del Buddhismo di tradizione Mahayana nell’area di Milano.
La sede dell’Istituto, situata ai margini della città, nel quartiere Villa San Giovanni, è stata inaugurata nel 1989 da Sua Santità il XIV Dalai Lama Tenzin Gyatso. Qui, nella grande sala del gompa (tempio), il maestro incontra gli allievi e tutti coloro che sono alla ricerca di una profonda e sincera trasformazione interiore. I suoi insegnamenti, in armonia con il pensiero e la filosofia buddista, indicano il sentiero che può portare alla felicità interiore. I seminari, i corsi continuativi con cadenza settimanale, le conferenze i ritiri di meditazione e le cerimonie che caratterizzano la tradizione del Buddismo Mahayana si tengono tutto l’anno secondo un calendario semestrale e sono aperti a tutti. Chiunque può partecipare, in accordo alle proprie esigenze e disponibilità. Il programma completo degli insegnamenti e delle iniziative è disponibile sul sito ghepelling.com
La guida spirituale del Ghe Pel Ling è Lama Thamthog Rinpoche, che ha diretto in prima persona l’Istituto per oltre ventisette anni e attualmente vive in India, a Dharamshala, chiamato dal Dalai Lama a svolgere il ruolo di Abate del suo monastero personale, monastero di Namgyal. Thamthog Rinpoche continua a dare i suoi insegnamenti al Ghe Pel Ling più volte all’anno.
CINEMA TEATRO FLAMINGO
Messaggio 91167 del 19.07.2018, 17:52
Provenienza: Capoliveri
MARIO LANERA
Messaggio 91166 del 19.07.2018, 17:25
Provenienza: IN GIRO PER SPIAGGE

Caro Enrico,mi permetto questo tono confidenziale,perché' ci conosciamo e stimiamo da troppi anni.
Non devi arrabbiarti per delle osservazioni fatte da Luigi contro l'Amministrazione Portoferraiese.
Sai meglio di me che revocare una concessione e' impossibile e Tu da imprenditore ( e sei tra i primi posti come importanza) hai fatto il Tuo mestiere chiedere una concessione di spiaggia e mettere a frutto l'investimento.
Il problema e' l'amministrazione che rilascia la concessione che dovrebbe mettere dei vincoli a tutela dei cittadini,come veniva fatto prima dalle Capitanerie.
Nel rilascio dell'atto concessori basta aggiungere...purche' le tariffe per i residenti non superino euro xx a ombrello +2 sdraio,che vengano lasciati accessi al pubblico uso all'interno della concessione e altre elementari tutele e per finire obbligo di decadenza se non si osservano gli obblighi e i metri da occupare.
Come vedi Enrico la colpa non e' del Concessionario ma e' dell'Amministrazione che rilascia pensando di guadagnare voti ma secondo me ne perde di più'.Per finire,sai meglio di me che per accontentare uno o due hanno sbracato e lo dimostra il fatto che cosi facendo non ha reclamato nessuno di quelli che hanno chiesto le concessioni ( le hanno avuti tutti) quindi nessun ricorso.Ad onor del vero sembra che la Tua Concessione era stata posizionata male e Marini in testa sono venuti ad aggiustare il posizionamento senza neanche fare un verbale per occupazione abusiva. Quindi perché' tanto astio??? Fossi in Te ai Portoferraiesi darei ombrellone gratis...e so che lo farai.Con stima e un abbraccio
Ombrelloni
Messaggio 91165 del 19.07.2018, 16:45
Provenienza: Ghiaie
Premettendo che è auspicabile che le concessioni a Le Ghiaie siano contenute in tre file, manifesto delle perplessità in relazione al fatto che La Nera si occupi solo di porti, di concessioni, di demanio, di darsena e cantierino. Non riesco neanche a capire le accuse che rivolge al Sig. Cioni: perché questo si dovrebbe occupare di sanità o di altri problemi di Portoferraio.... non mi risulta che Cioni sia un politico. Insomma un pò di confusione La Nera la fa sempre in questo senso...... tende sempre a ricordare che è un imprenditore....... però fa il politico... e che è un bravo politico perché é un imprenditore..... diciamo che fa volentieri il politico negli interessi di cui è imprenditore..... ! Concludo anche ricordando che l'anno passato gli ombrelloni di un solo punto blu delle Ghiaie arrivavano a ben 70 ... uno accanto all'altro .... oltre agli altri punti blu e alla concessione...... forse è stato meglio definire questi Punti Blu e contenerli a 30 ombrelloni. Non potrà mai essere come l'anno passato........ se così non fosse chi ha voluto trasformarsi in concessione non si lamenterebbe tanto!
Luigi Lanera Fdi AN
Messaggio 91164 del 19.07.2018, 15:47
DIRITTO DI REPLICA





Egr Sig Cioni Le faccio notare che fare politica per il proprio territorio spesso vuol dire non fare i propri interessi . Io ,Diversamente da lei , da imprenditore di un certo tipo non bado solo ai miei interessi senza neanche preoccuparmi di cosa i miei concittadini debbano subire ,ma mi pongo sempre delle domande prima di fare qualche iniziativa .Non ho mai letto un suo intervento sui problemi che affliggono L Elba , mai una presa di posizione chiara a favore dei cittadini Elbani , sulla sanità ad esempio e anche sul problema dei costi dei trasporti marittimi sui quali lei percepisce percentuali ..... come agenzia di prenotazioni ,quindi non parli di politica con me perché non ne ha titolo . Premesso ciò , se lei avesse letto i miei interventi capendoli ......., si sarebbe accorto che la mia critica alla sua “ amata “ amministrazione era finalizzata ad evidenziare una erronea valutazione sulla necessità di rilasciare nuove concessioni su spiagge già abbondantemente servite da tali strutture . Nel caso specifico delle Ghiaie , da politico e non da chi se ne frega del prossimo, ho ritenuto mortificante per i cittadini Portoferraiesi vedersi privare di un bene pubblico da sempre a disposizione dei nostri concittadini e mi continuerò a battere affinché questa spiaggia rimanga il più possibile libera . In riferimento poi alle sue allusioni ...... ha commesso un altro errore , ma capisco il suo risentimento da puro imprenditore che ha come obbiettivo solo L interesse. In conclusione ribadisco che sono favorevole ai punti blu che danno un servizio di vigilanza ai bagnanti ed occupano la spiaggia libera solo in funzione di una reale richiesta da parte dell utenza . Sig Cioni le cose spesso vanno fatte con intelligenza e rispetto verso gli altri .......sempre. Con simpatia la saluto

Luigi Lanera

Ps . Sono sicuro che non avrò il suo voto
per il sig. Franco
Messaggio 91163 del 19.07.2018, 14:42
Provenienza: Enrico cioni
Salve Sig Franco, ho lasciato la mia mail per chi volesse intervenire o replicare. Siccome mi piace sapere con chi parlo, lei mi scriva e riceverà cortese risposta. Saluti
TARI
Messaggio 91162 del 19.07.2018, 13:47
Provenienza: proprietario di seconda casa
La normativa stabilisce che la TARI debba essere calcolata sulla base della reale produzione di rifiuti. Chi produce più rifiuti paga una TARI più alta. Quindi se pare equo che il proprietario di seconda casa debba pagare l'IMU più alta rispetto alla prima casa, è alquanto iniquo, oltre che non rispettoso della normativa, far pagare la TARI doppia allo stesso contribuente. Se sono a Milano produco rifiuti a Milano, quando sono all'Elba produco rifiuti all'Elba. I miei rifiuti non sono doppi. Trascorrendo all'Elba un numero complessivo di 35/40 giorni l'anno, secondo la normativa la mia TARI dovrebbe essere calcolata a Milano su 325/330 giorni l'anno e calcolata all'Elba per i 35/40 giorni che trascorro qui. Attualmente io e qualsiasi altro proprietario di seconda casa paghiamo la TARI doppia. Senza tenere di conto che dei 35/40 giorni, almeno la metà mangio al ristorante e che il ristoratore paga la TARI anche per me. Quindi per alcuni giorni dell'anno la pago 3 volte.
franco
Messaggio 91161 del 19.07.2018, 13:43
Provenienza: rm
Sig. Cioni non ho il piacere di conoscerla ma entro nel merito della querelle con il sig. La Nera vedendola dalla parte del turista amante dell'elba e del proprietario di prima casa ma non residente con tute le conseguenze che lei può facilmente intuire. Leggendo il suo intervento mi sembra chiaro che Lei sia un imprenditore che esprime certe opinioni, le dirò la mia capendo che il problema nasce dall'ultima concessione data alle ghiaie, le ghiaie avevano già 3 concessioni che mi sembravano sufficienti più 2 punti per il noleggio di ombrelloni e sdrai, perchè il comune ha dato questa concessione e da quanto si dice in giro presto ce ne saranno altre 2 (voce di popolo che io non sono in grado di verificare). un turista se vuole affittare per una settimana l'ombrellone e lo sdraio paga minimo 140 euro a salire sommato ai prezzi dei traghetti tasse di sbarco e forse tasse d'imbarco è un'ulteriore costo. secondo il mio modestissimo parere il comune ha mancato anche di sensibilità nel dare queste concessioni e non mi riferisco ovviamente solo a quella delle ghiaie ma ci metto dentro anche occupazione di marciapiedi e strade da parte di tavolini. le ghiaie per antonomasia è sempore stata , così mi dicono la spiaggia dei portoferraiesi togliere loro questa possibilità mi pare un'azione non giusta. chiudo dicendo che l'elba è anche meravigliosa perchè offre ai turisti la possibilità di vedere tante spiaggie senza spendere decine di euro, capisco però la divergenza di opinioni tra me persona normale che ragiona da turista e l'imprenditore che ha altre visioni grazie per l'eventuale attenzione
Elbaverde Scrivi a Elbaverde
Messaggio 91160 del 19.07.2018, 13:26
Provenienza: Portoferraio
Gian Carlo Amore, hai proprio ragione. Gli spazi verdi di Portoferraio sono tutti secchi e desertici per non parlare di come sono ridotti quelli gestiti dall'Associazione Albergatori. "La città è in fiore" hanno scritto, una presa in giro e basta chissà che hanno fatto con i soldi degli sponsor. A me sembra che gli unici due punti di verde in città siano quelli di Napoleon e di Rotary, meglio l'erba sintetica che il deserto da te descritto visto che acqua non ce n'è e tra poco capace ce la razionano di nuovo. Se si va verso l'Enfola c'è da spaventarsi...
Per sig. Luigi Lanera
Messaggio 91159 del 19.07.2018, 12:37
Provenienza: Enrico Cioni
REVOCHIAMO LANERA REVOCHIAMO ....



Molto bene Sig. Lanera, concordo pienamente con lei che bisogna revocare subito tutte le concessioni rilasciate.
Badi che quando dico tutte intendo proprio tutte, anche quelle precedenti, e non solo a Portoferraio ma in tutta l’Elba. Ora basta! Questi elbani devono farla finita con queste concessioni e lei nella qualità di ….. ( non so cosa sia) di Fratelli d’ Italia fa bene ad alzarsi allo spuntar del sole a fare foto per sostenere questa giusta causa.
Pensi che ci sono concessioni di centinaia e forse anche migliaia di mq e pensi che c’è anche chi ha più di una concessione! Altro che 210 mq! E poi basta anche con questi turisti che pretendono gli stessi servizi che trovano da altre parti. Che vadano pure altrove! Bisogna azzerare tutto e ripartire seguendo nuovi criteri e suggerimenti che lei sicuramente saprà dare. Ovviamente anche lei sarà d’accordo che occorre azzerare tutte quelle concessioni che a vario titolo sfruttano il pubblico demanio, compresi i numerosi campi boe.
Vede sig. Lanera, se posso permettermi, le consiglio di impostare meglio la sua prematura campagna elettorale. Per mia modesta opinione i suoi interventi più che farle acquisire consensi, le sono deleteri.
Le posso suggerire di scegliere meglio gli argomenti da trattare, e se ciò le risultasse difficile, potrebbe venirle utile ridurre i suoi interventi fin quasi ad azzerarli, confidando molto sul fatto che con il tempo la gente tende a dimenticare anche le ………


Enrico Cioni

Tel. 3358032344 - mail. enricocioni.riservata@gmail.com
TARI seconde case
Messaggio 91158 del 19.07.2018, 10:41
La TARI x le seconde case è una autentica truffa , una rapina basata su niente perchè se uno non produce rifiuti non si capisce perchè si deve pagare lo stesso, insomma come pagare luce e telefono se non si usano ma i comuni d'accordo con lo stato infame ci sguazzano dentro
Museo del Mare 19 - 20 luglio 2018
Messaggio 91157 del 19.07.2018, 10:32
Provenienza: Capoliveri
Elbano per 20 giorni
Messaggio 91156 del 19.07.2018, 09:49
Provenienza: Pistoia
Leggo, sulla stampa online di questi giorni, della possibilità di richiedere la riduzione del 30% per la TARI delle utenze non stabilmente attive. Era l'ora! Dico tra me e me dopo aver letto il titolo. La delusione non tarda ad arrivare, quando, leggendo il testo, scopro che è riservata agli alberghi ed alle attività di somministrazione. Ed i proprietari di seconda casa che soggiornano all'Elba 20 giorni all'anno devono continuare a pagare la TARI piena?
X Affittappartamenti con Partita Iva
Messaggio 91155 del 19.07.2018, 08:50
Provenienza: Elba Toscana
Basterebbe che in Toscana, come in Emilia Romagna dal 2004, tutti quelli che affittano, anche una sola camera o appartamento, abbiano la partita iva o affittino tramite agenzia, allora sai che pacchia, quanti soldi da sprecare per i comuni elbani e toscani con la tassa di soggiorno.
Ma non penso che siano d'accordo i ricchi proprietari immobiliari elbani e toscani, e i loro santi in paradiso, nemmeno di pagare l'IMU come ditta con la rendita catastale a valore di mercato.
Poldino
Messaggio 91154 del 19.07.2018, 07:42
Per uno di campo:
Preciso che non volevo criticare il Sindaco di Campo che mi pare stia ben lavorando, era solo per spronarlo a far intervenire i vigili rimarcando che il cittadino nota queste schifezze e giudica negativamente il decoro urbano. Volevo accentuare l’attenzione su questi scempi e, visto che Lui è professionalmente portato a curare l’aspetto estetico del territorio, era mia intenzione rimarcarlo. Fra l’altro ho visto che anche l’erba a bordo strada viene tagliata frequentemente rispetto a prima.
Anche la rotonda della serra é stata finalmente “piantumata e irrigata”
quindi WIwa e forza Davide ti ho votato e se continui così ti rivoto!
Per spiaggia libera
Messaggio 91153 del 19.07.2018, 07:28
E dicci, tu quale concessione gestisci?
x spiagge
Messaggio 91152 del 19.07.2018, 06:33
Provenienza: portoferraio
Non capisco le lamentele dei concittadini riguardo le concessioni,aprite bocca e scrivete a vanvera.
Se veramente interessati andate da ogni mini concessione data e chiedete al gestore quanti ombrelloni e lettini usava prima e quanti ne ha adesso nello spazio a loro assegnato.
Adesso viene impiegata anche la meta' dell'attrezzatura e ovviamente occuperanno meta' dello spazio che occupavano prima e per di piu' limitato.
ll comune a fatto un buon lavoro con le concessioni per dare un servizio, 2 sono gli errori a mio avviso
1,la planimetria delle concessioni andrebbe rivisto non tanto per la quantita' dei metri quadri ma il loro posizionamento

2 Il materiale scelto in molti casi vecchio e colori assurdi che non si integrano con l'ambiente che li circonda

Questi aggiustamenti potrebbero essere imposti per il prossimo anno anche in virtu' a segnalazioni COSTRUTTIVE che possono essere raccolte anche tramite questo blog
per spiagge libere
Messaggio 91151 del 19.07.2018, 00:32
Provenienza: portoferraio
Favorevole alle concessioni!!!
solo dove agisce il privato possiamo assistere a controllo e assistenza dei bagnanti,pulizia delle spiagge e disponibilita' al primo soccorso.
spiagge come prunini, sottobomba capo bianco e sansone se non ci fosse il privato sarebbero spiagge abbandonate e non libere
sapete quante persone hanno salvato i bagnini della biodola quando e' maestrale?
Sapete chi ha dato l'allarme e soccorso agli incidenti avvenuti a sansone?
Chi pulisce le spiagge di sottobomba e capo bianco?
e la gestione dell'enfola?
Tutte attivita' gestite da ragazzi di portoferraio che danno lavoro a ragazzi di portoferraio
vi limitate a puntare il dito contro i vostri concittadini che lavorano e curano il territorio anche per chi utilizza la spiaggia libera
Grazie amministrazione comunale per il servizio spiagge e per aver creato lavoro visto che ci saranno circa 40/50 ragazzi PORTOFERRAIESI impiegati nelle concessioni.
Francisco
Messaggio 91150 del 19.07.2018, 00:24
Provenienza: Filetto
Concordo pienamente quello che ha detto poldino anzi voglio aggiungere che lo schifo maggiore dei manifesti pubblicitari viene fatto dalle associazioni locali, culturali, sportive e ricreative di sanPiero, seccheto, sant’Ilario, Pomonte e Chiessi per pubblicare le loro attività, principalmente gastronomiche, ed in più lasciano quegli orribili nastri di scotch che rimangono in eterno.
Per quanto riguarda i Vigili non è vero che sono solo quattro perché fanno parte della associata con Marciana la cui comandante é molto attenta.... ma forse lo ritiene un problema di secondaria importanza.....
uno di campo
Messaggio 91149 del 18.07.2018, 22:40
Provenienza: campo
X POLDINO
Hai ragione,non si debbono fare certe cose,ma guarda che non sono ragazzini,sono alcuni che fanno parte della organizzazione delle varie Feste.
Cosa centra il Sindaco Architetto?
Invece di ringraziarlo che è stato il primo in tutta la storia amministrativa di Campo ad installarle,lo critichi anche?
Se il Comune ha poche guardie non è certo colpa del Sindaco Architetto che ha già disdetto la convenzione con il Comune di Marciana.
Si le guardie ad oggi mancano,ma più che altro manca l'educazione di tanta gente !!!
Buona notte.
spiaggia LE GHIAIE
Messaggio 91148 del 18.07.2018, 21:58
Provenienza: portoferraio
UNA VERGOGNA...forse a noi Portoferrajesi non ci resta che andare a fare il bagno la notte, tanto ci sono i lampioni.
GianCarlo Amore
Messaggio 91147 del 18.07.2018, 20:59

A MALI ESTREMI...ESTREMI RIMEDI

La foto illustra un lembo di deserto nell’ Arizona. Ma non è proprio così, il lembo arido c’è e si vede ma, è quello della Portoferraio desertica. Siamo in piena stagione e queste deturpazioni morali non dovrebbero esistere, come le tante promesse che ho sentito esternate alcuni anni fa. Che fare???

Per indennizzare i danni recati a Tuttala Cittadinanza e salvare il salvabile, propongo, dietro consiglio di un giardiniere professionista, un progettino che ha come base il Volontariato. Se può esservi di aiuto sapete dove trovarmi. Ricordo che fare qualcosa per il Paese specie per Voi, è anche un dovere.

Giancarlo Amore
Poldino
Messaggio 91146 del 18.07.2018, 20:49
Provenienza: La Pila alta
A Marina di Campo, Sono appena state installate le nuove pensiline per l’attesa dei bus e sono già infestate da manifesti e locandine, ma non vi vergognate....
Altre pubblicità sono affisse da per tutto anche sui cartelli stradali..ma quei quattro vigili rimasti le vedono queste schifezze e se si perché non le sanzionano e le fanno rimuovere? Ed il Sindaco che fra l’altro é anche architetto non vede questi scempi che compromettono il decoro e la sicurezza, perché non fa applicare i regolanti comunali e del codice della strada?
pino
Messaggio 91145 del 18.07.2018, 20:27
Provenienza: pf
in una spiaggia come le ghiaie c'erano già 3 concessioni se n'è aggiunta una quarta e forse non basterà, secondo me 3 erano già sufficenti, se nelle alltre spiagge c'è una sola concessione può essere regolare e si può capire ma non di più altrimenti diventa un'altra tassa e già ne abbiamo parecchie. il sig. La Nera dovrebbe farsi carico di portare la protesta dei cittadini in comune con referendum o cose del genere
Basta pagare che ci vuole Scrivi a Basta pagare che ci vuole
Messaggio 91144 del 18.07.2018, 20:02
Provenienza: sole a pagamento
È con immensa delusione che oggi ho guardato la spiaggia delle Ghiaie e lo scempio perpetrato dal nostro Comune.
Diciamo pure che i nostri amministratori, oltre al danno , hanno anche aggiunto la beffa: non solo hanno venduto la spiaggia dei portoferraiesi , a cui non rimarrà altro che prendere il sole dal muretto o pagare "solo" 25 euro per due lettini e un ombrellone, ma hanno anche dimostrato di essere in grado di ottimizzare gli spazi, riservando un grande spazio per la fruizione di pochi.
Quale potrebbe essere la soluzione???? Decurtare ľimporto pagato in estate dalla rata di saldo delľ IMU da versare a dicembre???
marinese
Messaggio 91143 del 18.07.2018, 19:54
Provenienza: la marina
Cari amministratori levate la prepotenza a chi crede che la spiaggia del bagno sia privata .Grazie.
Pro Loco di Marciana Marina
Messaggio 91142 del 18.07.2018, 19:37
UN’ALTRA ESTATE 2018



1a tappa Marciana Marina
Parte da Marciana Marina la quarta edizione di “Un’altra estate”, iniziativa della Regione Toscana realizzata con il supporto di Toscana Promozione Turistica e la collaborazione di Fondazione Sistema Toscana, Il Tirreno, Vetrina Toscana, FEISCT, con cui si intende valorizzare la destinazione turistica toscana e i prodotti enogastronomici locali lungo la costa.
La rassegna quest’anno si compone di 7 tappe e sarà ospitata in altrettante piazze dislocate in borghi lungo la costa toscana o nelle immediate vicinanze, valorizzando – in occasione dell’‘Anno del Cibo italiano’ voluto dal Ministero dei Beni culturali e Turismo e dal Ministero delle Politiche Agricole – piatti e prodotti della tradizione locale.La magia dei luoghi, la varietà dei sapori e la forza delle immagini, saranno quindi i veri protagonisti degli eventi che animeranno i giovedì di “Un'altra Estate” Il 19 luglio Marciana Marina avrà il piacere di tenere a battesimo il primo evento: alle ore 18 l’appuntamento è in Piazza della Vittoria (suggestiva piazza affacciata sul lungomare dalla quale è possibile ammirare la cinquecentesca torre degli Appiani, eretta per difendere il borgo dai continui attacchi pirateschi) per la partenza della visita guidata gratuita. Patrizia Lupi, Vice Presidente della Pro Loco, accompagnerà i visitatori alla scoperta del pittoresco Borgo del Cotone, un luogo dal fascino antico che ha conservato i tratti tipici del borgo di pescatori, incontrando gli abitanti insieme ad Alfio Teggi, storico personaggio della ristorazione locale.La visita, della durata di circa mezz’ora, lascerà poi spazio all’evento che a partire dalle ore 19 dopo i saluti istituzionali da parte di Alberto Peruzzini Direttore di Toscana Promozione Turistica, Luigi Vicinanza Direttore del quotidiano Il Tirreno e Gabriella Allori, Sindaco di Marciana Marina, vedrà Irene Arquint, giornalista esperta di enogastronomia, intervistare i produttori locali e conoscitori del territorio, offrendo spunti per vivere la Toscana attraverso sapori e caratteristiche locali. Cultura, natura e curiosità di un territorio in grado di offrire mille occasioni per itinerari di viaggio adatti a soddisfare le esigenze di molteplici tipologie di turismo. Al termine delle interviste e dei racconti, saranno offerti dei piccoli assaggi delle pietanze preparate per l’occasione.Sempre in occasione dell’Anno del Cibo, oltre ai produttori locali, saranno coinvolti e valorizzati anche i ristoratori, che in ogni tappa proporranno un piatto tipico del paese, che farà parte di un menù “Un’Altra Estate” e che ogni settimana accompagnerà le tappe dell’iniziativa.Insieme alle degustazioni sarà allestita anche un’area informazioni con materiale promozionale a disposizione per approfondimenti sul territorio circostante.Ad ogni tappa il Tirreno farà dono alle amministrazioni comunali ospitanti di una gigantografia appositamente realizzata per l’occasione con uno scorcio caratterizzante la località.
Apri bocca e dai fiato
Messaggio 91141 del 18.07.2018, 19:26
Provenienza: Scogli (nato)
Dice De Ferrari che all’Elba arrivano 9 (NOVE) milioni di turisti l’anno.
MAGARI!!!!! SAREMMO NABABBI
È troppo facile aprire bocca e dare fiato
BASTIANCITY
Messaggio 91140 del 18.07.2018, 18:53
Provenienza: Viaggiando & guardando
IL NUOVO PULMINO DEI BIMBI





La mi nonna avrebbe detto "Roba da Galera" questo è il pulmino che recentemente il comune ha comprato per il modesto prezzo di 20.000,00 euro e con oltre 500.000 Km.
Dalla Targa sembra nuovo perchè recentemente rimmatricolato, però a vederlo non sembra poi il top per il trasporto in sicurezza dei bambini.
Recentemente il Comune comprò un pulmino nuovissimo del valore di 35/40.000,00 Euro e dopo poco l'ha ceduto al comune di Marciana.
ASS. CULTURALE "LA GIOSTRA"
Messaggio 91139 del 18.07.2018, 18:42
Provenienza: Marina di Campo



"“STRAD'ARTE” è un festival di divulgazione culturale con lo scopo di valorizzare il territorio elbano.
Il progetto nasce dalla volontà di dare spazio, voce e visibilità ad artisti emergenti e non che esporranno le loro opere lungo le vie principali del paese di Marina di Campo, creando una galleria d’arte a cielo aperto.
Una grande occasione per allargare e qualificare il pubblico alla cultura, sperimentando nuovi modelli di condivisione e produzione.
Dall’ingresso di via Roma fino ad arrivare a Piazza da Verrazzano fotografi, pittori, scultori e attori allieteranno i passanti dando vita a un’esperienza che coinvolgerà grandi e bambini con attività culturali e ricreative.
L’obbiettivo finale è quello di promuovere nuove visioni della realtà permettendo alla cittadinanza ed ai turisti un avvicinamento all’arte in tutte le sue forme.
La cultura e l’arte devono tornare a far parte della vita di tutti giorni come pratica, messa in relazione con gli altri, espressione creativa, esercizio di un nuovo modo di apprendere e di sentirsi cittadini.
Vi aspettiamo a Marina di Campo dal 23 al 26 luglio 2018!"
ANNUNCIO VENDITA
Messaggio 91138 del 18.07.2018, 18:33
VENDESI per ristrutturazione casa, mobili, poltrone,tavoli, armadio e scrivania stile vecchia marina, cucina completa color noce legno massello completa di elettrodomestici

PREZZI INTERESSANTISSIMI!
333 2930680
ELBA SALUTE
Messaggio 91137 del 18.07.2018, 18:31
L'ASL DOVREBBE ALMENO CHIEDERE SCUSA.



Nel contempo dovrebbe organizzare dei corsi di umanità e rispetto per alcuni suoi dipendenti che per fortuna sono un numero ristrettissimo, però ci sono.
La Signora Amelia, alla venerabile età di 96 anni credeva di aver visto tutto ma non faceva i conti con chi svolge la propria professione di medico con limitata sensibilità e rispetto per le persone anziane con gravi problemi di salute e motorie.
Dopo un brutto risveglio con difficoltà alla vista e impedimento a comunicare con i figli la signora Amelia veniva trasportata al pronto soccorso con un ambulanza di Porto Azzurro. Dopo quasi 6 ore di mancate notizie della propria mamma, il medico che ha tenuto in osservazione Amelia li riceve suggerendo loro di chiamare una ambulanza per tornare a casa e di riportarla il mattino seguente (erano già le passate le 19) per una visita neurologica già fissata dal pronto soccorso poiché la signora Amelia aveva accusato una crisi epilettica. A nulla sono valse le preghiere dei figli di far ricoverare per una notte la propria mamma al fine di evitarle inutili e dolorosi strapazzi visto il precario stato di salute e la sua difficile deambulazione unita ad altri eventuali crisi epilettiche e visto che dopo qualche ora sarebbe dovuta ritornare, sempre in ambulanza, in ospedale per la visita neurologica ambulatoriale. Si manifestava una sofferenza estrema quindi cosa logica e umana era tenerla una notte in ospedale
Il medico con distacco e freddezza pur avendo davanti a sé una signora di 96 anni stremata dalla crisi epilettica e dalla permanenza di tante ore in pronto soccorso, ha risposto a tale richiesta che l'ospedale non era un albergo e quindi la famiglia doveva di organizzarsi di conseguenza. (ved. lettera della famiglia : http://www.elbareport.it/cronaca/item/31505-asl-serve-pi%C3%B9-attenzione-per-i-pazienti-anziani)
All'ASL chiediamo: "forse quello per l'Azienda era considerato un ricovero improprio?" La memoria in questo caso porterebbe portarci ad altre situazioni simili e forse meno urgenti.
L'ASL oltre a chiedere scusa per il poco rispetto e umanità dovrebbe spiegare alla famiglia e agli Elbani perché in questi casi di necessità evidenti, si neghi un ricovero per poche ore. Se fossero problemi logistici e di costi allora non si spiega come mai in questo continuo spostarsi della signora Amelia è sempre stata trasportata da una ambulanza di Porto Azzurro anche se abita a Portoferraio dove le ordinarie sono tante e sempre pronte al servizio.
L'ASL dovrebbe chiedere scusa anche per l'ulteriore strapazzo subìto sempre da Amelia che il giorno dopo la traumatica esperienza, ricordiamo che ha 96 anni, si è recata in barella all'appuntamento dal neurologo già prenotato da pronto soccorso trovando l'ambulatorio CHIUSO. Tornate domattina, si sono sentiti dire i figli, con un'altra richiesta per l'ambulanza.
TUTTO QUESTO OLTRE AD ESSERE DISUMANO E' ASSURDO.
Ci stupisce anche che la Politica delegata alla salute della cittadinanza taccia dando l'impressione che la cura ai cittadini, il modo e a chi erogarla sia solo una esclusiva dell'Azienda Sanitaria.
Dignità per gli anziani e qualità di assistenza e cura non ultimo il necessario rispetto con il quale prendersi cura di persone divenute in una fase della loro vita particolarmente fragili e bisognose di assistenza adeguata dal punto di vista medico.
La vecchiaia arriva all'improvviso senza ovviamente poterla scegliere; ad un certo punto ci si accorge di essere anziani. E' una realtà che scoppia come una malattia.

Comitato Elba Salute.
(Francesco Semeraro) anziano-4
Ass. Albergatori Elbani
Messaggio 91136 del 18.07.2018, 18:27
DISSERVIZI MARITTIMI AL CAVO INTERVIENE L'ASS. ALBERGATORI


Da settimane è stato sospeso il traghetto che fa scalo nel porto di Cavo e questo ha creato notevoli disagi per le strutture del luogo . Si sono rivolte all’Associazione albergatori ed è in veste di presidente di questa che intervengo per evidenziare questa importante mancanza da parte della compagnia di navigazione. Gli albergatori della frazione hanno pazientato per un po’ ma ora non ne possono più. Non si tratta di un guasto evidentemente, come all’inizio ci è stato spiegato, ma di qualcosa di più. Se una nave è in avaria il disagio si protrae per qualche giorno, poi il servizio in qualche modo viene ripristinato, non sospeso per settimane come sta avvenendo a Cavo. Altro fondamentale problema è che non vengono avvertiti di questa sospensione i clienti degli alberghi che avevano prenotato da tempo il passaggio in nave Piombino-Cavo. I turisti diretti a Cavo si sono visti dirottare sul porto di Portoferraio senza alcuna informazione e con tutte le problematiche che ci sono. Non solo, quando ho chiesto informazioni ad un consigliere del Cda di Toremar per sapere perché la nave non c’è e per intervenire sul problema, mi sono sentito rispondere che è stato istituito un servizio alternativo, su alcune corse, per sopperire alla mancanza del traghetto. Invece le cose non stanno così, come ho scoperto parlando con le biglietterie e come mi è stato confermato dagli operatori turistici di Cavo. Nessun traghetto attracca al molo del paese. Mi si dice ora che la nave tornerà in servizio domenica prossima ma in mezzo a questa pessima informazione non sappiamo più cosa pensare. Meglio essere onesti. Come presidente degli albergatori elbani credo che se la compagnia non ha le navi adeguate a svolgere il servizio o non se la sente di fare la tratta su Cavo debba dirlo. Credo che ci siano altre compagnie private che sono disposte a coprire la tratta. Chiediamo quindi alla compagnia di risolvere al più presto questo problema che si protrae dall’inizio di stagione e che ha creato non pochi problemi all’accessibilità a Cavo

Massimo De Ferrari
Presidente Associazione Albergatori Elbani
[ Pagina successiva]

visita
MUCCHIO-SELVAGGIO.....
ISOLA D'ELBA